...

facciamo scienze..........sperimentando

by user

on
Category: Documents
12

views

Report

Comments

Transcript

facciamo scienze..........sperimentando
DIREZIONE DIDATTICA DI VIGNOLA
Plesso “G. Mazzini”
RELAZIONE FINALE
DELL’ANNO DI FORMAZIONE
FACCIAMO SCIENZE… SPERIMENTANDO
Dirigente Scolastico: prof. Omer Bonezzi
Tutor: ins.te Simona Pelloni
Ins.te Nicoletta Fausta Riggio
ANNO SCOLASTICO 2013-2014
IN D IC E
P r e me s s a
2
C a p i t o l o p r i mo
1 . 1 F a r e s c i e n z e n e l l a s c u o l a p r i ma r i a
5
1.2 Il l aboratori o nell a di datti ca del le sci enze
7
Capitolo secondo
2 . 1 P r e s e n t a z i o n e p e r s o n a l e : ma e s t r a p e r c a s o !
11
2.2 Vignola è…
14
2.3 Il contesto scuola: l ‟organizzazione scolastica
attraver so il Piano dell‟Offerta For mativa
17
2.4 Il plesso “G. Ma zzini”
22
2 . 5 L e c l a s s i : o s s e r v a z i o n i e d i n a mi c h e
23
2.6 Io e gli alunni
27
2.7 Io e le colleghe
30
Capitolo terzo
3.1 Dentro l‟esperienza
32
3 . 2 L a s e mi n a
36
3.3 Estra zi one del l a cl orofi ll a e cromatografi a su carta
d e i p i g me n t i f o t o s i n t e t i c i
40
3 . 4 C o s t r u i a mo l ‟ e r b a r i o
43
3.5 I licheni
45
3.6 Percorso didattico: punti di forza e punti di
47
debolezza
3.7 E infine…
48
Bi bl i ografi a e si tografi a
50
Allegati
51
1
Pre messa
Il ruolo delle scienze nella scuola di base , nel corso della
s t o r i a , s i è c o s ì p r o f o n d a m e n t e t r a s f o r ma t o c h e n e l l ‟ u l t i m o
ventenni o l e di sci pli ne sci enti fi che hanno vi sto ri conosci uta
l a l o r o a u t o n o mi a e i l l o r o r u o l o f o n d a n t e p e r u n a c o m p l e t a
f o r ma z i o n e d e i b a m b i n i . I n p a r t i c o l a r e , s i s o t t o l i n e a c o me l e
s c i e n z e c o n c o r r a n o a l l a f o r ma z i o n e g l o b a l e d e l l a p e r s o n a ,
attraverso
l‟acquisizione
di
una
forma
m e n t is
che
non
r i ma n g a i s o l a t a a g l i a mb i t i s p e r i me n t a l i .
È s u q u e s t o a s p e t t o c h e h o r i f l e t t u t o n e l l e p a g i n e d e l p r i mo
capitolo,
s o f f e r ma n d o mi
sulla
di datti ca
laboratoriale
non
tanto nell‟accezione con cui veniva concepita cin quant‟anni
o r s o n o d i s p a z i o f i si c o o r g a n i z z a t o , q u a n t o c o me m e t o d o d i
lavoro attivo e partecipato.
N e l p r o g r a m m a r e u n a l e z i o n e s p e r i me n t a l e s i è p o r t a t i a
pensare
ad
uno
spazio
speciali
( mi c r o s c o p i o ,
attrezzato
bilance,
con
provette,
apparecchiature
...)
e
questo
c o s t i t u i s c e s i c u r a me n t e u n o s t a c o l o c u l t u r a l e e d o g g e t t i v o
non di poco conto.
È nece ssario ricordare che abbia mo di fronte ba mbini con i
quali
bisogna
costruire
un‟abilità
tecnico -operativa
e
c o n c e t t u a l e , u t i l i z z a n d o ma t e r i a l e a d a t t o e d i f a c i l e p o r t a t a .
I
b a mb i n i
hanno
la
capacità
di
cogliere
fatti
nuovi,
di
s t u p i r s i , d i i n c u r i o s i r si , d i me r a v i g l i a r si a l c o n t r a r i o d e g l i
a d u l t i c h e , t a l v o l t a , mo s t r a n o u n a t t e g g i a me n t o a p a t i c o o
disincantato nei confronti di ciò che accade intorno a loro.
L‟elaborato,
nel
secondo
capitolo,
procede
con
la
descrizione del territorio, del contesto scolastico, nonché
d e l l e c a r a t t e r i s t i c h e e d e l l e d i n a mi c h e d e l l e c l a s s i .
L ‟ i t i n e r a r i o d i d a t t i c o , a v e n t e c o m e t e ma d i a p p r o f o n d i me n t o
il
regno
delle
pi ante ,
con
i
mo menti
più
salienti
e
si gni fi cati vi , caratteri zza il terzo capi tol o, i cui protagoni sti
s o n o i b a mb i n i c h e , c o n l a l o r o v o g l i a d i ma n i p o l a r e , d i f a r e
e d i r i c e r c a r e , s o n o s t a t i c o i n v o l t i i n u n a d i d a t t i c a d i n a mi c a ,
2
sperimentale
e
coinvolgente.
Ho
provato
a
disancorare
quel l ‟abi tudi nari età che spesso nell a vi ta quoti di ana porta
ad appiattire la realtà circostante in un quadro statico,
i n c o l o r e , i n o d o r e , p e r mu n i r e i b a mb i n i d i u n a l e n t e d i
i n g r a n d i me n t o a t t e n t a e c r i t i c a a t t r a v e r s o l a q u a l e s b i r ci a r e
e scoprire l‟essenz a dei feno meni naturali.
Attraverso un gioco serio quale è “l‟esperimento” i nostri
a l u n n i p o s s o n o a s s u me r e i l r u o l o d i “ p i c c o l i s c i e n zi a t i ” ,
i mp a r a n d o c h e “ il v e r o v ia g g i o d i s c o p e r t a n o n c o n s i s t e n e l
vedere
nuove
terre,
ma
nell’avere
nuovi occhi”
( Marce l
Proust).
3
[…] La scienza è curiosità, scoprire cose e chiedersi il perché.
È un processo di formulazione di domande, non
di acquisizione di informazioni.
Dobbiamo sempre cominciare formulando domande, non dando risposte,
creare interesse per le cose, per i fenomeni e per i processi.
[…] creare uno stato mentale che brama la conoscenza,
l’interesse e la meraviglia. […] aiutare i ragazzi a trovare la
conoscenza, dando suggerimenti, guidandoli, suscitando domande.
(Victor Weisskpof, Il privilegio di essere un fisico, Milano, Jaca Book, 1994)
4
Capitolo primo
1.1 Fare scie nze ne lla sc uola primaria
N e g l i u l t i mi a n n i , l a d i r e zi o n e i n c u i s i s o n o mo s s i i c u r r i c o l i
scolastici è stata quella di porre l‟educazione scientifico tecnologica
c o me
indispensabile
per
la
for mazione
i ntell ettual e di ogni futuro ci ttadi no, ri servandol e un posto
s p e c i a l e a l l ‟ i n t e r n o d e l p e r c o r s o sc o l a s t i c o , a p a r t i r e d a l l a
scuola di base.
G i à i P r o g r a m mi d e l 1 9 8 5 p e r l a s c u o l a e l e me n t a r e , o g g i
s c u o l a p r i ma r i a , c o s t i t u i r o n o u n g r a n d e p a s s o i n a v a n t i p e r
l e s c i e n z e c h e , p e r l a p r i ma v o l t a , h a n n o f a t t o l a l o r o
c o mp a r s a c o me u n ‟ a r e a d i s c i p l i n a r e a p i e n o t i t o l o , a l l a p a r i
c o n l a ma t e m a t i c a e c o n l a l i n g u a .
L o s t u d i o d e l l e s c i e n z e s p e r i me n t a l i è f o n d a me n t a l e n o n
s o l o p e r l e c o n o s c e n z e t r a s me s s e , ma s o p r a t t u t t o p e r l o
s v i l u p p o d i s e n s o c r i t i c o e d i c a p a ci t à d i f o r mu l a r e i p o t e s i e
previsioni.
Favorisce,
altresì,
la
conoscenza
a
livello
s e n s o r i a l e e d è p r o p r i o a t t r a v e r s o i l c a n a l e s e n s o - mo t o r i o
che, secondo l a teori a pi ageti ana degl i stadi di svil uppo, si
g i u n g e a d u n a p r i ma f o r ma c o n o s c i t i v o - p e r c e t t i v a , f i n o a l
r a g g i u n g i me n t o d e l p e n s i e r o a s t r a t t o .
C o me s o t t o l i n e a n o l e I n d i c a z i o n i n a z i o n a l i p e r i l c u r r i c o l o
del l a scuol a dell ‟i nfanzi a e del primo ci cl o d‟i struzi one del
2 0 1 2 , l e c o n o s c e n z e p r o p o s t e d a l l e d i s c i p l i n e ma t e m a t i c h e ,
scientifiche
e
tecnologiche
“sviluppano
le
m e t t e r e in s t r e t t o r a p p o r t o i l p e n s a r e e il f a r e ” .
c a p a c it à
di
1
E l e me n t o d i f o n d a me n t a l e i mp o r t a n z a p e r q u e s t e d i s c i p l i n e
è i l l a b o r a t o r i o “ in t e s o s ia c o m e l u o g o f i s ic o s ia c o m e
m o m e n t o in c u i l ’ a l u n n o è a t t i v o , f o r m u l a l e p r o p r ie ip o t e s i e
n e c o n t r o l l a l e c o n s e g u e n ze , p r o g e t t a e s p e r im e n t a , d is c u t e
e a r g o m e n t a l e p r o p r ie s c e l t e , im p a r a a r a c c o g l i e r e d a t i ,
1
Ministero dell‟Istruzione, dell‟Università e della Ricerca, Indicazioni nazionali per il
curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione, Roma, 2012, pag.
