...

TITOLO: Legge di Dalton

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

TITOLO: Legge di Dalton
TITOLO: Legge di Dalton
SCOPO: Verificare sperimentalmente che quando la stessa massa di un elemento si combina con masse
diverse di un altro elemento, per formare composti differenti (CuCl-Cloruro rameoso e CuCl2 -Cloruro
rameico), queste masse stanno fra loro in un rapporto multiplo uno rispetto all’altro, esprimibile con numeri
interi e piccoli.
STRUMENTI:
Bilancia analitica (sens. 0.01g);
2 becher;
Bacchetta di vetro;
2 lamine di Zn (zinco);
Stufa;
Imbuto;
Beuta;
Carta da filtro;
Spatola.
Stufa Modello: Eliwell EW Ta 905
SOSTANZE:
CuCl (cloruro rameoso);
CuCl2 (cloruro rameico);
H2O (acqua).
PRINCIPI TEORICI: Quando la stessa massa di un elemento si combina con masse diverse di un altro
elemento, per formare composti differenti (CuCl; CuCl2), queste masse sono fra loro in un rapporto multiplo
uno rispetto all’altro, esprimibile con numeri interi e piccoli.
PROCEDIMENTO:
1° fase
Diluizione di CuCl e CuCl2 con H2O
Abbiamo utilizzato la stessa massa di Cloruro rameso (CuCl), e di Cloruro rameico (CuCl2) :
successivamente abbiamo diluito i due sali in due becher con 70 ml di H2O distillata : dopo aver diluito
abbiamo pesato due lamine di Zn e le abbiamo immerse nelle rispettive soluzioni. Con un pennarello
abbiamo indicato sui due becher i nomi dei rispettivi sali : CuCl (ovvero Rame I) e CuCl2 (ovvero Rame II).
2° fase
Deposizione del Cu(I) e Cu(II) sulle lamine di Zn
Abbiamo atteso due giorni affinché tutto il Cu(I) e Cu(II) si depositassero sulle rispettive lamine di zinco; nel
primo becher con Cu(I) abbiamo ottenuto la seguente reazione di ossidoriduzione:
Cu+¹ + 1e- → Cu°
(Riduzione)
Zn° → Zn+² + 2e- (Ossidazione)
Nel secondo becker con Cu(II) abbiamo ottenuto la seguente reazione di ossidoriduzione:
Cu+² + 2e- → Cu°
Zn°
(Riduzione)
→ Zn+² + 2e- (Ossidazione)
Recupero, filtrazione e lavaggio del Cu (I) e del Cu (II)
Abbiamo recuperato i depositi di Cu(I) e Cu(II) con la filtrazione, e con la spruzzetta li abbiamo lavati
entrambi sulla carta da filtro per eliminare le eventuali impurità.
Abbiamo riposto le cartine da filtro contenente i depositi nella stufa a 70°C per 15 minuti per eliminare le
tracce di ZnCl2 ed H2O, ed infine abbiamo pesato entrambi le cartine da filtro contenente il Cu(I) e Cu(II).
I dati raccolti sono inseriti nelle tabelle sottostanti
CuCl(I) – Cloruro rameoso
MASSA CuCl
2g
MASSA FILTRO
0.97 g
MASSA FILTRO + Cu
2.91 g
MASSA Cu
1.94 g
MASSA Cl
0.06 g
PERCENTUALE di CLORO CHE
SI COMBINA CON 1g DI Cu
3%
Per calcolare la percentuale abbiamo utilizzato la seguente proporzione:
1.94g (Cu) : 0.06g (Cl) = 1g (Cu) : xg (Cl)
x% di Cloro= (0.06g (Cl) ÷ 1.94g (Cu)) x 100% = 3%
CuCl2(II) – Cloruro rameico
MASSA CuCl(II)
2g
MASSA FILTRO
0.91 g
MASSA FILTRO + Cu(II)
2.75 g
MASSA Cu(II)
1.95 g
MASSA Cl
0.15 g
PERCENTUALE di CLORO
CHE SI COMBINA CON 1g
DI Cu(II)
7.73 %
Per calcolare la percentuale abbiamo utilizzato la seguente proporzione:
1.85g (Cu) : 0.15g (Cl) = 1g (Cu) : xg (Cl)
x% di Cloro= (0.15g (Cl) ÷ 1.85g (Cu)) x 100% = 7.73%
OSSERVAZIONI: nella beuta, dopo la filtrazione gli altri prodotti che vengono separati sono il ZnCl2
(Cloruro di zinco) che è solubile, e l’H2O
CONCLUSIONI: Dai dati ottenuti, e tenuto conto dei vari errori accidentali che si verificano durante
l’esperimento, si può dedurre che il rapporto o la percentuale di CLORO che si combina con 1g di RAME
per avere composti differenti è il doppio, e quindi abbiamo verificato sperimentalmente la legge di
Dalton, e cioè:
“Facendo reagire tra loro due elementi in quantità differenti per ottenere diversi composti, il loro rapporto di
combinazione è multiplo uno rispetto all’altro”.
CLASSE: I G Indirizzo Tecnologico
ALUNNE: Desiante Caterina, Burdi Gaia, Defino Giacomina, Dipalma Francesca
PROFF.: Fiore Raffaele - Laroccia Franco
Data: 31/03/2006
Fly UP