...

Accanto alla vita. Sempre.

by user

on
Category: Documents
10

views

Report

Comments

Transcript

Accanto alla vita. Sempre.
Accanto alla vita.
Sempre.
www.dongnocchi.it
Il fondatore
Il Beato don Carlo Gnocchi (1902 - 1956)
È passato alla storia come il “padre
dei mutilatini”. Don Carlo Gnocchi, sacerdote milanese proclamato
Beato nel 2009, è certamente una
delle personalità più affascinanti della storia italiana, civile
ed ecclesiale, del secolo scorso.
Nato a San Colombano al Lambro,
presso Lodi, nel 1902, è ordinato
sacerdote nel 1925. Assistente
d’oratorio a Cernusco sul Naviglio e a Milano, si fa apprezzare per la sua intensa attività e per le sue indubbie doti
educative. Nel 1936 il cardinale Schuster
lo nomina direttore spirituale dell’Istituto
Gonzaga di Milano, retto dai Fratelli delle
Scuole Cristiane.
Allo scoppiare della guerra, cappellano
volontario, affronta con cuore di pace le
montagne fangose dell'Albania e della Grecia e poi le lande gelide della steppa russa
con gli alpini della Tridentina. Durante l’immane tragedia della ritirata si salva per miracolo. Ed è in quei giorni che, assistendo gli
alpini feriti e morenti e raccogliendone le
ultime volontà, matura in lui la decisione di
dedicarsi completamente a un’opera di carità che troverà compimento, a guerra finita, nella Fondazione Pro Juventute.
Dopo il doloroso pellegrinaggio tra le valli
alpine alla ricerca dei familiari dei caduti in
Russia e l’attività clandestina per salvare vite umane dagli strascichi
della guerra civile, assume la direzione dell’Istituto Grandi Invalidi di
Arosio, dove accoglie i primi orfani.
Lì, una sera, una giovane donna disperata gli affida il proprio figlio,
mutilato a una gamba: fulminato
dai tratti sfigurati di quel piccolo,
vittima degli orrori della guerra,
don Carlo matura la sua personale e audace risposta alla tragedia del dolore
innocente. In pochi anni l'Opera cresce
prodigiosamente, con collegi per mutilatini in ogni parte d’Italia: non semplici ricoveri, ma luoghi tesi a favorire la
maturazione affettiva e intellettuale, ricreativa e occupazionale degli assistiti, con interventi chirurgici e cure mediche, ma
anche istruzione scolastica e professionale.
L’ultima impresa di don Gnocchi è l’avvio
nel 1955 a Milano di un Centro Pilota per
poliomielitici (a cui si era dedicato esaurita l’emergenza dei mutilatini), straordinaria sintesi della sua metodologia riabilitativa.
Cinque mesi dopo, aggredito dalla malattia
e consumato dalla fatica, don Carlo si spegne alla Clinica Columbus di Milano. È il 28
febbraio 1956. Indomito nello spirito,
vuole però porre l’ultimo sigillo a una vita
donata fino all’estremo: regalare le proprie cornee a due mutilatini ciechi,
quando ancora in Italia il trapianto di organi non era regolato dalla legge.
Trent’anni dopo la morte, il cardinale Carlo
Maria Martini ha avviato la causa di canonizzazione. Nel 2002 Giovanni Paolo II, riconoscendone l’eroicità delle virtù, lo ha
dichiarato Venerabile. Il 25 ottobre 2009,
a Milano, in una piazza Duomo gremita
da oltre 50 mila fedeli, don Carlo Gnocchi è stato proclamato Beato.
2
La Fondazione
Istituita oltre sessant’anni fa da don Gnocchi per assicurare cura, riabilitazione e integrazione sociale a mutilatini e poliomielitici,
la Fondazione ha progressivamente ampliato nel tempo il proprio raggio d’azione
e la propria attività, continuando a rispondere - spesso con soluzioni innovative e sperimentali - ai bisogni emergenti delle
persone più fragili.
Grazie a un modello “distintivo”, finalizzato alla presa in carico globale del paziente nel suo percorso socio-sanitario, oggi
la Fondazione accoglie, cura e assiste:
• bambini e ragazzi portatori di handicap, affetti da complesse patologie
acquisite e congenite;
• pazienti di ogni età che necessitano
di interventi riabilitativi in ambito
neuromotorio, cardiorespiratorio e
oncologico;
• persone con esiti di traumi, colpite
da ictus, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, morbo di Parkinson, malattia di Alzheimer o altre
patologie invalidanti;
• anziani non autosufficienti, malati
oncologici terminali, pazienti con
gravi cerebrolesioni o in stato vegetativo prolungato.
Riconosciuta Istituto di Ricovero e Cura
a Carattere Scientifico (IRCCS), la Fondazione Don Gnocchi conta oltre 5.500
operatori, tra personale dipendente e collaboratori professionali, destinatari di una
costante azione formativa.
