...

Per la Sardegna quello che arriva sarà un triste Natale. L‟Isola

by user

on
Category: Documents
19

views

Report

Comments

Transcript

Per la Sardegna quello che arriva sarà un triste Natale. L‟Isola
Giornaleddu de s‟Assessorau a sa Cultura de su Comunu de Ussaramanna
ANNU V Nùmuru 13 Mes‟e Idas 2013
www.comune.ussaramanna.vs.it
Per la Sardegna quello che arriva sarà un triste Natale. L‟Isola piange le vittime del ciclone Cleopatra
che il 18 novembre ha colpito la Sardegna con un‟ondata di maltempo senza precedenti.
La perturbazione che si è abbattuta sulla Sardegna ha provocato esondazioni e imponenti allagamenti.
Una vera e propria “bomba d'acqua” che ha visto cadere 450 millilitri di pioggia in 12 ore. Il ciclone ha
messo in ginocchio una Regione già profondamente segnata da una crisi economica che non dà tregua.
Ma nonostante tutto non è mancata la solidarietà e la generosità del popolo sardo. L‟Isola intera si è
unita e nelle zone più colpite sono arrivati subito gli aiuti, dai generi di prima necessità al vestiario, mezzi
vari per liberare le strade ma soprattutto tanta forza di volontà per aiutare i più sfortunati.
Anche Ussaramanna ha fatto la sua parte: il Comune e l‟Associazione Mind your Mind hanno subito
avviato una raccolta di generi di prima necessità, grazie anche alla collaborazione con l‟Acli Provinciale di
Cagliari; la Protezione Civile Valenza-Marmilla è partita per Olbia con uomini e mezzi aiutando la
popolazione a liberare le case da acqua e fango; il Consiglio Comunale ha deciso all‟unanimità di
rinunciare alle luminarie natalizie e devolvere quei soldi alle vittime dell‟alluvione.
Sarà sicuramente un Natale più buio per le vie di Ussaramanna, ma in realtà non c‟è Natale più luminoso
di quello in cui si aiuta chi ha bisogno.
Buon Natale dall’Amministrazione Comunale e dalla Redazione!
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
2
SU PIPIU PRODIGIOSU
Tui ses scìpidu chentza studiu
is bistiris cosas tuus
funti apicigosus de colla
de su mestieri de babu tuu
Tui scis intrecia su giuncu
Tui scis pasci su bestiami
Tui donas consolu a dònnia
anima afrigia
Dònnia gestu du fais cun amori
cun d‟una manu ligera
acaretzas sa chioma bianca
de dònnia mama
Tui ses su Pipiu prodigiosu
Tui ses su Pipiu chi deu stimu
Tui ses su Fillu de Deus
de cussu Deus chi deu circu
in su caminu de sa vida.
ANTONIA PERSEU
IN CUSTU NÙMURU PODEIS LIGI:
SU PIPIU PRODIGIOSU
02
EST ARRIBADA PASCHIXEDDA
03
LUIGI LAI, USSARAMANNESE AD
HONOREM
04
CIAO DON MARCO
05
BENVENUTO DON BRUNO
06
UN TUFFO IN CUCINA TRA PIATTI
TRADIZIONALI E BUONI VINI
07
CANDU SA BIDDA NOSTA FUT PRENA DE
GENTI - PARTI CUARTA
09
UNA DÌ PASSADA IN CASSA
11
IL SOGNO DEL DOPOGUERRA - 2° PARTE
13
PRANZO DI BENEFICENZA
15
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
EST ARRIBADA PASCHIXEDDA
Chini de nosu no fait, asumancu una borta, unu
pensamentu po custa Festa manna e po su chi
arregòrdat a totus?
Is contus de su Vangelu chistiònant de custu
Pipìu chi nascit in d una gruta in su sartu de
Betlemme. Is primus a isciri sa notitzia fìant
istàus is pastoris e is chi traballànt sa terra, genti
prus o mancu cument‟a nosu! Issus no conoscìant
sa scritura, no ligìant librus e su pagu chi
conoscìant fut po intendiu nai de babbu in fillu.
Intendìant nai ca depìat nasci unu Messia a
Betlemme, cument‟ìat nau su profeta Isaia, ma no
si scidìat candu; fatu sta‟ chi ìant abetau po
cinquicentus annus! Sa sceda ca fut nàsciu su
Messia dd‟ìant bitida in d una noti de frius in su
Mes‟e Idas unu bòbidu de Angiulus, tzeriendu e
cantendu po ndi scidai sa genti chi dromìat me is
accorus, po acodrai su bestiamini e totu is benis
chi tenìant. Podeus sceti pensai sa meravillia de
cussa pobera genti. Proveus a pensai chi fèssit
sutzèdiu a nosu!
De cussa noti santa funt passaus prus de
duamil‟annus e cosas meda oindì funt cambiadas
in totu s‟umanidadi. Mancai sa bellesa de custu
Pipiu e sa sceda bella de Paxi e de Amori chi ìat
bitiu de su Celu, depèus amiti chi no est ancora
arribada a totus is criaduras de sa Terra. Sìat podi
nai chi no d eus ancora cumprèndia beni mancu
nosu e seus ancora abetendi. Issu, candu fut
cresciu e fut unu giovunu prenu de sabiòri,
chistionàt de Paxi e de Amori, narendu ca seus
totus fradis e soris, ma custa beridadi no
s‟incìntrat in conca mancu a picu e a su coru, chi
portaus cument‟a una pedra, no dui fait mancu
su ghilighitu! Sigheus a fai finta chi no eus ancora
scipiu sa sceda e, po su motivu o po s‟atru,
s‟agataus cun s‟abisongiu de agiudu po cambiai in
mellus su tempus chi seus bivendi. Seus totus
circhendi su gosu de sa vida, di essi sèmpiri
cuntentus in paxi e allirghia, ma poita no
arranesceus a bivi in custa manera? Ita
s‟amancat? In d unu tempus si naràt “sa mellus dì
de s‟annu”! Incapas est po cussu ca s‟umanidadi
est ancora aspetendi custu Pipiu, Issu sceti poit
allui sa candaba studada chi portaus in s‟anima.
