...

squadra prudente - BCC CASALGRASSO E SANT`ALBANO STURA

by user

on
Category: Documents
9

views

Report

Comments

Transcript

squadra prudente - BCC CASALGRASSO E SANT`ALBANO STURA
Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% CNS/CBPA-NO/CUNEO - n. 1/2013 - Anno XIII - In caso di mancato recapito restituire al CRP di Cuneo CPO per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa. Contiene I.P.
Quadrimestrale d'informazione
finanziaria per i Soci della Banca
squadra prudente
LA TUA BANCA
risultato vincente
s
ommario
3
Cari soci
4
Editoriale
Presidente
Antonio Donetto
Aziende
Direttore
Claudio Porello
Razzetti: costruzioni di famiglia
Una casa fuori casa
Una mano per la ripresa
Fare credito è dare fiducia
L'accredito che vale un premio
Editore e stampa
TEC - ARTI GRAFICHE SRL
via dei Fontanili, 12 - 12045 Fossano (Cn)
tel. 0172 695897 - fax 0172 695898
e-mail: [email protected]
www.tec-artigrafiche.it
Bcc news
Giovani alla ricerca di lavoro
L'arte in vetrina
Aut. Trib. Cuneo n. 541 dell'11.05.2001
Ideazione e progetto grafico:
Tec Arti Grafiche - Fossano
Bcc Assemblea 2013
Annotate in agenda: 24 maggio
Avviso di convocazione
Promemoria per i nostri soci
Sport
18/22
Appuntamenti
23/26
Territorio
Pubblicità e abbonamenti
Banca di Credito Cooperativo di
Casalgrasso e Sant'Albano Stura
Ufficio Relazioni Esterne
Questo numero è stato chiuso in tipografia
il 3 aprile 2013.
Diritto e rovescio te li insegna Nonsoloace
Bocciofila Santalbanese, instancabile società
Trinità nelle gambe, Giulia nel cuore
Chi sarà il piè veloce di Sant'Albano?
Corsa Rosa a Torino
"Fera dell'Arlev", le tradizioni di Settimo
Carmagnola: 700 studenti in gara sulla pista di atletica
PROGET TA
COSTRUISCE
Viaggiare con Bcc
Buon viaggio
Contiene I.P.
la relativa tariffa.
www.tec-art
CRESCE
si impegna a pagare
igrafiche.it
mazione
rale d'infor
Quadrimest
Banca
i Soci della
finanz iaria per
al mittente che
Prodotti e giovani d'eccellenza
Il coraggio dei Partigiani
Chi lavora, chi studia, chi fa volontariato
Dieci anni di interviste ai Vip
Premi studio
CPO per la restituzione
27
Comitato Editoriale
Claudio Porello, Ilaria Morra, Alberto Prieri
Bcc informa
16/17
DIFENDE
LAVOR A
CONNET TE
CRESCE
PROGET TA
COSTRUISCE
DIFENDE
LAVOR A
CONNET TE
CRESCE
PROGET TA
COSTRUISCE
in
s.p.a. - Spedizione
Poste Italiane
DIFENDE
banca8833.bcc.i
2
Il Presidente
Antonio Donetto
Direttore Responsabile
Alberto Prieri
CNS/CBPA-N
Postale - 70%
Abbonament o
punto d'incontro | 1.2013
13/15
Segni positivi
al CRP di Cuneo
10/12
Quadrimestrale d'informazione finanziaria e associativa
della Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e
Sant'Albano Stura
Lettera del Presidente
recapito restituire
8/9
Aprile | anno XIII | 1.2013
mancato
XIII - In caso di
n. 1/2013 - Anno
O/CUNEO -
5/7
Quadrimestrale d'informazione
finanziaria per i Soci della Banca
banca8833.bcc.it
t
squadra prudente
risultato vincente
LA TUA BANCA
Cari soci
L
ungi da me contribuire ad
accrescere la dilagante
sfiducia nella politica,
ma devo a malincuore
prendere atto che non
è previsto che il governo possa occuparsi di noi. Noi uomini e donne
siamo l'Italia: ognuno di noi fa parte
della squadra. Abbiamo bisogno,
però, che il governo faccia per noi
ciò che non possiamo fare da soli,
come garantire la difesa comune,
far rispettare la legge, reagire alle
catastrofi.
Interpreto così la Costituzione, regole scritte da un gruppo di persone
dotate di lungimiranza e buon senso; di certo non erano tutti giuristi,
tuttavia hanno scritto il documento
politico più importante per l'Italia.
Persone comuni artefici di una cosa
straordinaria.
Essere al governo non significa fare
miracoli. Tutti noi dobbiamo lavorare per il bene comune e scegliere
i nostri rappresentanti che, a mio
personale avviso, non dovrebbero
essere politici. Perché non abbiamo
più la possibilità di agire secondo "il
modo e la mentalità" di quel tempo.
Abbiamo bisogno di persone che
fanno cose reali nel mondo reale.
Di persone che non vogliono vivere
a Roma, che non cercano di trarre
vantaggi dal sistema. Abbiamo bisogno di uomini e donne che compiano
un lavoro importante e poi tornino
a casa a continuare normalmente la
loro vita.
Tecnici, conoscitori di come sono
costruite le cose. Medici, capaci di
guarire le persone malate. Poliziotti,
consapevoli delle circostanze in cui
i nostri diritti vengono violati da un
criminale. Agricoltori, che producono
veri alimenti in vere fattorie. Persone
che sanno cosa vuol dire avere le
mani sporche, pagare il mutuo della
casa, crescere bambini, preoccuparsi
del futuro. Persone consapevoli di
lavorare anche per ognuno di noi è
non soltanto per se stesse.
Se queste persone arriveranno a
guidare il Paese, sarà nostro compito
tenerle d'occhio, perché non disattendano la parola data, non incappino in qualche favore da restituire, in
una promessa segreta da mantenere.
Pensieri realizzabili oppure utopia, la
mia? Mi sveglierò tra breve da questo sogno e potrò dirmi soddisfatto
se qualcuno dei nuovi eletti, in uno
slancio di buon senso, cercherà almeno di ridurre gli sperperi, il numero
degli onorevoli, dei sindacalisti, dei
giornalisti, degli artisti o pseudo tali
che forano giornalmente il video e
vengono riciclati fino al loro ultimo
respiro. Mi desterò soprattutto per
presenziare all'Assemblea annuale
delle Bcc nostre consorelle, appartenenti come noi alla Federazione
delle BCC di Piemonte, Liguria e
Valle d'Aosta: avrò la responsabilità
di portare il pensiero dei Nostri Soci
e clienti, di fotografare l'economia
reale del nostro territorio.
Dovrò poi sedere di fronte a Voi
tutti, a fine maggio, per condividere
l'eredità di un anno impegnativo. Voi,
i Soci della banca, persone capaci di
fare rete, condividere idee e risorse
in maniera sinergica, conservare i
saperi del passato, sfruttare la tecnologia, per mantenere il vostro
bilancio familiare e d'impresa ancora
in attivo. Io, il Presidente, impegnato
con il mio Consiglio d'Amministrazione a raggiungere lo stesso obiettivo.
Arrivederci al 24 maggio.
punto d'incontro | 1.2013
3
aziende
editoriale
Il Direttore
Claudio Porello
Segni positivi
punto d'incontro | 1.2013
C
o m e voi t u t ti b e n
sapete, l’anno appena trascorso è stato par ticolarmente
complicato e difficile
da affrontare. D'altronde già le premesse non erano delle migliori: anno
bisestile con aggiunta di profezia
Maya, come non esserne intimoriti?
Bene: nonostante i presagi funesti
posso dire che la Vostra Banca di
Credito Cooperativo si è comportata bene. In un contesto non sempre limpido se l’è cavata egregiamente seguendo, come sempre,
la via della prudenza e del buon
senso, che è divenuta ormai una
costante per noi amministratori in
questi non facili anni di recessione
economica.
I dati che il Presidente vi chiederà
di ratificare durante l’Assemblea
annuale di maggio sono, nel complesso, più che soddisfacenti: la
raccolta e gli impieghi sono cresciuti; le sofferenze sono ampiamente sotto la soglia nazionale; il
buon utile d’esercizio va a rafforzare un già solido patrimonio preesistente che pone la nostra Bcc tra le
banche più patrimonializzate della
Federazione Piemonte.
4
Vorrei condividere con Voi un
quesito sul quale rifletto spesso:
come svolgere al meglio il nostro
compito? Fonte di pregio per rispondere a questa domanda è lo
Statuto delle BCC. Soffermiamoci
in particolare sull’Articolo 2 che
cito testualmente: "Svolgono il loro
ruolo di banche del territorio, assolvendo a una funzione specifica,
quella di promuovere sviluppo e di
rispondere alle necessità economiche e sociali delle comunità locali".