L’attività si articola negli ambiti:
• sanitario-riabilitativo (in regime di ricovero residenziale e day-hospital, ambulatoriale e domiciliare);
• socio-assistenziale (Centri Diurni Integrati, Residenze Sanitario-Assistenziali, interventi domiciliari, ricoveri di sollievo,
Centri residenziali per cure palliative);
• socio-educativo (Centri Diurni Disabili,
Residenze Sanitarie per Disabili, Degenze
Diurne Riabilitative, comunità-alloggio,
case-vacanza...).
Le prestazioni sono erogate in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale in 28 Centri (a cui si affiancano una
trentina di ambulatori territoriali), in
nove regioni, con oltre 3.600 posti letto.
Intensa è l’attività di ricerca scientifica e
di formazione ai più diversi livelli.
Riconosciuta Organizzazione Non Governativa (ONG), la Fondazione Don Gnocchi
è inoltre impegnata in progetti di solidarietà nei Paesi in via di sviluppo.
3
L’attività
Ambito sanitario-riabilitativo (75%)
La Fondazione è realtà leader nel settore
della riabilitazione.
L’attività viene svolta in regime di ricovero (residenziale e day hospital), in ambulatorio e a domicilio.
La riabilitazione in ambito ospedaliero è
contraddistinta da un elevato standard
qualitativo ed è affiancata e potenziata
da una vasta attività di ricerca scientifica.
I protocolli riabilitativi prevedono interventi di tipo multidisciplinare, con il
coinvolgimento di diverse figure specialistiche, che operano sulla base di un piano
personalizzato, per garantire la miglior
qualità di vita possibile alla persona assistita, favorendone il repentino reinserimento familiare e sociale.
Gli operatori della Fondazione sono impegnati per la messa a punto di complesse
strategie di riabilitazione in ambito neurologico, ortopedico, cardiologico, respiratorio e oncologico, per pazienti
dall’età evolutiva all’età adulta.
A queste si aggiunge una vasta attività di
riabilitazione di carattere estensivo,
rivolta alle persone con handicap, o al
trattamento di disabilità complesse.
A supporto delle attività sanitarie, la Fondazione ha sviluppato una vasta rete di
ambulatori polispecialistici, laboratori di analisi e servizi di diagnostica
per immagini.
ATTIVITA’ OSPEDALIERA
età assistiti
< 5 anni
6-17
18-29
30-49
50-64
65-74
75-84
85-94
> 95
TOT.
in degenza-dh
in ambulatorio
0
124
162
723
1.881
2.795
4.155
1.953
139
11.932
1.089
16.230
6.217
36.653
22.138
22.795
23.716
8.084
634
137.556
ATTIVITA’ EXTRAOSPEDALIERA
< 5 anni
6-17
18-29
30-49
50-64
65-74
75-84
85-94
> 95
TOT.
4
in degenza-dh
11
284
81
361
729
1.214
2.351
1.447
87
6.565
in ambulatorio
2.815
14.727
2.904
8.095
13.654
18.726
20.388
7.371
473
89.153
DATI 2014
età assistiti
Ambito socio-assistenziale (18%)
Negli ultimi anni le attività assistenziali
della Fondazione si sono estese anche ai
malati oncologici terminali, con l’attivazione e gestione di Centri residenziali
per cure palliative (Hospice, con servizi
di assistenza domiciliare) e alle persone
con gravi cerebrolesioni acquisite o in
stato vegetativo prolungato.
SOSIA C
SOSIA A
SOSIA B
Utenti delle RSA
in base alle classi Sosia:
la maggior parte appartengono alle classi
con il maggior carico assistenziale
ATTIVITA’ SOCIO-ASSISTENZIALE
tipologia
totale assistiti
Residenze Sanitario-Assistenziali
Centri Diurni Anziani
Hospice
Assistenza Domiciliare Integrata
Pronto Intervento
TOT.
1.937
211
599
847
9
3.603
DATI 2014
Dagli anni Ottanta la Fondazione ha esteso le proprie attività all’assistenza agli anziani, specialmente non autosufficienti,
intuendo con largo anticipo un’esigenza
divenuta prioritaria nella nostra società.
Oggi tale impegno è un modello
di riferimento a livello nazionale.
La concezione di servizi “a rete”
rappresenta una caratteristica fondamentale dell’attività socio-assistenziale della Fondazione che, da
anni, valorizza - oltre al ricovero
nelle Residenze Sanitario-Assistenziali - anche potenziali forme alternative di assistenza come i Centri Diurni,
gli interventi domiciliari e i ricoveri “di
sollievo”.
In questo contesto si inserisce l’esperienza
dei custodi socio-sanitari e sociali (a
Milano e in altre città) per intercettare i
bisogni degli anziani soli o ammalati, ma
anche dei disabili e delle loro famiglie che
vivono situazioni di precarietà o disagio.