Issu sceti poit illuminai sa strada de sa Fidi, de sa
Sperantza e de sa Caridadi.
Po s‟agiudai a cumprendi custu misteru de
Amori, chi benit de su Celu, sa Providentzia si
mandat unu Predi nou, don Bruno Houssen, chi
arribat de atesu meda. Nosu dd‟abetaus cument‟a
unu fradi caru, po fai impari unu caminu, crutzu
o longu, ddu scit Deus sceti! Cumenti Gesus si
narat, issu benit no po si contai unu contu, ma po
bivi cun nosu sa Voluntadi de Deus. Cun custus
sentimentus sa Paschixedda de occannu adessi
prus bella e s‟at a agiudai me is provas prus
mannas e a si olli beni me is famìlias, cun is
amigus e cun cussus chi no seus in paxi. No ddui
a d essi mai amori chen‟e perdonu, cumentì no
c‟est perdonu chen‟e amori. Aregordeusì totus ca
po fai bivi s‟amori, calincuna cosa aintru de nosu
depit morriri.
Siant podi nai ancora medas pensamentus
bellus, seus sigurus de ddus intendi de su Vicariu
nou. S‟abàrat sceti de ddui nai: BENI BENIU IN
BIDDA NOSTA DON BRUNO! E ddui auguraus
totu sa sapientzia chi ddui serbit po su compitu
chi su Signòri ddui at donau po si olli beni.
Auguraus a totu sa bidda Bona Paschixedda e
un‟annu nou prenu de Paxi e de Beni!
Atrus annus!
MICHELE LILLIU
Sacra Famiglia Canigiani - Raffaello Sanzio (1507)
3
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
4
LUIGI LAI, USSARAMANNESE AD HONOREM
Nello scorso mese di agosto è stata conferita al
Maestro Luigi Lai la Cittadinanza Onoraria del
Comune di Ussaramanna.
Il 6 agosto il Consiglio Comunale ha deliberato
all‟unanimità di concedere questo prestigioso
riconoscimento a Luigi Lai “A nome del paese di
Ussaramanna, in segno di riconoscenza e
gratitudine, per l’amicizia dimostrata verso il
paese e i suoi abitanti, l’attaccamento alle sue
tradizioni e alla festa di San Lorenzo”. Il 10
agosto invece, prima della processione di rientro
del simulacro di San Lorenzo ad Ussaramanna,
nel sagrato della chiesa campestre il sindaco
Tiziano Schirru ha consegnato al Maestro Lai la
delibera di conferimento e una targa-ricordo con
le simboliche “Chiavi del Comune”.
Il Maestro è apparso molto commosso, e insieme
a lui la moglie Rosina, i figli e i nipoti, venuti da
San Vito per questo importante riconoscimento.
Subito dopo la cerimonia ufficiale il nipote Fabio
Vargiolu e l‟amico musicista Mauro Palmas,
rispettivamente con launeddas e mandola, hanno
accompagnato Luigi Lai nell‟esecuzione di alcuni
brani della tradizione popolare che il Maestro ha
voluto dedicare ai suoi “nuovi concittadini" in
segno di amicizia e ringraziamento.
Mai nessuno prima d‟oggi aveva beneficiato di
un simile riconoscimento da parte del Comune di
Ussaramanna, la scelta dell‟Amministrazione
Comunale rappresenta senza dubbio la volontà
dell‟intera popolazione. Il Maestro Lai, che
partecipa
alla
festa
di
San
Lorenzo
dall‟immediato dopoguerra quando appena
quattordicenne fu mandato in Marmilla dal suo
Maestro Antonio Lara, ha conosciuto quattro
generazioni di ussaramannesi affezionandosi alla
festa di San Lorenzo e al paese. Non va
dimenticato inoltre che con la sua musica ha
contribuito alla diffusione e all‟apprendimento
del ballo sardo tra i giovani del paese, che quasi
esclusivamente in occasione della festa si
cimentano nella danza popolare. Anche per
questo oggi è impossibile non associare la festa di
San Lorenzo alla sua figura.
CLAUDIO ZEDDA
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
CIAO DON MARCO!
E così, dopo ben quindici anni, termina
l‟avventura di Don Marco Piano a Ussaramanna.
Era infatti il settembre del 1998 quando, appena
35enne, l‟allora nuovo sacerdote di San Gavino, si
presentò alla nostra comunità nella chiesta di San
Quirico. Da allora la popolazione di Ussaramanna
ha iniziato a conoscere Don Marco: sempre attivo
nel promuovere nuove iniziative, con un occhio di
riguardo soprattutto per i giovani e i ragazzi
testimoniato dalla riapertura immediata, dopo
diversi anni, dell‟Oratorio parrocchiale. E proprio
dall‟Oratorio ha spesso fatto partire le sue idee: le
diverse fiere del dolce per finanziare altre attività,
le adozioni a distanza, gli incontri periodici con le
diverse fasce di giovani, il carnevale per bambini
e ragazzi, il calcetto e tanto altro.