L’impegno delle BCC è infat ti,
da sempre, quello di tradurre
l’obiettivo del perseguimento di un
interesse reciproco in esperienze
concrete. In questa ottica vanno
lette le tante esperienze realizzate e dirette a sostenere i diversi
soggetti - soci, clienti, imprese,
famiglie, associazioni, ecc. - che
vivono e operano nel territorio di
riferimento delle BCC .
Ma cos'altro ci differenzia dalle
altre banche? La risposta è una
sola: la squadra. A tal proposito vi
"inoltro" un messaggio ricevuto
via e-mail dall'amministratore di
un'azienda nostra cliente.
"Buongiorno,
Le scrivo per fare i complimenti alle
splendide persone che lavorano
nell’agenzia di (omissis). Al giorno
d’oggi, purtroppo, è difficile trovare persone serie, gentili e disponibili. (omissis) sono stati gentilissimi
nell’ascoltare le nostre esigenze e
nel cercare di trovare una soluzione
ai nostri problemi. Sicuramente Vi
faremo un’ottima pubblicità per la
qualità del servizio che offrite grazie alle persone che avete scelto
come Vostre intermediarie.
Colgo l’occasione per porgere
cordiali saluti".
In un tempo in cui la tendenza
comune è fare di ogni erba un
fascio, dunque il verdetto sulle
banche è "sono il peggior nemico
dell’uomo", permetteteci che la
soddisfazione di questo signore e
i risultati ottenuti ci rendano orgogliosi, almeno un pochino!
Razzetti: costruzioni di famiglia
Guarda al futuro l'azienda di Santena nata nel 1957
S
ul suo biglietto da visita si legge "architetto", il
mestiere che esercita da
25 anni abbinato a quello
di costruttore. Quello di
costruttore Piermatteo Razzetti l'ha
ereditato da suo padre Giuseppe che,
dopo aver abbandonato a dodici anni
il lavoro dei campi, va sotto padrone e
impara i segreti che lo portano, nel 1957,
a fondare quella che è oggi la Razzetti
Costruzioni di Santena. Un'azienda
familiare, come si legge nella presentazione, che realizza opere civili, industriali
e ristrutturazioni di qualsiasi genere per
clienti privati, aziende o enti pubblici.
Che dà vita, negli anni, a società nate
per separare l'attività immobiliare da
quella di costruzione per terzi oppure
per la messa in opera di specifici progetti, o ancora per seguire le vendite
in maniera diretta senza intermediari.
"Ma siamo sempre noi – commenta
Razzetti – con mio padre fino a qualche
anno fa, poi con mio suocero e con
mio fratello Marco oggi. Con le nostre
divergenze di opinione, le grane di ogni
giorno per le quali proponiamo spesso
soluzioni diverse, ma con la volontà
comune di preservare il futuro dei 21
dipendenti a libro paga. Che, negli
ultimi due anni, si domandano come
mai i confini delle commesse e dei
preventivi debbano varcare la soglia di
Piemonte, Liguria e Valle D'Aosta, per
spingersi in Francia, Germania e anche
al di là dell'Europa.
Per contrastare un
mercato in crisi, capace di mettere in
competizione oltre
100 imprese per aggiudicarsi un appalto
chiedendo di scendere a compromessi
di qualità a prezzi
bassi o sperando di
azzeccare la media
dei ribassi con minor
probabilità di quella
di vincere al casinò.
Così anche noi, ben lontani dal voler
ricorrere a manodopera e materiali non
adeguati, rompiamo la buona abitudine
di lavorare a poca distanza da casa e
cerchiamo di esplorare nuovi mercati".
Piermatteo è il fratello maggiore, la
faccia conservatrice della medaglia,
disilluso, critico ma non pessimista.
Cauto, certo, perchè i dati di bilancio
consegnano al nuovo anno un'azienda
che continua ad essere solida ma con
una perdita di fatturato del 12%, che
conseguentemente non può permettersi passi falsi. Il numero di preventivi
che portano alla conferma del lavoro è
rimasto pressochè costante, ma se fino
al 2010 bastava presentare 50 offerte
l'anno, oggi ne servono 200, ed è persino difficile trovare soggetti che siano
disposti a valutarle in un mercato così
saturo. Perché sempre meno aziende
investono in ampliamenti e la soglia dei
privati che non accedono al bene casa
è in drastica crescita. Non si ristruttura
e non si acquista; accade spesso di vedere cantieri lasciati a metà, nonostante
la regolarità dei permessi.
"La gente - prosegue Razzetti - ci pensa
due volte prima di indebitarsi; il potere
d’acquisto è molto diminuito e la paura
di perdere commesse o il posto di lavoro fanno il resto, il mattone non gode
più della fiducia di un tempo e molti
optano per l'affitto a scapito dell'acquisto. Anche se possiamo contare su una
rosa di clienti ormai fidelizzati e su nuovi
contatti con grandi aziende che operano sul territorio, la chiave è riuscire a
coniugare professionalità, qualità, costi
e incassi. Perché anche chi fino a ieri era
"un buon pagatore" oggi è in difficoltà.
Non è semplice, poi, far comprendere
che una realtà come la nostra possa
offrire garanzie per la completa realizzazione dell’opera, anche grazie alla
collaborazione costante con oltre 30
punto d'incontro | 1.2013
5
punto d'incontro | 1.2013
artigiani (idraulici elettricisti, impiantisti), professionisti affidabili, che da anni
lavorano con noi. In questo momento
è difficile garantire continuità perché
manca la possibilità di pianificare il
lavoro a medio e lungo termine, soprattutto in merito alla realizzazione o
ristrutturazione di grandi edifici, mentre
ci troviamo a soddisfare richieste di
minor rilievo poste da privati. Diciamo
che, per il momento, abbiamo il lavoro
assicurato fino all'estate del prossimo
anno e poi speriamo che nel frattempo
succeda qualcosa anche grazie alla
nostra intraprendenza".
Marco è il fratello minore, quello per
tradizione meno convenzionale e più
aperto alle novità, quello che scalpita
un po' quando si tirano le redini. Perchè
lui prende l'aereo e va a curiosare in
giro per il mondo, per vedere che aria
tira e soprattutto per provare a tradurre
la competenza di una solida azienda
piemontese in nuove lingue. Così la
sua gestione d'impresa non sempre
incontra il consenso di Piermatteo,
che riveste oggi il ruolo che suo padre
giocava con lui: quello di rimanere con
i piedi ben saldi a terra, fare la tara tra
preventivi e lavori, perchè al fondo ci sia
sempre il segno più.
"Non nascondo – conclude Piermatteo
– che le diversità di carattere e di vedute
siano il nostro filo rosso; caratterizzavano il rapporto tra me e mio padre e non
mancano ora con Marco. Ma l'affetto
naturale che ci lega non può valere
meno di una strategia commerciale;
al contrario, può renderla più equa ed
efficace. Nella Razzetti di oggi si unisce
il pensiero di quasi 30 anni di lavoro, il
mio, con quello di mio fratello, cresciuto
nell'ambiente, forte di studi più recenti
e della curiosità di chi ha tutte le carte
in regola per sperimentare".
Tradizionalista e innovativo, intraprendente e indagatore, il binomio Razzetti
esprime tutta la passione per un "mestieraccio", a loro dire, nel quale la creatività
e la voglia di essere ancora sul mercato
possono fare la differenza.
6
Una breve anticipazione tra queste pagine, giusto per stuzzicare la curiosità, con le immagini di alcuni ambienti.
Informazioni dettagliate, la galleria delle foto e i prezzi sul
sito www.urbanlofts.it.
una casa fuori casa
A Torino Loft
per soggiorni brevi
Avere "una casa fuori casa". E che
casa. Urban Lofts è il nuovo complesso che, vicino a piazza Carducci a Torino, offre appartamenti in
città comodi a tutti i servizi per
chi abbia necessità di una base
durante brevi permanenze per
lavoro o per esigenze personali.
Spesso si tratta di manager, altre
volte di funzionari commerciali,
altre ancora di intellettuali o ospiti
di rassegne culturali.
"Finora non erano state studiate
soluzioni specifiche per queste
esigenze: – spiega Carlo Busto,
imprenditore da più d'una generazione – ecco perché abbiamo
ideato questi Urban Lofts, spazi
che garantiscono un utilizzo flessibile a prezzi convenienti.
Sono 18, ognuno dedicato a una
delle eccellenze per cui Torino è
famosa nel mondo".
C’è il loft "500", caratterizzato dalle immagini della vettura simbolo
della Fiat, ancora oggi considerata
un capolavoro di design; c’è quello "Tramvai", con le fotografie dei
mezzi dei caratteristici tram della
vecchia Torino; poi il "Winter Games", con suggestivi scatti delle
Olimpiadi invernali.
Gli appartamenti sono tutti diversi
tra di loro, accomunati però da
uno stile moderno ed elegante.
Spazi funzionali e accoglienti,
con elettrodomestici, tv, stoviglie, studiati per essere, appunto, "una casa fuori casa".