49.
5
n e g o zi a
e
temporanee
c o s t r u is c e
e
a
s ig n i f ic a t i ,
nuove
aperture
porta
la
a
c o n c l u s io n i
costruzione
delle
c o n o s c e n ze p e r s o n a l i e c o l l e t t i v e ” . 2
L ‟ a t t i v i t à l a b o r a t o r i a l e , i n t e s a c o me me t o d o l o g i a d i d a t t i c a e
n o n s o l o c o m e s p a z i o , è c e r t a me n t e p i ù a f f a s c i n a n t e , p i ù
c o i n v o l g e n t e e s v i l u p p a n e l b a mb i n o u n a t t e g g i a me n t o d i
d i s p o n i b i l i t à e d e n t u s i a s mo , s t i mo l a n d o l a c u r i o s i t à .
A t t r a v e r s o l a d i d a t t i c a t r a d i z i o n a l e , i l b a mb i n o è r e l e g a t o a l
c o mp i t o d i a s c o l t a r e m a , c o m e b e n s a p p i a mo , a s c o l t a r e c o n
attenzi one è fati coso anche per mo l ti adul ti : c‟è i l ri schi o di
farsi sfuggire qualche parola o concetto o peggio ancora di
d i me n t i c a r e s u c c e s s i v a me n t e .
A l c o n t r a r i o , a p p r e n d e r e “ f a c e n d o ” , “ s p o r c a n d o s i l e ma n i ”
significa
fi ssare
le
idee
nel l a
mente
attraverso
non
le
p a r o l e , ma i f a t t i , l e i m ma g i n i e i r a g i o n a me n t i . U n v e c c h i o
a d a g i o r e c i t a : “ S e a s c o l t o d im e n t i c o , s e v e d o r i c o r d o , s e
f a c c io c a p i s c o ” , p e r t a n t o , p e r i b a m b i n i “ f a r e s c i e n z a ” v u o l
dire usare:
-
le mani per pensare (il pensiero astratto nas ce d a
esperienze concrete);
-
la testa per fare (dal pensiero nascono progetti e
azioni).
2
Ibidem
6
1.2 Il laborato rio nella didattica d elle scie nze
“Rendete il vostro allievo attento ai fenomeni
della natura, ben presto lo renderete curioso; ma per
nutrire la sua curiosità, non affrettatevi a soddisfarla”.
(J.J. Rousseau)
I n s e g n a r e l e s c i e n z e a s c u o l a h a s i g n i f i c a t o , p e r mo l t o
t e mp o ,
tras mettere
saperi e conoscenze,
concentrandosi
e s c l u s i v a me n t e s u i c o n t e n u t i . C o n q u e s t o a p p r o c c i o , c o m e
a f f e r ma i l f i l o s o f o E . M o r i n , g l i i n se g n a n t i c o n t r i b u i s c o n o a
c r e a r e “ t e s t e p ie n e ” e n o n “ t e s t e b e n f a t t e ” . 3
Le discipline scientifiche non solo soddisfano curiosità e
s p i e g a n o l a r e a l t à i n c u i v i v i a mo , ma c o n t r i b u i s c o n o a l l a
f o r ma z i o n e
della
persona
e
allo
sviluppo
di
capacità
critiche.
P u r r i c o n o s c e n d o l ‟ i mp o r t a n z a d i n o z i o n i e d i i n f o r ma z i o n i
c o n t e n u t i s t i c h e d e l l e d i s c i p l i n e , si r e n d e n e c e s s a r i o a t t u a r e
anche
il
attraverso
processo
mo d a l i t à
di
di
i n s e g n a me n t o - a p p r e n d i m e n t o
problem
s o l v in g
che
abituino
a
ragionare.
Al contrario, la sch e maticità “ non agevola lo sv iluppo d e l
p e n s ie r o c r e a t i v o e d iv e r g e n t e , m a p r o d u c e u n p e n s ie r o
s t a n d a r d i z za t o , o m o l o g a t o e n o n r if l e s s i v o , l e g a t o a d u n
s a p e r e c o n t e n u t i s t ic o , a p p r e s o in m o d o m e c c a n ic o e n o n
a t t r a v e r s o i l r a g io n a m e n t o ” . 4
Conoscere
f o n d a me n t a l i
Questo
riguarda
una
ed
principio
disciplina
i
si g n i f i c a
contenuti,
è
ancor
l‟educazione
alle
pi ù
ma
coglierne
soprattutto
d e t e r mi n a n t e
sci enze
il
le
idee
me t o d o .
per
quanto
s p e r i me n t a l i ,
poiché
3
E. Morin, La testa ben fatta. Riforma dell’insegnamento e del pensiero, R. Cortina,
Milano 2000, pag.18.
4
L. Collacchioni, Insegnare emozionando, emozionare insegnando: il ruolo delle
emozioni nella dimensione conoscitiva, ECIG, Genova 2009.
7
apprenderle
si gni fi ca
fare
propri e
le
strutture
e
le
metodologie che le caratterizzano .
Un processo entra a far part e del le nostre co mpetenze e
c a p a c i t à , c o n p o s s i b i l i t à d i a p p l i c a zi o n e a n c h e i n c o n t e s t i e
in
mo m e n t i
diversi
( l if e l o n g
l e a r n in g ) ,
le
nozioni,
al
c o n t r a r i o , p o s s o n o e s s e r e d i me n t i c a t e .
L ‟ a p p r e n d i me n t o s a r à d a v v e r o s i g n i f i c a t i v o s e l ‟i n s e g n a n t e
p r o p o r r à mo d e l l i p i ù c h e l e g g i e d e f i n i z i o n i , e s a r à i n g r a d o
d i c o i n v o l g e r e e d i c o n d u r r e a l l e s co p e r t e p i u t t o s t o c h e d a r e
risposte.
P e r r e s t i t u i r e s i g n i f i c a t i vi t à a l l ‟ i n s e g n a me n t o d e l l e s c i e n z e ,
g i à n e l p r i mo c i c l o d i i s t r u z i o n e , l a s t r a d a d a p e r c o r r e r e
s e mb r a
essere
l‟utilizzo
del
laboratorio ;
tuttavia
gli
e s p e r i me n t i p o s s o n o a v e r e u n v a l i d o r u o l o d i d a t t i c o s o l o s e
u t i l i z z a t i i n mo d o n o n i n g e n u o e c o n c e p i t i c o me s t r u m e n t i
per
costruire
progettati
le
in
conoscenze .
mo d o
non
A
tal
fine
devono
ma
progressivo
casuale,
essere
e
c o s t r u t t i v o , c e r c a n d o d i l i mi t a r e i l c o n t e n u t o t e o r i c o a f a v o r e
d i u n a p p r o c c i o i l p i ù p o s s i b i l e f e n o me n o l o g i c o , c o n u n u s o
a t t e n t o d e l l i n g u a g g i o d e l l a d i s c i p l i n a 5.
Anziché
fornire
l ‟i nsegnante
risposte,
l ‟al unno a ri sol vere da sol o i suoi
ipotesi,
a
dovrebbe
far
sorgere
evitare
di
nuovi
fornire
dovrebbe
perché, a for mulare
perché
p e n si e r i
guidare
e
nuove
gi à
fatti,
ipotesi;
pi uttosto
aiutarlo a costruirsi una struttura mentale scientifica.
In
particolare,
dall‟esigenza
l ‟ i n s e g n a me n t o
di
ri organi zzare
delle
e
di
scienze
parte
ristrutturare
le
e s p e r i e n z e d i a p p r e n d i me n t o g i à m a t u r a t e , a n c h e a t t r a v e r s o
il
confronto
ascoltando
con
le
i
idee
di
vista
altrui.
L‟insegnante,
espresse
dagli
al unni ,
può
punti
cogliere
l‟interpretazione che essi danno delle esperienze vissute e
5
L. Barsantini, C. Fiorentini, L’insegnamento delle scienze verso il curricolo
verticale. I fenomeni chimico-fisici, IRRSAE Abruzzo, L‟Aquila 2001.
8
l e e v e n t u a l i c o n v i n zi o n i c h e g i à p o s s i e d o n o s u p r o b l e mi e
fatti che rientrano nella stessa feno menologia .6
Nell‟educazione scientif ica c‟è, indubbiamente, la neces sità
d i l u o g h i a t t r e z z a t i , ma a n c h e l ‟ a u l a p u ò e s s e r e t r a s f o r ma t a
i n un l uogo adeguato. I l l aboratori o nell a scuol a di base
dovrebbe essere inteso, principalmente , co me sviluppo di
attività
dove
ciascuno
venga
me sso
nelle
co ndizioni
di
essere attivo nella costruzione della conoscenza .7
Il
laboratorio
non
è
solo
uno
spazio
organizzato
e
attrezzato, ma:
-
u n l u o g o d i i n c o n t r o d i s t i l i c o g n i t i vi , d i s a p e r i e d i
abilità
diverse,
esperienze
caratterizzato
operative,
da
da
pl urali tà
me t o d i
di
attivi
ed
linguaggi,
dal
l a v o r o d i g r u p p o e d a l me t o d o d e l l a d i s c u s s i o n e ;
-
u n l u o g o p a r t i c o l a r me n t e d e p u t a t o p e r l a d e f i n i zi o n e d i
r e g o l e c o mu n i e p e r l ‟ e s e r c i z i o d e l l a “ ci t t a d i n a n z a ” t r a
soggetti pari e diversi;
-
u n l u o g o f i s i c o , ma s o p r a t t u t t o m e n t a l e , d o v e g l i a s p e t t i ,
cognitivi
e
l‟acquisizione
non,
di
si
sostengono
o b i e t t i vi
a
d i s ci p l i n a r i
vicenda
per
trasversali,
a f f e t t i v i e mo t i v a z i o n a l i ;
-
u n l u o g o d o v e l ‟ a l u n n o a f f r o n t a i p r o b l e mi c o g n i t i v i p o s t i
d a l l a r e a l t à , i n t e r a g i s c e e c o n f r o n t a l e s u e c o mp e t e n z e
con quel l e del gruppo, ri spondendo ad i nteressi spesso
t r a s c u r a t i , q u a l i l a c o mu n i c a z i o n e , l a c o s t r u z i o n e , i l f a r
d a s é , i l mo v i me n t o e l ‟ e s p l o r a z i o n e ” . 8
L a d i d a t t i c a d e i l a b o r a t o r i a t t i v a u n a s e r i e d i d i s p o s i zi o n i
m e n t a l i e d i s i t u a z i o n i e m o t i v a me n t e c o i n v o l g e n t i , p e r c u i i l
6
C. Marchi Trevisi., Scienze nella scuola primaria. Linee-guida per la formazione
del docente, Nicola Milano Editore, Bologna, 1993, pag. 7.
