...

Maurizio Cavalli - Enoteca Cavalli

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

Maurizio Cavalli - Enoteca Cavalli
Maurizio Cavalli
Ricerca
Selezione
Distribuzione
Bollicine
Vini e spiriti
Prodotti di territorio
DI VINI
DI TERRE
DI UOMINI
….è s uff icien te im ba tters i
in un sorso d i t utto q uesto
per restarn e co in vo lti
Non bas ta una vit a
per poter d ire
di a ver lo da vvero
co mpreso ……
Di Vini….
sono quelli che portiamo con noi, mobili nel bicchiere, ma ben fermi in testa e in base
ai quali confrontiamo gli altri….
……i Barbaresco di Bruno Giacosa, lo Sfursat di Rainoldi, i "vecchi" bianchi di Terlano,
il Merlot di Miani, il Sangiovese di Valdicava a Montalcino e di De Marchi nel Chianti
Classico, il Verdicchio di Garofoli dopo qualche anno, il Sagrantino di Bea non
sovraestratto, i Taurasi di Mastroberardino "maggiorenni", il Negroamaro, Patriglione e
Taurino, il Nero d'Avola secondo Feudo Montoni e lo Zibibbo di Murana
….ma anche Krug quando millesima, Domaine Gros perché "vola" in Borgogna,
Caymus e la forza della California, la setosità di Valandraud a Bordeaux e l'esplosiva
fruttosità di Vall-Llach nel Priorato…..
Di Terre…. le ritroviamo come fotografie nei "liquidi salati" che ci fanno viaggiare anche in luoghi
dove non siamo mai stati, fortemente espressive come sono delle origini….
….Serralunga a Barolo, la Val di Mezzane e di Illasi in Valpolicella, il Collio a San
Floriano, a Dolegna e sul versante sloveno, il Monte Gemola sugli Euganei, la conca di
Panzano in Chianti, le terrazze delle Cinque Terre, i suoli vulcanici delle vigne ai piedi
del Vesuvio e sulle pendici dell'Etna
….e poi le marne della Marna, il Silicio a Pouilly s/Loire, l'effetto di Rangen de Thann
sul Riesling, la Llicorella a Gratallops in Catalogna….
Di Uomini….
indissolubilmente legati alla vigna che ci comunicano il loro sentire attraverso il
frutto del loro lavoro….
….maniacale e consapevole come Roberto Voerzio, paziente come Bepi Quintarelli,
esperto e minimalista come Josko Gravner, attuale come Fabio Chiarelotto di
Montepeloso, di respiro internazionale, eppure contadino, come Annamaria Toni,
poliedrico e trasparente come Kurt Wachter di Buranco, umile conoscitore della vite
come Luigi Moio….
….come una foto dal satellite sulla Borgogna è il talentuoso Sylvain Pitiot di Clos de
Tart, raffinate e accessibili le creature alsaziane di Madame Faller e le sue figlie, solide
e di sostanza le bollicine di Anselme Selosse e Marie-Noëlle Ledru, e, ancora, Javier
Ajenjo irriverente e futurista con la sua banda del Conde…..
….(continua)….
Champagne
Il vigneto Champagne si estende per circa 30 mila ettari nel nord della Francia, in una zona
climaticamente “al limite” per la coltivazione della vite. Il clima è tendenzialmente continentale
(inverni rigidi ed estati calde) ma è mitigato dalle correnti atlantiche spesso portatrici di
perturbazioni.
Uno degli elementi più caratterizzanti è il suolo: composto da marna calcarea di sedimenti marini
successivamente affiorati con gli assestamenti della crosta terrestre. Questo strato di gesso che ha il
potere di immagazzinare e restituire il calore del sole, assicura un perfetto drenaggio delle acque in
eccesso, assorbe l’eccesso di umidità nei periodi piovosi e lo rilascia gradualmente nei periodi più
siccitosi evitando alla pianta pericolosi stress idrici.
Le uve coltivate sono tre:
Lo Chardonnay (a bacca bianca) che apporta freschezza, finezza e nerbo agli assemblaggi. Se
vinificato in purezza (Blanc de blancs) origina vini leggeri adatti da aperitivo o apertura pasto.
Il Pinot Nero (a bacca rossa) conferisce corpo e spessore agli uvaggi anche se risente in modo
particolare degli andamenti climatici. Vinificato da solo o con il P. Meunier dà origine al “Blanc de
Noirs”.
Il Pinot Meunier (a bacca rossa) dona ai vini fruttuosità e immediatezza grazie anche a una acidità
contenuta.
Serve spesso a legare i due caratteri – solitamente inconciliabili – di Chardonnay e Pinot Nero.
Le zone di produzione sono diverse e a volte anche molto distanti fra loro.
La Vallée de la Marne è caratterizzata da una elevata presenza di Pinot Meunier quindi di vini
semplici e di immediata bevibilità, soprattutto nel versante che va da Epernay a Château Thierry.
Nella parte invece più orientale (da Cumières a Mareuil s/Aÿ) il Pinot Nero è particolarmente
espressivo e nelle grandi annate dimostra anche una notevole longevità.
La Montagne de Reims è la zona dei grandi crus di Pinot Nero; Ambonnay e Bouzy, i più completi
ed armoniosi, Verzy e Verzenay dove da terreni più freddi si ottengono vini più nervosi che spesso
necessitano porzioni di Chardonnay per ingentilirsi.
Discreta la produzione che da Villers-Marmery si estende verso Reims.
La Côte des Blancs è il regno dei grandi Chardonnay. Finezza e freschezza che assumono
connotazioni più o meno incisive a seconda della stile aziendale.
Chouilly, Avize, Cramant. Oger, Le Mesnil s/Oger sono i comuni più vocati (Grands Crus).
La Côte de Sezanne, considerata per lungo il prolungamento della precedente, vive oggi
un bel momento di espressione propria. Anche qui lo Chardonnay è dominante, ma non mancano
anche dignitosi Pinot neri. A Bethon, Villenauxe la Grande e Montgenost i vigneti importanti.
L'Aube, diviso in due sottozone, la Côte de Bar ed il Barsequanais, da sempre fonte di
approvvigionamento per le grandi Maisons è incentrato al 90% su un Pinot Nero più delicato
Oggi, una nuova generazione sta reimpostando un discorso alla borgognona con rese più basse
e vinificazioni parcellari.
Le tipologie
“Brut” e “Extra Brut” sono i più secchi, con residuo zuccherino inferiore a 15 g/litro.
Sono le tipologie più diffuse adatte soprattutto come aperitivo ed eventualmente da pasto.
E’ meglio non accompagnarli ai desserts:
“Sec” (fra 12 e 20 g/L) è un secco più moderato da considerare con gelati ed eventualmente
desserts non dolci.
“Demi-sec”(tra 17 e 35 g/L di zuccheri residui) fra l’abboccato e l’amabile, ha una tendenza dolce
più marcata ed è adatto con i desserts.
“Doux” (oltre i 50 g/L) è dolce ma equilibrato da freschezza acida e sapidità.
A fine pasto con i dessert ma anche con foie-gras o formaggi se invecchiato.
“Rosé” viene generalmente prodotto con un vino base (85-95% a cui viene aggiunto vino rosso da
uve Pinot Noir (Coteaux Champenois Rouge) in ragione del 5 – 15% (Rosé d'Assemblage).
Il vecchio metodo (Rosé de Saigné) si ottiene con la macerazione e il contatto delle bucce da 36 a
48 ore prima della fermentazione. L'Occhio di Pernice ( Œil de Perdrix) ha in più la surmaturazione
che da una venatura leggermente rosata al mosto che si conserva per tutta la vinificazione.
Adatto da aperitivo e da pasto, specie con formaggi a media stagionatura.