I loft sono stati ricavati attraver so un c urato res t auro di
due palazzine con destinazione
artigianale degli anni cinquanta, situate nei pressi di piazza
C a r d u cc i. A r r e d a t i i n m o d o
signorile, sono dotati di aria
condizionata e internet wi-fi.
"Facendo un’analisi del mercato
e della concorrenza, ho notato
che non c’era altro rispet to
all’offerta alberghiera – spiega
Busto -.
Ecco perché ho deciso di creare
qualcosa di "differente".
Questo è il primo complesso a
Torino completamente dedicato
alle brevi locazioni, a partire da
una settimana. Così, rispetto a
quanto spenderebbe in hotel,
il cliente può risparmiare fino
al 60%, ma senza rinunciare ad
alcun comfort e con il doppio
dello spazio a disposizione.
A questi vantaggi, per dipendenti e soci Bcc, compresi i familiari, si aggiunge un ulteriore
sconto del 10%".
punto d'incontro | 1.2013
7
Bcc informa
Fare credito è dare fiducia
L'accredito
che vale un pieno
Finanziamenti agevolati nel nuovo anno
Mauro Giraudi
Accreditaio
lo stipen
Antonello Ronco
IN REGALO
5Bu0on€i Benzina
DI
L'obiettivo comune vuole
essere garantire i beni di
prima necessità nell'ambito della famiglia, lasciando da parte acquisti non
fondamentali.
Prosegue anche per il 2013 l'iniziativa promozionale avviata a marzo
dello scorso anno. Con il semplice
accredito dello stipendio oppure
della pensione, scegliendo il nostro
conto on line oppure i conti correnti
riservati alla famiglia, ai lavoratori
dipendenti, ai pensionati, ai giovani, è previsto un Premio di 50€ in
Buoni Benzina.
Conoscere i dettagli della promozione è semplice: basta informarsi
presso le nostre filiali oppure consultare il sito internet della Bcc, alla
voce Prodotti, nella sezione riservata ai Conti correnti per Privati.
Anche per quest'anno, dunque, un
regalo utile grazie ad un semplice
accredito.
Una mano per la ripresa
non fondamentali. Trovare insomma
una strada per arginare il problema
attuale e contribuire, in futuro, ad una
migliore stabilità economica".
Per il buon esito dell'iniziativa sarà
fondamentale, ancora una volta, la
reciproca conoscenza tra la Bcc e la
clientela che nel tempo ci ha riservato
fiducia.
www.tec-artigra fiche.it
conto corrente a
6 € al mese
banca8833.bcc.it
BCC COSTRUISCE
18/30
BCC CONN
ET
TE
conto co
rrente a
COSTO Ze
ro
BCC CONN
ETTE
conto corrente a
banca883 3.bcc
1,55 € al mese
www.te c-artig
.bcc.it
www.tec-ar tigrafiche.it
he.it
banca8 833
rafiche.it
BCC PROGETTA
BCC DIFENDE
banca88 33.bcc.it
8
di un finanziamento che, al momento dell'estrazione dati, è prossimo
al termine, vale a dire presenta un
residuo massimo di 6 rate. Intendiamo proporre una nuova modalità
di credito a condizioni agevolate e
premianti, al fine di riconoscere in
maniera tangibile e fruttuosa per il
cliente la correttezza della sua operatività". Da una prima analisi svolta
dai colleghi del comparto crediti, i
clienti interessati dall'iniziativa rappresentano una fetta significativa; li
contatteremo grazie alla collaborazione dei colleghi di filiale per valutare le modalità di gestione della
nuova linea di credito.
BCC COSTRUISCE
artig rafic
o più rate mutuo all'applicazione di
condizioni agevolate in termini di
spese oppure di tasso d'interesse
da riconoscere alla banca. Il punto di
partenza, che richiede una disamina
attenta ed un confronto personale
con il cliente, è comprendere quali
sono le criticità che i correntisti e
le loro famiglie si trovano a dover
fronteggiare. E, appurate le cause
oggettive, valutare anche le modalità
di impegno del denaro e l'attitudine
al risparmio, così da intraprendere, se
necessaria, una riflessione comune in
merito alla gestione e pianificazione
delle spese.
"Il nostro compito di azienda locale
– conclude Giraudi – è sì quello di
contribuire a sostenere l'economia
delle famiglie in difficoltà, ci auguriamo temporanea, ma come banca
vicina alle persone vorremmo anche
riflettere, e se possibile confrontarci
con i nostri clienti, sul tema "spese
primarie e non". L'obiettivo comune vuole essere garantire i beni di
prima necessità nell'ambito della
famiglia, lasciando da parte acquisti
Abbiamo scelto di parlare di fiducia
per presentare i nostri prodotti in
materia di mutui e crediti personali
e per spiegare come mai, pur con
le dovute attenzioni, non abbiamo
smesso di fare credito.
Nell'ambito delle iniziative commerciali del 2013, una riguarda proprio
il comparto dei finanziamenti, in
particolare quelli "buoni", richiesti
e ottenuti da clienti meritevoli.
"Stiamo parlando – spiega il responsabile commerciale Antonello
Ronco – degli ottimi pagatori, delle
persone che, numerose, non lasciano scadere mai una rata. Intendiamo
censire i correntisti che beneficiano
www.tec-
punto d'incontro | 1.2013
Bcc incontra i clienti che hanno perso il lavoro
Un tema delicato e tristemente attuale: la perdita del lavoro. È la traduzione più evidente e concreta della
tanto chiacchierata crisi, che non
accenna a recedere e lascia cadere
frutti amari. Così la Direzione della
Bcc ha deciso di condurre una breve
indagine nell'ambito della nostra
clientela e, grazie alla collaborazione
dei colleghi di filiale, di comprendere
quante persone abbiano perso oggi
il posto di lavoro.
"Era nostra intenzione – commenta il
Vicedirettore Mauro Giraudi – avere
un quadro ancora più approfondito
delle eventuali difficoltà economiche
causate dalla perdita dell'occupazione. Da un primo confronto il dato
emerso è confortante: sulla totalità
della clientela, il numero di persone
che al momento sono disoccupate
è contenuto. Ora esamineremo la
posizione dei singoli per valutare
l'opportunità di avviare un'azione
di sostegno adeguata al profilo del
cliente".
Le ipotesi possono essere molteplici:
dalla sospensione temporanea di una
d
ANNI
TE
CONTO CORREN
TENUTA CONTO
ZERO SPESE DI
BCC PROGETTA
.it
BCC DIFENDE
punto d'incontro | 1.2013
9
Bcc news
L'arte in vetrina
Giovani alla ricerca di lavoro
punto d'incontro | 1.2013
A Nichelino i giovani domandano alle aziende il significato di cultura del lavoro
e chiedono quale strada percorrere per iniziare a lavorare seriamente
Non è vero che i giovani sono svogliati, vaghi e approssimativi. Talvolta è l'apparenza ad ingannare,
altre il pensiero comune, sempre
più pessimista, che dipinge le
nuove generazioni a tinte sempre
più cupe.
Quando l'argomento interessa, il
contesto è gradevole, la formula è
schietta e comprensibile, i giovani
si fanno vedere e rispondono con
interesse. Lo hanno dimostrato
i momenti di approfondimento
proposti dall'Associazione torinese Idea Lavoro, in collaborazione
con i Comuni di Nichelino, Vinovo
Candiolo e None, nell'ambito del
Piano Locale Giovani 2012 della
Provincia di Torino.
Porte aperte al lavoro – questo il
nome delle giornate dedicate al
confronto – ha visto la partecipazione degli studenti delle scuole
superiori di Nichelino che si sono
interrogati sul tema della cultura e
dei valori aziendali, con particolare
attenzione al percorso di selezione
del personale finalizzato all'assunzione. Titolari di aziende locali,
amministrativi e responsabili della
funzione del personale, referenti
del Centro per l'Impiego di Moncalieri, agenzie di collocamento,
figure profes sionali di diver so
profilo accomunate dalla volontà
di trasmettere ai ragazzi alcuni
spunti ritenuti di fondamentale
importanza.
Importante la disponibilità di numerose aziende del territorio – la
nostra Bcc tra queste – che hanno
offerto agli studenti una testimonianza in prima persona e un periodo di tirocinio per approfondire
la competenza e le modalità delle
dinamiche relazionali in ambito
lavorativo.
"Qualche accorgimento pratico, –
commenta Dario Cavaglià, responsabile della filiale Bcc di Nichelino
– da adottare in fase di colloquio,
l'opportunità di acquisire consapevolezza della propria competenza e
più informazioni possibili sul ruolo
cui si aspira, questi alcuni dei temi
trattati con i ragazzi.
Siamo entrati nello specifico della
nostra realtà aziendale, mettendo
anche a disposizione il vissuto
personale.
Dalla condivisione delle opinioni
ed esperienze dell'uditorio non è
emerso un panorama così grigio,
piuttosto la consapevolezza che
il mondo del lavoro continua a
selezionare persone e personalità
prima che professionisti, soprattutto quando si tratta di realtà
imprenditoriali locali di piccole e
medie dimensioni.