7
C. Fiorentini, Verso una nuova didattica delle scienze, L‟Educatore, Annata
2007/2008, n. 8, pag. 15.
8
Nucleo provinciale di coordinamento per le “Indicazioni per il curricolo” (decreto
AOODRAB 3048 del Direttore Generale USR Abruzzo)
9
p r o c e s s o d i i n s e g n a me n t o - a p p r e n d i me n t o r i s u l t a n o n s o l o
p i ù p i a c e v o l e ma a n c h e p i ù e f f i c a c e .
D a r e r i l i e v o a l mo m e n t o d e l l ‟ e s p e r i e n z a d i r e t t a , s i g n i f i c a t i v a
e
non
p r o b l e ma t i z z a n t e ,
r i ma n e r e
al
l i vel l o
del
vuol
dire
“fare”,
che
cioè
l‟indagine
a
livello
debba
pratico.
Il
l a b o r a t o r i o , i n f a t t i , n o n p u ò e n o n d e v e l i mi t a r s i a l l a s c i a r
fare: “dal fare per il fare” occorre passare al “fare per
p e n s a r e , p e r i mp a r a r e , p e r s c o p r i r e ” .
C o me s o s t e n e v a D e w e y , i l l a b o r a t o r i o d e v e s v i l u p p a r s i i n
una
ricerca
pratica
“teorica”,
stessa,
di
cioè
di
r i p e n s a me n t o
a mp l i a me n t o
e
dell‟attività
approfondimento
delle
conoscenze che ad esso sono connesse. 9
È d i f f i c i l e p e r i l b a mb i n o v e d e r e , c a p i r e , d a r e s i g n i f i c a t o a d
a t t i v i t à s c o l a s t i c h e d i v e r s e d a l l e a t t i v i t à a l u i f a mi l i a r i . P e r
questo
mo t i v o
f e n o me n i ,
sarebbe
for me
di
i mp o r t a n t e
interazi one
che
proporre
il
oggetti,
b a mb i n o
possa
connettere con le esperienze preceden ti che per lui sono
“naturali”.
“Ogni
esperienza
possi bi l e
è
in
qual che
mo d o
la
p r o s e c u z i o n e d i q u e l l e p r e c e d e n t i : i l c a mp o d ‟ a z i o n e d e l
b a mb i n o g r a d a t a me n t e s i a l l a r g a e d i n t e g r a ci ò c h e vi a v i a
a r r i v a a l l a p o r t a t a d e l l a s u a p e r c e z i o n e e c u r i o s i t à ” . 10
Ci ò condi zi ona i l ruol o dell ‟i nsegnante, al qual e non vi ene
richiesto
solo
di
essere
un
qualificato
operatore
e
un
p r o mo t o r e d e l p r o c e s s o d i c r e s c i t a d e i s u o i a l l i e v i , ma , n e l
c o n t e mp o ,
un
mediatore
didattico
perché
senza
la
medi azi one cul tural e dell ‟adul to le esperi enze, anche se
d i r e t t e , n o n s i t r a s f o r ma n o i n a p p r e n d i me n t i .
9
C. G. Hoffman, Fare scienze nella scuola di base, Milano, La Nuova Italia Editore,
2000, pag. 38.
10
G. Torosantucci, M. Vicentini Missoni, L’insegnamento delle scienze nella scuola
elementare, La Nuova Italia, Firenze 1987.
10
Capitolo secondo
2.1 Prese ntazio ne perso nale: mae stra per caso !
“Ogni cosa viene edificata
innanzi tutto dentro di noi,
perché il primo materiale è sempre
la forza, la volontà e la determinazione
di arrivare fino in fondo”.
(C. Sgorlon)
Il
mi o
ingresso
nella
scuola
p r i ma r i a ,
in
qualità
di
insegnante, è stato del tutto casual e.
S f o g l i a n d o l e r e l a zi o n i r e l a t i v e a l l ‟ a n n o d i f o r m a z i o n e d i
al cune col l eghe , l eggevo che, a precedere i l fati di co “anno
di prova”, sono sta te esperienze pi ù o meno lunghe press o
d i v e r s e s c u o l e p r i ma r i e e , i n m o l t i c a s i , u n a p r e p a r a z i o n e
legata
ai
corsi
di
laurea
in
Scienze
dell‟educazione
o
S c i e n z e d e l l a f o r ma z i o n e .
I o h o a v u t o m o d o d i a p p r o f o n d i r e g l i a s p e t t i f i l o s o f i ci e
psicopedagogici
della crescita umana durante il periodo
l i c e a l e , c o n l a f r e q u e n z a d e l l i c e o s c i e n t i f i c o s p e r i me n t a l e
ad indirizzo socio -psicopedagogico.
D o p o a v e r c o n s e g u i t o i l d i p l o ma , i mi e i s t u d i h a n n o p r e s o
una via del tutto diversa, con l‟iscrizione al corso di laurea
in
Scienze
forestali
ed
a mb i e n t a l i
presso
la
facoltà
di
A g r a r i a d e l l ‟ U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i P a l e r mo .
S u b i t o d o p o i l c o n s e g u i me n t o d e l l a l a u r e a , n e l l u g l i o 2 0 0 3 ,
sono stata a mme ssa a frequentar e la S.I.S.S. I.S. ( Scuola
Interuniversitaria
Siciliana
di
Specializzazione
per
l ‟ I n s e g n a me n t o S e c o n d a r i o ) , a b i l i t a n d o mi a l l ‟ i n s e g n a me n t o
p e r l a c l a s s e d i c o n c o r s o A 0 6 0 ( S c i e n z e n a t u r a l i , c h i mi c a ,
g e o g r a f i a , mi c r o b i o l o g i a ) .
C o n q u e s t o a m b i t i s s i mo e i n v i d i a t i s s i mo t i t o l o i n t a s c a ,
n e l l ‟ o t t o b r e 2 0 0 5 h o i n i z i a t o l a mi a p r i mi s s i ma e s p e r i e n z a
presso l ‟I.T.I. S. “F. Corni ” di Mode na e da al l ora, per otto
11
anni, ho lavorato con incarichi di supplenza presso gli
istituti superiori
d i M o d e n a e p r o v i n c i a , a c c o mp a g n a n d o
tanti adol escenti nel percorso di cresci ta, fi nanche agli
e s a mi d i S t a t o .
Nel
f r a t t e mp o ,
ho
conseguito
anche
l ‟ a b i l i t a zi o n e
al
sostegno presso la S.S.I.S. ( Scuola di Specializzazione per
l ‟ I n s e g n a me n t o
Secondario)
Reggio
spendendo
E mi l i a ,
dell‟ Università
tale
titolo
in
di
Modena
qualcun a
e
delle
esperienze scolastiche.
I n t a n t o , f r a mi l l e p o l e mi c h e , l o s c o r s o a n n o , l ‟ a l l o r a mi n i s t r o
Francesco
P r o f u mo
bandiva
le
prove
concorsuali
per
il
r e c l u t a me n t o d e l p e r s o n a l e d o c e n t e , a d i s t a n z a d i p o c o p i ù
d i d i e c i a n n i d a l l e u l t i me , q u e l l e a cu i i o s t e s s a a v e v o p r e s o
p a r t e , a b i l i t a n d o mi a i r u o l i s i a d e l p e r s o n a l e d o c e n t e n e l l a
s c u o l a d e l l ‟ i n f a n z i a si a d e l p e r s o n a l e e d u c a t i v o .
I n v o g l i a t a d a i f a mi l i a r i , h o i n i zi a t o a r i s p o l v e r a r e i t e s t i d i
p s i c o p e d a g o g i a e a d a d d e n t r a r mi i n u n a l e g i sl a z i o n e c h e mi
h a f a t t o r e n d e r e c o n t o d e l p r o f o n d o c a mb i a m e n t o c u i è
stata,
e
continua
ad
essere,
sottoposta
la
scuola
e l e me n t a r e , d i v e n u t a , n e l f r a t t e m p o , p r im a r ia . I o l ‟ a v e v o
lasciata
f e r ma
ai
Progra mmi
Ministeriali
del 1985
e
mi
r i t r o v a v o a c o n f r o n t a r e l e I n d i c a zi o n i n a z i o n a l i d e l 2 0 0 4
( mi n i s t e r o M o r a t t i ) c o n l e I n d i c a z i o n i p e r i l c u r r i c o l o d e l
2 0 0 7 ( mi n i s t e r o F i o r o n i ) e c o n q u e l l e a n c o r p i ù r e c e n t i d e l
2 0 1 2 ( mi n i s t e r o P r o f u m o ) .