R.M. =
N.M. =
R.C. =
C.M. =
M.A. =
S.R. =
Récoltant Manipulant
Négociant Manipulant
Récoltant Cooperateur
Coopérative de Manipulant
Marque d'Acheteur
Société de Récoltants
Paesi e villaggi della Champagne con classificazione e percentuali
Ambonnay
100%
- 80% PN e 20% CH
Arconville
80 %
- 90% PN, 5% PM e 5% CH
Avenay
93%
- 73% PN, 15% PM, 12% CH
Avirey-Lingey
80%
- 90% PN, 10% CH
Avize
100%
- 100% CH
Aÿ
100%
- 86% PN, 4% PM, 10% CH
Bagneux-la-Fosse
80%
- 99% PN, 1% CH
Bainot-sur-Laignes
80%
- 90% PN, 10% CH
Bar-sur-Aube
80%
- 75% PN,17% PM, 8% CH
Bar-sur-Seine
80%
- 68% PN,3% PM, 29% CH
Beaumont-sur-Vesle
00%
- 95% PN, 5% CH
Bergères-les-Vertus
95%
- 5% PN, 95% CH
Bethon
5%
- 20% PN, 80% CH
Bezannes
90%
- 100% CH
Billy-le-Grand
95%
- 25% PN, 75% CH
Bisseuil
95%
- 80% PN, 20% CH
Bligny
80%
- 81% PN, 5% PM, 14% CH
Bouilly
86%
- 18% PN, 72% PM, 10% CH
Boursault
84%
- 26% PN,67% PM, 7% CH
Bouzy
100%
- 88% PN, 1% PM, 11% CH
Breuil, Le
83%
- 10% PN, 87% PM, 3% CH
Brouillet
85%
- 20% PN, 60% PM, 20% CH
Buxeuil
80%
- 90% PN, 1% PM, 9% CH
Celles-sur-Ource
85%
- 85% PN, 10% PM, 5% CH
Cerseuil
Non classificato – Non ha vigneti
Châlons-en-Champagne 98%
- Non ha vigneti
Chamery
90%
- 27% PN, 55% PM, 18% CH
Champillon
93%
- 45% PN, 47% PM, 8% CH
Charly-sur-Marne
80%
- 5% PN, 85% PM, 10% CH
Château-Thierry
80%
- 14% PN, 78% PM, 8% CH
Châtillon-sur-Marne
83%
- 20% PN, 60% PM, 20% CH
Chaumuzy
83%
- 1% PN, 98% PM, 1% CH
Chavot
88%
- 5% PN, 65% PM, 30% CH
Chenay
84%
- Non ci sono vigneti degni
Chigny-les-Roses
94%
- 20% PN, 65% PM, 15% CH
Chouilly
100%
- 2% PN, 98% CH
Coligny
90%
- 10% PN, 90% CH
Colombé-le-Sec
80%
- 80% PN, 10% PM, 10% CH
Courteron
80%
- 93% PN, 1% PM, 6% CH
Cramant
100%
- 100% CH
Cuchery
84%
- 13% PN, 83% PM, 4% CH
Cuis
95%
- 19% PN, 9% PM, 90% CH
Cumières
93%
- 47% PN, 39% PM, 14% CH
Damery
89%
- 19% PN, 72% PM, 9% CH
Dizy
95%
- 29% PN, 41% PM, 30% CH
Écueil
90%
- 85% PN, 5% PM, 10% CH
Épernay
88%
-
Étoges
85%
- 7% PN, 72% PM, 21% CH
Etréchy
90%
- 100% CH
Festigny
84%
- 4% PN, 95% PM, 1% CH
Fontette
80%
- 80% PN, 20% CH
Grauves
95%
- 1% PN, 15% PM, 84% CH
Gueux
85%
- 8% PN, 89% PM, 3% CH
Gyé-sur-Seine
84%
- 94% PN, 2% PM,, 4% CH
Hautvillers
93%
- 34% PN, 53% PM, 13% CH
Janvry
85%
- 20% PN, 75% PM, 5% CH
Jouy-les-Reims
90%
- 23% PN, 68% PM, 9% CH
Landreville
80%
- 80% PN, 20% CH
Leuvrigny
84%
- 8% PN, 90% PM, 2% CH
Louvois
100%
- 90% PN, 10% CH
Ludes
94%
- 30% PN, 50% PM, 20% CH
Mailly
100%
- 89% PN, 4% PM, 7% CH
Mancy
88%
- 5% PN, 55% PM, 40% CH
Mardeuil
84%
- 30% PN, 60% PM, 10% CH
Mareuil-sur-Aÿ
99%
- 82% PN, 9% PM, 9% CH
Merfy
84%
- 30% PN, 45% PM, 25% CH
Merrey-sur-Arce
80%
- 85% PN, 10% PM, 25% CH
Mesneaux, Les
90%
- 50% PM, 50% CH
Mesnil-sur-Oger, Le
100%
- 100% CH
Montbré
94%
- 30% PN, 40% PM, 30% CH
Montgenost
85%
- 6% PN, 3% PM, 91% CH
Montgueux
80%
- 12% PN, 1% PM, 87% CH
Moslins
83%
- dei soli 15 ettari piantati c'è un'uguale percentuale fra PN,PM e CH
Moussy
89%
- 4% PN, 76% PM, 20% CH
Mutigny
93%
- 65% PN, 30% PM, 5% CH
Neuville-aux-Larris
84%
- 5% PN, 90% PM, 5% CH
Neuville-sur-Seine
80%
- 90%PN, 5% PM, 5% CH
Œuilly
84%
- 40% PN, 55% PM, 5% CH
Oger
100%
- 100% CH
Oiry
100%
- 100% CH
Pargny-les-Reims
90%
- 14% PN, 82% PM, 4% CH
Pierry
90%
- 20% PN, 65% PM, 15% CH
Pouillon
84%
- 10% PN, 82% PM, 8% CH
Prouilly
85%
- 20% PN, 75% PM, 5% CH
Puisieulx
100%
- 60% PN, 9% PM, 31% CH
Reims
88%
- 31% PN, 38% PM, 31% CH
Reuil
86%
- 25% PN, 70% PM, 5% CH
Riceys, Les
80%
- 96% PN, 2% PM, 2% CH
Rilly-la-Montagne
94%
- 40% PN, 30% PM, 30% CH
Romery
85%
- 20% PN, 60% PM, 20% CH
Saint-Martin-d'Ablois
86%
- 5% PN, 85% PM, 10% CH
Saulchery
80%
- 3% PN, 95% PM, 2% CH
Sermiers
89%
- 20% PN, 75% PM, 5% CH
Serzy-et-Prin
86%
- 5% PN, 93% PM, 2% CH
Sillery
100%
- 48% PN, 8% PM, 44% CH
Taissy
94%
- 23% PN, 45% PM, 32% CH
Tauxières
99%
- 80% PN, 5% PM, 15% CH
Tours-sur-Marne
100%
- 60% PN, 40% CH
Trépail
95%
- 13% PN, 87% CH
Trigny
84%
- 25% PN, 69% PM, 6% CH
Trois-Puits
94%
- 45% PN, 45% PM, 10% CH
Urville
80%
- 70% PN, 20% PM, 10% CH
Vandières
86%
- 80% PN, 85% PM, 7% CH
Verzenay
100%
- 90% PN, 10% CH
Verzy
100%
- 80% PN, 20% CH
Villedommange
90%
- 30% PN, 65% Pinot Mercier, 5% CH
Villeneuve-Renneville
95%
- 100% CH
Villers-Allerand
90%
- 27% PN, 55% PM, 18% CH
Villers-Marmery
95%
- 5% PN, 95% CH
Villers-sous-Châtillons 86%
- 4% PN, 95 PM, 1% CH
Ville-sur-Arce
80%
- 93% PN, 3% PM, 4% CH
Villevenard
85%
- 3% PN, 70% PM, 27% CH
Vinay
86%
- 11% PN, 71% PM, 18% CH
Vincelles
86%
- 30% PN, 55% PM, 15% CH
Volpreux
95%
- 100% CH
Vrigny
89%
- 20% PN, 40% PM, 40% CH
PN =
Pinot Noir
PM =
Pinot Meunier
CH =
Chardonnay
In poche parole….
gli Champagnes dei Vignerons
Jacques Beaufort
Vent'anni. A novembre sono vent'anni che importiamo Champagnes. Avevamo iniziato con il
Philipponnat e la sua leggenda dell'Avvocato, proseguito col Billecart-Salmon, il Moët ed altri,
finché una maggiore facilità doganale ci ha consentito di esplorare il pianeta dei "Vignerons". Nei
primi anni '90 non era poi così facile presentarsi presso le cantine dei "proprietari", la stampa
specializzata si limitava alla Guide Hachette, ma ogni qualvolta contattavamo un decorato, quello
era regolarmente esaurito mentre l'annata successiva o la Cuvée di riferimento rasentava
l'imbevibilità. E poi fregature, soddisfazioni, incontri ravvicinati con doganieri, poliziotti ed
eventi climatici paradossali.
Oggi qualcosa è cambiato. Tutto il mondo importa Champagne, tutti intonano peana e canti di
gloria. Noi, no. Abbiamo una diversità dovuta alla conoscenza ed all'esperienza.
Non proponiamo assolutismi, ma territorialità. Siamo ben consci dei valori tecnici in atto, ma
indirizziamo le scelte al senso del momento, alla situazione.Una festa, un matrimonio, una partita a
carte non richiedono muscolarità, un aperitivo non ha le stesse esigenze di uno stinco o di una
fiorentina. Che varietà: il bio, il tradizionale, il matto, il fanatico dell'acciaio ed il guru del legno,
malolattica si, malolattica no, la selezione parcellare e la cuvée fantasia, proprio una bella poesia ma
con la data di scadenza
Non aspettatevi quindi l'elogio sperticato delle virtù umane: c'è parecchio amore per il soldo, un pò
di perbenismo, tanto sciovinismo. Le villette e le cantine sono perenni cantieri, di rimando
l'attaccamento che hanno alla vigna, in un contesto climatico ostile, li rende quasi eroici. Ed allora
bando ai sentimentalismi ed attenzione alle loro irregolarità. Se vedete qualche prodotto o
produttore uscire dal listino non preoccupatevi. Noi non chiediamo esclusive, accettiamo la
concorrenza e vendiamo con serietà la nostra passione.
La Côte de Sezanne
Jacques Copinet
(Montgenost) R.M.
