...

“Una buona scuola è quella dove il bambino entra pulito e torna a

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

“Una buona scuola è quella dove il bambino entra pulito e torna a
“Una buona scuola è quella dove il
bambino entra pulito e torna a casa
sporco: vuol dire che ha giocato, si
è divertito, si è dipinto addosso, ha
usato i propri sensi, è entrato in
contatto fisico ed emotivo con gli
altri”.
Crepet P.
Marchesane, settembre 2014
Questo opuscolo presenta in sintesi l’organizzazione della nostra Scuola dell’infanzia ed il suo Progetto
educativo-didattico.
DIRITTI E DOVERI
Le famiglie hanno diritto di essere informate, ascoltate e messe in condizione di partecipare; hanno il dovere
di riconoscere ed accettare il principio della salvaguardia del bene comune, anche quando in contrasto con le
richieste individuali; hanno il dovere di rispettare norme ed orari che regolano il funzionamento del servizio;
hanno il diritto di proporre modifiche ed integrazioni. Alle famiglie è garantita la libertà di esprimere il loro
pensiero.
Le insegnanti, il personale ed il Comitato di Gestione hanno il dovere di accogliere e sollecitare il confronto, i
suggerimenti, le richieste e le osservazioni delle famiglie; hanno il diritto di essere rispettati nello svolgimento
del loro lavoro e delle loro competenze.
PERCHE’ IL POF
 Per costruire un percorso educativo che aiuti il bambino nello sviluppo della sua prima infanzia
 Per collaborare in modo più proficuo e trasparente con le componenti scolastiche: i bambini, le insegnanti, i
genitori, il personale amministrativo, ausiliario e religioso, la comunità territoriale
 Per portare a conoscenza l’organizzazione della nostra scuola e promuovere il suo progetto educativo-didattico
FLESSIBILITA’ significa:
 Operare metodologie educative aderenti ai bisogni e alle potenzialità dei bambini
 Attivare laboratori e gruppi di intersezione per:
- facilitare l’inserimento e la socializzazione
- motivare l’interesse e la partecipazione del singolo
- promuovere lavori di gruppo ( metodologia COOPERATIVE LEARNING)
- Ampliare l’Offerta Formativa attraverso la realizzazione di alcuni progetti, svolti dalle insegnanti di sezione ed
intersezione.
PROGETTI DIDATTICI/EDUCATIVI:
- Progetto inserimento ed accoglienza
- Progetto sezione
- Laboratorio sensoriale
- Progetto religione
- Progetto lettura
- Progetto educazione motoria
- Laboratorio di scienze
- Progetto “orto”
- Progetto Archimede Pitagorico
- Progetto laboratorio logico-matematico
- Progetto laboratorio letto-scrittura
- Progetto educare alle emozioni
- Progetto a scuola di salute e sicurezza
- Progetto educazione stradale
- Progetto sicurezza con il cane
- Progetto nonni
- Progetto uscite
- Progetto feste
- Laboratorio argilla
- Progetto inglese
- Laboratorio di informatica
Progetto musica
-
Altri progetti tenuti da specialisti esterni ( con richiesta di contributo ):
 progetto nuoto
 progetto “Gioco con la danza”
INTEGRAZIONE significa:
 Collaborare con gli Enti Locali.
 Collaborare con le agenzie educative territoriali, quali la Parrocchia, il comitato di quartiere, il gruppo excombattenti, alpini .…
 Offrire servizi culturali ed educativi ai genitori: incontri formativi con esperti .
RESPONSABILITA’ significa:
Coinvolgere il personale della scuola nel condividere e attuare il nostro progetto educativo, nell’ottica dell’autonomia
scolastica
 Valutare in itinere l’attività organizzativa e didattica.
ORGANIZZAZIONE GENERALE
a) CARATTERISTICHE STRUTTURALI
La scuola è circondata da un’area verde con un cortile-giardino fornito di varie attrezzature e giochi, sabbia, ghiaia e
prato con delle belle piante utili per la loro ombra e l’osservazione della natura.
L’ingresso dispone di un atrio (nel quale si trovano gli armadietti dei bambini) che porta ai servizi igienici, alla
segreteria e a un’ aula adibita a biblioteca.
L’atrio comunica anche con uno spazioso salone adibito all’attività motoria , al gioco e ai momenti di gruppo. Dal
salone si aprono: la sala da pranzo comunicante con la cucina, le tre aule per le attività giornaliere di sezione e di
intersezione comunicanti con il cortile, un ripostiglio per il materiale didattico e uno per il materiale motorio, i
servizi igienici per i bambini, il dormitorio per i piccoli.
Al piano superiore si trovano due stanze per attività varie, un laboratorio creativo, un laboratorio d’informatica e un
piccolo salone adibito alle attività di movimento espressivo e di danza.
b) CARATTERISTICHE FUNZIONALI
Nella scuola materna sono iscritti 45 bambini suddivisi in 2 sezioni eterogenee. Operano: 4 insegnanti (di cui una
con la funzione di insegnante e coordinatrice), 1 cuoca (un “aiuto-cuoca” volontaria), 2 collaboratrici scolastiche in
qualità di personale ausiliario e per il servizio di prolungamento d’orario ( dalle 16,00 alle 18,00 ) e un gruppo di
volontarie che aiutano nel servizio di anticipo, risveglio dalla nanna e posticipo.
Gli Organi Collegiali
-
Comitato di Gestione composto da: parroco, presidente, vicepresidente, tesoriere, segretario, coordinatrice
e quattro consiglieri. Il comitato stabilisce il regolamento interno, il quale viene rivisto annualmente con il
calendario scolastico.
Consiglio Scolastico o d’intersezione composto da : comitato di gestione, rappresentanti dei genitori (2 per
sezione), insegnanti e personale ausiliario
Collegio docenti composto da 4 insegnanti una delle quali assume il ruolo di coordinatrice.
Assemblea dei genitori.