La sua passione per la musica e per il canto non è
di certo passata inosservata: infatti oltre alla
particolare attenzione per il coro, Don Marco ha
da subito voluto farne parte a tutti gli effetti,
fungendo spesso da seconda voce o da voce
solista direttamente dall‟altare, altro tratto
distintivo rispetto al passato. Le sue innovazioni
lo hanno immediatamente caratterizzato e non
poteva essere altrimenti, soprattutto in una
comunità fortemente legata alla tradizione. Non
sono infatti mancati i vivaci dibattiti sugli usi
legati alle festività locali, su tutte San Lorenzo; il
dialogo al quale però ci ha abituati Don Marco è
sempre servito per dirimere i punti di discussione
e, se dopo quindici anni, Ussaramanna lo ricorda
con affetto, un motivo ci sarà.
MARCO SIDERI
5
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
6
BENVENUTO DON BRUNO!
Nel giorno della festa dell‟Immacolata
Concezione la Parrocchia di Ussaramanna ha
dato il benvenuto a don Bruno Houssen, nuova
guida parrocchiale del paese, e a don Francesco
Murgia che lo affiancherà in questo compito
carico di responsabilità.
Don Bruno Houssen, accompagnato da
Monsignor Giovanni Dettori e da don Francesco
Murgia, è stato accolto dal Sindaco Tiziano
Schirru e dopo il bacio della croce parrocchiale ha
varcato la soglia della chiesa di San Quirico
accolto da uno scrosciante applauso.
La celebrazione è iniziata con la lettura del
decreto di nomina di don Bruno e in seguito il
Sindaco ha ringraziato il Vescovo e salutato i
sacerdoti presentando loro il paese: “l‟età media
della popolazione è molto elevata e il tasso di
natalità è vicino allo zero; i giovani sono spesso
costretti ad emigrare o a spostarsi lontano da
casa per poter proseguire gli studi o per trovare
un lavoro la cui ricerca risulta essere sempre più
difficile”. Il Primo Cittadino ha dato subito la
disponibilità
dell‟intera
Amministrazione
Comunale “ad un impegno comune, con spirito di
sincera collaborazione, a tutte le iniziative che la
comunità, guidata da don Bruno e da don
Francesco, vorrà intraprendere”.
Al saluto del Sindaco è seguito quello della
rappresentante della comunità parrocchiale
Onorina Corona che ha confidato a don Bruno
della trepidante e curiosa attesa, soprattutto per
la novità di un prete venuto da così lontano. Ha
presentato ai nuovi pastori le associazioni
presenti in parrocchia, manifestando la volontà di
tutto il paese a rendersi disponibile e
collaborativo od ogni genere di iniziativa.
Il Vescovo ha poi presentato alla comunità don
Bruno raccontando come la provvidenza lo abbia
portato dal lontanissimo Madagascar sino a noi e
invitando tutti ad accoglierlo come fratello e
amico, aiutandolo ad integrarsi nel paese,
facendogli conoscere anche gli usi e le tradizioni.
Don Bruno, ha ricordato il Vescovo, è in Italia da
quasi 10 anni, quando arrivò per continuare gli
studi e conseguire il dottorato in Spiritualità.
Prima di chiedere di essere accolto nella diocesi
di Ales-Terralba è stato cappellano dell‟Ospedale
di Pescara-Penne, questo gli darà sicuramente
una marcia in più per stare vicino agli anziani e ai
malati. Monsignor Dettori ha invitato don Bruno
ad avvicinare i giovani anche a costo di cercarli
nei bar e stare lì con loro, a tenere le porte della
chiesa sempre aperte, non solo metaforicamente,
per permettere a chiunque e in qualsiasi
momento di avvicinarsi a Gesù.
A conclusione della celebrazione eucaristica,
dopo che il Vescovo ha consegnato a don Bruno le
chiavi della chiesa e del tabernacolo e lo ha
invitato ad accomodarsi nella sua nuova sede, il
sacerdote ha voluto ringraziare tutti: il Sindaco
per le belle parole e la disponibilità alla
collaborazione, il Vescovo e le suore che lo hanno
ospitato in episcopio in queste settimane, don
Sanna che lo ha preceduto e lo ha guidato come
amico e fratello, don Murgia che lo affiancherà in
questo difficile compito, gli altri sacerdoti
presenti che lo hanno accompagnato in questo
importante giorno, il coro che ha reso la
celebrazione ancora più bella e tutti coloro che si
sono adoperati in queste settimane per preparare
il suo arrivo e la sua nuova casa.
CLAUDIO ZEDDA
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
UN TUFFO IN CUCINA TRA PIATTI TRADIZIONALI E BUONI VINI
Si è concluso domenica 8 Dicembre il 1°
concorso
eno-gastronomico
"Comune
di
Ussaramanna".
Alla
manifestazione
ha
partecipato un folto numero di spettatori, attirati
dall'abilità dei concorrenti in gara.
Due categorie per la prova gastronomica,
riservata a concorrenti non professionisti:
categorie Junior (sino a 25 anni) e Senior (dai 26
in su). Ad aggiudicarsi il primo premio della
categoria Senior è stata una casalinga di
Ussaramanna, Orsola Atzeni che ha preparato
una ricca evoluzione di "Calamari Ripieni", il 2°
premio è andato alla monserratina Cinzia Soldi
che ha preparato un delizioso "Cinghiale al vino
bianco", terzo posto per la sarrochese Consuelo
Iddas che ha realizzato un innovativo "Cous Cous
del Golfo alla moda Cagliaritana".