7 ha Chardonnay – 1 ha Pinot Noir
bottiglie prodotte annue: 70.000
Molto rigore in vigna e pulizia estrema durante le vinificazioni
permettono di ottenere dei Blanc de Blancs precisi e soddisfacenti
anche da una zona di minor prestigio quale la Côte de Sezanne.
Il Blanc de.blancs Brut S.A., con i suoi aromi citrini e mentolati ed un
attacco nervoso, evoca la gioventù.
Il Brut Sélection S.A.. è appena più profondo per una maggiore
permanenza sui lieviti.
La Cuvée Marie-Étienne 2000 va rimarcata per la finezza del frutto, la
freschezza e la sua persistenza.
Il Rosé è vinoso ed intrigante mentre la versione demi-sec è il
compagno ideale delle crostate di nonna Papera.
La nostra prima scoperta, da sempre il più venduto.
L'Aisne
Alain Mercier
(Passy-sur-Marne) R.M.
4 ha Chardonnay – 4 ha Pinot Meunier – 2 ha Pinot Noir
Bottiglie prodotte annue: 80.000
Nel proseguimento della Marne, nel regno del Pinot Meunier
questo energico Vigneron predilige le uve bianche.
Lo Chardonnay monopolizza la Cuvée Préstige, ampia e generosa, dal
bel finale mentolato, la Cuvée Lucien e' caratterizzata da un tocco di
legno di quercia, la Cuvée Tradition e' fruttata e generosa. Ma il top è
rappresentato dalla Cuvèe Emile, solo uve nere, dal carattere pieno e
vinoso.
"The local hero".
La Vallée de la Marne
Legouge-Copin
Jacky Charpentier
(Verneuil) R.M.
4,5 ha Pinot Meunier – Pinot Noir - Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 15.000
Con la predominanza del Pinot Meunier (85%) fra le varietà coltivate,
si conferma la propensione di questa piccola “Maison” famigliare a
produrre champagne “freschi” a base prevalentemente “rossa”.
Il Rosé, portabandiera della casa, è una cuvée composta da 20% di
Pinot Nero 2003 senza malolattica, 17% Pinot Nero 2002, 15% Pinot
Meunier 2003, 10% Pinot Meunier 2000, 9% Chardonnay 2001, 9%
Chardonnay 2002 il tutto miscelato con del vino rosso dell'Aube per il
rimanente 20%. Anche se a nessuno può importare meno di niente di
tutto ciò provatelo con un culatello, un prosciutto di 30 mesi o un
Patanegra o semplicemente da aperitivo.
Il Réserve ha una bella componente di Pinot Nero, mentre il
Il Tradition a base meunier è adatto a matrimoni e banchetti.
(Il demi sec per la torta)
Si stanno montando la testa ed il Rosé verrà venduto in abbinamento.
(Villers-sous-Chatillon) R.M.
10, 9 ha 75% Pinot Meunier – 25% Pinot Noir
1,1 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 100.000
In piena Vallata della Marne, in un posto incantevole c'è il Signore del
Pinot Meunier,
I Brut Réserve e Préstige rappresentano nella semplicità le espressioni
più giovani del vitigno. Il Blanc de Blancs è una freschissima
sorpresa.
Il Millesimato 1999 e il “Comte de Chenizot” hanno un passo più
lungo, da pasto.
La Cuvée Piérre Henri è un'originalissima versione di Pinot Meunier
da vecchia vigna vinificata in rovere e lungamente affinata.
Professionale e didattico
José Michel
Gatinois
(Moussy) R.M.
21 ha Chardonnay, Pinot Meunier, Pinot Noir
bottiglie prodotte annue:175.000
Dai vigneti posti A Sud di Épernay produce da 4 generazioni
champagnes freschi, immediati, coniugando la fragranza d’impatto del
Pinot Meunier con la verve dello Chardonnay.
Il Brut “Carte Blanche” S.A. è il più classico degli aperitivi.
Il Rosé Brut S.A. incontra volentieri salumi e sfoglie salate.
Lo Special Club 98 50 % Chardonnay 50% e 50% Pinot Meunier da
vecchie vigne di 50 anni, senza malolattica svolta, è fresco fine e
persistente.
Il Millesimato 97 ha predominanza di Chardonnay
La "Cuvée du Pere Houdart" (cuvée di Pinot Meunnier delle annate 85
ed 86 e di Chardonnay dell'annata 88) "degorgiata" alla fine di marzo
2005, è un capolavoro di complessità.
I suoi Blanc de Blancs sono rotondi e burrosi (il 95 è medagliato d'oro
al concorso "Chardonnay du Monde"
Ormai di fama internazionale.
(G.C. Aÿ) R.M.
6,2 ha Pinot Noir
1 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 50.000
La progressiva acquisizione delle parcelle più vocate del Terroir d’Aÿ,
permette a Gatinois di garantire una costanza qualitativa indipendente
dall’andamento stagionale.
Tutti i suoi vini sono caratterizzati dalla forte personalità del Pinot
Noir con profumi insolitamente dinamici in fase giovanile e con
strutture adatte a lunghi affinamenti.Nella Cuvée Tradition si ritrova
un bel compromesso tra finezza e potenza con un fruttato saporito e
pieno.Il Réserve ha profondità di stile e mineralità, Il 2000 ha un
colore dorato, un naso con note di miele e frutta secca, una bocca
grassa, opulenta e lunghissima.
Il Rosé è in linea con lo stile aziendale, ma le quantità sono
contingentate.
Magistrale
La Montagne de Reims
Sadi-Malot
(Villers-Marmery) R.M.
8,2 ha Chardonnay
1,8 ha Pinot Noir
bottiglie prodotte annue: 90.000
Questo villaggio è un'enclave dello Chardonnay nel mondo del Pinot
Nero, ed il nostro miglior rapporto prezzo/qualità non fa eccezione.
Il Blanc de Blancs millesimato 1999 è varietale e pulito, “pronto per
l’uso”.
Il Vieille Réserve, di grande regolarità, è il prototipo di VillersMarmery profondo, soave e dal finale accattivante.
Il Brut “Carte Blanche”, assemblaggio di Chardonnay e Pinot Nero è
una cuvée classica affidabile e senza fronzoli.
Da chiusura di pasto nella versione Demi-Sec.
Il Rosé, semplice e calibrato, è prodotto con Chardonnay a cui viene
aggiunto circa il 10% di coteaux champenois.
Titolare fisso.
François Secondé
(G.C. Sillery) R.M.
4,2 ha Pinot Noir
1 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 40.000
Ecco un produttore esemplare in quel di Sillery: solo vigneti “non più
giovani” per garantire costanza qualitativa e una gran bella mano
nell'assemblaggio.
l'Integral, il Brut, il Demi-Sec sono di sostanza e trovano facile
collocazione rispettivamente all'inizio, durante e alla fine del pasto.
Il Rosé ha calore e personalità più accesa e può sostenere anche le
carni rosse alla griglia.
Il Clavier ha un carattere denso e mascolino. Il Blanc de Blancs 2002,
fine e completo, non ha rivali nella Montagna di Reims.
Bella novità il Blanc des Noirs 2002, strutturato e potente.
Il cocco della Revue des vins de France.
Marie Noëlle Ledru (G.C. Ambonnay) R.M.
5 ha Pinot Noir
1 ha Chardonnay
Bottiglie prodotte annue: 25.000
Viticultrice appassionata e rigorosa in quel di Ambonnay vinifica
artigianalmente champagnes a base Pinot Nero di struttura decisa e a
lunga evoluzione.
Compatibilmente con l’annata, riesce a preservare quella freschezza
che rende piacevole e meno massivo l’imponente Pinot Noir delle sue
terre.
Notevole la trilogia base: il Brut, il feroce Extrabrut e l'opulento
Demi- Sec. Il Rosé d'assemblage va prenotato per l'estate, mentre il
purpureo Rosé de Saigné abbisogna di un dolce a base di cioccolato e
frutti rossi per esprimere al meglio la sua diversità. Il Millesimato
2000 vive la sua stagione di gloria mentre il Goulté 2002, solo noir,
ha maturità di frutto ed uno spaventoso equilibrio.
Il Nature1999, autentico cavallo di razza, è un inno al vigore.
Fuoriclasse.
André Beaufort
Jean Vesselle
Lamiable
(G.C. Ambonnay) R.M.
2 ha Chardonnay e Pinot Noir
bottiglie prodotte annue: 15.000
Il padre di tutti i bio del mondo.
E’ sicuramente il “Vigneron” più originale: riporta in etichetta
l’esclusione di ogni concime chimico, diserbante, insetticida dalla
coltivazione dei vigneti.
Sostiene altresì l’utilizzo di composti vegetali e trattamenti secondo
aromaterapia e omeopatia (lui è allergico a tutto)
Al di là di ogni intento, la struttura dei suoi Champagnes è davvero
unica, grazie anche ai lunghissimi affinamenti sui lieviti: corpo
complessità e freschezza per il Grand Cru 1994 e il Réserve (cuvée
1991 e 1992), maturità, sentori di miele e nocciola per il Demi-Sec
1994, grande ampiezza e suadenza per il Grand Cru 1989.Dulcis in
fundo abbiamo assaggiato un suo Rosé aperto da 40 giorni ed a
temperatura ambiente: strabordava di polpa fruttata.
