...

Unità didattica n° 2

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Unità didattica n° 2
Unità didattica n° 2
Obiettivi annuali:
1.
Osservare, descrivere, confrontare, correlare elementi della realtà circostante :
distinguere piante e parti di esse cogliendone somiglianze e differenze
2.
Riconoscere le diversità dei viventi
3.
Osservare e interpretare le trasformazioni ambientali di tipo stagionale
4.
Operare classificazioni secondo criteri diversi
Conoscenze e abilità implicate dagli obiettivi
annuali
Osservare la varietà di foglie nelle piante familiari all’alunno.
Osservare e conoscere le trasformazioni dell’albero nelle stagioni.
Conoscere le parti nella struttura delle foglie
Conoscere le classificazioni più comuni delle foglie per tipo, margine e
nervatura
Raccogliere reperti e riferire con chiarezza su ciò che si è scoperto durante
l’esplorazione di un ambiente
Contenuti :
Varietà di forme nelle foglie: la struttura ed i cambiamenti legati alle stagioni
Tempi:
12 ore
A questo punto del percorso, dopo aver individuato i vari tipi di pianta, abbiamo
iniziato ad esaminarne alcune parti in modo più dettagliato a partire dalle foglie.
Raccolta delle foglie
Abbiamo chiesto ai bambini di portare a scuola alcune foglie possibilmente con il
nome della pianta a cui appartengono (altre foglie le avevamo conservate dopo
l’uscita in bosco). Abbiamo raccomandato ai bambini di raccogliere solo poche
foglie per ogni pianta senza strapparla o danneggiarla, questo per abituarli al rispetto
di ciò che ci circonda.
Abbiamo fatto attenzione a che fossero presenti foglie semplici, composte, con vari
tipi di margine e di nervatura ; in questo momento non abbiamo dato indicazioni
relative alla nomenclatura ma è necessario che l’insegnante abbia presente le varie
tipologie.
Il catalogo delle foglie
Abbiamo costruito collettivamente un “catalogo” delle foglie: abbiamo insegnato ai
bambini a mettere le singole foglie (sono sufficienti 2/3 foglie per ogni tipo di pianta)
ben stese tra due fogli di carta da cucina e, in mancanza della pressa, a metterle sotto
alcuni pesi. Bastano tre/quattro giorni per ottenere foglie da poter inserire, dopo
averle attaccate su un cartoncino che riporta possibilmente la denominazione della
pianta di appartenenza, nelle buste trasparenti di un quaderno ad anelli .
Lavoro individuale
Ciascun bambino ha scelto una tra le foglie raccolte e catalogate togliendo la busta
dal “catalogo” e abbiamo richiesto di rappresentarla graficamente e di effettuare una
descrizione scritta. Ad alcuni bambini che mostrano ancora difficoltà ad organizzare
anche semplici frasi a livello scritto abbiamo suggerito di descrivere utilizzando le
percezioni derivanti dagli organi di senso: se la guardo è…; se la tocco è… ;ecc..
Socializzazione degli elaborati
Ogni bambino ha letto la propria descrizione alla classe, mostrando la foglia scelta.
Le descrizioni sono risultate in genere piuttosto precise anche se naturalmente
mancanti di termini specifici, sono state individuate varie proprietà relative al colore,
alla forma, alla grandezza…Quasi tutti hanno rappresentato graficamente le nervature
mentre solo in pochi hanno evidenziato questo particolare a livello scritto
Classificazioni libere
Utilizzando le schede del catalogo delle foglie abbiamo chiesto di effettuare
classificazioni libere specificando il criterio o i criteri scelti. Abbiamo utilizzato
questa attività per effettuare collegamenti con matematica chiedendo per esempio ai
bambini di utilizzare i connettivi (e – o –non), proponendo la ricerca di sottoinsiemi
ecc….
Dopo alcune classificazioni a livello operativo abbiamo chiesto di rappresentare
graficamente (ognuno sul proprio quaderno) alcune delle classificazioni effettuate.
Per non rendere l’attività eccessivamente pesante e lunga, in particolare per quei
bambini che hanno difficoltà a livello di rappresentazione grafica, abbiamo dato la
possibilità ai bambini di utilizzare per le classificazioni sia le rappresentazioni
grafiche che il nome della pianta di appartenenza .
Introduzione della terminologia
Dalle attività fin qui proposte è emersa la necessità di definire con un nome preciso le
parti della foglia: alcuni bambini hanno utilizzano qualche termine in modo corretto
ma non tutti e non per tutte le parti. Abbiamo introdotto la giusta terminologia
attraverso una foglia che è stata attaccata sulla pagina del quaderno.
Classificazioni
Abbiamo chiesto di osservare con più attenzione la forma delle foglie, la tipologia, il
margine e le nervature. Abbiamo scelto per ognuna di queste parti alcune tra le
tipologie più comuni ed abbiamo fornito ai bambini una scheda con la relativa
nomenclatura.
Abbiamo poi disposto sulla cattedra alcune foglie di vari tipi, abbiamo utilizzato
anche alcune foglie del catalogo. Abbiamo preparato un cartellone con già disegnati
gli insiemi per i quattro gruppi che dovevano essere formati ed abbiamo chiesto ai
bambini, uno alla volta, di scegliere una foglia e di posizionarla nell’insieme giusto
motivando la classificazione. Al termine abbiamo deciso di scrivere vicino ad ogni
foglia il nome della pianta di provenienza.
A questo punto abbiamo chiesto ai bambini di riportare sul quaderno la
classificazione effettuata riproducendo graficamente solo una foglia per insieme e
utilizzando per le altre il nome delle piante. Questo per velocizzare i tempi e per
ottenere un lavoro “leggibile” anche per quei bambini che hanno difficoltà a livello
grafico.
Abbiamo riproposto questa sequenza di attività anche per le classificazione secondo il
margine e le nervature
Frottage delle foglie
In collegamento con Educazione all’immagine è stata utilizzata la tecnica del frottage
per utilizzare in modo creativo le foglie. Il lavoro si è dimostrato anche molto utile a
livello scientifico poiché permette di evidenziare le nervature ed il contorno delle
foglie.
Il trenino delle foglie
Abbiamo preparato alcuni cartellini con le caratteristiche delle foglie fin qui
individuate ( margine seghettato, foglia composta, foglia aghiforme….). A turno un
bambino, che ha funzioni di capotreno, sceglie uno dei cartellini, lo mostra ai
compagni i quali individuano tra le foglie del catalogo quelle con la proprietà
richiesta e salgono sul trenino
Indovina la foglia
Un bambino esce dalla classe, i compagni scelgono una foglia del catalogo e ne
elencano le caratteristiche alla lavagna. La foglia viene rimessa nel catalogo e viene
richiamato il bambino che era uscito. Questi deve individuare la foglia scelta dai
compagni aiutandosi con il catalogo.
Verifiche:
Scegli una foglia a piacere tra quelle che sono a tua disposizione e
cerchia le qualità adatte per descriverla
Fly UP