Senza dubbio è stato positivo l'atteggiamento dei presenti, curiosi e
critici nel denunciare la mancanza
di sbocchi professionali e la crescente richiesta di specializzazioni
e competenze di settore.
Disponibili, però, a cogliere preziose opportunità come, ad esempio,
quella del Piano Locale Giovani,
progetto che può accompagnarli
nelle scelte professionali e ridurre
le distanze tra chi cerca lavoro e
le aziende".
Chiuso il capitolo del 2012, si lavora adesso al programma del 2013,
che porterà nuovamente ad una
selezione di studenti cui proporre
l'esperienza formativa del tirocinio
anche presso le filiali di Torino e
dintorni.
I locali Bcc di Fossano sono da
sempre oggetto di chiacchiera:
"strana quella filiale circondata
da catene, tutta vetrate e open
space". In realtà il progetto di
questo edificio trova frequenti
citazioni nei libri di architettura moderna e senza dubbio
sor prend e coloro c he per la
prima volta varcano la bussola.
Quale miglior location, dunque,
per accogliere – anche se solo in
maniera temporanea – le preziose mattonelle del "Muretto della
Cultura"?
Chi in questo periodo si trova a sostare di fronte alla nostra vetrina di Viale Regina Ele-
Dario Cavaglià
10
punto d'incontro | 1.2013
11
assemblea 2013
Annotate in agenda: 24 maggio
Appuntamento alle 18.30 nella Sala Verde del Lago dei Salici
punto d'incontro | 1.2013
La "Festa dei Libri e
delle Rose" - ha sottolineato Biagio Barbero - è stato il primo
passo di un progetto
ambizioso, destinato a
mietere consensi.
na rimane sorpreso nel notare
un'intelaiatura realizzata a mano
in ferro battuto per incastonare
alcune opere d'arte. Le mattonelle artistiche, opera dalla pittrice
Ada Perona, recano il titolo delle
migliori poesie selezionate nell'ambito del concorso let terario "Il
Cielo sopra il Castello" e il nome
del loro autore.
"Dell'idea e dell'impegno – commenta Simona Grosso, responsabile della
filiale di città – per realizzare l'intero
progetto bisogna rendere merito
all'Osservatorio Fossanese, che ci
ha ormai abituato a iniziative nate
da intelletti vivaci, che si spendono
per valorizzare le perle preziose della
città. Svelano artisti più o meno noti
che, per mestiere oppure semplice
diletto, scelgono uno scatto d'autore, un componimento poetico, e
li mettono a disposizione della collettività per il piacere di condividere
qualcosa di bello. Per noi è dunque
stato un piacere sostenere l'iniziativa
fin dall'anno scorso e siamo onorati
di ospitare i primi tasselli del muretto
nei locali della banca".
12
I
"La Festa dei Libri e delle Rose –
sottolinea Biagio Barbero, a nome
dell'Osservatorio – è stato il primo
passo di un progetto ambizioso,
destinato a mietere consenso e successi. Dal concorso di poesia, giunto
alla seconda edizione, alla selezione
dei componimenti da incidere sulle
mattonelle destinate a dar vita al
"Muretto della Cultura". Abbiamo
così unito due forme d'arte, la scrittura e la pittura, capaci di tradurre
in maniera ancora più completa ed
emozionante la creatività dei talenti
che in questi anni hanno candidato i
loro lavori all'attenzione della giuria
tecnica".
Dalla Bcc a Viale Mellano, il Muretto,
ora che è dotato di una struttura di
supporto mobile, può prevedere
diverse destinazioni e soprattutto accogliere le poesie e le interpretazioni
pittoriche che saranno candidate
alle prossime edizioni del concorso,
visto che l'Osservatorio è di nuovo
al lavoro. E si preannunciano novità.
l Consiglio d'amministrazione
della Bcc, insieme alla Direzione e ai dipendenti, accoglierà
i soci in Assemblea, per condividere la relazione di sintesi
del Bilancio dell'esercizio appena
concluso. Debito spazio sarà riservato alla lettura non soltanto dei dati
riepilogativi di bilancio, ma anche
all'esposizione delle politiche amministrativa, gestionale e commerciale
fin qui perseguite. Ancora una volta
i soci saranno chiamati, per alzata di
mano, ad approvare l'operato del
gruppo di lavoro guidato da Antonio
Donetto, presidente ormai da 13
anni, e del binomio di Direzione –
Claudio Porello e Mauro Giraudi – in
forze dal 2005.
Terminata l'Assemblea, le ampie
sale del ristorante ospiteranno la
tradizionale cena; con la consueta
cortesia e professionalità, Giovanni
Riggio e il suo staff saranno pronti
ad accogliere i soci con un sorriso.
Poi, festa in musica, con le note e
l'allegria di Giulio Mallamo, accompagnato dal saxofonista Michele
Lazzarini e dalla voce di Michela
Mosso. Due volti noti ormai noti,
quelli maschili, che vantano un
curriculum di tutto rispetto: Giulio,
chitarrista professionista, oggi si
dedica all'insegnamento e, con la
magia delle note, racconta ai suoi
allievi anni di concerti in Italia e oltre
confine. Michele, virtuoso di sax e di
flauto, incanta per la versatilità con la
quale interpreta blues, jazz oppure
musica da ballo. Una piacevole novità
la presenza di Michela, giovane cantante torinese di jazz e canto classico,
allieva del Centro didattico musicale
di Moncalieri con una padronanza
vocale che le consente di esprimersi
al meglio in ogni genere di musica.
Pare ci siano le premesse ideali per
trascorrere una bella serata insieme.
Vi aspettiamo numerosi.
Termine prenotazione per la Cena:
lunedì 20 maggio 2013.
Come di consueto, l’adesione alla cena
dovrà essere comunicata in filiale ove
potrete ritirare il Buono Ingresso -
Tagliando Nominativo, non cedibile
ad altra persona. La mancata consegna
di tale Buono comporterà l’esclusione
dalla serata. Vista la previsione di una
partecipazione significativa, per ragioni
organizzative si raccomanda la prenotazione in tempo utile.
Infine, si prega di informare il personale
di filiale dell’eventuale impossibilità a
presenziare.
Venerdì 24 maggio 2013
Lago dei Salici
Caramagna Piemonte (Cn)
Strada Reale c.n. 3 - tel. 01
72 89236
• ore 18.30 Assemblea So
ciale
• ore 20.00 Festa del Socio
punto d'incontro | 1.2013
13
assemblea
PROMEMORIA PER i nostri SOCI
2013
Nella previsione che, in prima convocazione, non si raggiunga il numero di soci richiesto per la valida
costituzione dell’Assemblea (articolo 27 Statuto Sociale) si ritiene che la stessa avrà luogo in seconda
convocazione il giorno:
l'annuale assemblea dei soci della Bcc di Casalgrasso e Sant'Albano Stura
AVVISO DI CONVOCAZIONE
I Soci della Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant'Albano Stura sono convocati
in ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA indetta per il giorno 27 Aprile 2013 in prima convocazione
presso il Centro Servizi della Banca in Carmagnola (TO) - Via Chieri, c.n. 31 - alle ore 12,30 e per il
giorno Venerdì 24 Maggio 2013 - alle ore 18,30 - in seconda convocazione, presso il Ristorante
Lago dei Salici in Caramagna Piemonte (CN) - Strada Reale c.n. 3, per discutere e deliberare
sul seguente:
VENERDÌ 24 MAGGI0 2013 - ORE 18,30
presso
il Ristorante Lago dei Salici in Caramagna Piemonte (CN) - Strada Reale c.n. 3
• Per consentire la rilevazione delle presenze in Assemblea si raccomanda di presentarsi muniti di documento di identità e dell’allegato tagliando nominativo d'ingresso ricordando che è strettamente
personale e non può essere ceduto a terzi.
• I soci impossibilitati a partecipare personalmente possono farsi rappresentare da altro socio, che non
ordine del giorno
sia amministratore, sindaco o dipendente della società, mediante delega scritta con firma del delegante
autenticata a norma di Statuto.
1)Bilancio al 31 dicembre 2012: deliberazioni inerenti e conseguenti.
2)Politiche di remunerazione. Informative all'assemblea.
3)Determinazione dei compensi dell’amministratore indipendente e delle modalità di determinazione dei
rimborsi spese sostenute per l’espletamento del mandato.
4)Stipula della polizza relativa alla responsabilità civile e infortuni professionali degli amministratori e sindaci.
Potranno prendere parte all'Assemblea tutti i Soci che, alla data di svolgimento della stessa, risultino iscritti
da almeno novanta giorni nel Libro dei soci.
• Il socio che intenda delegare altro socio dovrà presentarsi presso gli sportelli della banca per l’autentica
della firma apposta sulla delega, ai sensi dell’art. 25 dello Statuto sociale.
• Ogni socio non può ricevere più di una delega ai sensi dell’art. 25 dello Statuto sociale.