Un mito
(G.C.Bouzy) R.M.
10 ha Pinot Noir
1 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 92.000
Delphine Vesselle è una grande interprete del Pinot Nero di Bouzy :
densità, potenza e struttura sono la sua ideologia.
Spiccano i due Rosè: il tradizionale "de saignée" coi suoi aromi di
frutti rossi ed il bel croccante in bocca ed il raro occhio di pernice, dal
colore salmonato, dalle bolle fini e dalla lunghezza sorprendente.
La Cuvee Préstige con l'apporto dello Chardonnay è armoniosa, densa
ed un pò mielata. Il Millesimato 1999 ha le stesse caratteristiche con
maggiore complessità. Il Brut, l'Extrabrut, il Sec, il Demi-Sec
completano coi loro varietali didattici una stupenda batteria.
Il Petit Clos 1995, colore dorato, tocchi empireumatici al naso,
burroso, bocca cremosa piena e gustosa è a piena maturità per il
consumo.
Mediatica
(G.C. Tours-sur-Marne) R.M.
4 ha Pinot Noir
2 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 55.000
Possiede solo vigneti classificati Grand Cru a Tours s/Marne con una
esecuzione precisa e una percentuale regolare di “vin de réserve”,
riesce a coniugare prontezza e profondità.
Esemplare la nitidezza del Brut, dell’Extra Brut (che frutto!!)e del
Rosé . Il Millesimato Cuvée “Les Meslaines” 2003 (blanc des noirs)
uscirà a fine estate, mentre lo“Special Club” 2000 si esprime con
generosità e finezza
Un valore sicuro
La Côte des Blancs
Vazart-Coquart
(G.C. Chouilly) R.M.
11 ha Chardonnay
Bottiglie prodotte annue: 80.00. Vini eleganti, piacevoli che
interpretano magistralmente il loro "terroir".
La "Cuvée Camille" con una piccola aggiunta di Pinot Noir è
alternativa nell'aperitivo al Réserve, fresco e minerale.
Lo "Special Club"2000 proviene dalla selezione delle migliori
parcelle, mentre il "Grand Bouquet" 2002, concepito per il
cinquantenario della fondazione della Maison completa la batteria dei
Blanc des Blancs in modo perfetto.
Menzione a parte per l'unicità della Cuvée Foie Gras, assemblaggio di
vecchi millesimi di Chardonnay.
Una garanzia.
Claude Cazals
(G.C. Le Mesnil-sur-Oger) R.C.
9 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue:80.000
Délphine Cazals è alla guida di questa “Maison” storica considerata
fra le realtà emergenti della Côte des Blancs.
I vigneti di Mesnil s/Oger sono fra i più vocati e lo Chardonnay
prodotto raggiunge livelli di purezza espressiva elevati.
Il Brut “Carte d’Or” rappresenta il primo “step” della tipologia B.d.B.
Il Millesimato 99 è preciso, varietale, con ulteriore possibilità di
sviluppo.
La “Cuvée Vive” è un raro B.d.B. non dosato, nervoso e fragrante,
ottimo aperitivo.
Il “Clos” 98 è la versione più strutturata con sentori “boisé” e
nocciola, da piatti di pesce e non solo.Il Clos du Mesnil non è poi così
lontano…
Per locali modaioli.
J.L. Vergnon
(G.C. Le Mesnil-sur-Oger) R.M.
6 ha Chardonnay
bottiglie prodotte annue: 50.000
L'enologo Christophe Constant che ormai dirige questa importante
Maison sviluppa Champagnes nervosi, freschi, terribilmente
"d'aperitivo"(da spot caramelle Fisherman), che abbisognano di
qualche anno di cantina per sviluppare la loro complessità ed
esprimere tutto il loro potenziale.Il Brut è l'archetipo
di Mesnil, l'Extra Brut ha una rara precisione aromatica che introduce
ad una bocca nitida e pulita
Il Millesimato 99 sfiderà il tempo.
Per gente decisa.
Colin
(Vertus) R.M.
9 ha Chardonnay
1 ha Pinot Noir
1 ha Pinot Meunier
Bottiglie prodotte annue: 90.000
"Vignerons" giovani e con le idee molto chiare: tecnologia, rispetto
del territorio e utilizzo dei mezzi di comunicazione per valorizzare il
proprio lavoro.
Questi Champagnes stupiranno per delicatezza, eleganza e
leggerezza,
La Cuvée Alliance con una parte di Pinot Meunier, è aperitivo fruttato
mentre il Castille,solo Chardonnay, ha più mineralità.
Il Rosé è la versione macchiata di vino rosso, mentre il Vieille Vigne
de Cramant 2001 ha sentori di nocciola,.una bella acidità ed una non
indifferente capacità di evolvere.
Per sommeliers colti.
L'Aube
Cedric Bouchard
(Celles-sur-Ource) R.M.
0,9 ha – Pinot Noir
bottiglie prodotte annue: 3.800
La Borgogna applicata allo Champagne ..
Micro rese, selezioni clonali, vinificazioni parcellari.
Champagnes eleganti con una lunghezza perfetta tra l'equilibrio e la
freschezza. Le bottiglie da vendere sono ben poche
Piccolo genio
Jacques Beaufort
(Polisy) R.M.
3 ha di Pinot Noir
1 ha di Chardonnay
Bottiglie prodotte annue: 30.000
Per la nota introduttiva vedi l'André Beaufort: è sempre lui. Qui il
Terroir è diverso, non c'è la stessa ricchezza di Ambonnay, ma lo
stesso inconfondibile marchio si manifesta appieno.
Quattro Millesimi, uno diverso dall'altro, anche se la singolarità del
personaggio non aiuta a comprendere del tutto le etichette.
Essi sono: il Réserve figlio del 2004 dal frutto esplosivo, il 2002
fresco e minerale, il 2001 boisé ed intrigante e il 2000 grigliato e
mieloso. Quattro interpretazioni singolari ed iconoclaste.
Un profeta.
Bertrand Brigandat
(Channes) R.M.
8 ha Pinot Noir
bottiglie prodotte annue: 60.000
Giovane speranza dell'Aube. Il Pinot Nero di questo Vigneron ai
confini della regione è caldo, maturo e dotato di un buon grado
alcolico. C'è frutto in abbondanza in un quadro di piacevole rusticità.
Il Brut ed il Rosé chiedono un adeguato accompagnamento culinario.
Piace agli americani, speriamo bene.
Fluteau
(Gyé-sur-Seine) R.M.
7,2 ha Pinot Noir
1,8 ha Chardonnay
Bottiglie prodotte annue:70.000
Vini ruspanti che ci hanno ben impressionato durante l'ultimo
peregrinare in quel dell'Aube. Un Rosé de Saignée potente, fruttato e
desideroso di abbinarsi con piatti di bella sostanza. Un fratello Blanc
des Noirs tutto in rotondità e freschezza con un bel retrogusto di
prugna e di mela. Il Réserve è ingentilito da un tocco di Chardonnay.
Per combattenti della tavola.
Lo Champagne dei Vignerons
La Côte de Sezanne
Jacques Copinet (Montgenost)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
2000
2000
S.A.
S.A.
Blanc de blancs Brut
Blanc de blancs Brut
Blanc de blancs Brut
Blanc de blancs Brut
Blanc de blancs Sélection Brut
Blanc de blancs Cuvée Marie Etienne Brut
Blanc de blancs Cuvée Marie Etienne Brut
Rosé Brut
Rosé Demi Sec
0,375
0,750
1,500
3,000
0,750
0,750
1,500
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 6
cartone singolo
cassa legno singola
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 6
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
L'Aisne
Alain Mercier (Passy-sur-Marne)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
Tradition Brut
Préstige Brut
Cuvée Emile Brut
Cuvée Lucien Brut
La Vallée de la Marne
Legouge-Copin (Verneuil)
S.A.
S.A.
1998
S.A.
S.A.
Tradition Brut
Réserve Brut
Millésime Brut
Rosé Brut
Tradition Demi Sec
Jacky Charpentier (Villers sous-Chatillon)
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Extra Brut
S.A.
Blanc de Blancs Brut
S.A.
Préstige Brut
S.A.
Cuvée "Comte de Chenizot" Brut
S.A.
Cuvée "Pierre-Henri" Brut
2000
Millésime Brut
S.A.
Réserve Rosé Brut
S.A.
Préstige Rosé Brut
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,375
0,750
1,500
3,000
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 3
cartone singolo
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,375
0,750
1,500
3,000
0,750
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 3
cartone singolo
cartone da 6
José Michel (Moussy)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
Carte Blanche Brut
Carte Blanche Brut
Carte Blanche Brut
Carte Blanche Brut
Pinot Meunier Brut
S.A.
S.A.
2000
1995
1997
1998
1996
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
Extra Brut
Cuvée du Père Houdart Brut (Cuvée 85/86/88)
Blanc de blancs Brut
Blanc de blancs Brut
Millésime Brut
Special Club Brut
Special Club Brut
Rosé Brut
Rosé Brut
Rosé Brut
Carte Blanche Demi Sec
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
1,500
0,375
0,750
1,500
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone singolo
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
0,375
0,750
0,750
1,500
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 6
cartone singolo
cartone da 6
cartone da 6
Gatinois (Aÿ)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
2000
S.A.