Menzione speciale per la bravissima cuoca di
Sardara Stefania Marras con il piatto "Coniglio
Selvatico alla Cacciatora" che si classifica al 4°
posto, al 5° posto le particolari e buonissime
"Lorighittas alle vongole e bottarga" di Manuela
Cuncu da Sarroch, 6° posto per la bravissima
Marina Aresu dell'Associazione Cagliaritana
"Abbracciamo un Sogno" che ha realizzato la
"Suppa Cuatta".
Per quanto riguarda la categoria Junior, si
aggiudica il primo premio il giovanissimo Marco
Borrelli di Cagliari che ha realizzato un originale
"Gnocco Sardo Fritto", al 2° posto un altro
giovanissimo emergente della cucina sarda,
Cristian Scanu di Pabillonis che ha preparato un
eccellente "Brasato di pecora all‟amaro
Montenegro", 3° posto per la giovane Sara Agus
di Dolianova, con il classico "Malloreddus alla
Campidanese", chiude al 4° posto il giovanissimo
cuoco Asseminese Alessio Arceri con il piatto
"Fregola con carciofi e salsiccia".
Orsola Atzeni, vincitrice della Categoria Senior
Marco Borrelli, vincitore della Categoria Junior
7
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
8
La giuria, composta da chef professionisti e da
un
rappresentante
dell'Amministrazione
Comunale e uno dell‟Associazione Culturale di
Assemini "Le Amiche di Zia Lella", ha avuto un
bel da fare per determinare la classifica davanti a
piatti risultati di pregevole presentazione e
soprattutto dai sapori e profumi meravigliosi.
Per quanto riguarda il concorso enologico, c'è
stata una gara agguerrita tra ben 23 vini
provenienti dalle più svariate zone della
Sardegna, tra rossi bianchi e rosati l'ha spuntata
un Cannonau di Assemini, Sa Mutta Arrubiu, di
Giuseppe Mereu che si è aggiudicato il 1° posto,
2° classificato il bravissimo produttore di Collinas
Daniele Pau con un delizioso Bovale, 3° posto per
Ignazio Foddis con il Nuragus di Serdiana,
seguono al 4° posto la Malvasia del Monserratino
Roberto Soldi ed a pari punti il Nuragus
dell'Ussaramannese Martino Orrù. Seguono
nell'ordine, con molti ex aequo i concorrenti:
Vacca Mario di Siddi, Mura Paolo di Senorbì,
Pintus Nicola di Barumini, Panichi Nicola di
Santa Giusta, Garau Sandro di Ussaramanna,
Sanna Giacinto di Pauli Arbarei e Pichedda
Eventino di Turri.
Le due giornate del concorso si sono svolte nei
locali di Casa Zedda grazie alla iniziativa
dell'Associazione Culturale di Assemini "Le
Amiche di Zia Lella" e l'Amministrazione
Comunale di Ussaramanna, l'evento è stata
l'occasione giusta per parlare di prodotti del
territorio e della necessità di interpretare la
tradizione gastronomica sarda utilizzando le
produzioni locali. A tal proposito per la
preparazione dei vari piatti è stato messo a
disposizione dei concorrenti l'olio extra vergine di
oliva dell'Oleificio Podda di Ussaramanna. Il
gusto straordinario dei piatti degustati è da
ricondurre anche all'utilizzo di questa pregiata
materia legata al territorio Ussaramannese.
Lo spirito del Concorso è stato quello di animare
in tutti i cittadini la voglia di incontrarsi e
condividere oltre ai percorsi eno-gastronomici e
culturali, anche momenti di socialità e scambio
che promuovono l'immagine ed i prodotti della
nostra meravigliosa Terra.
LUIGI GARAU
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
CANDU SA BIDDA NOSTA FUT PRENA DE GENTI
Ussaramanna me is annus ‘40 e ‘50 de su 1900
PARTI CUARTA
De sa Gruxi Santa torrendi a pratz‟e Cresia,
apustis sa domu de Marcu Maccioni, dui bivìat
Srabadori Cau, coiau cun Annunziata Pani de
Baressa. Iant tentu 4 fillus: Mariu, Giuliu, Toninu
e Celina. Fadìat su giorronaderi e fut nomenau po
fai beni s‟ impedrau.
A su costau bivìat Franciscu Uras, coiau a
Lunamatrona cun Pilima Lecis. Iant tentu 5
fillus: Gisella, Peppinu, Giglia, Fausto e Nina.
Tenìat calincuna pertixedda de terra e fadìat puru
su gioronnaderi.
De fronti, a manu manca cabendi, bivìat Lici
Garau, coiau a Siddi cun Vanda Pisanu. Iant
tentu unu fillu sceti, Armando. Issa si fut
aguittada a morri e Lici si fut torrau a coiai cun
Menzia Soddu. Fadìat su messaieddu e tenìat
cuaddu e carru.
A fiancu, dui fut s‟apralaxu de Onorio Malloci.
Oindì dui est sa bella domu de Gianluca Pilloni e
Nicoletta Galitzia.
A sighidura, in d unu otonieddu, dui fut, tottu
cuada, sa domu de Pacificu Porcu, coiau cun
Mafalda Accalai. Iant tentu 3 fillus: Giampieru,
Cesare e Marisa. Fadìat su giorronaderi.
De fronti, a manu esta, dui fut una pratzixedda a
sa cali bessìat sa domu de Onorio Malloci, chi
benìat de Ollasta. Fiudu, si fut coiau cun
Maddalena Zedda, issa puru fiuda. Iant tentu 4
fillus: Edulcia, Donnino, Elvezio e Lilla. Tenìat
una bella proprietadi e fadìat su messaiu cun
bois, baccas, cuaddus e brobeis, serbidoris e
serbidoras e giorronaderis.