Per rispondere in maniera sempre più efficace ai bisogni delle persone più fragili
e delle loro famiglie e garantire la migliore presa in carico possibile a pazienti
in condizione di cronicità, la Fondazione
Don Gnocchi sta sperimentando negli ultimi anni moderni e innovativi modelli
di continuità assistenziale, con l’obiettivo di colmare la frammentarietà dei percorsi assistenziali tra la gestione dell’evento acuto e il domicilio del paziente,
spostando l’attenzione dalla malattia al
mantenimento della salute e dell’autonomia.
5
L’attività
Ambito socio-educativo (7%)
Nel corso degli ultimi decenni, i processi di
de-istituzionalizzazione, integrazione scolastica e lavorativa, così come la costruzione di una rete locale di servizi sociali e
sanitari, hanno contribuito a migliorare
notevolmente la qualità della vita delle
persone disabili e la loro capacità di partecipare attivamente alla vita sociale.
A fronte di tali progressi, oggi la qualità
dell’integrazione si misura, non più sul
soddisfacimento dei bisogni assistenziali
primari, considerati diritti ormai acquisiti,
quanto piuttosto sulla completa affermazione dei principi di autonomia, indipendenza, piena ed effettiva partecipazione e inclusione all’interno della società.
In tal senso, ai disabili e alle loro famiglie,
gli operatori della “Don Gnocchi” offrono
un prezioso supporto educativo-assistenziale. Competenza, sperimentazione
e innovazione pedagogica sono orientate
ad accogliere e a rispondere ai bisogni
degli utenti, a cui sono assicurati sviluppo
delle capacità, autonomia, formazione, inserimenti lavorativi costantemente monitorati, integrazione sociale,
abitazione e clima di famiglia, gestione del tempo libero e dei fine settimana e progetti sul “dopo di noi”, al
venir meno dei riferimenti familiari.
6
ASSISTITI IN CDD E RSD
età
CDD
RSD
totale
< 17 anni
2
18-29
61
30-49
122
50-64
24
65-74
1
0
12
56
37
68
2
73
178
61
69
173
383
TOT.
210
DATI 2014
L’approccio educativo verso i giovani disabili, profetica intuizione di don Gnocchi e
cuore della mission della Fondazione, continua con rinnovato impegno, coniugando
qualità e spirito di servizio, innovazione
scientifica e prossimità.
Nei Centri l’attività è strutturata in scuole
materne ed elementari speciali, Centri Socio-Educativi, Centri Diurni, Residenze Sanitarie per Disabili, case
sollievo, comunità alloggio…
Numeri, servizi e presenza sul territorio
La pluralità di servizi erogati dalla Fondazione Don Gnocchi può essere così riassunta:
●2
Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS)
Unità di riabilitazione polifunzionale
● 10 Unità di riabilitazione ospedaliera
● 4 Unità per le gravi cerebrolesioni acquisite (GCA)
● 8 Residenze per anziani non autosufficienti (RSA)
● 2 Nuclei specializzati nella cura del morbo di Alzheimer
● 3 Hospice per malati oncologici terminali
● 2 Case di Cura
● 30 Ambulatori territoriali di riabilitazione
● 3 Centri Diurni Integrati per anziani (CDI)
● 7 Centri Diurni per Disabili (CDD)
RISORSE UMANE
● 1 Comunità Socio Sanitaria (CSS)
tipologia
totale
● 3 Residenze Sanitarie per Disabili (RSD)
● 3 progetti di Custode Sociale e Socio-Sanitario
3.797
Dipendenti
● 1 Casa sollievo per disabili e anziani
Collaboratori e libero professionisti 1.883
● 2 Centri di Formazione, Orientamento
e Sviluppo (CeFOS)
TOT.
5.680
● 3.696 posti letto
Volontari (associati e singoli) oltre 1.000
● 9.200 persone assistite in media ogni giorno
DATI 2014
● 23
7
Presidio Nord 1
Centro IRCCS “S. Maria Nascente” (1960)
ASL MI
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
Milano
Via Capecelatro 66
fisiatrica, neurologica, ortopedica, cardiologica
- degenza residenziale
120 posti letto
- day hospital
4 posti letto
• Attività ambulatoriale complessa ad alta intensità assistenziale (MAC)
• Ambulatorio polispecialistico
• Neuropsichiatria e riabilitazione dell’età evolutiva
- scuola elementare speciale
- ciclo diurno continuo
75 posti
- servizio di riabilitazione ambulatoriale
• Medicina di Laboratorio
• Radiodiagnostica e scienza delle immagini
• Medicina dello Sport
• Analisi della Funzione Locomotoria
• DAT (Domotica, Ausili, Terapia Occupazionale)
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatori territoriali a Bollate, Canegrate, Casalpusterlengo,
Cologno Monzese, Crema, Legnano, Lodi, Lodi Vecchio, Nerviano,
Santo Stefano Ticino e Sesto San Giovanni
• Laboratori di ricerca applicativa e servizi di supporto scientifico
• Settore Socio-Educativo
- Residenza Sanitaria Disabili (RSD)
- Centro Diurno Disabili (CDD)
• Casa vacanza per disabili e anziani
- Comune di Pozzolengo (BS)
45 posti letto
120 posti
Accanto al Centro IRCCS “S. Maria Nascente” sorge il Santuario diocesano del beato don Carlo Gnocchi, che conserva
l’urna con le spoglie mortali del “padre dei mutilatini”.