Tradition Brut G.C.
Tradition Brut G.C.
Réserve Brut G.C.
Réserve Brut G.C.
Millésime Brut G.C.
Rosé Brut G.C.
La Montagne de Reims
Sadi Malot (Villers-Marmery)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
1999
S.A.
S.A.
Carte Blanche Brut
Blanc de blancs Vieille Réserve Brut P.C.
Blanc de blancs Vieille Réserve Brut P.C.
Blanc de blancs Vieille Réserve Brut P.C.
Blanc de blancs Vieille Réserve Brut P.C.
Blanc de blancs Vieille Réserve Brut P.C.
Blanc de blancs Vieille Réserve Brut P.C.
Blanc de blancs Brut P.C.
Rosé Brut
Carte Blanche Demi Sec
François Secondé (Sillery)
S.A.
Brut G.C.
S.A.
Cuvée Clavier Brut
2002
Blanc de Noirs La Loge Brut G.C.
2002
Blanc de blancs Millésime Brut G.C.
0,750
0,375
0,750
1,500
3,000
6,000
9,000
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 3
cassa legno singola
cassa legno singola
cassa legno singola
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,750
1,500
0,750
1,500
3,000
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 3
cartone singolo
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Gli altri prodotti disponibili da luglio
Marie-Noëlle Ledru (Ambonnay)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
2000
2002
1999
S.A.
S.A.
Extra Brut G.C.
Extra Brut G.C.
Brut G.C.
Brut G.C.
Brut G.C.
Millésime Brut G.C.
Cuvée du Goulté Brut G.C.
Millésime Nature Brut G.C.
Rosé de Saignée Brut G.C.
Demi Sec G.C.
André Beaufort (Ambonnay)
S..A.
1989
1994
S.A.
1989
1994
1995
BIO
Réserve Brut G.C.
Millésime Brut G.C.
Millésime Brut G.C.
Rosé G.C.
Demi Sec G.C.
Demi Sec G.C.
Demi Sec G.C.
Jean Vesselle (Bouzy)
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Réserve Brut
S.A.
Extra Brut
S.A.
Prestige Brut
1999
Millésime Prestige Brut
1995
Cuvée Spéciale "Le Petit Clos" Brut
S.A.
"Oeil de Perdrix" Rosé Brut
S.A.
"Oeil de Perdrix" Rosé Brut
S.A.
Rosé Brut
S.A.
Rosé Brut
S.A.
Rosé Brut
S.A.
Sec
S.A.
Demi Sec
S.A.
"Cuvée Friandise" Demi Sec Rosé
(maggio)
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,375
0,750
1,500
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
1,500
0,375
0,750
1,500
0,750
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,750
1,500
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Lamiable (Tours-sur-Marne)
S.A.
S.A.
S.A.
2002
2002
S.A.
Brut G.C.
Brut G.C.
Extra Brut G.C.
Special Club Brut G.C.
Cuvée Les Meslaines Brut G.C.
Rosé Brut G.C.
(luglio)
La Côte des Blancs
Vazart-Coquart (Chouilly)
S.A.
S.A.
S.A.
2002
1999
2000
S.A.
Cuvée Camille Brut P.C.
Blanc de blancs Réserve Brut G.C.
Blanc de blancs Réserve Brut G.C.
Blanc de blancs "Grand Bouquet" Brut G.C.
Blanc de blancs "Grand Bouquet" Brut G.C.
Blanc de blancs Special Club Brut G.C.
Blanc de Blancs "Spécial Foie Gras" Brut G.C.
0,750
0,375
0,750
0,750
1,500
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 6
0,375
0,750
1,500
0,750
0,750
1,500
0,750
0,750
1,500
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 3
J.L. Vergnon (Le Mesnil-sur-Oger)
S.A.
Blanc de blancs Brut G.C.
S.A.
Blanc de blancs Brut G.C.
S.A.
Blanc de blancs Extra Brut G.C.
1999
Millésime Brut G.C.
0,375
0,750
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Colin (Vertus)
S.A.
Cuvée Alliance Brut
S.A.
Blanc de blancs Blanche de Castille Brut P.C
S.A.
Blanc de blancs Blanche de Castille Brut P.C.
2000
Blanc de blancs Cramant Brut G.C.
2001
Blanc de blancs Cramant Brut G.C.
S.A.
Rosé Brut P.C.
0,750
0,750
1,500
1,500
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 3
cartone da 3
cartone da 6
cartone da 6
(in esaurimento) 0,750
cartone da 6
Claude Cazals (LeMesnil-sur-Oger)
S.A.
S.A.
S.A.
S.A.
1999
2000
1998
1998
1998
Blanc de blancs Carte d'Or Brut G.C.
Blanc de blancs Carte d’Or Brut G.C.
Blanc de blancs Carte d’Or Brut G.C.
Blanc de blancs Cuvée Vive Extra Brut G.C.
Millésime Brut G.C.
Millésime Brut G.C.
Blanc de blancs Clos Cazals Brut G.C.
Blanc de blancs Clos Cazals Brut G.C. astucciato
Blanc de blancs Clos Cazals Brut G.C.
Gimonnet-Oger (Cuis)
S.A.
Blanc de blancs Préstige Brut P.C.
L'Aube
Cedric Bouchard (Celles-sur-Ource)
S.A.
Inflorescence Brut
S.A.
Roses de Jeanne Brut
Jacques Beaufort (Polisy)
S.A.
Réserve Brut
2002
Millésime Brut
2000
Millésime Brut
2000
Millésime Demi Sec
1995
Millésime Demi Sec
Bertrand Brigandat (Channes)
S.A.
Tradition Brut
(luglio)
(luglio)
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
0,750
cartone da 6
BIO
S.A.
Rosé Brut
Domaine Fluteau (Gyé-sur-Seine)
S.A.
Carte Blanche Brut
S.A.
Cuvée Réserve Brut
S.A.
Carte Rubis Rosé Brut
S.A.
P.C.
G.C.
Senza Annata (non millesimato)
Premier Cru
Grand Cru
0,750
cartone da 6
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Alsace
Cento chilometri di vigna che si estendono per 13 mila ettari nel Nord-Est della Francia, fino alle
porte di Strasburgo.
Il clima è semicontinentale, molto soleggiato e secco, protetto a Ovest dalla catena montuosa dei
Vosgi che frena le correnti atlantiche.
La scarsa piovosità consente un ciclo vegetativo piuttosto lungo che determina la possibilità di
raccolte tardive.
Tutto ciò porta allo sviluppo di aromi particolarmente fini e di grande persistenza.
In più l’estrema variegazione nella composizione del suolo (granito, calcare, grès, scisti…..)
conferisce diversa personalità ai vitigni ivi coltivati.
Le principali varietà di uva sono a bacca bianca:
Sylvaner, Pinot blanc, Riesling, Muscat, Tokay Pinot Gris, Gewurztraminer, ma esiste anche una
piccola percentuale di Pinot Noir.
Il Sylvaner piuttosto precoce, dà origine a vini leggeri, secchi, delicatamente fruttati e versatili da
consumare giovani.
Il Pinot Blanc unisce freschezza e morbidezza e un moderato tenore di aromaticità. Viene utilizzato
anche come base spumante per il Cremant d’Alsace.
Il Riesling è il vino che più manifesta le caratteristiche del suolo su cui è coltivato. Generalmente
acido e nervoso in gioventù, sviluppa grande complessità in evoluzione dimostrando forza ed
eleganza, persistenza e mineralità.
Il Muscat ha sensazioni di frutto primarie molto vive senza, però, la caratteristica dolce degli altri
moscati.
E’ un piacevole aperitivo e accompagna degnamente piatti a base di asparagi.
Il Tokay Pinot Gris dona vini grassi ma altrettanto freschi se adeguatamente coltivato. Si presta
anche ad essere raccolto tardivamente, talvolta intaccato da muffe nobili.
Può incontrare piatti a base di carni bianche, foie gras e arrosti.
Il Gewurztraminer manifesta l’aromaticità più spiccata fra i vini della sua terra.
La versione secca accompagna gli aperitivi, i formaggi freschi e i piatti della cucina esotica.
Vendemmie Tardive e Selezione Acini Nobili sono grandi vini da foie gras, da formaggi erborinati
e da meditazione.
Il Pinot Noir originario della Borgogna trova qui diverse condizioni climatiche, sviluppando vini di
medio corpo da consumarsi in gioventù.
Se ben vinificato diventa un affidabile “tutto pasto” a prezzi competitivi.
Altri vitigni: Chasselas, Auxerrois……
Gli uvaggi: Edelzwicker, Gentil…..
Le Denominazioni
Alsace:
è generalmente accompagnata dall’indicazione del vitigno ad esempio: Riesling Alsace A.o.c.
Alsace Grand Cru:
(solo per Muscat, Riesling, Gewurztraminer, Tokay Pinot Gris) contraddistingue vini provenienti da
zone strettamente limitate (circa 50) che vengono indicate in etichetta insieme al vitigno e
all’annata.
