...

accademia nazionale delle scienze detta dei xl

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

accademia nazionale delle scienze detta dei xl
2013-1708 inizio-fine_Layout 1 08/05/14 17:02 Pagina 1
RENDICONTI
DELLA
ACCADEMIA NAZIONALE
DELLE SCIENZE
DETTA DEI XL
MEMORIE DI SCIENZE
FISICHE E NATURALI
COMITATO SCIENTIFICO
A.BALLIO – E.GATTI – A.GRANITI – E.MANELLI
G.MARINO – A.MOTTANA – E.PICASSO
E.PORCEDDU – G.SETTI
SERIE V, VOL. XXXVII, PARTE II, TOMO II, 2013
131° ANNO DALLA FONDAZIONE (1782)
ROMA
2013-1708 inizio-fine_Layout 1 08/05/14 17:02 Pagina 2
ACCADEMIA NAZIONALE DELLE SCIENZE
detta dei XL
Atti del XV Convegno Nazionale
Storia e Fondamenti della Chimica
Organizzato da
Gruppo Nazionale di Fondamenti
e Storia della Chimica
Alma Mater Studiorum
Università di Bologna
Dipartimento di Chimica Industriale “Toso Montanari”
Dipartimento di Chimica “Giacomo Ciamician”
Dipartimento di Filosofia e Comunicazione
Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL
Patrocinio
Società Chimica Italiana
Società Italiana di Storia della Scienza
a cura di
Marco Taddia
Bologna, 18–20 settembre 2013
Copyright © MMXIV
ARACNE editrice S.r.l.
www.aracneeditrice.it
[email protected]
via Raffaele Garofalo, /A–B
 Roma
() 
 ----
I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica,
di riproduzione e di adattamento anche parziale,
con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi.
Non sono assolutamente consentite le fotocopie
senza il permesso scritto dell’Editore.
I edizione: maggio 
Indice

Programma

Presentazione

Fra teoria atomica e chimica applicata. Amedeo Avogadro,
gli scienziati sabaudi e i privilegi
Mariachiara Di Matteo

Solvay (–). L’impresa e il leader fondatore
Marco Taddia

Dalla scoperta del nichel tetracarbonile alla sintesi di nanocondensatori molecolari ad elevata nuclearità
Iacopo Ciabatti

L’opera scientifica di Francesco Mauro
Maurizio D’Auria, Nicola Masini

La scuola di Stanislao Cannizzaro: spigolature e riflessioni a
partire da una “foto di famiglia”
Franco Calascibetta

Mario Torquato Passerini: l’Uomo dietro la Reazione
Marco Fontani, Silvia Selleri

Giulio Natta e la polimerizzazione stereospecifica
Italo Pasquon

Un cristallografo nel gruppo Natta: esperienze e ricordi
Giuseppe Allegra

Indice


Oltre il Nobel. Nuovi documenti su Giulio Natta
Pietro Redondi

L’eredità di Giulio Natta a  anni dal Nobel
Paolo Olivieri

Storia e successo del polipropilene: un materiale in continua
evoluzione
Mara Destro, Andreas Neumann

La scuola di polimeri nella Facoltà di Chimica Industriale
dell’Università di Bologna
Luigi Angiolini

La chimica, l’elettromagnetismo e l’unità dei fenomeni naturali. Pictet, Marcet, Gazzeri e le esperienze fiorentine del 
Marco Ciardi

La Chimica classica alla Mendeleev è una teoria scientifica
come la Termodinamica
Antonino Drago, Giovanni Villani

La conferenza di J. H. van ‘t Hoff a Chicago ( giugno )
Rinaldo Cervellati

: Semeiotica delle urine. L’applicazione dell’analisi chimica allo studio delle alterazioni dei liquidi del corpo umano
Giuliano Dall’Olio

Raffaello Nasini, la chimica fisica e l’idrologia medica
Angelo Bassani

Alchimia e teologia, trasmutazione e miracolo nel Sirr al‘ālamain attribuito a Ġazālı̄
Paola Carusi
Indice


Alcune annotazioni sulla teoria degli odori nelle fonti ellenistiche e tardo antiche di tradizione aristotelica
Berenice Cavarra

La materialità dell’aria da Torricelli a Boyle
Eleonora Aquilini

L’amianto nella storia, tra riti magici, innovazione tecnologica e problematiche ambientali–sanitarie
Isidoro Giorgio Lesci, Norberto Roveri

Gli scritti giovanili di Vincenzo Comi
Domenico Priori

Calci e calcinari a Gubbio tra  e : primi documenti
dall’archivio privato storico–scientifico di Giuseppe Maria
Nardelli
Giuseppe Marino Nardelli, Giuseppe Maria Nardelli

Chiare, fresche e dolci acque. Il Fondo Miscellanee Storiche
del Museo Patologico dell’Università di Firenze in un itinerario storico–chimico
Annarita Franza, Raffaella Santi, Gabriella Nesi