RISORSE
-
-
Oltre al gruppo delle volontarie che operano nella scuola in aiuto al servizio di anticipo, risveglio dalla nanna e
posticipo, alcune persone della comunità operano nella scuola come volontari prestando una preziosa ed efficiente
collaborazione per tutti i piccoli lavori di manutenzione del giardino e dell’edificio e per organizzare momenti di
festa. Altri ( nonni, genitori, amici, professionisti … ) mettono a disposizione la loro esperienza e professionalità per
delle lezioni speciali con i bambini.

SERVIZI GARANTITI a tutti i bambini iscritti
L’ammissione alla scuola dell’infanzia avviene mediante presentazione alla Direzione della domanda di iscrizione nel
mese di gennaio.
I servizi offerti sono:
- ATTIVITA’ DIDATTICO-EDUCATIVA
- ATTIVITA’ DI SEZIONE E D’INTERSEZIONE
- ATTIVITA' MOTORIA
- LABORATORIO DI MUSICA
- MENSA INTERNA
- ORARIO ANTICIPATO (7.30/7.55)-ORARIO POSTICIPATO (16.00/18.00) facendone richiesta.
- CONSULENZA PSICOPEDAGOGICA IN ACCORDO CON LA FAMIGLIA
- COLLOQUI INDIVIDUALI PROGRAMMATI O A RICHIESTA DEI GENITORI (I colloqui individuali di
sezione ed intersezione prestabiliti in corso d’anno sono: a)colloquio d’ingresso per i nuovi iscritti, b)incontro
di sezione/intersezione per la presentazione del pof per tutti (nella serata della prima assemblea generale),
d)colloquio di verifica a metà anno per tutti, e) colloquio finale con stesura del documento di passaggio per i
bambini dell’ultimo anno.
- DISPONIBILITA’ della Dirigente e del Comitato di Gestione per colloqui con le FAMIGLIE