Le rese più basse determinano vini più riccamente espressivi –
Es:Riesling “Schlossberg” Alsace Grand Cru 2000
Alsace Vendages Tardives e Selection de Grains Nobles:
Provengono dagli stessi vitigni dei Grand Cru raccolti in stagione avanzata in cui la parziale
disidratazione dell’acino concentra i succhi, determinando maggiore forza espressiva e dolcezza.
Sono adatti con foie gras, alcuni desserts o anche da soli.
I “Selection de Grains Nobles” si ottengono da uve colpite da muffa nobile (Botrytis Cinerea) che
caratterizza il raccolto donando sentori caratteristici (simili ai Sauternes).
Se adeguatamente conservati possono affinarsi per decenni.
Cremant d’Alsace:
Si ottiene dalla spumantizzazione con il metodo classico (rifermentazione in bottiglia) di vini a base
Pinot (bianco, grigio, nero).
Sono adatti sia per aprire che per accompagnare il pasto.
Qualche informazione in più….
Allimant Laugner
André Kientzler
Meyer-Fonné
(Orschwiller)
10,7 ha 32% Riesling – 26% Tokay P.G. – 19%
Gewurztraminer – 11% Pinot Blanc – 6% Muscat –
6% Sylvaner
1.1 ha Pinot Noir
92.000 bottiglie annue.
La scelta stilistica di questa giovane azienda non è improntata
alla ricerca della complessità, ma piuttosto all’affidabilità dei
“vini base” con una fascia di prezzo davvero abbordabile.
Hubert Laugner è bravo anche a spumantizzare col metodo
classico le uve Pinot per un Cremant d’Alsace blanc e uno
Rosé “aperitivissimi”.
Il Gewurztraminer è sempre il suo cavallo di battaglia preciso e
varietale.
Il Riesling risulta già piacevole anche senza i lunghissimi
affinamenti che richiede abitualmente.
I Tokay P.G. “base”, “Au Puits des Moines” e Vendage
Tardive sono in ordine crescente di grassezza e complessità.
Il Muscat è perfetto per i piatti a base di asparagi.
(Ribeauvillé)
11 ha 27% Riesling – 26% Gewurztraminer – 22% Pinot Blanc
e Auxerrois – 12% Tokay P.G. – 8% Sylvaner e Muscat – 5%
Chasselas
80.000 bottiglie annue.
Ha una gamma di vini davvero variegata che prende in
considerazione il fresco e semplice “Chasselas” (in Francia si
usa anche come uva da tavola) come il dolce “Auxerrois”,
grasso ma lineare.
I Grands Crus vanno dalla mineralità marcata del “Riesling
Geisberg” alla fruttuosità a tutto tondo del “Tokay P.G.
Kirchberg”, alla aromaticità pacata del “Muscat Kirchberg.
In ogni caso lo standard è elevato ed i prezzi sempre ben
rapportati.
(Katzenthal)
9,4 ha 28% Pinot Blanc – 25% Riesling –
19% Gewurztraminer – 18% Tokay Pinot Gris – 7% Muscat –
3% Altri
0,6% ha Pinot Noir.
75.000 bottiglie annue.
Specialista del “Gewurztraminer” (viene prodotto in 6 diverse
versioni) ha appreso l’arte di vinificare dal grande Humbrecht
con cui mantiene la tendenza al residuo zuccherino.
Tecnicamente i vini sono ben eseguiti e la morbidezza verietale
che li sostiene nella prima parte della degustazione trova
completezza nella sapidità conclusiva, data dai terreni granitici
di Katzenthal.
Da tenere in considerazione anche il Cremant d’Alsace che in
una versione decisamente secca, dimostra versatilità
dall’aperitivo al pasto.
Weinbach-Faller
(Kaysersberg)
25 ha 41% Riesling – 26% Gewurztraminer – 15% Tokay P.G.
6% Muscat e Chasselas – 6% Pinot Blanc e Auxerrois – 6%
Sylvaner.
1,1 ha Pinot Noir
130.000 bottiglie annue.
L’energica Colette, vedova Faller, conduce questa azienda con
l’aiuto delle figlie che si occupano una della vigna e l’altra del
commerciale.
Il denominatore comune dei loro vini è l’eleganza: nonostante
la spiccata aromaticità dei vitigni e la tendenza a ritardare il
raccolto per ottenere la maggiore complessità, è pressoché
impossibile che un vino del Domaine possa risultare
stucchevole o senza il giusto nerbo.
Al momento, per la regolarità dimostrata su una gamma
aziendale davvero articolata, può essere considerata fra le
prime tre cantine alsaziane.
Alsace
Allimant-Laugner (Orschwiller)
S.A.
S.A.
2004
2004
2004
2003
2005
2002
Cremant Brut
Cremant Rosé Brut
Muscat
Riesling “Praelatenberg” G.C.
Tokay Pinot Gris “Au puits des moines”
Tokay Pinot Gris V.T.
Gewurztraminer
Gewurztraminer S.G.N.
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,500
0,750
0,500
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 6
cartone da 12
cartone da 6
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 6
0,750
0,750
0,750
0,750
0,500
0,500
0,750
0,750
0,500
0,500
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Kientzler (Ribeauvillé)
2001
Auxerrois “K”
2001
Muscat “Kirchberg” G.C.
2002
Muscat
99/00/02Riesling “Geisberg” G.C.
2001
Riesling "Geisberg" G.C. S.G.N.
2002
Tokay Pinot Gris “Kirchberg” G.C.
2003
Gewurztraminer
2003
Gewurztraminer Réserve Particulière
1989/00 Gewurztraminer S.G.N. G.C.
Meyer-Fonné (Katzenthal)
S.A.
2003
2003
2003
2001
2002
2003
2005
2000
2003
2004
Cremant Brut Extra
Gentil d’Alsace
Muscat “Katzenthal”
Tokay Pinot Gris “Hinterburg”
Tokay-Pinot Gris “Hinterburg” S.G.N.
Tokay-Pinot Gris "Hinterburg" V.T.
Pinot Blanc VV
Gewurztraminer Réserve Particulière
Gewurztraminer “Wineck-Schlossberg” V.T. G.C.
Gewurztraminer "Kaefferkopf" V.T. G.C.
Gewurztraminer "Kaefferkopf" G.C.
Weinbach-Faller (Kaysersberg)
2001
2003
2000
2001
1997
2003
2003
2002
2002
2000
Pinot Blanc Réserve
0,750
Riesling “Schlossberg” St Catherine G.C.
0,750
Riesling “Schlossberg” Q. S.G.N. Cuvée d’Or G.C. 0,500
Riesling "Schlossberg" V.T. G.C.
0,375
Tokay Pinot Gris V.T.
0,750
Gewurztraminer Cuvée Laurence
0,750
Gewurztraminer "Altenbourg Cuvée Laurence" G.C. 0,750
Gewurztraminer "Altenbourg" S.G.N. G.C.
0,500
Gewurztraminer "Mambourg" S.G.N. G.C.
0,500
Pinot Noir Réserve
0,750
G.C.
V.T.
S.G.N.
Q.S.G.N.
Grand Cru
Vendemmia Tardiva
Selezione Grani Nobili
Quintessenza Selezione Grani Nobili
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
Vallée de la Loire
Nel Nord della Francia, lungo il corso di questo fiume, per più di mille chilometri si susseguono le
vigne che danno origine a una molteplicità di vini: un fronte molto esteso da Est verso Ovest con
climi, terreni e varietà eterogenei.
Il clima è un fattore fortemente condizionante per la qualità:
in tutte le zone situate verso il Nord-Europa la diversità fra le annate è molto accentuata.
Nelle annate più miti, qualora si possa prolungare il tempo della vendemmia, si ottengono bianchi
di grande espressività e rossi di struttura. Se, invece, le temperature e le piogge anticipano la
stagione, i vini prodotti potranno risultare troppo duri o troppo semplici.
Sicuramente i vitigni a bacca bianca trovano in queste condizioni il loro ambiente ideale. Le uve
rosse, invece, raggiungono livelli di interesse solo in alcune zone e a condizioni climatiche
favorevoli.
Lo Chenin Blanc dà origine a quattro stili di vino del tutto distinti: secco, amabile, dolce e spumante
grazie all’acidità naturale che lo contraddistingue.
“Appellations” principali: Vouvray, Montlouis, Coteaux du Layon, Savenniéres, Coteaux de
l’Aubance, Bonnezeaux e Quarts de Chaume.
Il Sauvignon Blanc originario di Bordeaux ha però trovato nella zona interna di Pouilly s/Loire le
condizioni ideali per esprimere vini di carattere e longevità.
Il terreno magro e siliceo e un clima soggetto a sbalzi di temperatura sviluppa vini nervosi ed
eleganti, con aromi caratteristici ed ineguagliabili.
“Appellations” principali: Sancerre, Pouilly Fumé, Touraine.
Il Muscadet (Melon de Bourgogne) solo mezzo secolo fa originava dei “Vin de Pays”. Oggi è un
vino di successo, prodotto nei “Pays Nantais” verso la foce della Loira. La struttura piuttosto
semplice lo rende di facile approccio. Generalmente viene utilizzato come aperitivo o con i frutti di
mare crudi della costa nord atlantica.