• Si rende noto che la bozza del bilancio, le relazioni ad esso riferite e la documentazione inerente ai punti
elencati nell'ordine del giorno sono disponibili presso le sedi e le filiali della banca (rif. Art. 2429 Codice Civile).
• Dovendo garantire la regolarità dello svolgimento dei lavori, si invita alla puntualità.
• Un simpatico omaggio sarà consegnato a tutti i soci che parteciperanno personalmente all’Assemblea.
Per il Consiglio di amministrazione
Il Presidente - Antonio Donetto
Cordialità
punto d'incontro | 1.2013
Antonio Donetto
N.B.: Per l'autentica delle deleghe, ai sensi dell'art. 25 dello Statuto, il socio potrà recarsi presso uno degli
sportelli della Banca nell'orario di apertura al pubblico.
14
punto d'incontro | 1.2013
15
sport
Bocciofila Santalbanese
instancabile società
In campionato sfoggiano le nuove divise
Diritto e rovescio
te li insegna Nonsoloace
Scuola tennis per i bambini
allo Sporting Club di Fossano
U
punto d'incontro | 1.2013
na scommessa vinta grazie alla passione e alla
testa dura di un tennista.
Il suo nome è Fulvio
Priotti, la sua vita è lo
sport: maestro nazionale di tennis dal
1998, continua ad allenarsi e studiare,
non solo per premi e medaglie, ma soprattutto per conseguire la laurea come
tecnico nazionale di IV livello europeo.
Con il Consiglio direttivo dello Sporting
Club di Fossano è stata subito intesa e
l'idea di creare un movimento giovanile
– la Scuola Tennis Nonsoloace Sporting
Fossano – per promuovere il tennis in
zona ha preso piede in fretta. "A settembre 2010 – ricorda Fulvio – contavamo
soltanto 6 iscritti, ma le premesse non ci
hanno scoraggiato e, con la prima sta-
16
gione, abbiamo raccolto 22 bambini.
La nostra attività di promozione è proseguita iscrivendo la Scuola Tennis alla
Federazione Italiana e presentandoci ai
circoli della provincia di Cuneo per consentire ai giovani tennisti di incontrare
altri sportivi coetanei. Con la seconda
stagione il numero di tesserati è salito
a 42; oggi possiamo contare, con un
pizzico di orgoglio, sulla presenza di 53
ragazzi, coinvolti nel minitennis e nella
pre-agonistica".
Se la formula è giusta i risultati arrivano:
alcuni atleti si sono distinti ottenendo ottimi risultati a livello agonistico
nell'ambito dei campionati Under 12 e
14; in particolare Christian Vuolo e Mario
Gunetto sono stati convocati dal Centro
tecnico provinciale e regionale e "messi
sotto osservazione".
Altro fiore all'occhiello è l'attività estiva
che, per ben 10 settimane a partire da
fine giugno, trasforma il club in un villaggio sportivo nel quale sperimentare, oltre al tennis, anche nuoto, calcetto, tiro
con l’arco e arti marziali. A fine stagione
sono molti i ragazzi che, dopo questa
esperienza, proseguono l’avventura
con la scuola tennis. "Oltre all'aspetto
motorio – prosegue Fulvio – lavoriamo
anche sull'autostima dei bambini e sul
loro rapporto con i compagni. Accanto
a me l'istruttore Danilo Longo e la preparatrice fisica Nadia Bigotti, con i quali
è costante il confronto sullo stato d'animo che percepiamo nei nostri allievi. Per
i bambini del minitennis è importante
anche la presenza dei "grandi" della
pre-agonistica, che spesso giocano
con loro durante le lezioni dedicando
spontaneamente un po' di tempo ai
più piccoli".
Ottime dunque le premesse per crescere ancora, che spingono il maestro
e il Club a lanciare una nuova sfida: 70
iscritti nei prossimi due anni. Un'altra
scommessa vinta? Auguri e buon divertimento!
"Uno la passione per le bocce
ce l’ ha nel sang ue". Ga briele
Donalisio, presidente della "Santalbanese", la società bocciofila
di Sant’Albano, spiega così l’impegno suo e degli altri appassionati
per promuovere l’attività sportiva.
La struttura di via Morozzo è comunale, tanto che viene anche
utilizzata come spazio polifunzionale per eventi diversi, ma la sua
vocazione principale è, ovviamente, quella di ospitare gare.
Dal ’78, anno di fondazione, la
Santalbanese è protagonista sui
campi della provincia e, quest’anno, sarà impegnata fino a giugno
nel torneo di serie C.
"I soci effettivamente impegnati
nel campionato sono una dozzina,
ma altre formazioni più attrezzate
riescono a far ruotare anche 20
giocatori, – spiega Donalisio – noi
stiamo cercando di fare il massimo".
Intanto, ogni volta che scendono in
campo, i santalbanesi fanno bella
figura per la loro abilità nel gioco
e, ultimamente, per il loro stile.
"Le nostre divise erano vecchie
di 10 anni, ma, complice anche
il contributo della Bcc, abbiamo
potuto comprare maglie e borse
nuove – conferma il presidente -.
Ogni aiuto che riceviamo è importante, perché quasi tutte le spese
necessarie a promuovere l’attività
sono sostenute dai soci".
Oltre alle partite di campionato,
che attirano sempre molto pubblico in bocciofila, la Santalbanese
organizza anche tornei e gare.
"Accanto alle sfide cui partecipano
anche altre società, sono molto
apprezzati gli appuntamenti della
domenica, in cui sono gli iscritti
a giocare. Ecco perché quello
delle bocce continua ad essere
uno sport vivo e molto praticato
in paese, - conclude Donalisio. anche se, con un po' di rammarico,
non nascondo che ci sono pochi
giovani".
Forse le nuove leve sono attratte
da sport più dinamici e talvolta più
estremi, ma avranno il tempo di
curiosare in bocciofila e scoprire la
serenità di un gruppo di appassionati che hanno una gran voglia di
divertirsi e giocare a bocce.
punto d'incontro | 1.2013
17
appuntamenti
Chi sarà il piè veloce
di Sant'Albano?
Una corsa podistica
non competitiva
per ricordare
Federico Panero
Giovanni Grosso e Fed
erico Tomatis
Trinità nelle gambe, Giulia nel cuore
punto d'incontro | 1.2013
Al via la 2ª edizione del memorial di podismo dedicato
alla giovane atleta scomparsa nel 2010
U
na corsa lungo le strade
e la storia di Trinità: il "2°
Memorial Giulia Rosso",
organizzato dall’Atletica
Fossano 75, si disputerà
il 23 aprile a partire dalle 20. Una gara
speciale, nata per ricordare Giulia,
scomparsa nel 2010 ad appena 19 anni,
grande appassionata di atletica. Come
tutti quelli che, già nella prima edizione
dello scorso anno, riempirono le strade
del paese. Saranno almeno 170 i podisti
che prenderanno parte alla gara com-
18
petitiva, il doppio per la camminata
serale sullo stesso percorso. Si partirà
di fronte alla filiale della Bcc a Trinità,
che ha sponsorizzato la manifestazione. Da qui, il tragitto di 8 chilometri si
svilupperà anche all’interno del parco
Allea, così da proporre variazioni di
pendenza e passaggi impegnativi.
Non mancheranno "incursioni" all’interno del castello dei Conti Costa, la
palazzina storica che domina la piazza
principale del paese.
"Si tratta di una manifestazione
regionale di corsa su strada "argento", vale a dire riconosciuta
dalla Fidal, la federazione di
atletica – spiega Nicola Della
Monica, uno degli organizzatori -. Già lo scorso anno
ottenemmo un successo di
partecipazione superiore alle
aspettative: credo che anche
questa volta la bellezza del
circuito e le sue caratteristiche tecniche attireranno
molti più appassionati".
Il Memorial Giulia Rosso è
anche un momento di festa
per chi, con gli amici o in famiglia, vuole
fare una lunga passeggiata tra il verde
e negli angoli caratteristici di Trinità,
così da trascorrere in compagnia una
serata di primavera. La festa proseguirà dopo la premiazione: ci saranno
gadget per tutti e, soprattutto, un
gustoso party in bocciofila a base di
penne, prosciutto e crostata offerte
dalla pizzeria Olivio e dal panettiere
Mario Somà.
Chi domenica 28 aprile sceglierà le tranquille vie del centro di
Sant'Albano Stura per fare due
passi riceverà una piacevole sorpresa. Da città ricca di storia a
circuito di una gara che si preannuncia gremita di corridori e di
pubblico.
"Elettrizzante quanto impegnativa
avventura – commenta Federico
Tomatis, responsabile della filiale Bcc
cittadina e parte del
Comitato promotore
– quella di organizzare una corsa podistica non competitiva
e, parallelamente, di
definire un percorso
di Fitwalking destinato agli appassionati
di questa disciplina, sempre più
numerosi in città e nei comuni
limitrofi. L'idea è nata facendo due
chiacchiere tra amici, accomunati
dalla passione per la corsa e per
lo sport in genere. L'intento è di
offrire una giornata di svago, per
rompere il monotono logorio della
vita moderna. Tra gli appuntamenti di "Sant'AlbanEdCursa" – questo il nome della manifestazione
– anche una camminata tranquilla
e divertente per coinvolgere anche i bambini, protagonisti di un
breve circuito".