Anche le nuove prove concorsuali si sono dovute adattare ai
p r o f o n d i c a mb i a me n t i s o c i a l i e c u l t u r a l i d e g l i u l t i mi a n n i , e ,
dal
confronto
con
le
precedenti ,
posso
a f f e r ma r e
con
certezza che l e modal i tà di svol gimento hanno ri chi esto u n
i mp e g n o n o t e v o l e . C o n u n p i z z i c o d i o r g o g l i o s o n o f i e r a d i
avercela
fatta
ed
ecco mi
arrivata
presso
la
Direzione
Di datti ca di Vi gnol a, una dell e pi ù grandi d‟Ital i a.
Al l ‟i ni zi o, l a preoccupazi one di non essere al l ‟al tezza di
a s s o l v e r e u n r u o l o c o s ì i mp o r t a n t e p e r l a f o r m a z i o n e d e g l i
12
alunni ha avuto il sopravvento, ma al lo stesso te mpo , h o
mobilitato
tutte
intraprendendo
le
con
mi e
capacità
piacere
e
questa
le
mi e
nuova
energie,
esperienza
lavorativa.
A s o s t e n e r mi i n q u e s t a “ a v v e n t u r a ” i l s u p p o r t o d e l l a f a mi g l i a
che vanta la presenza di nu mero si insegnanti, nonché i l
t e a m d e l m o d u l o p e r l a s e r e n i t à , l a d i s p o n i b i l i t à , l a f i d u ci a e
i l s o s t e g n o a c c o r d a t i mi .
I m m a n c a b i l i e i n s t a n c a b i l i c o mp a g n i d i v i a g g i o i mi e i a l u n n i
c h e , c o n i l l o r o a f f e t t o , mi h a n n o s e mp r e s p i n t a a d a r e i l
meglio sia dal punto di vista profe ssionale sia dal punto di
v i s t a u ma n o . C o n l o r o , c h e mi h a n n o g r a t i f i c a t a , s t u p i t a ,
co mmos sa,
ho
condiviso
s e mp l i c i
e
belle
e mo z i o n i :
la
spontaneità, la sorpresa, l‟entusias mo , l‟ingenuità.
13
2.2 Vig nola è…
Descrivere
Vignola
in
poche
righe
è
p r a t i c a me n t e
i mp o s s i b i l e , a n c h e d a p a r t e d i c h i n o n è n a t o t r a q u e s t e
colline e vi abita solo da pochi anni.
Vi gnol a è una “ci ttà” (ti tol o di cui è stata i nsi gni ta dall ‟e x
Presidente
della
Repubblica
Scalfaro)
dalla
mi l l e
s f a c c e t t a t u r e , d a i mi l l e v o l t i , d a l l e t a n t e o p p o r t u n i t à s i a p e r
i p i c c o l i s i a p e r i g i o v a n i e i me n o g i o v a n i .
Da un lato, a se tte mbre, la man ifestazione Ba mbinopoli
t r a s f o r ma
Vignola
in
b a mb i n o ,
dall‟altro,
una
la
ci t t à
sede
fatta
tutta
a
dell 'Uni versi tà
mi s u r a
Li bera
di
Età
N a t a l i a G i n z b u r g s i p r o p o n e l a f o r ma z i o n e e l ' e d u c a z i o n e
p e r ma n e n t e d e g l i a d u l t i , l a p r o mo z i o n e s o c i a l e e c u l t u r a l e
d e l l a t e r z a e t à , i l c o i n v o l g i me n t o n e l l e a t t i vi t à e d u c a t i v e ,
f o r ma t i v e e c u l t u r a l i d e l l e p e r s o n e c o n d i f f i c o l t à a i n t e g r a r s i
e a i n t e r a g i r e n e l l a c o mu n i t à l o c a l e .
M a e c c o a c c o n t e n t a t i a n c h e g l i a ma n t i
Circolo
Musicale
“G.
Bononcini”,
da
d e l l a mu s i c a : i l
oltre
15
anni,
dà
i mp u l s o a l l o s t u d i o d e l l a mu s i c a e a l l a s u a f r u i b i l i t à s u l
t e r r i t o r i o , me n t r e p e r i p i ù e s i g e n t i l ‟ a s s o c i a z i o n e “ V i g n o l a
ja z z c l u b ” o r g a n i z z a d a q u a l c h e a n n o i l “ J a z z i n ‟ I t ” , l e c u i
n o t e a l l i e t a n o l e p r i me c a l d e s e r a t e d e l m e s e d i g i u g n o .
A Vignola c‟è anche spazio per la cultura: il nuovo teatro
" E r ma n n o
Fabbri"
ospita,
ol tre
ad
un
ricco
programma
teatrale, spettacoli di prosa, conc erti, opere liriche, corsi,
l a b o r a t o r i e c o n v e g n i , me n t r e l a b i b l i o t e c a A u r i s , a l l ‟ i n t e r n o
di
un
co mplesso
architettonico
moderno,
custodisce
un
i n e s t i ma b i l e p a t r i m o n i o l i b r a r i o .
Mol tepl i ci e, soprattutto, atti ve le associ azi oni cul tural i ,
s p o r t i v e , d i v o l o n t a r i a t o , d i p r o mo z i o n e e d i v a l o r i z z a z i o n e
del
s i s t e ma
econo mico,
d e l l ‟ a mb i e n t e
e
del
territorio .
N u me r o s i i c o n v e g n i , l e m o s t r e p e r s o n a l i e c o l l e t t i v e , l e
gallerie
d‟arte
private
e
pubbliche,
le
librerie
che
14
p r o p o n g o n o a i b a mb i n i l a b o r a t o r i c r e a t i v i e l e t t u r e a n i ma t e ,
i c i r c o l i , i mu s e i .
C h i a s s o c i a V i g n o l a e s c l u s i v a me n t e a l l a ci l i e g i a , g r a z i e a l l a
quale
questo
c o mu n e
ha
fatto
il giro
del
mo n d o ,
deve
ricredersi perché Vignola è anche altro. Vivendo questa
c i t t à e i n q u e s t a c i t t à , i mp a r i c h e , p u r r i ma n e n d o f e d e l e a l l a
s u a t r a d i z i o n a l e v o c a z i o n e a g r i c o l a , a c c o g l i e n u o v i s t i mo l i e
nuove proposte in ca mpo culturale, a voler ricordare ch e
diede
i
natali
allo
storico
e
letterato
Ludovico
Antonio
Muratori, nonché all‟architetto Jaco po Barozzi.
E u n a v o l t a s p e n t o i l p u l s a r e d e l l a v i t a q u o t i d i a n a , l e p r i me
luci della sera regalano un‟immagi ne suggestiva di quello
c h e , f o r s e p e r t u t t i i v i g n o l e s i , r a p p r e s e n t a i l s i mb o l o p i ù
i mp o r t a n t e e d a m a t o d i i d e n t i t à g e o g r a f i c a e c u l t u r a l e : l a
Rocca,
roccaforte
p r i ma
ed
elegante
residenza
q u a t t r o c e n t e s c a d o p o , o g g i m e t a p e r mi g l i a i a d i t u r i s t i .
Visitare
questi
luoghi
f a c i l me n t e
raggiungibili,
tanto
in
m a c c h i n a q u a n t o c o n i me z z i p u b b l i c i , s i a d a M o d e n a s i a d a
Bologna,
nonchè
passeggiare
a
piedi
o in
bi ci l ungo
i
percorsi ci cl abi li che, a tratti , costeggi ano il Panaro, offrono
la
possi bi li tà
di
a m mi r a r e
una
straordinaria
varietà
di
paesaggi . Quando l e vi e del centro festeggi ano l ‟arri vo dell a
bel l a stagi one, nei di ntorni , gli al beri sono tutti i n fi ore e i
fiori bianchi lasciano poco dopo lo spazio al verde intenso
d e l l e f o g l i e p u n t e g g i a t o d a l l u c c i ch i o v e r mi g l i o d e i f r u t t i .
Ca mmi nare tra queste vi e vuol di re, al tresì, percorrere “La
Strada dei Vini e dei Sapori del Territorio Città Castelli
Ci li egi ”, assaporando i prodotti ti pici di queste zone.
L ‟ e c o n o mi a
locale
vanta
una
tradizione
agri col a
mo l t o
radi cata, tuttavi a, negl i anni , i l tessuto econo mi co si è
a r r i c c h i t o d i u n a s e r i e d i p i c c o l e e m e d i e i mp r e s e c h e
s p a z i a n o i n v a r i c o mp a r t i e c o n o mi c i .
La
presenza
di
una
condi zi one
di
rel ati vo
benessere,
s e b b e n e s e g n a t a n e g l i u l t i mi a n n i d a u n a c r i s i g e n e r a l e e
15
p r o l u n g a t a , h a r i c h i a ma t o u n n u m e r o s e mp r e c r e s c e n t e d i
i m mi g r a t i c o n u n i n c r e me n t o d e l l a d e n s i t à d i p o p o l a z i o n e .
Questo
aspetto,
c o mp o s i z i o n e
f acilmente
delle
classi,
riscontrabile
ha
fatto
sì
osservando
che
la
la
scuola
a d o t t a s s e m o d e l l i s e mp r e p i ù a mp i d i s o c i a l i z z a z i o n e e d i
i ntegrazi one proi ettati verso una maggi ore di sponi bili tà al
c a mb i a m e n t o
spirito
del l a
e
alla
scuola
solidarietà,
“Tutti
modelli
r a c c h i u si
d i ve r s a me n t e
uguali
nel l o
tutti
ugualmente diversi” .
16
2.3
Il
co ntesto
scuol a:
l’org anizzazione
scolastica
attra verso il Piano dell ’Offerta Fo rmati va
Nella realtà sociale di un territorio, la scuola rappresent a
l ‟ o r g a n i s mo c h e d à r i s p o s t a a l l e a s p e t t a t i v e d i f o r ma z i o n e e
d i p r o mo z i o n e s o c i a l e d e l l a p o p o l a z i o n e .