Sempri a custa pratza, bessìat sa domu de
Giuannina Atzei, coiada a Turri cun Faustinu
Anardu. Abarrada fiuda, in s‟anzianidadi bivìat
cun d una netixedda, Rina Mascas, chi benìat de
Villamar.
Issa tenìat puru sa moba de moli obìa. Oindì dui
at fattu sa domu Maddalena Spada e su fradi Loi.
A su costau dui fut s‟apralaxu de Bissenti
Malloci, poi du‟ at fattu sa domu Leandro Rubiu.
A sighì du‟ est sa domu de Ignazio Maccioni,
coiau cun Maria Serra. Iant tentu 5 fillus: Marco,
Martino, Mauro, Antonina e Patrizia. Fadìat su
giorronaderi.
A custa pratzixedda bessìat puru sa domu de
Paulicu Malloci, coiau a Gonnosnò cun Edvige
Cabiddu. Iant tentu 5 fillus: Consuela, Nellu,
Pietrina, Anita e Clorinda. Tenìat una pariga de
partis de terra, una bingixedda e fut nomenau po
fai e pulì is goras po nci bogai s‟acua de is terras.
Oindì dui bìvit Dinu Abis cun sa pobidda Chiara.
De fronti, bessendindi de sa pratzixedda, bivìat
Micheli Ibba, coiau a Gonnosnò cun Nocentzia
Pani. No ìant tentu fillus e fadìat su giorronaderi.
Cabendi, a manu manca in s‟angulu in cussu
incueddu „e bìa, bivìat Armandu Galitzia, coiau a
Casteddu cun Graziella Eltrudis. Iant tentu 4
fillus: Alessandru, Carlettu, Maria Rita e
Nicoletta. Fadìat su giorronaderi e si podi nai chi
9
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
10
est stau s‟urtimu crunfara de sa Crunfarìa de sa
Parrocchia nosta.
Prus ainantis, sempri in cussu incueddu, bivìat
Gratziu Rubiu, coiau a Siddi cun Fulvia Cau. Iant
tentu 5
fillus: Erisna, Elisena, Gessenda,
Marilena e Mondo. Fadìat su pastori e su
giorronaderi.
Torrendi a basciu dui fut sa moba de moli obìa
de Lazzaru Zedda. Attacada dui fut sa domu de
Attanasiu Garau e in cussu spratzaxu dui at fattu
sa domu su nabodi, Enzu Garau. De fronti, a
manu esta, dui fut sa domu chi at fattu Gabriella
Mancosu, chi postis a comprau Alda Porcu e
ancora dui bìvit cun su pobiddu Giovanni.
A su costau dui fut sa domixedda de signorica
Mariuccia, femina chi fut andada in mala sorti.
Dopu chi ìat scontau sa pena po una morti chi ìat
fattu, dd‟ìant donau custa domixedda e ingùi at
bìviu fintz‟a candu fut andada a su ricoveru.
A manu manca dui fut sa domu de Giuanninu
Malloci, coiau a Baressa cun Rosica Corona. Iant
tentu 4 fillus: Tatu, Costantinu, Annetta e
Mariettina. Fut unu grandu proprietariu: tenìat
bestiamini, bois e brobeis, serbidoris e serbidoras
e pastoris. In sa pratza, de fronti a sa bìa, tenìat
sa moba de moli obìa, s‟unicu stabili chi est
abarau, poita ca sa domu antiga dd‟at comprada e
demolida Enzo Garau.
Prus a basciu bivìat Eligiu Porcu, coiau a Guspini
cun Gilda Dessì. Iant tentu 5 fillus: Gabriella,
Pieru, Franca, Sandru e Ignazia. Fadìat su maistu
„e linna.
A costau dui bivìat Chinu Atzei, coiau cun Maria
Noga. Iant tentu 8 fillus: Mondu, Gina, Ignaziu,
Silvana, Vittoria, Antonio, Costantinu e Gianni.
Fadìat su giorronaderi, ma ìat traballau meda in
miniera.
Cabendi ancòra, de fronti a sa Cresia, dui fut sa
domu de Cicitu Soddu, coiau cun Rosa Garau.
Iant tentu unu fillu sceti, Emiliu, e fadìat su
maistu „e linna.
Sempri de fronti a Cresia, a parti esta cabendi,
dui fut sa butega de Delia e Carlinu Podda. In
fundu a custa pratza manna, dui fut sa bella
domu de signora Aurelia, mamma de signorica
Mariuccia, chi at comprau, pustis, Dino Podda,
coiau cun Ignazia Zedda. Issus si nci fiànt partìus
a bìvi in Casteddu.
A costau, sempri in sa matessi pratza, ìat fattu sa
domu su fradi Carlinu, coiau cun Lilla Malloci.
Iant tentu 3 fillus: Luisa, Franca e Gianluca. Issu
ìat tentu sempri un‟atividadi de commercianti
edili e at sighìu a fai su messaiu, po curai is terras
chi tenìat de famillia.
Sempri in fundu a custa pratza manna, dui fut sa
moba de moli obìa de signora Aurelia, passada in
poderi de Cinu Podda e poi comprada de Carlinu
Podda. Oindì, dui ant costruìu sa domu Gianluca
Podda, coiau cun Elisabetta Garau.
A custu puntu, s‟agataus de fronti a Crèsia e
innoi finit sa passillada chi eus fattu. Innoi teneus
sa cunferma chi sa Cresia est in su coru de sa
Bidda.
MICHELE LILLU
Custa est una stòria a puntadas chi sighit me is pròssimus nùmurus de Pispisalla Soramannesa.