Dalla Pro Loco all'Avis, dagli Alpini
all'Oasi La Madonnina, tutte le associazioni locali sono impegnate
nel dare vita a un appuntamento
che vuole riunire realtà sempre
attive sul territorio, animate da
persone che, a puro titolo di volontariato, migliorano la vita sociale a favore della collettività. E che
vuole consentire ai partecipanti
di ammirare anche il suggestivo
paesaggio che circonda il centro
abitato: il percorso si snoda infatti
per 13 km nel bel mezzo delle
campagne santalbanesi.
"L'occasione ci permette di ricordare – conclude Tomatis – un
giovane e caro amico, Federico
Panero, recentemente scomparso.
Un vuoto enorme in tutti noi, che
non abbiamo smesso di fare un
salto al Bar 46, il suo, per osservare
con piacere quanti ragazzi del paese lo abbiano scelto come punto
d'incontro. Federico ci accoglieva
con l'allegria che si riserva agli
amici migliori. Anche lui amava
correre, non a piedi ma con la sua
inseparabile motocicletta, era un
centauro appassionato di libertà;
di certo apprezzerà il clima di festa
di questa manifestazione".
Non resta altro da fare, dunque,
se non preparare scarpe e zainetto
e... cominciare a correre!
punto d'incontro | 1.2013
19
Tradizioni, buona cucina e giochi
nella "Fera dell'Arlev"
Pro Loco e associazioni regionali di Settimo
preparano la fiera di maggio
Salvaguardia dell'ambiente e solidarietà:
questo lo spirito della "Corsa Rosa"
punto d'incontro | 1.2013
L’Atletica Est propone a Torino la gara podistica
in notturna riservata alle donne
"Se non viene frequentata, una
zona verde cede al degrado: il nostro obiettivo è quello di mantenere vivo il parco Dora facendo sport
e facendo conoscere l’attività della
nostra associazione". Nicola Giannone, presidente dell’Atletica Est
Torino spiega così le ragioni che
hanno portato all’organizzazione
della "Corsa in Rosa", un appuntamento riservato alle donne che, per
il secondo anno, si disputa proprio
al parco Dora (prima si correva alla
Pellerina).
"L’Atletica Est Torino è nata nel
1979 – dice il presidente – tra le
competizioni più note che organizziamo c’è la "Nove miglia di Natale", che si disputa ormai da 13 anni.
L'evento dedicato alle donne rappresenta una novità ben recepita
in città e la scelta della location
risulta propizia. Nel parco Dora
possiamo contare su una struttura
coperta molto ampia che assicura
vantaggi per gli organizzatori e per
le atlete.
Era importante, inoltre, allestire
20
una manifestaizone in questa zona,
perchè vicina alla nostra sede e in
un’area verde che offre ottimi spazi
e tracciati su cui ricavare il percorso
di gara".
Il primo esperimento, lo scorso
anno, fu un successo nonostante
le difficoltà perché alcune zone
del parco erano ancora impraticabili. Il tracciato però toccò diversi
punti del quartiere: dall’ospedale
alla pista ciclabile, al passaggio
sul ponte di legno. Caratteristiche
apprezzate dalle partecipanti che
l’anno scorso furono 500 e stavolta
potrebbero essere anche di più".
L’edizione di quest’anno è in programma l’11 maggio e si inserisce
tra le iniziative presentate dal Comune
di Torino che anticipano gli eventi del 2015,
quando proprio Torino
sarà proclamata città
europea dello sport. La
partenza sarà alle 20.50,
così la serata si trasformerà, dopo l’arrivo, in
una grande festa: atlete e famiglie
potranno cenare al parco, ballare e
partecipare ad alcuni giochi.
Oltre alla gara competitiva, ci sarà
anche la camminata dove tutti potranno scoprire angoli nuovi della
città. "E aiutare papà e mamme
che hanno bambini malati – spiega
Giannone - La manifestazione è organizzata per raccogliere fondi da
devolvere all’Ugi, l’Unione genitori
italiani, l’associazione che aiuta
le famiglie con bambini in cura al
Regina Margherita assicurando
un alloggio proprio ai genitori".
Ancora una volta il binomio sport
– solidarietà risulta vincente.
Negli ultimi anni a Settimo mancava un appuntamento primaverile
che offrisse curiosità, occasioni
di incontro, diver timento per i
bambini. Ci ha pensato la Pro Loco
che, dal 20 0 0, ha riproposto la
"Fera dell’Arlev", dal piemontese
"arlevè" , fiera dello scambio degli
articoli e degli oggetti scovati in
casa. La manifestazione trae origine dalla ben più antica fiera di San-
ta Croce c he si
teneva intorno al
3 maggio, il giorno in cui la Chiesa
festeggia il ritrovamento della
Croce. Anche in
q ue s to c aso, la
tradizione popolare aveva avuto
il soprav vento e
quella era diventata la "Fera dij
Cochet", poiché
vi si faceva commercio dei bozzoli dei bachi da
seta ("cochet" in
piemontese).
"Anche quest’anno sarà creato uno
spazio speciale dedicato ai più piccoli – spiega Paola Bolognino, presidente della Pro Loco -. In piazza
Libertà l’associazione "I giochi del
tempo che fu" lascerà a disposizione dei bambini passatempi antichi
e grandi animali di legno dove
mamme e papà potranno lasciar
giocare i loro figli senza affanni". Ci
sarà la mucca che si può mungere,
ci sarà il cavallo di Troia dove ci si
potrà nascondere, una "bicicletta
infernale", le ruote pazze, bighe e
carriole, il "pinocchio bowling" e
tanti altri giochi, oltre ad altalene
dalle forme stravaganti.
L’edizione 2013 della fiera sarà il 26
maggio e si svilupperà nell’isola
Guido Barbieri
pedonale tra via Torino, piazza
Vittorio Veneto, via Italia e piazza
C am pid og lio. Par tec i per anno
anche le associazioni regionali
di Set timo che daranno vita a
un "Ristorantino delle regioni":
Piemonte, Calabria, Veneto, Sicilia, Campania e Lucania saranno
presenti con le loro eccellenze
gastronomiche; anche la Pro Loco
avrà il suo stand con piatti tipici
in piazza della Libertà. Novità di
quest’anno sarà il raduno delle
Fiat 500 in piazza Vittorio Veneto.
Uno spazio, come ormai accade da qualche anno, sarà de dicato anche allo stand
Bc c, g r a zie alla p re s e n z a d ei
colleghi della filiale: Guido Bar-
punto d'incontro | 1.2013
21
territorio
bieri e i suoi collaboratori avranno modo di incontrare in fiera i
Settimesi che, dal 2008 ad oggi,
si sono rivolti alla nostra banca
magari per un confronto e poi
sono rimasti con noi. E, perchè
no, di conoscere volti nuovi, curiosi di capire come mai una Bcc
scenda in fiera.
700 studenti in gara sulla pista di atletica
del palazzetto di Carmagnola
Prodotti e giovani d'eccellenza
Casalgrasso festeggia la Giornata del Ringraziamento
punto d'incontro | 1.2013
Tra maggio e giugno il meeting destinato agli alunni di Elementari e Medie
"Crediamo che lo sport possa aiutare molto i ragazzi a seguire un sano
percorso di sviluppo". Parola di Letizia
Anzalone, l’insegnante referente del
progetto scolastico grazie al quale, a
fine maggio, si disputerà il "1° Meeting di atletica leggera" dell’Istituto
Comprensivo Carmagnola 2. Anche
il dirigente scolastico Rosalinda Rambaldi e la commissione di educazione
motoria dell’istituto hanno sostenuto
l’iniziativa, tenuto conto dell’esperienza maturata negli anni passati. "È dal
2005 che organizziamo gare sportive
per i bambini, sulla scia dell’entusiasmo che, dopo le Olimpiadi del 2004,
aveva contagiato tutti gli alunni delle
Elementari – spiega la Anzalone -.
Con la consulenza del professor
22
Osvaldo Pelissero, avevamo coinvolto
le classi terze, quarte e quinte per far
loro sperimentare diverse discipline. Ora, con la creazione del nuovo
istituto comprensivo, il progetto si
è ampliato con la partecipazione gli
studenti dei plessi che sono stati aggregati: ecco perché abbiamo deciso
di considerare questa come prima
edizione del meeting".
L’obiettivo che gli insegnanti vogliono
perseguire è quello di educare a fare
sport in modo sano, lontano dalle
esasperazioni agonistiche. "L’attività
fisica – sottolineano i docenti – deve
servire non solo a migliorare le proprie capacità motorie, ma anche a
socializzare con i coetanei, a misurarsi
con loro e con i propri limiti, rico-
noscendo il valore degli avversari e
rispettandoli".