La Fondazione Prof. Enzo Ferroni Onlus di Firenze
Laura Colli, Mariagrazia Costa, Pierandrea Lo Nostro
Rendiconti Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL
Memorie di Scienze Fisiche e Naturali
ISBN 978-88-548-xxxx-x
DOI 10.4399/97888548xxxxx0
pag. 9–12
Programma
Mercoledì  settembre 
,–, Registrazione
,–, Apertura del Convegno e indirizzi di saluto
Scienziati, tecnologi e industriali
Presiede: Alfredo Marco R
,–,, Mariachiara D M, Fra Teoria atomica e Chimica industriale. Amedeo Avogadro, gli scienziati sabaudi e i privilegi
,–,, Marco T, Oltre le sodiere. Il riformismo di Ernest Solvay
,–,, Iacopo C, Dalla scoperta del nichel tetracarbonile alla
sintesi di nanocondensatori molecolari ad elevata nuclearità
,–, Pausa
,–,, Maurizio D’A, Nicola M, L’opera scientifica di Francesco Mauro
,–,, Franco C, La scuola di Stanislao Cannizzaro:
spigolature e riflessioni a partire da una “foto di famiglia”
,–,, Marco F, Silvia S, Mario Torquato Passerini:
l’uomo dietro la reazione
, Cena di benvenuto


Programma
Giovedì  settembre 
Omaggio a Giulio Natta
Presiede: Marco T
,–,, Italo P, Giulio Natta e la polimerizzazione stereospecifica
,–,, Giuseppe A, Un cristallografo nel gruppo Natta: esperienze e ricordi
,–,, Pietro R, Oltre il Nobel. Nuovi documenti su Giulio
Natta
,–,, Paolo O, L’eredità di Giulio Natta a  anni fal Nobel
,–, Pausa
,–,, Andreas N, Storia e successo del polipropilene, un materiale in continua evoluzione
,–,, Luigi A, La scuola di polimeri nella facoltà di
Chimica industriale dell’Università di Bologna
All’incrocio tra fisica, chimica e biologia
Presiede: Angelo Vaccari
,–,, Marco C, La chimica, l’elettromagnetismo e l’unità dei
fenomeni naturali
,–,, Antonino D, Giovanni V, La chimica classica alla
Mendeleev è una teoria come la termodinamica
,–,, Rinaldo C, Jacobus H. van’t Hoff: primo premio
Nobel per la chimica
,–,, Giuliano D’O, : Semeiotica delle urine. L’applicazione
dell’analisi chimica allo studio delle alterazioni dei liquidi del corpo umano
Programma

,–,, Angelo B, Raffaello Nasini, la Chimica fisica e l’Idrologia medica
,–,, Pausa
, Assemblea GNFSC
Venerdì  settembre 
Teorie degli invisibili, archeologia industriale e documenti
Presiedono: Margherita V (I parte), Valerio Z (II parte)
,–,, Paola C, Alchimia e Teologia, Trasmutazione e miracolo
nel Sirr AL–‘Ālamain attribuito a Ġazāll̄
,–,, Berenice C, Alcune annotazioni sulla Teoria degli
Odori nelle fonti ellenistiche e tardo antiche di tradizione aristotelica
,–,, Eleonora A, La materialità dell’aria da Torricelli a
Boyle: un percorso didattico
,–,, Isidoro Giorgio L, Norberto R, L’amianto nella
storia, tra riti magici, innovazione tecnologica e problematiche ambientali–sanitarie
,–,, Domenico P, Vincenzo Comi e il dibattito scientifico alla
fine del XVIII sec.
,–, Pausa
,–,, Giuseppe M N, Calci e calcinari a Gubbio: primi
documenti dall’archivio storico–scientifico prof. Giuseppe Maria Nardelli
,–,, Annarita F, Raffaella S, Gabriella N, Chiare,
fresche e dolci acque – il fondo miscellanee storiche del Museo Patologico
dell’Università degli Studi di Firenze in un itinerario storico–chimico