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
UNA DÌ PASSADA IN CASSA
(Contu de fantasia)
Mi ndi cabu su fusilli de is palas, a bellu a bellu
m‟incaminu versu sa paludi ingiriada de unu
piticu laghettu. Prus de s‟idea de sa cassa fut su
richiamu chi tenia versu sa natura. Unu richiamu
festosu chi m‟iat atirau de candu in giovinesa ia
pigau su port‟i arma. M‟incaminu e incumetzu a
tastai sa terra moddi e insidiosa de sa paludi. Mi
praxit respirai su fragu de is erbas allagadas de sa
stracìa ghetada in totu sa noti. Su soli de su
mengianu incumentzàt a fairi capolinu,
illuminendu sa terra, fadendiddi risaltai su cabori
smeraldinu, rendendu s‟atmosfera matutina prus
praxibi che mai. Cun su cantu giousu de sa
selvaggina chi ndi bessiat de dònnia tupa acanta
de su laghettu.
Deu fatzu unu grandu respiru po mi ossigenai is
prumonis cun sa sperantza de incarnierai
cancunu becacinu ca passillant or‟oru de su
laghettu, non pensendu a calincuna scupetada chi
ddis podiant arribai de unu momentu a s‟atru.
Preparu su fusilli cun is cartuccias in canna, unu
fischiu a Leda chi est sa callelleda cosa mia, una
setterina ubidienti e lestra, ma prim‟e totu meda
intelligenti, a su cumandu fait de totu po mi fairi
passai sa selvaggina a tiru. Deu avantzu in
silentziu chen‟e fairi nisciunu sumbullu. Una
copia de becacinus pigant su bòlidu, deu mi dda
tentu, ghettu sa scupetada ma artziant talmenti in
altu e incumentzat a fai su tzig tzag, perdint sceti
cancuna pinna. Fatzu ancora cancunu passu, su
cani puntada, si girada anc‟e mei. In d unu atimu
un‟atra copia de becacinus ma custa borta sa mira
est precisa: unu mortu e s‟atru feriu chi bòlada
cumenti a una saeta scansendu su laghettu,
portendusì su prus in artu possibili e circhendu
de scansai calincuna atra scupetada. Sa ferida
depiat essiri manna, si bidiant is movimentus
lentus, poi a conca abasciu, sfiniu, est atonciuau
in mesu‟e sa boscaglia. Sa canixedda iat sighiu
dònnia minimu movimentu e deu avatu de issa.
Po una scantu bortas andada e torrada ma de su
bacacinu mancu s‟umbra, passièntzia pensau tra
mei, oi andaus prusu a ligeru cun su carnieri
buidu.
Fut giai cabendu su mesudì, su frius chi spacada
sa faci, su bentu gelidu chi incintrada me is ossus,
in sa primu cuindixina de mes‟e idas fut pagu
praxibi abarrai in mesu de cussa boscaglia a fai
giai giai su scimpru, ma sa passioni de sa cassa
fut tropu, sa cassa a su becacinu fut una passioni
chi teniu de sèmpiri. Oltre su bentu sa beffa
aprofitant de pigai su bòlidu mi passant a tiru
arruendindi sèmpiri su prus rachiticu. Mi
rassenniu e tzerriu sa cani, est ora de torrai a
domu, fatzu unu fischiu, torru agoa pensendu chi
fessit circhendu ancora su becacinu feriu, mi
inoltru in sa boscaglia, fatu fatu ghettau unu
fischiu ma de Leda mancu s‟umbra. Mi benit
s‟idea de torrai anca c‟est arrutu su becacinu
feriu, mi inoltru in sa boscaglia, Leda scoita
scoita m‟est benida incontru, subitu di fatzu una
caretza perou cussa non teniat paxi, si fuiat
sèmpiri ainnantis e po sa marolla seu depiu andai
avatu de cussa.
11
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
12
Arribu, deu dde su chi pensàt no mi fuit sballiau,
su becacinu feriu fut atonciuau in mesu de su niu.
Sa setterina mia soddisfada si trisiada me is
cambas mias, fortzis fut su modu de mi domandai
po ndi sravau cussu poperu becacinu. Circu de
m‟incrubai ma intendu una manu prus lestra de
sa mia, mi giru e biu una creatura meravigliosa,
arta, slanciada, parriat una dea. Cumenti at
artziau sa conca a sa vista mia parriada unu pagu
imbaratzàda, deu mi scervellà a cumprendi chi ni
fessiri ma no dda ia mai bida prima. Mi castiada
e de tantu in tantu si poniat a postu sa ciocca de
is pilus ponendi in evidentzia su sudori de sa
fronti cun sa facci arrubia pronta a pigai fogu,
ponendimì in d‟unu grandu imbaratzu, dònnia
tantu si poniat apostu su ciuffu. Basta, custu
gestu no m‟est nou, in unu attimu su cerbeddu
miu morigada e ribivu momentu po momentu
cussu incontru. In tempus de binnenna deu
sempri in cassa, su lepiri fut andau a sa atonciuai
me is filaris de sa bingia, issa po sa timoria de su
sparu o poita iat imbrunchinau, curru e dda biu
giai in terra. M‟incrubu, no nci dda fadìat a dda
castiai, parriada una madonna cabada de su celu,
bella e giovana.
A s‟arribu miu iat circau de si adagiai a sa bella e
mellus, cun sa manu iat circau de si poni apostu
sa gunnedda po no poni meda in mostra cussas
cambas longas e abronzadas. Su pensamentu no
mi oliat abbandonai, ma fadiat finta de nudda.
In cussu momentu unu striori de frius mi iat fatu
ghiaciai sa schina fadendumì provai un impulusu
de teneretza e timoria pròpriu cumenti a cussa
borta, perou cuntentu de ai scansau sa tentazioni.