Il Santuario, con annesso museo alla memoria, è aperto alla visita dei fedeli tutti i giorni, dalle ore 9 alle 18.
Centro “Peppino Vismara-Don Gnocchi” (2013)
• Centro Diurno Disabili (CDD)
• Comunità Socio-Sanitaria per disabili (CSS)
• Riabilitazione ambulatoriale
con piscina per idroterapia
Milano
Via Dei Missaglia 117
8
ASL MI
30 posti
8 posti
Istituto “Palazzolo - Don Gnocchi” (1998)
• Residenza Sanitaria Assistenziale
di cui - Nucleo specialistico per affetti da Alzheimer
- Nucleo specialistico per persone in stato vegetativo
o affette da malattie neuromuscolari
- Nucleo protetto per persone
con disturbi cognitivi e del comportamento
- Hospice
• Casa di Cura
Milano
Via Don Palazzolo 21
- U.O. Medicina 1
- U.O. Medicina 2 - Oncogeriatria
- U.O. Cure sub acute
- U.O. di Riabilitazione specialistica
di cui ad indirizzo pneumologico e per malattie neuromuscolari
- U.O. Riabilitazione Generale Geriatrica a indirizzo oncologico
ASL MI
599 posti letto
30 posti letto
50 posti letto
18 posti letto
10 posti letto
20 posti letto
14 posti letto
20 posti letto
40 posti letto
15 posti letto
13 posti letto
• U.O. Cure Intermedie (ex RGG)
75 posti letto
• Centro Diurno Integrato
• Servizi territoriali
30 posti letto
- Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)
- Servizio di Custodia Sociale
- Casa Aurora (struttura di residenzialità temporanea leggera)
11 posti letto
• Ambulatorio polispecialistico
• Unità di Valutazione Alzheimer
• Unità di Valutazione geriatrica
• Centro odontoiatrico
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Servizio sociale
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Centro Multiservizi (2010)
• Residenza Sanitaria Disabili (RSD)
• Centro Diurno Disabili (CDD)
• Ciclo Diurno Continuo (CDC)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
ASL MI 1
20 posti letto
30 posti
30 posti
Legnano (MI)
Via Ferraris 30
9
Presidio Nord 2
Centro “Spalenza - Don Gnocchi” (2006)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
Rovato (BS)
Largo Paolo VI
neurologica, ortopedica, cardiologica, pneumologica,
gravi cerebrolesioni acquisite
• Cure Intermedie (ex RGG)
• Attività di cura per pazienti subacuti
• Attività ambulatoriale complessa ad alta intensità
assistenziale (MAC)
• Ambulatorio polispecialistico
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)
e Cure Palliative Domiciliari (CPD)
Centro “S. Maria al Castello” (1949)
• Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA)
• Degenza Diurna Continua Scuola Speciale
• Cure Intermedie (ex RGG)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatori territoriali a Melzo, San Donato Milanese,
ASL BS
110 posti letto
10 posti letto
10 posti letto
ASL MI2
87 posti letto
45 posti
20 posti letto
San Giuliano Milanese e Segrate
Pessano con Bornago (MI)
Piazza Castello 22
Hospice “S. Maria delle Grazie” (1999)
• Centro residenziale per cure palliative
• Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)
e Cure Palliative Domiciliari (CPD)
Monza
Via Montecassino 8
10
ASL MB
20 posti letto
Presidio Nord 3
Centro “Girola - Don Gnocchi” (1998)
• Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA)
di cui Nucleo spec. Alzheimer
• Cure Intermedie (ex RGG)
• Centro Diurno Integrato (CDI)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
ASL MI
105 posti letto
20 posti letto
20 posti letto
40 posti
Milano
Via Girola 30
Centro “Ronzoni Villa - Don Gnocchi” (2008)
ASL MB
• Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA)
• Mini alloggi protetti per anziani
92 posti letto
17 mini-alloggi
• Riabilitazione di Mantenimento Età Evolutiva
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatori territoriali a Barlassina, Lentate e Vimercate
36 posti letto
di cui 2 riservati alle suore in servizio al Centro
Seregno (MB)
Via Piave 12
Centro “S. Maria alla Rotonda” (1949)
• Ciclo Diurno Continuo (CDC)
• Riabilitazione Età Evolutiva
- Centro Diurno Disabili (CDD)
ASL CO
25 posti letto
18 posti letto
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatori territoriali a Como e Guanzate
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Inverigo (CO)
Via privata D’Adda 2
11
Presidio Nord 4
Centro “S. Maria al Monte” (1992)
• Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA)
• Cure Intermedie (ex RGG)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatorio territoriale a Varese
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
ASL VA
177 posti letto
20 posti letto
Malnate (VA)
Via Nizza 6
Centro “S. Maria alle Fonti” (1962)
• Residenza Sanitaria Assistenziale
• Unita Operativa Complessa Riabilitativa (UOCR):
ASL PV
41 posti letto
- Riabilitazione specialistica
30 posti letto
- Riabilitazione generale e geriatrica
35 posti letto
40 posti letto
• Residenza Sanitaria Disabili (RSD)
6 posti letto
• Casa Alloggio per Disabili “Gigi Spezia”
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Servizio ambulatoriale di Neuropsichiatria e Riabilitazione età evolutiva
Salice Terme (PV)
Viale Mangiagalli 52
12
Presidio Nord 5
Centro “S. Maria ai Colli” (1950)
• Riabilitazione specialistica
ASL TO 1
66 posti letto
neurologica, ortopedica
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatorio territoriali a Torino (via Livorno)
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Torino