Da qui la necessità di un progetto d‟istituto che investa gli
a l l i e v i n e l l o r o p e r c o r s o d i s c u o l a , ma c h e n e l c o n t e m p o
r a c c o r d i i p a r a me t r i g e n e r a l i p r e d i s p o s t i a l i v e l l o n a z i o n a l e
con
le
esigenze
c o n d i z i o n a me n t i
l ocal i ,
le
a mb i e n t a l i ,
variabili
le
territoriali,
particolari
i
risors e
e c o n o mi c h e , c u l t u r a l i , u ma n e .
La Di rezi one Di datti ca di Vi gnol a, una fra l e pi ù grandi
d ‟ I t a l i a ( s e t t e p l e s s i d i s c u o l a d e l l ‟i n f a n z i a e q u a t t r o p l e s s i
di
scuola
p r i ma r i a
per
un
totale
di
1831
al unni ),
per
g a r a n t i r e a g l i u t e n t i u n b u o n f u n z i o n a me n t o , s i a v v a l e d e l
supporto di Isti tuzi oni l ocali che, a vari o ti tol o, coll aborano
a l mi g l i o r a me n t o d e l l ‟ o f f e r t a f o r m a t i v a r i v o l t a a g l i a l u n n i e
a l l e l o r o f a mi g l i e . B a s t i p e n s a r e , i n p r i mo l u o g o , a l C o mu n e
di Vi gnol a e all ‟Uni one Terre dei Castel l i che contri bui scono
a l l a n o mi n a d i e d u c a t o r i a s s i s t e n z i a l i p e r g l i a l u n n i p o r t a t o r i
d i h a n d i c a p , a l l o s t a n z i a me n t o d i f o n d i p e r l a q u a l i f i c a z i o n e
scol asti ca, al l ‟organi zzazi one di servi zi di pre/post scuol a,
di trasporto e di refezione.
Le scuole possono contare, altresì, sulla presenza della
Fondazione di Vignola che offre si a progetti didattici tenuti
d a p r o p r i o p e r a t o r i s i a f i n a n z i a me n t i p e r p r o g e t t i s p e c i f i c i .
Gl i operatori del CONI e di al tre associ azi oni sporti ve del
t e r r i t o r i o i n t e r v e n g o n o c o n p r o g e t t i d i e d u c a z i o n e mo t o r i a ;
la
COOP
p r o mu o v e
progetti
di
educazione
a l i me n t a r e
i n s i e me a l C O N I , a l l ‟ A S L e a l C o m u n e .
I l P i a n o d e l l ‟ O f f e r t a F o r ma t i v a d e l l a D i r e z i o n e Di d a t t i c a d i
Vi gnol a si arti col a i n quattro docu menti :
-
Le scelte educative.
17
-
Il quadro organizzativo.
-
La scuola dell‟Infanzia.
-
L a s c u o l a P r i ma r i a .
S e n z a e n t r a r e n e i d e t t a g l i d e l t e s t o , v o r r e i s o f f e r m a r mi s u
a l c u n i d e g l i a s p e t t i c h e c a r a t t e r i z z a n o i l d o c u me n t o i n c u i
sono racchiuse l‟ispirazione pedagogica ed org anizzativa
della scuola stessa.
La Di rezi one Di datti ca, da al cuni anni , ha deci so di dotarsi
d i u n P a t t o d i c o r r e s p o n s a b il i t à / r e s p o n s a b il i t à e d u c a t iv a i
cui contraenti , nel l a scuol a dell ‟i nfanzi a e nel I e II anno
della
scuola
p r i ma r i a ,
sono
i
geni tori
e
gl i
inse gnanti,
m e n t r e n e l I I I , I V e V a n n o d e l l a s c u o l a p r i ma r i a , i g e n i t o r i ,
gl i i nsegnanti e gli al unni .
La
Direzione
svolge,
inoltre,
attivi tà
di
Autodiagnosi
di
I s t i t u t o , m o n i t o r a n d o , a l t e r mi n e d i o g n i q u a d r i me s t r e , g l i
apprendimenti per mezzo di una pr ova d i italiano ed una di
mate matica
e
le
r e l a zi o n i
sociali
all‟interno
del
gruppo
c l a s s e a t t r a v e r s o l a s o m mi n i s t r a z i o n e d e l s o c i o g r a m m a d i
Moreno.
Presso i l Ci rcol o Di datti co di Vi gnola, i l Coll egi o dei Docenti
elabora
a n n u a l me n t e
definendola
per
la
o b i e t t i vi
programmazione
speci fi ci
di
di
Circolo,
a p p r e n d i me n t o .
P e r i o d i c a me n t e , i d o c e n t i d e l l e é q u i p e e l a b o r a n o i p e r c o r s i
didattici,
le
me t o d o l o g i e ,
conf rontano
e
s c a mb i a n o
esperienze.
L a p r o g r a m m a z i o n e e d u c a t i v o - d i d a t t i c a e l a v a l u t a zi o n e , d i
c o mp e t e n z a d e i d o c e n t i , v e n g o n o e f f e t t u a t e :

per cl assi parall el e (gli incontri hanno cadenza almeno
quadrimestrale);

per
équipe
di
classe
(gli
incontri
hanno
cadenza
settimanale - lunedì 16:30 – 18:30).
A c o n c l u s i o n e d i o g n i u n i t à d ' a p p r e n d i me n t o , o g n i d o c e n t e
verifica
gli
a p p r e n d i me n t i ,
u t i l i z za n d o
prove
strutturate,
18
s e mi - s t r u t t u r a t e e n o n s t r u t t u r a t e c h e , u n a v o l t a c o r r e t t e ,
v e n g o n o d a t e i n v i s i o n e a l l e f a mi g l i e .
I r i s u l t a t i d e l l a mi s u r a z i o n e n o n v e n g o n o e s p r e s s i i n v o t i m a
registrati secondo la seguente mod alità:
RR
Obiettivo pienamente raggiunto
R
La
Obiettivo raggiunto
QR
Obiettivo quasi raggiunto
PR
Obiettivo parzialmente raggiunto
NR
Obiettivo non raggiunto
valutazione,
nello
spirito
che
pervade
la
Direzione
D i d a t t i c a , a s s u me u n c a r a t t e r e p r e v a l e n t e me n t e f o r m a t i v o
( i mp e g n o - p a r t e c i p a z i o n e - i n t e r e s s e )
e
p r o g r e s s i v a me n t e
so mmativo (sapere o non sapere u n a cosa).
N u me r o s i s o n o i p r o g e t t i c h e
coinvolgono le classi del
Circolo Didattico:
Progetto lettori fo rti – T ane della lettura .
Progetti di Cittadi na nza e Costi tuzio ne: “Gio rno della
Memoria ” 27 gennaio; Il tricolore e la memo ria civica pe r
la comme mo razione di 4 date di rilevanza storica
(a
t u r n o , i q u a t t r o p l e s s i r i c o r d a n o l e g i o r n a t e d e l 4 n o v e mb r e ,
d e l 1 7 ma r z o , d e l 2 5 a p r i l e , d e l 2 g i u g n o ) ; S a l v i a m o l a
buona
educazione;
Educazione
alla
Direzione
legalità
Didattica:
in
Scuola
collaborazione
2.0 ;
con
l‟Associazione “LIBERA”.
Progetti di Educazio ne ambie ntal e : La Rocca di Vignola;
Frutta nelle scuole; Raccolta differenziata; La mensa:
opportunità edu cativa; No allo spreco di cibo.
Progetto
valorizza re
le
differe nze
e
compe nsa re
le
difficoltà: Progetto”Baloo”; Prog e tto “Abracadabra ”.
19
Progetto di Pa rtecipazio ne : Edu care alla genitoria lità;
Scuole
Collegio
curate
dei
e
belle;
Docenti
Progetto
e
il
di
C o n si g l i o
partecipazione
di
Circolo
(il
hanno
i n d i vi d u a t o n u me r o s i m o m e n t i d i i n co n t r o c o n i g e n i t o r i ) .
O l t r e a q u e l l i s u i n d i c a t i , o g n i p l e s so h a c o i n v o l t o g l i a l u n n i
nei seguenti progetti:
-
S c u o l a p r i ma r i a “ J . B a r o z z i ” -
A scuola ness uno è
straniero - (educazione interculturale ).
-
Scuola
p r i ma r i a
“I.
Calvino”
-
Badmi ntia mo
-
(promozione fisica e sportiva).
-
Scuola
p r i ma r i a
“G.
Mazzini”
-
Uno
due
tre…quest’anno gioca con me - (conoscenza dei più
comuni
giochi
da
tavolo
e
valorizzazione
delle
abilità
logiche, intuitive, nonché delle capacità di aggregazione e
collaborazione).
-
S c u o l a p r i ma r i a “ A . M o r o ” -
Setti ma na dello sport -
(educazione ad un corretto e sano sviluppo psico -f isico).
-
C l a s s i a t e mp o p i e n o “ J . B a r o z z i ” - “ I . C a l v i n o ” - “ G .
Mazzini”
-
Mangia mo
i nsie me?
–
(gestione,
organizzazione e valenza educativa dello stare a mensa).
Considerate
le
d i me n s i o n i
Scolastico,
prof.
O me r
del
Circolo,
Bonezzi,
il
oltre
Di r i g e n t e
che
dell a
collaborazione continua delle insegnanti Mara Leoni (vicaria
s c u o l a p r i ma r i a ) e d E l i s a G r a n d i ( co o r d i n a t r i c e d e l l e s c u o l e
d e l l ‟ i n f a n zi a ) , s i a v v a l e d e l l a p r e se n z a d e i “ c o o r d i n a t o r i d i
p l e s s o ” , u n v a l i d i s s i mo p u n t o d i r i f e r i me n t o t a n t o p e r i
docenti quanto per il Dirigente Scolastico stesso.