Le sfide si disputeranno sulla pista
d’atletica del Palazzetto dello sport
di Carmagnola, grazie anche al supporto tecnico garantito dal Comune
e all’aiuto offerto dai volontari dell’Atletica Carmagnola.
I ragazzi si misureranno nel lancio del
vortex (una specie di lancio del peso
per bambini), nella corsa veloce e
in quella ad ostacoli, nella staffetta
4x100, nel salto in lungo e nel salto
in alto. In tutto, parteciperanno 320
alunni delle Elementari e 425 delle
Medie. Questi ultimi saranno impegnati il 21, 23 e 24 maggio (rispettivamente le classi terze, seconde e
prime). I bambini delle Elementari
invece gareggeranno il 27 maggio, il
3 e il 10 giugno.
Dovranno dare il massimo, non tanto
per loro stessi, quanto per la loro classe perché la sfida sarà proprio quella
di vincere come classe nei confronti
dei compagni delle altre sezioni. Il
progetto, infatti, coinvolge le terze,
quarte e quinte delle Elementari di
Salsasio, San Bernardo, San Michele
e San Giovani e tutte le classi delle
Medie della scuola di via Marconi 20,
oltre a quelle della Media dell’Istituto
Comprensivo Carmagnola 3.
Il lavoro dei campi è mestiere
considerato di fatica. Certo un
tempo era così, tutto si doveva
all'instancabile lavoro dell'uomo.
Oggi, anche nel settore agricolo,
il progresso tecnologico consente di ridurre l'impegno personale
di tempo e di fisico, ma i coltivatori e gli allevatori continuano ad
essere chiamati ad una presenza
pressoché costante in azienda.
"Proprio di impegno e costanza –
sottolineano i giovani coltivatori
casalgrassesi premiati durante
la Giornata del Ringraziamento
– abbiamo voluto parlare con i
nostri coetanei, per riflettere su
come il benessere e le prospettive di crescita del nostro territorio
siano legate allo sviluppo del
settore agricolo. Il contesto economico che ci chiama ad essere
imprenditori di noi stessi è ancora
legato ai prodotti e alle risorse
della terra".
Hanno le idee chiare Diego Defassi, Domenico Giordana, Giuliano Giordana, Giorgio Moriondo,
Claudia Pussetto e Riccardo Sola,
meritevoli di aver prestato non
soltanto preziosa manodopera,
ma so pr at tut to id ee vincenti
nell'anno appena concluso per
portare le aziende agricole in cui
lavorano a livelli di eccellenza
produt tiva. E proprio a loro è
stato affidato il compito di raccogliere i preziosi frutti della terra
da presentare all'altare durante la
Santa Messa che, per tradizione,
ha accomunato l'intera comunità
locale nel ringraziamento per la
passata annata agricola favorevole.
"Una tradizione – ha commentato il Sindaco Egidio
Vanzetti – che
va conser vata nel tempo,
come festa religiosa capace
di riunire le famiglie e come
momento di
confronto tra generazioni diverse per età, figlie di una tradizione
contadina tanto consolidata da
divenire storia e patrimonio culturale delle nostre zone".
punto d'incontro | 1.2013
23
Chi lavora, chi studia, chi fa volontariato:
ecco la ricchezza di Sant'Albano
Il coraggio dei Partigiani
nella memoria di Pancalieri
Premi al merito civico consegnati nella giornata della "Fera ed Sant’Alban"
punto d'incontro | 1.2013
L'A.N.P.I ricorda la battaglia contro i Fascisti
Le giornate della memoria lasciano
sempre un po' di amaro in bocca.
Perché con il senno del poi, forse, il
sacrificio di molte vite umane si sarebbe potuto evitare; perché il racconto dei nostri padri e dei nostri
nonni è ancora terribilmente vivo
e vicino. Delle interminabili lotte
tra i Partigiani e i temuti Fascisti le
nostre terre sono zeppe di ricordi.
A Pancalieri, in particolare, è attiva dal maggio 2011 una sezione
dell'A .N.P.I. (A s sociazione Nazionale Partigiani d'Italia) che ha
recentemente celebrato il 68° anniversario della Battaglia della Pancalera, presentando anche il nuovo
labaro alla comunità pancalierese.
"Uno scontro a fuoco – spiega il
Presidente Franco Senestro – avvenuto il 26 settembre 1944 sulla
strada che da Pancalieri porta a
Carignano. Abbiamo voluto ripercorrere quel tragitto, anche se
comodamente seduti in auto e ben
lontani dalle condizioni di disagio
e fatica dei Partigiani. I camion
fascisti arrivavano alla Filanda di
Pancalieri per fare razzia del grano.
I contadini convogliavano il rac-
24
colto nel magazzino della
Filanda, ma del loro lavoro
pur troppo rimaneva ben
poco. Infatti i sacchi venivano
portati a Torino e destinati al
treno diretto in Germania".
La giornata della memo ria ha avuto inizio con una
sosta al cippo che ricorda
l'at tacco par tigiano, ove
per sero la vit a Chiaf f re do Barreri e Franco Diena,
proprio all'incrocio delle
tre strade: Pancalieri – Carignano e Lombriasco – Osasio;
poi i presenti hanno condiviso una
semplice e doverosa riflessione sul
valore del sacrificio e dell'amor patrio, infine il momento conclusivo
nella piazza Falcone e Borsellino
di Lombriasco. Numerosi i semplici
cittadini raccolti attorno alle autorità intervenute: nomi noti, come
il rappresentante della Comunità
Ebraica Isacco Levi, o il Presidente
dell’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo Livio Berardo. Tra loro,
ospite particolarmente gradito, il
Professor Raimondo Luraghi, giornalista e storico di fama internazionale (recentemente scomparso),
Partigiano che prese parte a quella
battaglia.
"La crisi si fa sentire anche qui, ma la
gente di Sant’Albano continua a impegnarsi e a mettere in mostra quanto di meglio sa fare": così il sindaco
Donatella Operti ha aperto la giornata dedicata alla "Fera ed Sant’Alban". Una fiera non solo di prodotti,
ma di persone, tanto che nel salone
delle Medie "Tassone" sono stati
consegnati i premi al merito civico
ai Santalbanesi che si sono distinti
nella loro dedizione nel lavoro, nel
volontariato e nello studio. Alessia
Quaglia della 1ª A, Rossella Ghigliano
della 1ª B, Melissa Galliano della 2ª A
e Chiara Costamagna della 3ª A: sono
le studentesse delle Medie cui sono
andati i riconoscimenti 2013 istituiti
dalla famiglia Vallauri. Una targa di
riconoscimento è stata assegnata
anche ai volontari che gestiscono
l’oasi naturalistica "La Madonnina"
e all’ingegner Marco Duranda della
Buzzi Unicem, che proprio all’oasi ha
donato 220 mila metri quadri di terreno lungo il fiume Stura, dove molti
animali, soprattutto uccelli , hanno
trovato il loro habitat ideale. Premio
speciale anche a Marco Rossi, unico
laureato santalbanese nel 2012, e a
Mino Taricco, primo parlamentare
nella storia di Sant’Albano.
Mauro Fissore è uno dei volontari de
"La Madonnina": "L’oasi è diventata
un punto di riferimento per le visite
didattiche di tante scuole, anche da
Torino e dalla Liguria. È uno spazio
sano per ragazzi, per famiglie, per i
pensionati che, specie in primavera,
voglio passare giornate all’aria aperta
alla scoperta delle bellezze naturali. E
con la terza edizione della "Fiera dei
luvertin" a metà aprile, vogliamo far
capire che qui si possono raccogliere
le erbe spontanee e mantenere le
tradizioni contadine".
L’oasi ha festeggiato i 10 anni di vita,
la Fera ed Sant’Alban ne vanta 60.
"Per riprendere la festa proprio nel
giorno del santo che dà il nome al
paese, era stata riproposta la fiera nel
1953 – racconta Giovanni Bellone, già
sindaco e memoria storica della comunità santalbanese -. I primi riconoscimenti, istituiti per premiare i meriti
al lavoro e allo studio, andarono al
medico condotto Giacomo Quaglia,
al parroco don Ravina e alle sorelle
Ada e Rosa Trombetta, tra i fondatori
della Cassa rurale di Sant’Albano".
Cassa Rurale divenuta Bcc e ancora
presente in città come in fiera, con il
gruppo della filiale Federico Tomatis,
Flavia Prieri, Andrea Manzo e Barbara
Racca: volti ormai noti che ogni anno
prendono parte alla manifestazione
per incontrare soci e clienti e fare
semplicemente due chiacchiere,
come una volta.
punto d'incontro | 1.2013
25
EdizioniCanova
Si ringrazia:
ai Vip nel libro di Cristiano Sabre
a CARMAGNOLA
Cristiano Sabre
Casalgrasso
Comune di Faule
Parte del ricavato andrà al reparto di neonatologia
del Sant'Anna di Torino
Casalgrasso
Comune di
Casalgrasso
ISBN 9788890749612
punto d'incontro | 1.2013
€ 15,00
In 10 anni di lavoro come giornalista
ha incontrato tanti divi della tv e dello
sport. Non è stato facile, ci sono voluti
trucchi e appostamenti per raggiungere ogni personaggio famoso e porre
domande. Ora tutto questo lavoro è
stato raccolto nel libro Generazione Vip
– I miei 10 anni di interviste ai famosi.