Viale Settimio Severo 65
Presidio “Ausiliatrice - Don Gnocchi” (2005)
ASL TO 2
• Riabilitazione specialistica GCA
• Ambulatorio polispecialistico
50 posti letto
Torino
Via Peyron 42
13
Presidio Centro 1
Centro IRCCS “Don Carlo Gnocchi” (2011)
USL 10 FI
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
70 posti letto
neurologica, ortopedica, cardiologica, pneumologica, patologie vertebrali
25 posti letto
• Gravi Cerebrolesioni Acquisite (GCA)
• Riabilitazione extraospedaliera
- degenza residenziale
70 posti letto
- degenza diurna
10 posti letto
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Firenze
Via di Scandicci 269
loc. Torregalli
Centro “Don Gnocchi” (2011)
USL 7 SI
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
Colle Val d’Elsa (SI)
Via delle Casette 64
Centro“S. Maria alla Pineta” (1957)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
cardiorespiratoria
• Riabilitazione extraospedaliera
• Degenza Diurna
• Centro residenziale cure palliative (Hospice)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Marina di Massa (MS)
Via Don Gnocchi 24
14
ULS 1 MS
45 posti letto
111 posti letto
50 posti letto
10 posti letto
Polo Specialistico Riabilitativo (2013)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
• Riabilitazione extraospedaliera
USL 1 MS
13 posti letto
19 posti letto
Fivizzano (MS)
Ospedale S. Antonio Abate
Salita San Francesco
Polo Riabilitativo del Levante Ligure (2015)
• Riabilitazione intensiva ad alta specializzazione
per pazienti con Gravi Cerebrolesioni Acquisite
ASL 5 SPEZZINO
23 posti letto
• Riabilitazione intensiva
La Spezia
Via Fontevivo 127
neurologica, ortopedica, respiratoria
- degenza residenziale
- degenza diurna
• Servizio di psicologia
(neuropsicologia, logopedia, psicologia clinica)
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
61 posti letto
8 posti
15
Presidio Centro 2
Centro “S. Maria ai Servi” (1949)
AUSL PR
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
cardiologica, neurologica, ortopedica
- degenza residenziale
- degenza diurna
• Riabilitazione extraospedaliera
• Ambulatorio polispecialistico
Sportello Parkinson
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
86 posti letto
4 posti letto
18 posti letto
Parma
Piazzale dei Servi 3
Centro “Bignamini - Don Gnocchi” (1989)
ASUR AN
• Riabilitazione specialistica extraospedialiera con Scuola Speciale
- degenza residenziale
50 posti letto
- degenza semiresidenziale
40 posti letto
• Unità speciale per le gravi disabilità in età evolutiva 10 posti letto
• Riabilitazione ambulatoriale età evolutiva
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• Ambulatori territoriali ad Ancona (via Brecce Bianche, via Rismondo e
Torrette), Camerano, Osimo, Senigallia e Fano
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Falconara M.ma (AN)
Via Matteotti 56
16
Presidio Centrosud
Centro “S. Maria della Pace” (1950)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
Roma
Via M.llo Caviglia 30
neurologica, ortopedica, pneumologica,
patologie degenerative e vascolari, algie vertebrali
• Riabilitazione extraospedaliera
- degenza residenziale
- degenza diurna
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Centro “S. Maria della Provvidenza” (2003)
• Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili
• Riabilitazione extraospedaliera
Roma
Via Casal del Marmo 401
ASL RME
30 posti letto
65 posti letto
83 posti
ASL RME
60 posti letto
- degenza residenziale
60 posti letto
- degenza diurna
40 posti
• Struttura di riabilitazione integrata per pazienti affetti
da patologie neuromotorie e dementigene
30 posti letto
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Polo Specialistico Riabilitativo (2006)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
ASL AV
111 posti letto
neurologica, ortopedica, cardiorespiratoria,
gravi cerebrolesioni acquisite
• Riabilitazione ambulatoriale
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
S.Angelo dei Lombardi (AV)
Ospedale “G. Criscuoli”
Via Quadrivio
Centro “S. Maria al Mare” (1951)
ASL SA
• Riabilitazione ambulatoriale e domiciliare
• SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili)
Salerno
Via Leucosia 14/16
17
Presidio Sud
Centro “Gala - Don Gnocchi” (2005)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
ASL PZ
64 posti letto
neurologica, ortopedica
• Riabilitazione ambulatoriale
Acerenza (PZ)
Contrada Gala
Polo Specialistico Riabilitativo (2006)
• Riabilitazione specialistica ospedaliera
neurologica, ortopedica
• Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani (RSA)
• Riabilitazione ambulatoriale
• Ambulatorio territoriale a Ferrandina
Tricarico (MT)
Presidio Ospedaliero ASM
Via delle Matine
18
ASL MT
64 posti letto
20 posti letto
Ricerca scientifica e innovazione tecnologica
La Fondazione Don Gnocchi riserva
grande spazio alla ricerca scientifica negli
Istituti di Ricovero e Cura a Carattere
Scientifico (IRCCS) di Milano e Firenze e
in parecchi altri Centri. Questi, in collegamento con università ed enti di ricerca
nazionali e internazionali, sono specializzati nei settori biomedico, biotecnologico e delle nanotecnologie, oltre che
nella sperimentazione clinica per individuare nuovi metodi e nuovi strumenti per
il recupero dei deficit e la riduzione
delle condizioni di disabilità.