In
seno
al
Collegio
docenti
al cuni
inseg nanti
vengono
i n d i vi d u a t i p e r c o o r d i n a r e g r u p p i d i l a v o r o c o n c o m p i t i b e n
d e f i n i t i q u a l i : c o m mi s s i o n e s t r u t t u r a z i o n e p r o v e d i v e r i f i c a ,
c o m mi s s i o n e
di
f o r ma z i o n e
classi
c o m mi s s i o n e
lavoro
unitario
p r i me ,
visite/viaggi
continuità,
c o m mi s s i o n e
di
istruzione,
c o m mi s s i o n e
sicurezza,
co mmissione
20
i n i zi a t i v e
cul turali
scuola/territorio,
c o o r d i n a me n t o
classi
paral l el e.
Ad al tri docenti vengono a ssegnat i i ncari chi connessi al l a
g e s t i o n e q u o t i d i a n a d e i s i n g o l i p l e s s i : c o m mi s s i o n e P O F ,
i n i zi a t i v e c u l t u r a l i , c o o r d i n a t o r e s c u o l a s i c u r a , c o o r d i n a t o r e
visite/viaggi di istruzione, uso della palestra, conservazione
delle attrezzature e dei sussidi, gestione dei prestiti della
biblioteca.
21
2.4 Il plesso “G. Ma zzi ni”
I l p l e s s o “ G . M a z z i n i ” c o n t a t r e c e n t o v e n t i i s c r i t t i , s u d d i v i si
i n q u i n d i c i cl a s s i , d i c u i s e t t e f u n z i o n a n t i c o n o r a r i o d i
v e n t i s e t t e o r e s e t t i ma n a l i ( d a l u n e d ì a s a b a t o 8 : 2 0 – 1 2 : 5 0 )
e le restanti otto a t e mpo pieno ( q uaranta ore, da lunedì a
venerdì 8:20 – 16:20).
Il plesso è ubicato nella zona centrale del paese e si
affaccia su quattro vie cittadine.
L‟edificio, con un solo ingresso situato in via XXV Aprile,
ri sal e agl i anni ‟20, si svil uppa su due pi ani ed è dotato di
a s c e n s o r e , d i u s c i t e d i s i c u r e z z a e d i s i s t e mi a n t i n c e n d i o ; i
c o r r i d o i s o n o a mp i e l u mi n o s i ; i s e r v i z i i g i e n i ci , s p a z i o s i e
ben tenuti, sono divisi per sesso .
Oltre
ai
qui ndi ci
spazi
aula
di
diverse
me t r a t u r e
e
f i n e s t r a t u r e , l a s t r u t t u r a c o mp r e n d e u n a s e r i e d i a mb i e n t i
attrezzati per specifiche attività:
- aula di scienze;
- biblioteca/tana della lettura;
- a u l a p e r e d u c a z i o n e a l l ‟ i m ma g i n e ;
- aula insegnanti;
- ripostiglio;
- a mb u l a t o r i o ;
- a u l a p o l i f u n zi o n a l e ;
- l a b o r a t o r i o i n f o r ma t i c a ;
- due refettori;
- cucina.
Il piano terra rialzato ospita gli Uffici di Segreteria, di
Direzione
e
la
l ‟ e d i f i ci o ,
cui
è
guardi ol a
annessa
dei
la
collaboratori
palestra,
è
scol asti ci ;
circondato
da
u n „ a mp i a a r e a c o r t i l i v a a l b e r a t a u t i l i z z a t a d a l l e cl a s s i p e r
a t t i v i t à l u d i c o - r i c r e a t i v e . I l p l e s s o sv o l g e f u n z i o n e d i P o l o i n
m e r i t o a l l ‟ a g g i o r n a me n t o d e i d o c e n t i d i s c u o l a p r i ma r i a e
nei suoi l ocali si svol gono di versi i ncontri , quali Col l egi
docenti , i ncontri cl assi parall el e,…
22
2.5 Le classi: osse rvazio ni e di na mic he
[…] Qualche volta viene la tentazione di levarseli di torno.
Ma se si perde loro, la scuola non è più scuola. […]
(Don Lorenzo Milani)
Al
suono
della
a s p e t t a r mi
c a mp a n e l l a ,
c‟erano
gli
il
al unni
16
s e t t e mb r e
del le
classi
2013,
IV A e
ad
IV B
a l l ‟i n t e r n o d e l l e q u a l i mi s o n o s t a t e a s s e g n a t e l e d i s c i p l i n e :
mate matica
e
tecnologia,
scienze,
educazione
fisica
(ventisette ore setti manali) .
L e c l a s s i , i n me r i t o a l l e c o n d i z i o n i e c o n o mi c h e e s o c i o culturali, risultano eterogenee.
Nel
corso
delle
osservazioni
constatato
p r i me
durante
che
il
setti ma ne,
le
attività
r i t mo
di
attraverso
didattiche
ripetute
proposte,
a p p r e n d i me n t o
degli
ho
al unni
ri sul tava adeguato al l o svi l uppo cogni ti vo dell 'età ; tuttavi a,
non
ma n c a n o
ba mbini
con
t e mp i
di
ma t u r a z i o n e
e
di
a p p r e n d i m e n t o p i ù l u n g h i , c o n i mp e g n o d i s c o n t i n u o o c o n
difficoltà
di
concentrazione
dovuti,
p r e s u mi b i l me n t e ,
al
c o n t e s t o s o c i o - c u l t u r a l e d e l l ' a mb i e n t e d i p r o v e n i e n z a .
L a c l a s s e I V A s i c o mp o n e d i v e n t i d u e a l u n n i , d i c u i s e i
maschi
e
stranieri
sedici
(quattro
f e m mi n e .
nati
in
Sono
Ita lia
e
presenti
tre
sette
all‟estero)
alunni
e
una
b a mb i n a c o n c e r t i f i c a z i o n e d i h a n d i c a p c h e , a f f i a n c a t a p e r
u n d i c i o r e s e t t i ma n a l i d a l d o c e n t e d i s o s t e g n o , G i u s e p p i n a
La Rosa, e per sette ore dall‟educatrice, Laura Venturelli,
segue una progra mmazi one di fferenzi ata che pri vi l e gi a gli
a mb i t i l i n g u i s t i c o e m a t e m a t i c o .
Per quel che c oncerne gli apprendimenti, un buon nu mero di
al unni ha acqui si to con si curezza l e abi li tà rel ati ve agli
obiettivi
prefi ssati ,
d i mo s t r a n d o
a u t o n o mi a
in
fase
operati va; un al tro gruppo ha cons egui to un buon l i vell o di
c o n o s c e n z e e d i a b i l i t à , me n t r e p e r u n n u me r o e s i g u o , p u r
seguendo
la
progra mmazione
della
cl a s s e ,
sono
stati
23
necessari
interventi
costanti
al
fine
di
consolidare
e
p a d r o n e g g i a r e l e s t r u me n t a l i t à d i b a s e . U n ‟ a l u n n a , a c a u s a
del l a scarsa con oscenza del l a li ngua i tali ana, ha segui to
una
progra mmazione
i n d i v i d u a l i zz a t a ,
raggiungendo
un
p r i mo l i v e l l o d i a l f a b e t i z z a z i o n e .
La cl asse I V B si co mpone di ve nti al unni , di cui tredi ci
f e m mi n e
e
sette
masc hi.
Sono
presenti
sette
ba mbini
stranieri (cinque nati in Italia e due all‟estero).
Riguardo
agli
a p p r e n d i me n t i ,
un
gruppo
consistente,
d i mo s t r a n d o a u t o n o m i a i n f a s e o p e r a t i v a , h a a c q u i s i t o c o n
si curezza l e abi li tà rel ati ve agli obi etti vi programmati , con
punte di eccellenza; un altro gruppo ha consegui to un buon
l i vel l o di conoscenze e di abi l i tà; un al tro ancora suffi ci enti
abilità
e
conoscenze,
mentre
p o c h i s s i mi
continuano
a
m o s t r a r e a l c u n e d i f f i c o l t à n e l p o r t a r e a t e r mi n e l e a t t i v i t à
proposte.
I
rapporti
interpersonali,
in
e n t r a mb e
le
classi,
per
la
m a g g i o r p a r t e d e i b a mb i n i , r i s u l t a n o a b b a s t a n z a e q u i l i b r a t i .
Da
sottolineare
c o me
molti
bambini
dell a
IV
B
con
le
r i s p e t t i v e f a mi g l i e , n e g l i a n n i , a b b i a n o c o s t r u i t o u n a r e t e d i
r e l a z i o n i a n c h e a l d i f u o r i d e l l ‟ a mb i e n t e s c o l a s t i c o .
N e l l e d u e cl a s s i , g e n e r a l me n t e , n o n è ma n c a t o i l r i s p e t t o
delle
regol e
di
convivenza
stabilite
dal
team
che,
quest‟anno, a parte l e i nsegnanti di reli gi one cattol i ca e di
sostegno nella sez. A, ha visto la sostituzione dei docenti
del l e al tre di sci pl i ne.
G l i a l u n n i d e l l a s e z . A , s i n d a s u b i t o , s i s o n o d i mo s t r a t i p i ù
“ r u mo r o s i ” ,
più
partecipi,
pronti
alla
frase
spiritosa
per
s u s c i t a r e l a r i s a t a . P i ù s i l e n z i o s i i b a mb i n i d e l l a s e z . B ,
q u a s i t i mo r o s i , a n c h e c o l o r o c h e , n e i mo m e n t i d i v e r i f i c a ,
h a n n o c o n s e g u i t o s e m p r e o t t i mi r i s u l t a t i .