Fortzis no m‟iat perdonau ca iat abandonau su
poligunu e no anda‟ prus a fai su tiru a piatellu
fadendu finta dde no mi conosci. Su pensamentu
benit interrompiu de sa boxi tremolanti cosa sua;
“Se non le dispiace lo curo io e lo rimetto in volo”
iat nau issa, “Va bene!” d‟iat arresposta deu
fadendu finta de nudda. Cussa iat interrompiu po
prima su silentziu, arrenescendu cun grandu
fatiga a cuai s‟imbaratzu de totu is duus. Deu
perou torru a is passus mius, castiu s‟ora, fiant is
duuas passadas. In baragia incumentzat a cabai
sa nebida e fut ora de rientrai. Su mantu de sa
calelledda incumentzat a imagatzinai s‟umididai
trasformendu is goccias de s‟acua in tanti gemas
de cristallu, tra no meda iat essi cabau su scuriu
ponendumì su problema de no agatai sa machina.
In d‟una ora o duuas ia dep‟essi giai in sa strada
po torrai a domu. Est inutili a no pensai a cuatru
o cincui annus fait, a cussa famosa festa fata in su
spidali e poi dopu a su poligunu, e oi torras in
mesu a is peis. Est inutili, su cerbeddu torrat
sèmpiri a cussus momentus. Finalmenti arribu a
domu, su sorrisu de is pipias e s‟abraciu calorosu
de pobidda mia mi fait scaresci sa diri
movimentada de cassa. Mi setzu cun comodidadi
in su divanu in su callenti de domu mia pensendu
a is striscidas de sa setterina cosa mia. Cumenti
chi bolessit nai: “Castia ca sa nexi no est cosa tua
ma totu sa curpa est de su becacinu feriu”.
ANTONIA PERSEU
La Redazione di Pispisalla Soramannesa è vicina alla Signora Antonia Perseu,
preziosa collaboratrice di questo giornale, per la perdita del caro marito
SALVATORE PODDA
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
IL SOGNO DEL DOPOGUERRA
PARTE SECONDA
C‟era sempre, in particolare tra maschi e
femmine, una sana competizione nel voler
primeggiare e farsi notare e così si faceva a gara
nel ripetere una poesia o una tabellina o i tempi
dei verbi di uso non comune nella maniera più
corretta e rapida possibile.
Talvolta si usavano metodi molto severi per i
cosiddetti somarelli: per esempio uno aveva
assemblato due orecchioni da somaro su un
cappellino, lo faceva indossare al malcapitato che,
così mascherato, doveva andare in giro nelle altre
aule per punizione.
Si aveva molta cura della borsa, dei libri, dei
quaderni, dei colori e si stava attenti che
qualcuno non se ne impadronisse non tanto per
gelosia delle proprie cose quanto per la paura di
doverle ricomprare.
L‟uscita di scuola sembrava l‟assalto degli indiani
alla diligenza, urlando come ossessi e correndo a
perdifiato col rischio di rompersi l‟osso del collo
lungo la discesa che porta alla via Dante rovinata
dalla pioggia e dalla mancanza di manutenzione.
Tutti verso casa in corsa sfrenata. Li attendeva
un bel piatto di minestrone di ceci, di lenticchie,
di fave o di fagioli ma talvolta più semplicemente
un tozzo di pane e formaggio o di salsiccia:
questo era il lauto pranzo! Poi di nuovo tutti
fuoriper strada a giocare. Ma c‟era anche chi era
atteso da altre incombenze: portare il gregge o il
giogo di buoi al pascolo, oppure, nel periodo
opportuno, collaborare con i genitori per la
semina dei cereali che prima dell‟avvento delle
macchine avveniva a mano, oppure andare a
zappare la fave, il grano o a estirpare le erbacce.
Si contavano in paese, per i lavori agricoli,
almeno una ventina di gioghi di buoi e una decina
di cavalli che naturalmente dovevano essere
accuditi: quando il capo famiglia era impegnato,
questa cura era affidata alle donne di casa o ai
ragazzi.
E i compiti? Se rimaneva un pò di voglia e di
fantasia, ci si poteva sedere davanti al caminetto
acceso a studiare la poesia, a ripetere le tabelline
con l‟aiuto della mamma o di qualche fratello o
sorella più grande e a fare i compiti scritti per
l‟indomani altrimenti si andava a scuola con la
pagina in bianco e così si spiega anche come un
bambino di sei, sette o otto anni potesse ripetere
una classe anche più di una volta.
Oggi ci meravigliamo quando il telegiornale ci
racconta di bambini sfruttati in fabbriche
clandestine, nascosti in bui magazzini o
capannoni, con orari di lavoro assurdi e
inammissibili. Sessanta anni fa la situazione nel
nostro paese non era molto diversa!
Qualche giorno dopo la fine delle lezioni veniva
comunicato l‟esito dell‟anno scolastico: era una
giornata di festa per chi si era guadagnato “su
meboni” e un po‟ più triste per chi invece era
stato “scrocorigau”, che era talvolta oggetto di
scherno da parte dei primi.
Per molti il titolo di studio era una condizione
necessaria e indispensabile per crescere, i
genitori che credevano nel pezzo di carta e anzi
pensavano che non se ne potesse fare a meno
(anche a costo di enormi sacrifici), erano
coscienti che, per liberare il bambino da certe
incombenze e consentirgli di dedicarsi totalmente
ai libri, si sarebbero dovuti caricare del lavoro che
avrebbe dovuto fare il piccolo.
A partire dal 1955-56 qualche nostro compaesano
aveva intrapreso la scuola media privata, e quindi
a pagamento, presso i salesiani ad Arborea o
presso le Vescovili di Ales o ancora presso gli
Scolopi a Sanluri.