“Appellations” principali: Muscadet de Sevre et Maine, Muscadet Côtes de Grandlieu, Muscadet
des Coteaux de la Loire.
Il Cabernet Franc è di origine bordolese ma è presente da secoli in varie parti della Loira.
Qui si esprime secondo latitudine e clima donando quindi vini più magri e più nervosi che a
Bordeaux. I sentori erbacei che lo identificano sono comunque sempre presenti.
“Appellations” principali: Chinon, Bourgueil
Grolleau, Gamay, Malbec (localmente “Cot”), Pinot Noir sono gli altri vitigni a bacca rossa che
prendono parte da soli o più spesso in uvaggio alle “Appellations”: Anjou, Touraine e Sancerre.
La “Vallée” un po’ più da vicino
Domaine des Roches Neuves
(Varrains) - Saumurois
22 ha di cui:
19 Cabernet - 3 Chenin Blanc
120.000 bottiglie annue.
I nomi dei vini di Thierry Germain sono davvero
azzeccati.Fra i rossi “Marginale” è il più selezionato,
interamente maturato in legno nuovo “Terres
Chaudes” è più immediato e un po’ meno “boisé”.
Il bianco,“L’Insolite”, è fresco ed intrigante.
Domaine Jo Pithon
(Saint-Lambert-du-Lattay) - Anjou
12 ha Chenin Blanc
30.000 bottiglie annue:
Lo stile dei vini “Pithon” riflette la personalità
debordante di chi li produce.
La ricerca della sovramaturazione in pianta e la
fermentazione senza controllo delle temperature
determinano colori intensi, strutture generose con
qualche “rusticità”, ma sempre originali.
Domaine Richou
(Mozè-sur-Louet) - Anjou
36 ha di cui:
6,5 Cabernet Franc – 3 Cabernet Sauvignon –
6,5 Gamay – 16 Chenin – 4 Chardonnay.
130.000 bottiglie annue.
In una regione dove i prezzi sono ancora accettabili,
ma in ascesa, è davvero meritorio cercare di mantenere
uno standard elevato sulle diverse tipologie senza
forzare sui prezzi.
Pulizia e regolarità sono i denominatori comuni sia
delle versioni secche che dolci.
Domaine Pierre Breton
(Restigné) - Touraine
15 ha Cabernet Franc.
60.000 bottiglie annue
Contrari alle filtrazioni e all’utilizzo di solforosa
all’imbottigliamento, per garantire stabilità richiedono
conservazioni sotto i 14° C e tolleranza sulle eventuali
formazioni di anidride carbonica (talvolta, conviene
caraffare). In ogni caso i vini di Breton rappresentano
un elemento di innovazione e, comunque, di
distinzione.
François Chidaine
(Montlouis-sur-Loire) - Touraine
27 ha 95% Chenin Blanc – 5% Sauvignon.
105.000 bottiglie annue.
Preso sui due fronti delle “appellations” “Montlouis” e
“Vouvray”, mantiene in ogni caso la linea della finezza
con una misurata propensione ai gusti secchi.
“Les Choisilles” 2001 e “Les Argilles” 2002 sono
interpretazioni di Chenin Blanc lineari, di riferimento.
Domaine de Montgilet
(Juigné-sur-Loire) - Anjou
24 ha 44% Cabernet Franc – 30% Grolleau – 18%
Cabernet Sauvignon – 8% Gamay.
13 ha 93% Chenin – 7% Pinot Blanc.
160.000 bottiglie annue.
I criteri per ottenere buoni vini sono sempre gli stessi:
basse rese, cernita delle uve, pressatura soffice e
conoscenza dei legni.
Questi dolci di Loira sono così perché tengono conto
di tutte le variabili.
Domaine Philippe Alliet
(Cravant-Les Coteaux) - Touraine
12 ha Cabernet Franc
50.000 bottiglie annue.
Specializzato nella produzione di rossi, è senza dubbio
il leader della “appellation” “Chinon”: dal “base” al
“Vieilles Vignes” fino al “Coteau de Noiré”,
l’espressività del vitigno è assicurata con diversi livelli
di complessità.
Chateau de Coulaine
(Beaumont-en-Véron) - Touraine
11 ha Cabernet Franc.
0,5 ha Chenin.
40.000 bottiglie annue.
Con la “Diablesse” e il “Bonnaventure” si confermano
ai vertici della denominazione “Chinon”. Vini vigorosi,
marcati dal legno e quindi destinati agli amanti del
genere.
Domaine de la Haute Borne
(Vouvray) - Touraine
7 ha Chenin Blanc.
20.000 bottiglie annue.
A Vouvray, le uve Chenin Blanc vengono vinificate in
tutti i modi possibili: fermo, frizzante, spumante, secco,
abboccato, dolce….
Con le bolle o senza Vincent Carême ha comunque
dimostrato le proprie capacità di vinificatore.
Clos Roche Blanche
(Mareuil-sur-Cher) - Touraine
11 ha 50% Gamay – 20% Cabernet Franc – 20% Cot –
10% Cabernet Sauvignon
9 ha 90% Sauvignon – 10% Chardonnay.
Sempre attenti a preservare freschezza e bevibilità, ma
con rispetto dei prezzi, i vini maturi e fruibili
dell’azienda rappresentano sempre un piacevole
approccio alla Touraine, senza estremizzazioni.
Domaine des Hautes Noëlles
(Saint-Léger-les-Vinges) – Pays Nantais
5,5 ha 61% Gamay – 33% Grolleau, 6% Cabernet
Franc.
17,5 ha 85% Melon, 10% Folle Blanche, 5%
Chardonnay.
100.000 bottiglie annue.
Profumi freschi e accattivanti, nerbo acido e corpo
leggero sono le caratteristiche salienti del Muscadet,
qui ben interpretate nella denominazione “Côte de
Grandlieu” che dimostra di non essere inferiore alla più
nota “Sèvre-et-Maine”.
Vallée de la Loire
Domaine des Hautes Noëlles (Saint-Léger-les-Vignes)
2004
Muscadet Côtes de Grandlieu “Les Granges”
0,750
cartone da 12
Domaine Jo Pithon (Saint-Lambert-du-Lattay)
2002
2002
2000
2001
Anjou sec “Les Bergères”
Anjou “Les Pépinières”
Coteaux du Layon St Aubin “Clos des Bois”
Coteaux du Layon St Lambert “Bonne Blanche”
0,750
0,750
0,500
0,500
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
0,750
0,750
0,500
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Domaine Richou (Mozé-sur-Louet)
2001
2001
2001
2003
2002
Anjou sec “Les Rogeries”
Coteaux de l’Aubance “Le Pavillon”
Coteaux de l’Aubance “Les 3 Demoiselles”
Anjou blanc Chauvigné
Brut Nature
Domaine de Montgilet (Juigné-sur-Loire)
2001
2001
1998
Anjou Yvonnais
Coteaux de l’Aubance “Clos Prieur”
Coteaux de l’Aubance “Le Tertereaux”
0,750
0,500
0,500
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
Domaine des Roches Neuves (Varrains)
2002/03 Saumur Blanc "Insolite"
2003
Saumur Champigny “Terres Chaudes”
2000
Saumur Champigny “Marginale”
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cassa di legno da 6
cassa di legno da 6
Domaine Philippe Alliet (Cravant-les-Coteaux)
2002
2002
2002
Chinon
Chinon “Vieilles Vignes”
Chinon “Coteau de Noiré”
0,750
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
Château de Coulaine (Beaumont-en-Véron)
2001
Chinon “La Diablesse”
0,750
cartone da 6
François Chidaine (Montlouis-sur-Loire)
2003
2003
2003
Vouvray "Clos Baudoin"
Montlouis "Les Tuffeaux"
Montlouis Moelleux"
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Domaine de la Haute Borne (Vouvray)
2001
2004
Vouvray Tendre
Vouvray ancestrale brut
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 12
Clos Roche Blanche (Mareuil-sur-Cher)
2003
2003
2002
Touraine Sauvignon N° 5
Touraine Sauvignon n° 2
Touraine Côt
0,750
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 12
cartone da 12
Vignoble de Bois Vaudons (St Julien de Chédon)
2004
Touraine Sauvignon Arpente
0,750
cartone da 12
Domaine Saint-Nicolas (Brem-sur-Mer)
2002
2003
2003
Fiefs Vendéens Blanc Le Haut des Clous
Fiefs Vendéens Blanc Le Clous
Fiefs Vendéens Rouge Reflets
0,750
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
cartone da 6
Domaine Breton (Restigné)
2001
Bourgueil "Les Perrieres"
2001
Chinon "Picasses"
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 12
Roger Champault (Sancerre)
2005
Sancerre Clos du Roy
0,750
cartone da 12
Domaine de l'Ecu (Le Landreau)
2003
Cuvée "Guy Bossard" Méthode traditionnel Brut
0,750
cartone da 12
Priorat
La denominazione “Priorat” è una delle più antiche denominazioni vinicole spagnole.