Q u o t i d i a n a me n t e ,
un
alunno,
scelto
secondo
l‟ordine
a l f a b e t i c o , a s s o l v e a l c o mp i t o d i “ a i u t a n t e ” : p r o v v e d e a f a r e
l e f o t o c o p i e , d i s t r i b u i s c e i l ma t e r i a l e , o r g a n i z z a l e u s c i t e
24
per i servi zi i gi eni ci durante l ‟i nterval l o, funge da posti no ,
recandosi da una classe all‟altra, …
L ‟ i n t e r v a l l o si s v o l g e , g e n e r a l me n t e , i n a u l a , i b a mb i n i ,
disposti
a
gruppetti
propongono
loro
chiacchierano
tra
variabili,
stessi
di
u sa n o
dei
i
giochi,
loro;
gi ochi
da
disegnano
quando
le
tavolo ,
oppure
condizioni
m e t e o r o l o g i c h e l o p e r me t t o n o c i s i r e c a i n c o r t i l e .
M e n s i l me n t e , v i e n e c a m b i a t a l a d i sp o s i z i o n e d e i b a n c h i p e r
f a v o r i r e i r a p p o r t i t r a t u t t i i me m b r i d e l l a cl a s s e . N e g l i s p a z i
a u l a , i b a n c h i s o n o d i s p o s t i f r o n t a l me n t e a l l a c a t t e d r a ; c i
s o n o d u e a r ma d i , u n o d e s t i n a t o a l m a t e r i a l e d e g l i a l u n n i ,
l ‟al tro a quel l o degli i nsegnanti ; al l e pareti sono affi ssi
c a r t e l l o n i r e a l i z z a t i d a i b a mb i n i , c a r t e g e o g r a f i c h e e p o s t e r
afferenti al l e vari e di sci pl i ne .
Nella
sez.
B,
l‟aula,
mo l t o
spaziosa,
è
fornita
di
un
c o mp u t e r p o r t a t i l e c o l l e g a t o a l l a L I M , u t i l i z z a t a d a i d o c e n t i
e , c o n mo l t o e n t u s i a s m o , d a g l i a l u n n i , me n t r e n e l l a s e z . A è
presente
solo
un
co mputer
da
scrivania
collegato
al l a
s t a mp a n t e , m a a l l ‟ o c c o r r e n z a , g l i a l u n n i p o s s o n o c a m b i a r e
aula.
D u r a n t e i l c o r r e n t e a n n o s c o l a s t i c o , n e l l ‟ a mb i t o d e l l e a t t i v i t à
p r o p o s t e d a l P i a n o d e l l ‟ O f f e r t a F o r ma t i v a , l e c l a s s i h a n n o
partecipato ai seguenti laboratori:
Amici del Museo
N e l me s e d i n o v e m b r e , l e c l a s s i s i s o n o r e c a t e p r e s s o i l
M u s e o C i v i c o d i V i g n o l a p e r u n p e r c o r s o mi n e r a l o g i c o a l l a
scoperta delle rocce del territorio .
Laboratorio COOP “Imballi da sba llo”
N e l me s e d i n o v e m b r e , i n t e r v e n t o i n c l a s s e d i u n e s p e r t o a l
f i n e d i s e n s i b i l i z z a r e g l i s t u d e n t i a l t e ma d e l r i c i c l a g g i o .
Al l ’ o p e r a n e l c a n t i e r e d e l l a R o c c a
25
Nel
me s e
di
febbraio,
pr esso
i
locali
della
Rocca,
laboratorio incentrato sul contatto e sulla conoscenza di
oggetti,
ma t e r i a l i
e
tecniche
i mp i e g a t i
nel
lavoro
degli
a r t i g i a n i d e l p a s s a t o . C o s t r u z i o n e d i me r l i d i c a r t a p e s t a ,
di pi nti secondo l a fantasi a dei bambi ni , e di al cune f i gure
g e o me t r i c h e , u t i l i z z a n d o l a c o r d a a 1 2 n o d i .
Gioco sport
A
cura,
rispettiva mente,
pal l acanestro
Vi g n o l a ” ,
di
“ Vi g n o l e s e
ciascuna
classe
1907”
ha
e
“SPV
svolto
otto
i n t e r v e n t i d i c a l c i o ( g e n n a i o - f e b b r a i o ) e d i e ci d i mi n i b a s k e t
( ma r z o - a p r i l e - m a g g i o ) .
Educa zione a lla sic urezza st radal e
Nel
me s e
di
marzo ,
intervento
in
classe
della
Polizia
M u n i c i p a l e , c o n p a r t i c o l a r e r i f e r i me n t o a l c o mp o r t a m e n t o d e i
ci cl i sti .
Letture del Risorgi me nto
N e l me s e d i a p r i l e , l e t t u r a a n i ma t a p r e s s o l a B i b l i o t e c a
C o mu n a l e A u r i s d i Vi g n o l a .
N e l me s e d i a p r i l e , l e c l a s s i si s o n o r e c a t e i n v i s i t a p r e s s o
la
sezione
egiziana
del
Museo
Civico
Archeologico
di
Bologna.
N e l me s e d i m a g g i o , l e c l a s s i s i s o n o r e c a t e p r e s s o l a s a l a
t e a t r a l e C a n t e l l i d i Vi g n o l a p e r a s s i s t e r e a l l o s p e t t a c o l o
“Festivity planet” in lingua inglese.
26
2.6 Io e gli al unni
L a mi a e s p e r i e n z a d i d o c e n t e i n i z i a c o n g l i s t u d e n t i d e l l e
s c u o l e s e c o n d a r i e d i s e c o n d o g r a d o e l e mi e p r e o c c u p a z i o n i
i n i zi a l i , p i ù c h e d a g l i a s p e t t i p r e t t a me n t e d i d a t t i c i , s o n o
state dettate dal rapporto che avrei dovuto instaurare con i
nuovi “pi ccoli ” al unni .
Presa
dall‟ansia,
ho
ri fl ettuto
su
alcune
frasi
ci t a t e
da
T h o ma s G o r d o n : “ S e è v e r o c h e i d i v e r s i s t a d i e v o l u t i v i d e i
b a m b in i d e b b a n o e s s e r e p r e s i s e r ia m e n t e in c o n s id e r a z i o n e
p e r l a s c e l t a d e l m a t e r ia l e e d e l l e e s p e r ie n ze e d u c a t i v e è
a n c h e v e r o c h e i l r a p p o r t o u m a n o d i b a s e t r a l ’ in s e g n a n t e e
l o s t u d e n t e r im a n e s e m p r e l o s t e s s o [ … ] G l i s t u d e n t i d i
q u a l s ia s i e t à s o n o s e m p l ic e m e n t e d e g l i e s s e r i u m a n i. [ … ]
Tutti
i
ragazzi
si
e n t u s ia s m a n o
se
stanno
imparando
v e r a m e n t e e s i a n n o i a n o s e n o n s t a n n o im p a r a n d o n ie n t e .
T u t t i i g io v a n i s i s c o r a g g ia n o q u a n d o s o n o e m a r g in a t i s e
hanno
fatto
male
o
poco.
[…]
Tutti
i
r a g a z zi
provano
o r g o g l io s e r i e s c o n o a d o t t e n e r e d e i r is u l t a t i e l o p e r d o n o
quando
v ie n e
detto
loro
che
non
r ie s c o n o
a
fare
a b b a s t a n za ” . 11
I n d i p e n d e n t e me n t e
dall‟età
degli
alunni ,
non
esiste
processo di apprendi mento senza relazione, pertanto, alla
luce di tale considerazione, ritengo che l ‟insegnante, per
s v o l g e r e e f f i c a c e me n t e l a p r o p r i a a z i o n e e d u c a t i v a , d e b b a
n o n s o l t a n t o c o n o s c e r e l e d i s c i p l i n e d i i n s e g n a me n t o m a ,
nel ri spetto dei ruoli , i ntrecci are una rete di buone rel azi oni ,
basate su fi duci a e apertura reci proche, si curezza e affetto,
e mp a t i a e r i s p e t t o . L ‟ i s t r u z i o n e n o n p u ò r i d u r s i a d u n f a t t o
m e c c a n i c o e r i p e t i t i v o : è f o n d a me n t a l e t r a s me t t e r e , n o n c h é
r i c e v e r e e mo z i o n i p o s i t i v e e a l l e g r e c h e e n t u s i a s mi n o l a
classe,
garantendo
processi
di
a u t o s t i ma
e
di
autorealizzazione.
11
T. Gordon, Insegnanti efficaci, Giunti Lisciani Editori, Firenze, 1991, pag. 31.
27
D o p o l a f a mi g l i a , l a s c u o l a è i l l u o g o i n c u i i b a mb i n i
trascorrono
gran
parte
del
loro
te mpo,
pertanto,
i n e v i t a b i l me n t e , t r a i n s e g n a n t e e a l l i e v i si s t a b i l i s c e u n
r a p p o r t o u ma n o , a s e g u i t o d e l q u a l e i l d o c e n t e g u a r d a n o n
solo
all‟alunno
ma
anche
alla
persona,
cogliendone
debol ezze, fragi l i tà, atti tudi ni , qual i tà. Dal canto suo, i l
docente
con
il
proprio
e s e mp i o
e
la
propria
condotta
d o v r e b b e e s s e r e u n mo d e l l o e t i c o d i e q u i t à , d i i mp a r z i a l i t à ,
d i g i u s t i zi a , d i e q u i l i b r i o e d i s a g g e z z a .
Quando i rapporti tra tutti i soggetti coi nvol ti nel processo
educativo sono positivi la giornata scolastica viene vissuta
s e r e n a me n t e ,
l‟alunno
si
studia
va
con
a
scuola
ma g g i o r e
vo lentieri,
si
profitto
l‟insegnante
e
è
mo t i v a t i ,
è
p o r t a t o a d a r e i l me g l i o d i s é .