SERVIZIO C.R.E.M.
Da anni la scuola propone il servizio C.R.E.M. ( centro ricreativo estivo materna ) per i bambini della scuola, animato
dalle insegnanti e da educatrici. Il servizio sarà organizzato in presenza di un congruo numero di iscritti, a pagamento,
con orario dalle 7,45 – 16,00 con refezione.
ORGANIZZAZIONE ORARIA
ORARIO
ENTRATA
ORARIO NORMALE
ORARIO ENTRATA ANTICIPATA
1° ORARIO USCITA POSTICIPATA
2° ORARIO USCITA POSTICIPATA
ORARIO USCITA INTERMEDIA
ORE 7.55/9.00
ORE 7.30
USCITA
ORE 15.30/16.00
ORE 16,00/16,30
ORE 16,30/18,00
ORE 12.30/13.00
LA GIORNATA DEL BAMBINO
Ore 7.30/7.55 anticipo
Ore 7.55/9.00 accoglienza e attività di gioco libero
Ore 9.00/10.00 riordino, igiene personale, merenda, giochi organizzati, preghiera
Ore 10.00
attività didattico-educativa di sezione/intersezione
Ore 11.30
pranzo
Ore 12.15/13.00 gioco libero
Ore 12.30/13.00 uscita intermedia
Ore 13.00/15.00 igiene personale e riposo per i più piccoli
Ore 13.00/15.00 gioco-riordino e igiene personale, attività didattico-educativa (sezione/intersezione e progetto
continuità)per medi e grandi
Ore 15.00/15.30 igiene personale e merenda
Ore 15.30/16.00 uscita
Ore 16.00/18.00 posticipo
CALENDARIO SCOLASTICO