Anche gli antichi Romani facevano riferimento ai vini di questa terra e di questo ne abbiamo
testimonianza dai ritrovamenti di giare del periodo della dominazione dell’Antica Roma nella zona
di Marçà. E’ perciò quasi certo che questi vini fossero inclusi fra quelli mandati da TARRACO
(Tarragona) a ROMA o ad altre importanti città dell’Impero romano.
Per DOC Priorato si intende la maggior parte del territorio che era parte della zona controllata dal
Monastero di Scala Dei fondato nel XII secolo dai Monaci Cartusiani. Queste terre sono
caratterizzate da un terreno vulcanico e da condizioni climatiche
estreme.
Questi fattori combinati hanno creato le basi per la produzione di vini
di alta qualità. Di tutto ciò va dato merito ai frati della Certosa di Scala
Dei che furono tra i primi a realizzarlo e perciò piantarono vigne in
tutto il Priorato che fra il XVIII e XIX secolo raggiunse il suo
massimo splendore e produttività. Per molto tempo i vini prodotti
furono utilizzati come vini da taglio per migliorare altri vini europei.
A causa della distruzione della Certosa e della dispersione dei frati
avvenuta nel XIX secolo, anche la zona vinicola del Priorato conobbe un periodo oscuro che ebbe
fine solo nel XX secolo, più precisamente agli inizi degli anni ’90, quando alcuni viticultori, consci
delle sue enormi potenzialità, cominciarono il processo per il migliore riutilizzo di questa terra che
era stata per lungo tempo negletta e dimenticata.
E’ una regione situata nel Nord Est della Spagna nell’immediato entroterra di Tarragona,
prospiciente il Mar Mediterraneo.
Le vigne occupano circa 1500 ettari di un terreno di origine vulcanica con pietre grigio-blu e strati
di “llicorella” (ardesia) con altitudini variabili dai 200 ai 750 m/slm.
Il clima è secco con influenze marine, ma con escursioni termiche piuttosto accentuate nel periodo
estivo. La piovosità è scarsa (500 mm/anno).
In queste condizioni si ottengono vini di corpo con elevate concentrazioni sia di alcol che di colore,
caratterizzati da elevata sapidità (terreno) e una buona freschezza (escursioni termiche).
Le uve utilizzate – in prevalenza a bacca nera – sono Garnacha (equivalente al “Grenache” del
“Midi” francese o al nostro “Cannonau”, Cariñena (o Carignan o Carignano) di presenza secolare e
le “internazionali” “Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah che arrotondano e completano le varietà
locali nei complessi uvaggi. Raramente è presente anche il Tempranillo
Le varietà a bacca bianca sono Garnacha Blanca, Macabeo, Pedro Ximénez, Viognier e Chenin
Blanc e, in misura minore Picapoll e Pansal generalmente vinificate in uvaggio, ma con risultati solo
raramente significativi.
I comuni compresi nella denominazione sono: La Morera de Montsant, Scala Dei, La Vilella,
Gratallops, Bellmunt, Porrera, Poboleda, Torroja, Lloà, Falset e Mola.
Lo stile che contraddistingue buona parte dei vini prodotti in questa zona è sicuramente improntato
alla “modernità”.
In cantina il livello tecnologico è elevato sia in fermentazione (in acciaio con controllo delle
temperature) che in affinamento (barriques nuove in prevalenza per i vini più importanti e di 2°
passaggio a scalare).
Le filtrazioni molto blande o a volte assenti richiedono particolare accortezza nella conservazione a
temperatura e umidità costanti e un po’ di tolleranza per l’eventuale presenza di sedimenti.
° Cariñena: occupa circa delle vigne del Priorato e origina vini meno aromatici della
Garnacha, ma con elevati tenori di acidità, colore e struttura che la rendono indispensabile
negli uvaggi dei vini destinati all’invecchiamento.
° Garnacha: nelle varietà “Tinta”, “Peluda” e anche “Blanca” conferisce fruttuosità ma si
ossida facilmente.
Per questo motivo è spesso utilizzata nei vini dolci e liquorosi.
Per garantire standard elevati nei vini secchi deve essere coltivata, colta e vinificata con grande
accortezza.
° Cabernet Sauvignon: ha dimostrato una buona adattabilità ai climi del Priorato tale da
costituire la varietà straniera più coltivata (10%). Apporta colore, struttura e finezza
all’uvaggio.
° Merlot: anche se meno estesa del Cabernet (2%) la sua coltivazione contribuisce a rendere gli
uvaggi più morbidi e setosi ed è in continua espansione.
° Syrah: rappresenta il 5% del vigneto Priorato dove si è ambientato con facilità in quanto ama
terreni caldi e soleggiati. Oltre alla caratteristica fruttata apporta sensazioni balsamiche e
speziate.
Nonostante la struttura mediamente imponente, i vini del Priorato acquistano in piacevolezza se
serviti freschi (14 – 15 ° C) In questo modo mettono in evidenza la dinamica delle note fruttate,
contenendo nel contempo la sensazione alcolica.
e ora…..qualche approfondimento
Celler Cal Pla
(Porrera)
Anno di fondazione : 1997
6 ha
12.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 60% venduti in
Spagna e 40% venduti all’estero.
60 barriques
Celler Vall-Llach
(Porrera)
Anno di fondazione: 1997
28,7 ha
52.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 40% venduti in
Spagna e 60% venduti all’estero.
350 barriques
Celler Mas Doix
(Poboleda)
Anno di fondazione : 1998
20 ha
25.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 25% venduti in
Spagna e 75% venduti all’estero
90 barriques
Celler Capafons-Ossò
(Falset)
Anno di fondazione : 1992
17,5 ha
20.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 50% venduti in
Spagna e 50% venduti all’estero.
100 barriques
Costers del Siurana
(Gratallops)
Anno di fondazione: 1987
50 ha
60.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 50% venduti in
Spagna e 50% venduti all’estero.
200 barriques
Mas Martinet
(Falset)
Anno di fondazione : 1989
15 ha
37.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 40% venduti in
Spagna e 60% venduti all’estero300 barriques
Viñedos de Ithaca
(Gratallops)
Anno di fondazione 1999
20 ha
15.000 litri di vino prodotti all’anno di cui 75% venduti in
Spagna e 25% all’estero.
50 barriques
Priorat
Celler Cal Pla (Porrera)
2001
Mas d’en Compte negre
0,750
cassa di legno da 6
0,750
1,500
0,750
0,750
cassa di legno da 6
cassa legno singola
cassa di legno da 6
cartone da 12
0,750
0,750
casa di legno da 6
cassa di legno da 6
0,750
cassa di legno da 6
0,750
cartoni da 6
0,750
0,750
0,500
cassa di legno da 6
cassa di legno da 6
cassa di legno da 6
0,750
cassa di legno da 6
Celler Vall-Llach (Porrera)
2001/02 Vall-Llach
2002
Vall-Llach
2002
Idus
2002
Embruix
Capafons-Ossò (Falset)
2001
2000
Masos d’en Cubells
Mas de Masos
Mas Martinet (Falset)
2001
Clos Martinet
Viñedos de Ithaca (Gratallops)
2001
Odysseus
Costers del Siurana (Gratallops)
2001
2001
2001
Clos de l’Obac
Miserere
Dolc de l’Obac
Mas Doix (Poboleda)
2001
Doix Costers de Vinyes Velles
Bierzo
(La Mencia)
Pittacum (Arganza – Leòn)
2002
Pittacum barrica Tinto
2001
Pittacum Aurea Tinto
0,750
0,750
cartone da 6
cassa di legno da 6
Dominio de Tares (Villafranca del Bierzo – Leòn)
2002
Cepas Viejas Tinto
2002
Bembibre Tinto
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
Rias Baixas
(L'Albariño)
Pazo de Señorans (Meis – Pontevedra)
2003
Albariño Pazo de Señorans
2001
Seleccion de Añada
0,750
0,750
cartone da 6
cartone da 6
Ribera del Duero
(Il Tempranillo)
Conde (Aranda de Duero – Burgos)
2001/03 Neo Tinto
0,750
cassa di legno da 6
Arrocal (Aranda de Duero – Burgos)
2004
Arrocal Tinto
0,750
cartone da 12
Pago de los Capellanes (Pedrosa de Duero – Burgos)
2003
Pago de los Capellanes Joven Tinto
2000
Pago de los Capellanes Reserva Tinto
0,750
0,750
cartone da 12
cartone da 6
Aalto (Roa de Duero – Burgos)
2001
Aalto Tinto
0,750
cassa di legno da 6
Condizioni generali di vendita
•
I prezzi sono unitari esclusa IVA 20%
•
I prezzi si intendono franco destino per una quantità minima di 36 bottiglie.
Per quantitativi inferiori addebito 15,00.
•
Pagamento: anticipato sconto 3%.
RiBa 60 gg con spese.
MAURIZIO CAVALLI Srl
Via Giuseppe Verdi 25/A
43100 Parma Italia
P.I.: IT 01965480344
REAC: 191802
Reg. Imprese: 207187
Tel. e fax: + 39 0521 236928
e-mail: [email protected]
www.enotecacavalli.com
Banca Popolare di Verona Parma Sede Via Garibaldi, 73/a - Parma
5188 – 12700 c/c 030037 – cin R
Fly UP