domotica”, dotata dei più sofisticati dispositivi tecnologici al servizio delle persone con disabilità e il SIVA (Servizio
Informazione Valutazione Ausili), la
principale rete italiana in grado di fornire
orientamento e consulenza nella scelta di
ogni tipo di ausilio, supportata da un portale Internet (www.portale.siva.it) che,
grazie alla “Don Gnocchi”, si è integrato
con analoghe esperienze di Paesi della comunità europea (www.eastin.eu).
La ricerca, con il suo bagaglio di ricadute
applicative, è in costante raccordo con
le attività cliniche e assistenziali. Tale
approccio multidisciplinare ha consentito
la realizzazione di progetti avanzati in
campo bioingegneristico nei settori neurologico, ortopedico e cardiorespiratorio.
A Milano è attivo il CITT (Centro di Innovazione e Trasferimento Tecnologico),
dipartimento interdisciplinare finalizzato
alla ricerca, all’applicazione e alla formazione sulle tecnologie avanzate per la
medicina e la riabilitazione.
Sono inoltre operativi il Servizio DAT (Domotica, Ausili e Terapia Occupazionale), che dispone di un’attrezzata “casa
IMPACT FACTOR NORMALIZZATO: TREND DELLA PRODUZIONE SCIENTIFICA IN FONDAZIONE
19
Formazione
Nel settore della formazione continua,
numerose iniziative sono rivolte al personale sanitario, assistenziale, educativo, tecnico e amministrativo della Fondazione e
a partecipanti esterni.
Una parte consistente rientra nei progetti
di Educazione Continua in Medicina
(ECM), che la Fondazione progetta ed
eroga su tutto il territorio nazionale in
Totale eventi
Eventi ECM
Eventi non ECM
Totale partecipanti
Partecipanti interni
Personale esterno
Ore complessive
386
205
181
7.867
7.144
723
122.626
DATI 2014
FORMAZIONE CONTINUA
FORMAZIONE UNIVERSITARIA
corsi di laurea
studenti iscritti
Infermieri
Educatori professionale
Fisioterapisti
Terapisti neuropsicomotricità età evolutiva
Terapisti occupazionale
Tecnici di neurofisiopatologia
Logopedisti
TOTALE
112
140
75
74
65
24
61
551
DATI 2014
La Fondazione attribuisce grande importanza alla dimensione formativa.
Nell’ambito della formazione professionale, la “Don Gnocchi” offre corsi per disabili fisici, mentali e sensoriali, insieme a
progetti finalizzati al loro inserimento lavorativo, costantemente monitorato, corsi
per figure professionali operanti nel
mondo della disabilità e dell’assistenza e
corsi per il personale della scuola, finalizzati agli interventi di sostegno.
Da anni la Fondazione partecipa alle iniziative promosse dall’Unione Europea
nell’ambito della formazione e dell’integrazione lavorativa delle persone disabili.
Funzione centrale e pilota in tale settore
è svolta dal CeFOS (Centro di Formazione Orientamento e Sviluppo), con
sedi a Milano e Roma.
qualità di Provider Nazionale accreditato
dal ministero della Salute.
In convenzione con la facoltà di Medicina
dell’Università degli Studi di Milano, la
Fondazione è sede didattica e di tirocinio
di sette corsi di laurea triennale delle
professioni sanitarie: infermieristica,
educazione professionale, fisioterapia, terapia occupazionale, tecniche di neurofisiopatologia, terapia della neuropsicomotricità dell’età evolutiva e logopedia.
Offre inoltre tirocini formativi per i corsi
di laurea magistrali e per scuole di specializzazione, corsi di perfezionamento postlaurea e master di specializzazione.