Per accedere alle scuole medie statali bisognava
sottoporsi, in coincidenza con quello di 5^
elementare, all‟esame di ammissione per il quale
occorreva studiare in privato e serviva una
preparazione più vasta e approfondita anche se i
programmi erano simili e per sostenerlo era
necessario recarsi a Villacidro.
Poiché la preparazione a questo esame costava
una discreta cifra, molte famiglie rinunciavano
già in partenza a mandare i loro figli ed infatti,
tolti quelli che andarono in seminario o in
collegio dai salesiani, rimanemmo veramente in
pochi: in tre.
13
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
14
In quel giugno del ‟57 a Villacidro, io e altri due,
andammo da soli: era la prima volta che si saliva
su una corriera e che si usciva di casa senza la
mamma. L‟esame andò bene e il premio per
averlo superato fu un gelato più grande di me,
costava 20 lire ma li valeva.
A ottobre la prima media con tante cose nuove:
ambiente, compagni, tanti libri e materie come il
latino ed il francese. E poi gli orari non certo
confortevoli del pullman: partenza alle 06.31 e
rientro alle 16.15! Quasi dieci ore fuori di casa e
poi subito dopo una valanga di compiti a volte
non si riusciva veramente a farli in tempo per
l‟indomani e si utilizzavano le fermate del
pullman, a Villamar e a Sanluri Stato, per
ripassare qualcosa o fare qualche compitino
rimasto a metà.
Due anni dopo l‟esame di ammissione alla scuola
media non c‟era più perché ritenuto un doppione
dell‟esame di quinta, la scuola media statale più
vicina divenne quella di Sanluri e l‟anno dopo
ancora nacque la 6^ elementare e ancora dopo la
scuola televisiva.
Sono stato fortunato a nascere in una famiglia
come la mia, non ha mai chiesto aiuto a nessuno
se non al buon Dio, tutto ha ottenuto grazie alla
forza di volontà, alle loro braccia che hanno retto
bene e alla salute che li ha sempre assistiti.
Quanti miei coetanei, dotati di notevole
intelligenza e di innato talento avrebbero potuto
andare avanti e quanti di loro avrebbero
desiderato acquisire la licenza media e, perché
no, un diploma e invece sono dovuti andare
appresso a un gregge di pecore o dietro a un
giogo di buoi o hanno atteso il richiamo del nord
per un posto di lavoro in fabbrica, nell‟industria o
nell‟edilizia.
Certamente, nella loro infanzia hanno respirato a
pieni polmoni l‟aria pura delle nostre campagne,
di sicuro hanno corso liberamente per i prati in
fiore giocando a rincorrersi o a “sa strumpa” e
magari tornando a casa con qualche
ammaccatura o con qualche strappo nei
pantaloni da rattoppare, ma hanno dovuto
abbandonare e lasciare per strada un sogno.
ARMANDO GARAU
La scuola Vescovile di Ales sorgeva a fianco della Cattedrale, dove oggi si trova il Museo diocesano.
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
PRANZO DI BENEFICENZA IN FAVORE DELLA RICERCA
Sabato 18 maggio, in concomitanza alla 29°
Mostra delle Erbe, si è tenuto ad Ussaramanna
un pranzo di solidarietà in favore della ricerca
sulla SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica).
L‟iniziativa, organizzata dal Comune di
Ussaramanna
in
collaborazione
con
l‟Associazione Culturale di Assemini “Le amiche
di zia Lella”, la Pro Loco e numerosi sponsor, ha
visto la partecipazione di quasi 200 persone.
Ospiti di giornata i Guardian Angels di Cagliari,
volontari di strada che hanno portando la loro
testimonianza di solidarietà, ogni sera infatti
questi “angeli” aiutano diverse decine di persone
bisognose per le vie del capoluogo offrendo loro
sostegno con cibo e altri generi di prima
necessità.
Ad arricchire la manifestazione con un po‟ di
musica e allegria ci ha pensato l‟Associazione
Culturale Is Amigus de Brunu di Sanluri, un
instancabile gruppo di amici che lavorano per
raccogliere fondi da destinare alla ricerca sulla
Sla, una malattia che si sta via via diffondendo.
Il ricavato della manifestazione, che ammonta a
1075,00 euro, finanziarà una borsa di studio
legata alla ricerca di questa malattia.
In Italia si manifestano in media tre nuovi casi di
SLA al giorno e si contano circa sei ammalati ogni
100.000 abitanti. In Sardegna si registrano più di
100 casi ufficialmente riconosciuti. Solo
promovendo la ricerca, anche attraverso la
solidarietà, si può lottare contro questa malattia.
CLAUDIO ZEDDA
15
Pispisalla Soramannesa
Racconti di vita paesana
16
Cari lettori,
anche questo Natale allegato al numero di Pispisalla
Soramannesa Racconti di vita paesana troverete il
Calendario 2014 dedicato a Sa festa de Santu Lorentzu.
Il Sindaco, l‟Amministrazione Comunale e la Redazione
del giornale colgono l‟occasione per Augurare a tutti Voi
un Buon Natale e un Felice 2014.
La Redazione rinnova l‟invito a partecipare con racconti e
poesie all‟uscita del prossimo numero previsto per Pasqua.
Bona Paschixedda
e Bonas Festas a totus!
Un ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato all‟uscita di questo numero:
Federica Lazzati;
Antonia Perseu;
Marina Serra;
Armando Garau;
Luigi Garau;
Michele Lilliu;
Lorenzo Murtas;
Tiziano Schirru;
Marco Sideri;
Claudio Zedda.
Fly UP