Estratto dal Calendario Regionale
Inizio scuola per i nuovi iscritti giovedì 11 settembre 2014
Inizio scuola per tutti lunedì 15 settembre 2014
Termine anno scolastico martedì 30 giugno 2015
GIORNI DI VACANZA
Estratto dal Calendario Regionale
Sabato 1 novembre ( Ognissanti)
Lunedì 8 dicembre 2013 ( Immacolata Concezione )
Da mercoledì 24 dicembre 2014 a martedì 6 gennaio 2015 compresi
(vacanze natalizie)
Lunedì 19 gennaio 2015 ( S. Bassiano )
Da domenica 15 febbraio a mercoledì 18 febbraio 2015 compresi
(carnevale e mercoledì delle Ceneri)
Da giovedì 2 aprile a martedì 7 aprile 2015 compresi (vacanze pasquali)
Sabato 25 aprile (anniversario della Liberazione)
Da venerdì 1 maggio a domenica 3 maggio 2015 compresi (ponte del 1° maggio)
Martedì 2 giugno 2015 (festa nazionale della Repubblica)
Il presente calendario potrà subire modifiche consentite dalla Regione Veneto per eventuali adeguamenti al
calendario proposto dell’Istituto Comprensivo 3
CONTINUITA’
La continuità prevede un sistema di rapporti interattivi con le istituzioni contigue alla scuola dell’Infanzia. E’ da ritenersi
fondamentale progettare – perseguire e quindi attuare una continuità verticale con la scuola Primaria ed eventualmente
con il Nido e una continuità orizzontale con le famiglie e il territorio, tenendo conto dell’unitarietà delle esperienze che
il bambino fa dentro e fuori la scuola.
LA VALUTAZIONE AUTENTICA
CHE COSA VERIFICARE, CHI E COME…
Per realizzare in modo completo il nostro progetto scolastico, riteniamo necessario proporre occasioni di confronto che
siano veramente efficaci per la nostra formazione professionale.
La scuola pertanto propone:
 incontri di team
 incontri su progetti (laboratori)
 incontri con altre scuole dell’Infanzia del territorio
 incontri con il consiglio scolastico
La verifica e l’autoanalisi diventano momenti indispensabili e conclusivi della programmazione e rappresentano occasioni
propulsive per la programmazione futura.
PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ SCUOLA/FAMIGLIA
Il patto educativo di corresponsabilità è la dichiarazione esplicita e partecipata della collaborazione reciproca che la scuola
desidera stabilire con la famiglia al fine di contribuire allo sviluppo cognitivo, sociale e affettivo dei bambini. Il patto si
pone a garanzia di una crescita equilibrata dal punto di vista dell’identità, dell’autonomia e delle competenze di ogni
singolo bambino, creando un’azione sinergica e condivisa tra scuola e famiglia quindi tra le due entità educative più
importanti per i bambini di età scolare.
IL PROGETTO EDUCATIVO
La Scuola dell’Infanzia di ispirazione cristiana propone un proprio progetto educativo che accoglie i principi costituzionali
(art.30) e la proposta pedagogica e didattica degli Orientamenti statali, le Linee guida Regionali, le Nuove Indicazioni per
il Curricolo 2012 , e si propone di arricchirla di senso e di significato cristiani attraverso una corretta proposta di
educazione che pone al primo posto i valori della vita, dell’accoglienza, della condivisione, della solidarietà, della
tolleranza, della pace, della convivenza.
Si chiede la COMPARTECIPAZIONE dei genitori per una COERENZA DELL’AZIONE EDUCATIVA.
LA PROGRAMMAZIONE
E’ la modalità che ci permette di SISTEMATIZZARE tutto ciò che si fa a scuola, ed è formalizzata in EDUCATIVA e
DIDATTICA.
PROGR. EDUCATIVA:
Attraverso la relazione, il gioco, la routine, il tempo disteso e di pausa, la cura personale, l’apprendimento cooperativo e
le attività didattiche andremo a sviluppare le macro finalità tarate sulle tre fasce d’età ( identità, autonomia, competenza,
convivenza civile e cittadinanza) in linea con le Indicazioni per il Curricolo 2012.
Si terrà sempre presente che il bambino è soggetto e non oggetto di educazione e pertanto si cercherà di programmare le
attività nel rispetto delle sue esigenze interiori: consolidare l’identità, sviluppare l’autonomia e la sicurezza, acquisire
competenze, vivere le prime esperienze di cittadinanza.La giornata educativa sarà organizzata favorendo la relazione, il
gioco, la routine, il tempo disteso e di pausa, la cura personale, l’apprendimento cooperativo.
Durante gli incontri di team le insegnanti verificheranno le esperienze in atto, introducendo anche momenti di riflessione
e di autoanalisi sui propri interventi educativi.
PROGR. DIDATTICA:
Nella stesura della programmazione didattica le insegnanti e il comitato di gestione hanno individuato:
 Gli obiettivi didattici tratti dalle Nuove Indicazioni per il Curricolo del 16 novembre 2012 tarati sulle tre fasce d’età
e suddivise nelle 5 unità di apprendimento (le piste di lavoro): IL SE’ E L’ALTRO – IL CORPO E IL
MOVIMENTO – IMMAGINI, SUONI, COLORI – I DISCORSI E LE PAROLE – LA CONOSCENZA DEL
MONDO.
 L’organizzazione del plesso (spazi, tempi, risorse delle insegnanti, laboratori, suddivisione per sezioni eterogenee e
intersezioni omogenee per età …)
 I Progetti e i Laboratori
 La Continuità
 La Verifica e la Valutazione
Il team docenti progetta annualmente una programmazione didattica- educativa, utilizzando tematiche comuni, mappe
concettuali e fili conduttori.
La metodologia verterà a valorizzare il fare e l’agire dei bambini. Le strategie didattiche a tale scopo saranno:
Valorizzazione del gioco
- giochi di movimento;
- giochi liberi;
- giochi imitativi;
- giochi strutturati;
- giochi con regole;
- giochi grafico-pittorici;
- giochi musicali;
- giochi simbolici d’animazione e drammatizzazione;
- giochi per capire;
- giochi per esplorare;
- giochi per esprimersi;
- giochi popolari e tradizionali
Esplorazione, ricerca e sperimentazione:
- manipolazione;
- osservazione e sperimentazione con materiali diversi;
- uso di misure non convenzionali;
- progettazione di uscite;
- uso di lessico specifico.
Vita di relazione:
- gruppi di lavoro: omogenei, eterogenei, piccoli gruppi, grande gruppo
- apprendimento cooperativo.
I contenuti che si intendono sviluppare attraverso il perseguimento di determinati obiettivi, avranno
come filo conduttore:
“L’ACQUA”
Il Comitato di Gestione, la coordinatrice e le insegnanti
Fly UP