Da segnalare, infine, l’attività di consulenza per enti e istituzioni pubbliche e
private, anche a livello internazionale.
20
Solidarietà internazionale
Internazionale per vocazione, negli ultimi
anni la Fondazione Don Gnocchi ha esteso
il proprio campo di intervento oltre i confini nazionali, nel contesto di iniziative
pubbliche e private, in particolare dove i
bisogni sono più intensi e meno tutelati.
Nel 2001 ha ottenuto dal ministero degli
Affari Esteri il riconoscimento quale Organizzazione Non Governativa (ONG),
acquisendo l’idoneità per realizzare programmi a breve e medio termine nei Paesi
in via di sviluppo e svolgere la formazione
in loco dei cittadini.
Tale riconoscimento ha contribuito alla
crescita della capacità della “Don Gnocchi”
di assistere e servire persone in difficoltà
nei loro bisogni più urgenti, valorizzando
la propria esperienza e la generosità dei
propri operatori nell’ambito di progetti svoltisi in quasi tutti i continenti - realizzati
sia con risorse interne che esterne.
Questi i progetti attualmente in corso:
• Bosnia-Erzegovina: formazione e supporto gestionale al Centro medico sociale
di riabilitazione per persone disabili “Marija Nasa Nada” di Siroki Brijeg (Mostar);
• Burundi: supporto all’avviato reparto di
riabilitazione all’interno dell’ospedale
Pubblico di Ngozi;
• Rwanda: accompagnamento alla gestione del Centro di Chirurgia OrtopedicaPediatrica e di Riabilitazione “S. Maria” di
Rilima;
• Ecuador: accompagnamento all’autonomia gestionale e formazione e aggiornamento professionale del personale
dell’Instituto Fiscomisional de Educaciòn
Especial “Nuevos Pasos “di San Lorenzo;
• Bolivia: rafforzamento del sistema pubblico e comunitario per la prevenzione e
l’integrazione socio-sanitaria delle persone disabili nella regione di Cochabamba.
21
Per saperne di più
Strumenti e percorsi di approfondimento
• Carlo Gnocchi, Gli Scritti (1934-1956), Àncora-Fondazione Pro Juventute, 1993.
• Carlo Gnocchi, Cristo con gli alpini, Mursia, 2008.
• Carlo Gnocchi, “Dio è tutto qui”. Lettere di una vita, Mondadori, 2005.
• Carlo Gnocchi, Restaurazione della persona umana, Editrice Vaticana, 2009.
• Carlo Gnocchi, Poesia della vita. Pensieri, a cura di Angelo Bazzari e Oliviero Arzuffi, Ed. San Paolo, 2006.
• Barbara Garavaglia, Malato di infinito, Centro Ambrosiano, 2013.
• Emanuele Brambilla, «...e d’ora in poi sia chiamato beato», Mursia, 2010.
• Ennio Apeciti, Li amò sino alla fine, Centro Ambrosiano, 2009.
• Emanuele Brambilla, Don Gnocchi. Il prete che cercò Dio tra gli uomini, Centro Ambrosiano, 2009.
• Roberto Parmeggiani, Don Carlo Gnocchi. Imprenditore della carità, Ed. San Paolo, 2009.
• Luisa Bove, Don Carlo Gnocchi, Edizioni Paoline, 2009.
• Vincenzo Russo, Se il destino è contro di me… Peggio per il destino, Mursia, 2009.
• Edoardo Bressan, Don Carlo Gnocchi. Una vita al servizio degli ultimi, Mondadori, 2009.
• Sergio Toppi (tavole), Don Gnocchi (biografia a fumetti), Ed. San Paolo, 2009
• Stefano Zurlo, L’Ardimento. Racconto della vita di don Gnocchi, Rizzoli, 2006.
• Giorgio Cosmacini, «La mia baracca». Storia della Fondazione Don Gnocchi, Laterza, 2004.
Per seguire le attività della Fondazione Don Gnocchi
• I Quaderni della Fondazione Don Gnocchi, collana per pazienti e famiglie
• Missione Uomo, rivistra quadrimestrale
• Amis, notiziario bimestrale e news letter mensile on line
• www.dongnocchi.it
Per altro materiale informativo sul beato don Gnocchi e sull’attività della sua Opera in Italia e nel mondo è
possibile contattare il Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne della Fondazione Don Gnocchi
(Milano, p.le R. Morandi 6 - 02/40308938 - [email protected]).