È la prima fatica letteraria di Cristiano
Sabre, classe 1984, pubblicista di Casalgrasso con alle spalle collaborazioni
con diverse testate di Cuneese e Torinese, su carta, sul web e in televisione.
Sono parecchi i volti noti in questo libro,
pubblicato da Edizioni Canova, piccola
casa editrice di Pancalieri: da Renzo
Arbore a Paolo Bonolis, da Antonella
Clerici a Enrico Ruggeri, da Gianni
Morandi a Luca Argentero. Ci sono
comici come Max Pisu, i Fichi d’India,
Luca e Paolo, Geppy Cucciari, Mr. Forest, Jerry Calà. Tra le bellezze italiane
Melissa Satta ed Elisabetta Canalis, il
volto straniero è di Belen Rodriguez. E
ancora, vecchie glorie del calcio come
Gigi Lentini e campioni del presente
come Claudio Marchisio.
"È una collezione che mette a nudo
molti divi della tv e non solo – dice
Sabre -. Un tesoretto di curiosità nazional-popolari e aneddoti che ho personalmente raccolto e che, finalmente,
ho potuto condividere con i lettori". Il
"viaggio" nelle vite dei vip parte dal
2003. Ci sono voluti poi 7 mesi di lavoro
scritturale ed editing per arrivare alla
versione definitiva del volume. "Ripercorro, sotto forma di racconto, tutte
le mie personali esperienze – spiega
l’autore -. Non mancano episodi particolari, perché non sempre è stato facile
riuscire ad avvicinare un personaggio e
"rubargli" qualche segreto".
Parte di quanto ricavato dalle vendite
(a breve il libro sarà disponibile nelle
librerie di Piemonte e Liguria, ma si
può già acquistare sui siti internet di
Amazon, Feltrinelli, Ibs e altri) sarà
26
PIZZERIA
RISTORANTE
Fraz. Favari - Poirino
viaggiare con Bcc
Dieci anni di interviste
Cristiano Sabre
Generazione Vip
1984, laureato
pubblicista piemontese, classe
Cristiano Sabre, giornalista
rsità degli Studi di
Linguistica presso l’Unive
in Scienze della Mediazione
testate giornalisu
gavetta
nutrita
una
lum
Torino, vanta nel suo curricu
line che su carta
cuneese e torinese, sia on
stiche del panorama locale
Il Carmagnolese,
e di Savigliano, Saluzzo Oggi,
collabostampata, come Il Corrier
ocn.it, Sanremonews.it e
Targat
e,
Chison
del
L’Eco
La Pancalera,
Primantenna.
e
ole
Telecup
di
TG4
il
razioni televisive con
mie personali espedelle
zata’
‘roman
fia
biogra
Afferma l’autore: «Il libro,
ha preso forma
olo, della musica e dello sport,
rienze con vip dello spettac
certa consisteninterviste aveva assunto una
‘di coloman mano che la mole delle
al-popolari ed informazioni
nazion
tà
curiosi
di
o
tesorett
za. è un
condividere con i
messaggero, che ho voluto
re’, di cui sono il principale
dall’anno 2003».
parte
che
rio
itinera
lungo
lettori, attraverso un mio
lla Clerici a Ena Paolo Bonolis, da Antone
come I Fichi
Tanti i nomi, da Renzo Arbore
di a Luca Argentero, comici
rico Ruggeri, da Gianni Moran
e come Elisabetta
Cucciari, Mr. Forest, bellezz
Geppy
Paolo,
e
Luca
,
Marchisio
d’India
i come Gigi Lentini, Claudio
sportiv
e
uez
Rodrig
Canalis, Belen
e non solo.
Generazione
Vip
Parte del ricavato
della vendita del
libro sarà devoluta
alla Fondazione
Crescere Insieme al
Sant’Anna - Onlus
in aiuto del reparto
di Neonatologia
all’ospedale
Sant’Anna di Torino
.it
www.fondazionesantanna
I miei 10 anni di
interviste ai famosi
devoluta alla Fondazione "Crescere
Insieme al Sant'Anna Onlus" di Torino
per sostenere il reparto di neonatologia. Per ulteriori informazioni circa gli
appuntamenti di promozione del testo
e dell'iniziativa di solidarietà è possibile
consultare la pagina Facebook denominata "Generazione Vip di Cristiano
Sabre" o inviare un'e-mail all’indirizzo:
[email protected]
Curiosità, qualche pettegolezzo leggero, un po' di fantasia: ingredienti ben
amalgamati per realizzare il sogno di un
giovane autore e sostenere una causa
meritevole.
Concludiamo anche questa volta il nostro giornale con l'anteprima dei viaggi.
Programmi e costi, come sempre, sono a disposizione in filiale.
Buon viaggio!
Marche 1-5 maggio
110 e lode!
Premi studio
Di Trinità e Montanera le lodi al merito
Alessandro Raviolo è diventato
Dottore in Medicina e Chirurgia con
il massimo dei voti. Complesso l'argomento di tesi, frutto di una ricerca
sviluppata durante l'intero corso di
studi in merito al diabete di tipo 1.
Alessia Castellino, come Alessandro, sogna di diventare un bravo
medico: ha terminato il primo ciclo
di studi laurendosi con lode e dignità
di stampa, presentando una tesi in
materia di Ematologia.
Rimaniamo in ambito medico con
Valentina Bongiovanni, brillantemente laureta in Infermieristica. Delicato l'argomento della tesi, inerente
l'impatto emotivo cui è soggetta una
persona alla quale viene diagnosticata la sclerosi multipla.
I nostri migliori auguri per una brillante carriera a tutti e tre.
Valentina
Alessia
Alessandro
La natura, borghi e città storiche, antiche tradizioni e sapori di una regione
tutta da scoprire, avvolta da quell’atmosfera un po’ appartata che sa di rispetto
del proprio passato.
È un piacere inoltrarsi lungo le strade
che salgono colline ammantate di olivi,
vigneti, girasoli e lavanda, a due passi
dagli antichi borghi murati che, sugli alti
colli, punteggiano il territorio.
Nel nostro viaggio i menù andranno dai
sapori di pesce dell’Adriatico alle pietanze della collina e della montagna, con
assaggi di prodotti tipici regionali come
le olive ascolane o il formaggio di fossa.
Cina 8-20 giugno
Un paese immenso, la storia infinita
di un popolo affascinante, operoso
e silenzioso.
Pechino: il tempio tibetano, la Grande
Muraglia, le Tombe Imperiali della dinastia Ming, la svolta storica di Piazza
Tienammen. E ancora, Shanghai con
il Tempio del Budda di Giada,
il giardino di Yu, la città vecchia.
Non c'è fine al racconto, perchè in
Cina la storia si scrive a bassa voce,
in un'atmosfera di ordinata magia di
fronte alla quale nessuno può restare
indifferente. Un viaggio indimenticabile da fare almeno una volta nella
vita, con la piacevole certezza che
non basterà.
Londra e la
Cornovaglia 13-20 luglio
Il fascino della ‘city’ e la magica patria
di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola
Rotonda: un viaggio tra la modernità
di Londra e la regione più affascinante
d’Inghilterra, la Cornovaglia. Senza
fiato, in silenzio, non si può far altro se
non ammirare un paesaggio costellato
da misteriosi castelli e manieri, per
scendere poi lungo le selvagge scogliere a picco sul mare.
Marocco Settembre
Sui libri viene spesso definito il reame
della luce, perchè il sole sorge tra
le dune del deserto al canto di una
preghiera. È terra di berberi, arabi,
neri, andalusi, è il regno dove l’Europa Mediterranea lambisce la costa
e sfiora l’Africa del Maghreb. È culla
delle montuose vette dell’Atlante, che
s’innalzano per dividere gli orizzonti
sterminati di Atlantico e Sahara.
Come non partire?
New York Ottobre
Essere a New York è come essere al
centro del mondo: tutto il resto ruota
attorno a questa meravigliosa città.
Che vive di un presente che significa
futuro, in ogni angolo è capace di
affascinare, travolgere, incuriosire. Tra
musei e gallerie d’arte, negozi e grattacieli, locali notturni e jazz club, tutto
sarà nuovo e terribilente alla moda.
punto d'incontro | 1.2013
27
www.tec-artigrafiche.it
CRESCE
PROGETTA
COSTRUISCE
DIFENDE
LAVORA
CONNETTE
CRESCE
PROGETTA
COSTRUISCE
DIFENDE
LAVORA
CONNETTE
CRESCE
PROGETTA
COSTRUISCE
DIFENDE
banca8833.bcc.it
Fly UP