Programma
,–,, Laura C, Mariagrazia C, Pierandrea L N,
La fondazione prof. Enzo Ferroni onlus di Firenze
, Chiusura del Convegno
Rendiconti Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL
Memorie di Scienze Fisiche e Naturali
ISBN 978-88-548-xxxx-x
DOI 10.4399/97888548xxxxx0
pag. 13–15
Presentazione
Il Convegno di Storia e Fondamenti della Chimica si è tenuto quest’anno, per la prima volta, a Bologna, potremmo azzardare sotto le
celebri Due Torri, anche se questo è vero soltanto in senso lato. Infatti, sede dei lavori era il Dipartimento di Chimica Industriale “Toso
Montanari”, che si trova alle prime propaggini dei colli appenninici
che fanno da corona alla città verso sud. Una torre alta  metri e
d’interesse storico c’è anche lì, a pochi passi. È quella, assai più moderna dell’Asinelli e della Garisenda, che domina l’edificio dove ha
sede la Scuola d’Ingegneria e Architettura. Risale al  ed è opera di
Giuseppe Vaccaro (–), un Maestro dell’architettura italiana. Il
“Toso Montanari” è l’erede di quella gloriosa Facoltà di Chimica Industriale ora confluita nella Scuola di Scienze. Non troppo lontano dal
luogo che dal  al  settembre ha ospitato il XV Convegno, in Valle
Oscura, si trovava anche la fabbrica di acido solforico che il pittore e
incisore Antonio Basoli (–) raffigurò in un’opera del  ca.,
riprodotta sul materiale congressuale. Gli Organizzatori l’hanno scelta
come immagine simbolo non solo per il suo interesse documentale
ma anche come riferimento alla vocazione di buona parte dei chimici
bolognesi.
Come i precedenti, anche questo XV Convegno è stato organizzato
dal Gruppo Nazionale di Fondamenti e Storia della Chimica (GNFSC)
(www.gnfsc.it). Con il Dipartimento “Toso Montanari”, che ha offerto
ospitalità, anche il Dipartimento di Chimica “G. Ciamician” e quello di Filosofia e Comunicazione dell’Alma Mater hanno contribuito
all’organizzazione del Convegno. Questa interdisciplinarità è parsa
uno dei valori da mettere in luce al momento di introdurre i lavori del
Convegno, non solo da parte dello scrivente ma anche da parte delle
Autorità invitate. Esauriti i saluti si è passati subito alle comunicazioni
della prima sessione denominata “Scienziati, Tecnologi e Industriali”.
Si è parlato, tra gli altri, di Avogadro, Solvay, Mauro, Passerini e di
molti chimici ritratti nella fotografia del compleanno di Cannizza

Presentazione
ro (). Tenuto conto che sono rari i giovani chimici impegnati a
conciliare l’attività di ricerca sperimentale con l’approfondimento storico, merita una segnalazione il felice debutto del giovane dottorando
Iacopo Ciabatti (Bologna). Egli ha ripercorso la storia dei composti
carbonilici dalla scoperta casuale di Ludwing Mond () alle avveniristiche applicazioni dei cluster ad elevata nuclearità. L’intera mattinata
del giorno seguente è stata dedicata a Giulio Natta, come “omaggio”
per il cinquantesimo anniversario del premio Nobel. Vi hanno partecipato alcune personalità di prim’ordine, provenienti sia dal mondo
accademico che da quello industriale. Hanno parlato: Italo Pasquon
e Giuseppe Allegra (già collaboratori di Natta), l’ex–Direttore della
Ricerca Meraklon Paolo Olivieri (co–autore di un libro sulla storia del
polipropilene) e Andreas Neumann, attualmente al vertice di R&S
per il settore PP a LyondellBasell Poliolefine. Gli interventi di Pietro
Redondi (storico della scienza) e Luigi Angiolini (Gruppo Polimeri
del Dipartimento “Toso Montanari) hanno utilmente contribuito a
completare il quadro. La sessione successiva “All’incrocio tra fisica, chimica e biologia” ha offerto numerosi spunti di riflessione e di dibattito.
Sono intervenuti alcuni chimici (Cervellati, Dall’Olio e Bassani), un
fisico (Drago) e uno storico della scienza (Ciardi). Il giorno seguente si
è parlato di alchimia (Carusi), teoria degli odori (Cavarra), materialità
dell’aria (Aquilini), amianto (Lesci), archivi e musei (Nardelli, Franza,
Colli). In apertura dell’ultima sessione ha recato il suo saluto la Prof.
Emilia Chiancone, Presidente dell’Accademia Nazionale delle Scienze
detta dei XL, che sostiene il GNFSC fin dalla fondazione (). Anche gli Atti di questa edizione vengono pubblicati sui Rendiconti di
Scienze Fisiche e Naturali dell’Accademia. Comprendono i venticinque contributi derivati dalle comunicazioni presentate al Convegno,
sottoposti tutti all’esame preventivo di referee qualificati.
Si ringrazia particolarmente la Presidente dell’Accademia perché,
pur nelle presenti difficoltà, non ha fatto mancare il tradizionale contributo per la loro pubblicazione. Alla Dott.ssa Antonella Grandolini che, come in passato, ha gentilmente prestato la sua preziosa
collaborazione, va un grazie altrettanto sentito.
In occasione del XV Convegno si è proceduto al rinnovo degli
Organi Direttivi del GNFSC per il quadriennio –. Il Gruppo
ha dato prova di vitalità e compattezza ed è apparso ben determinato
nell’impegno di promuovere, ancora più efficacemente rispetto al
Presentazione

passato, lo studio epistemologico e storico della chimica. Chi scrive,
nella veste di neo–Presidente, farà la sua parte.
Marco T
Fly UP