22
Come sostenere la Fondazione Don Gnocchi
È possibile sostenere la Fondazione Don Gnocchi
facendo una donazione con una delle seguenti modalità:
• LASCITI TESTAMENTARI
Sono disponibili una guida cartacea
e un sito con informazioni e approfondimenti utili
http://ilmiolascito.it
• DONAZIONI
Conto Corrente Postale n° 737205
Intestato a Fondazione Don Gnocchi Onlus,
piazzale R. Morandi, 6 - 20121 MILANO
Conto Corrente Bancario n° 100000006843
Intestato a Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus
Banca PROSSIMA (Gruppo Intesa Sanpaolo) - Filiale 05000 Milano
Codice IBAN: IT60E0335901600100000006843
On-line con carta di credito
http://donazioni.dongnocchi.it
Inviando un assegno non trasferibile
intestato a Fondazione Don Gnocchi Onlus,
piazzale R. Morandi 6 - 20121 MILANO
• CINQUE PER MILLE
Nella dichiarazione dei redditi, nel riquadro dedicato al sostegno delle Onlus
o in quello per la ricerca sanitaria, indicare il codice fiscale della Fondazione:
04793650583
www.movimentidivita.it
Informazioni e contatti:
Servizio Fundraising - Fondazione Don Gnocchi
Tel. 02/40308.907
mail: [email protected]
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE:
Angelo Bazzari (presidente), Giovanni Cucchiani (vicepresidente),
Gianpio Bracchi, Mario Brambilla, Marco Campari, Mariella Enoc
COLLEGIO DEI REVISORI:
Raffaele Valletta (presidente), Michele Casini, Emilio Cocchi
CONSIGLIERE DELEGATO: Marco Campari
23
● PRESIDIO NORD 1
● PRESIDIO NORD 4
● PRESIDIO CENTRO 2
IRCCS S. Maria Nascente
Via Capecelatro, 66
Milano - tel. 02 403081
S. Maria al Monte
Via Nizza, 6
Malnate (VA) - tel. 0332 86351
S. Maria ai Servi
Piazzale dei Servi, 3
Parma - tel. 0521 2054
Palazzolo - Don Gnocchi
Via Don Palazzolo, 21
Milano - tel. 02 39701
S. Maria alle Fonti
Viale Mangiagalli, 52
Godiasco Salice Terme (PV)
tel. 0383 945611
E. Bignamini - Don Gnocchi
Via Matteotti, 56
Falconara M.ma (AN)
tel. 071 9160971
Vismara - Don Gnocchi
Via dei Missaglia, 117
Milano - tel. 02 893891
● PRESIDIO NORD 5
● PRESIDIO CENTRO-SUD
Multiservizi
Via Colli di S. Erasmo, 29
Legnano (MI) - tel. 0331 453412
S. Maria ai Colli
Viale Settimio Severo, 65
Torino - tel. 011 6303311
S. Maria della Pace
Via Maresciallo Caviglia, 30
Roma - tel. 06 330861
● PRESIDIO NORD 2
Ausiliatrice - Don Gnocchi
Via Peyron, 42
Torino - tel. 011 6303311
S. Maria della Provvidenza
Via Casal del Marmo, 401
Roma - tel. 06 3097439
S. Maria al Castello
Piazza Castello, 22
Pessano con Bornago (MI)
tel. 02 955401
● PRESIDIO CENTRO 1
E. Spalenza - Don Gnocchi
Largo Paolo VI
Rovato (BS) - tel. 030 72451
Hospice S. Maria delle Grazie
Via Montecassino, 8
Monza - tel. 039 235991
IRCCS Don Carlo Gnocchi
Via di Scandicci, 269
Firenze - tel. 055 73931
S. Maria alla Pineta
Via Don Gnocchi, 24
Marina di Massa (MS)
tel. 0585 8631
Polo specialistico riabilitativo
Ospedale Criscuoli
Via Quadrivio
Sant’Angelo dei Lombardi (AV)
tel. 0827 455800
S. Maria al Mare
Via Leucosia, 14
Salerno - tel. 089 334425
● PRESIDIO SUD
● PRESIDIO NORD 3
Girola - Don Gnocchi
Via Girola, 30
Milano - tel. 02 642241
Ronzoni Villa - Don Gnocchi
Viale Piave, 12
Seregno (MB) - tel. 0362 323111
Polo riabilitativo
Fondazione Don Gnocchi
Via don Gnocchi
Fivizzano (MS) - tel. 0585 9401
Don Gnocchi
Via delle Casette, 64
Colle Val d’Elsa (SI)
tel. 0577 959659
Gala - Don Gnocchi
Contrada Gala
Acerenza (PZ)
tel. 0971 742201
Polo specialistico riabilitativo
Presidio Ospedaliero ASM
Via delle Matine
Tricarico (MT)
tel. 0835 524280
S. Maria alla Rotonda
Via privata d’Adda, 2
Inverigo (CO) - tel. 031 3595511
Polo Riabilitativo del Levante Ligure
Fondazione Don Gnocchi
Via Fontevivo, 127
La Spezia - tel. 0187 5451
© Giugno 2015
Sede legale - Presidenza: 20162 MILANO
Piazzale Rodolfo Morandi, 6 - tel. 02 40308.900
Direzione Generale: 20162 MILANO
Via C. Girola, 30 - tel. 02 40308.703
Direzione Scientifica: 20148 MILANO
Via A. Capecelatro, 66 - tel. 02 40308.564
Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne: 20121 MILANO
Piazzale Rodolfo Morandi, 6 - tel. 02 40308.938
Fly UP