Scrivendo
queste
righe,
sorrido
al
ricordo
della
s o d d i s f a z i o n e n e l l ‟i n t r a v e d e r e l e ma n i a l z a t e e n e l s e n t i r e l a
v o c e d i q u e i b a mb i n i s e mp r e s i l e n z i o s i p e r l a p a u r a d i
s b a g l i a r e o p e r i l d i s a g i o d i n o n e ss e r e a l l ‟ a l t e z z a , c o me s e
n e s s u n o p r i ma d i a l l o r a l i a v e s s e i n c o r a g g i a t i ,
sostenuti e
motivati.
N e l c o n t e s t o c l a s s e , l ' e r r o r e n o n h a ma i r a p p r e s e n t a t o u n a
macchia e mo tiva e culturale per l'alunno, è stato per contro
i l t a s s e l l o c h e h a c o n s e n t i t o a d e n t r a mb i , i n c o n t i n u o f e e d back, di individuare il perché delle difficoltà incontrate per
poi superarle.
Le
grati fi ca zi oni
tuttavia,
alla
sono
f e r me z z a
state
ricorrenti
richiesta
da
senza
alcune
rinunciare ,
situazioni
e
chissà co me sarà st ato co ntento quell‟alunno salito agli
o n o r i d e l l a c r o n a c a p e r l e mo n e l l e r i e q u a n d o s i è v i s t o
apprezzato anche per le sue potenzialità ?
Si tratta di pi ccol i traguardi che, raggi unti con i l trascorrere
d e i g i o r n i , d e l l e s e t t i ma n e , d e i me s i , i n o r g o g l i s c o n o , p e r c h é
insegnare è anche una relazione u mana.
28
« P e r in s e g n a r e , o c c o r r e e r o s » a f f e r ma v a P l a t o n e . E r o s è
u n a p a r o l a g r e c a c h e s i g n i f i c a p i a c e r e , a mo r e , p a s s i o n e ,
b i s o g n a a ma r e c i ò c h e s i f a e l e p e r s o n e c h e s o n o d i n a n z i a
noi . Sono gl i i nsegnanti e gl i al unni che fanno l a scuol a e
non
le
r i f o r me
e
le
i ndi cazi oni
per
programmare
che
c a mb i a n o o g n i q u a l v o l t a c a mb i a mi n i s t r o .
Un altro fattore che, credo, abbia avuto un ruolo positivo
s u l l ' a p p r e n d i me n t o è s t a t o l ' u mo r i s m o c o n i l q u a l e p a r e c c h i e
v o l t e h o s mo r z a t o s i t u a z i o n i d i d i f f i c o l t à e , a g i u d i c a r e d a l l a
risposta
positiva
delle
classi,
su p p o n g o
che
i
b a mb i n i
abbiano subito avvertito il piacer e che avevo nel lavorare
con loro. Dopo tutto, è con loro e grazie a loro che ho
i mp a r a t o a n c h ' i o , p e r c h é " in s e g n a r e è im p a r a r e d u e v o l t e "
(Joseph Joubert).
29
2.7 Io e le colleg he
L a s c u o l a n o n è s o l o u n l u o g o d i s t u d i o ma s o p r a t t u t t o u n
a mb i e n t e i n c u i s i c r e a n o e s i v i v o n o r e l a z i o n i .
Il
team
di
classe,
co mposto
da
Federzoni
Gianna,
i nsegnante di i tal i ano, ci ttadi nanza e costi tuzi one, arte e
immagine,
Girgenti
Stefania,
i nsegnante
di
reli gi one
cattolica, La Rosa Giusy insegnante di sostegno, Piccinini
P a t r i z i a , i n s e g n a n t e d i s t o r i a , g e o g r a f i a , mu s i c a , a t t i v i t à
alternative, Trenti Marika, insegnante di lingua inglese, si è
caratterizzato per una continua ed efficace collaborazione
c o n r i c a d u t e p o s i t i v e s u g l i a l u n n i , p r e o c c u p a t i , i n s i e me a l l e
l o r o f a mi g l i e , p e r l ‟ a r r i v o d e l l e “ n u o v e ma e s t r e ” .
I l t e a m d o c e n t e s i è s e mp r e c o n f r o n t a t o , e n o n s o l t a n t o i n
sede
di
p r o g r a m ma z i o n e ,
s c a mb i a n d o s i
notizie,
i n f o r ma z i o n i , i mp r e s s i o n i s u l l e d i f f i c o l t à i n c o n t r a t e o s u i
successi ottenuti. Ciascuna, c on la propria personalità , ha
c o n t r i b u i t o a c r e a r e u n ' a t mo s f e r a l a v o r a t i v a d i d i a l o g o , d i
s t i ma , d i r i s p e t t o , d i f i d u c i a , d i c o n d i v i s i o n e d i c o m p e t e n z e
e di responsabilità.
Considerate le ore di presenza nelle classi, un rapporto
speciale
si
è
instaurato
con
Gianna,
che,
con
la
sua
q u a r a n t e n n a l e e s p e r i e n z a ( p u r t r o p p o a n d r à i n p e n s i o n e ) , mi
ha consigliata e supportata .
Lo
sca mbio
e
il
confronto
sono
avvenuti,
altresì,
in
o c c a s i o n e d e l p e r c o r s o d i “ t u t o r in g in p r a c t i c e ” p r o p o s t o ,
quest‟anno
a
livello
sperimentale ,
d a l l ‟ U f f i ci o
Scolastico
R e g i o n a l e p e r l ‟ E mi l i a R o ma g n a p e r i n n o v a r e i l mo d e l l o
f o r ma t i v o
dei
docenti
neoassunti.
Questa
sorta
di
tutoraggio, svolto dal collega “esperto” nei confronti del
docente
ulteriore
in
anno
di
pretesto
prova,
per
ha
creare
fornito
ad
entra mbe
interrelazione
fra
un
aspetti
c u l t u r a l i , me t o d o l o g i c i e d i d a t t i ci , s c a m b i a n d o c i i r u o l i d i
osservatore
e
di
osservato
in
una
situazione
di
apprendimento.
30
P o s i t i v a l ‟ i n t e r a zi o n e c o n l a c o l l e g a d i ma t e m a t i c a d e l l a
classe
paral l el a,
Carla
Grandi,
con
la
quale
ci
si a mo
c o n f r o n t a t e s i a d u r a n t e g l i i n c o n t r i u f f i c i a l i si a , s o p r a t t u t t o ,
in sala insegnanti e lungo le scale, quando, entra mbe molto
d i n a mi c h e e a t t i v e , c i r i t r o v a v a mo a c o r r e r e s u e g i ù p e r n o n
p e r d e r e n e p p u r e u n mi n u t o p r e z i o s o .
Rassicurante
la
figura
del
tutor ,
S i mo n a
Pelloni,
che,
attraverso una seri e di consi gli prati ci , ha contri bui to a
s mo r z a r e l ‟ a n s i a c h e , i n e v i t a b i l me n t e , a c c o mp a g n a l ‟ a n n o d i
prova.
31
Capitolo terzo
3.1 De ntro l’espe rie nza
progetto
Il
“ F a c c i a mo
scienze…
s p e r i me n t a n d o ”
ha
c o me
avuto
te ma
a p p r o f o n d i me n t o
delle
il
pi ante,
di
regno
r i ma n e n d o
f e d e l e a g l i o b i e t t i vi e a i c o n t e n u t i d e l l a p r o g r a m m a z i o n e
di datti ca el aborata all ‟i ni zi o dell ‟anno scol asti co.
I l p e r c o r s o d i d a t t i c o è s t a t o a f f r o n t a t o n e l c o r s o d e l p r i mo
q u a d r i me s t r e ( o t t o b r e – me t à g e n n a i o ) e d è s t a t o r i p r e s o n e l
m e s e d i a p r i l e p e r c o mp l e t a r e l a r e a l i z z a z i o n e d e l l ‟ e r b a r i o .
Al l a di sci pl i na, svol ta nell o spazio aul a, i n l aboratori o di
i n f o r ma t i c a e / o n e l c o r t i l e d e l l a sc u o l a , è s t a t a d e d i c a t a
u n ‟ o r a s e t t i ma n a l e .
Si è fatto us o del libro di testo, della L.I.M. sia per la
p r o i e z i o n e d i ma t e r i a l e d i d a t t i c o a p p o s i t a me n t e p r e p a r a t o
ad
integrazione
dei
contenuti
del
libro
sia
per
lo
s v o l g i me n t o d i a t t i v i t à d i d a t t i c h e i n t e r a t t i v e r e p e r i b i l i s u l l a
r e t e , n o n c h é d i ma t e r i a l e d i f a c i l e r e p e r i b i l i t à a s u p p o r t o
delle varie esperienze pratiche.
La scelta di questo percorso didattico non è stata casuale,
ma
dettata
alunni,
dall‟obiettivo
quell e
i n s e g n a me n t o
di
conoscenze
rivalutare,
spesso
troppo astratto e
agli
re se
da una
occhi
noiose
degli
da
un
progra mmazione
p e n a l i z z a t a n e i s u o i a s p e t t i p r a t i c o - s p e r i m e n t a l i . L a ma g g i o r
parte
dei
b a mb i n i ,
si
sa,
ma n i f e s t a
scarso
interesse
s p o n t a n e o v e r s o l e p i a n t e , a l c o n t r a r i o è mo l t o a t t r a t t a d a g l i
a n i ma l i e q u e s t a c o n s t a t a z i o n e
mi h a s p i n t o u l t e r i o r me n t e
verso tale decisione.
Ricordo
le
parole
di
un
b a mb i n o
quando
ho
detto
che
avre mmo i ni zi ato a studi are l e pi ante: << Uffa, maestra l e
a b b ia m o
s t u d ia t e
l’anno
scorso>>
ed
io,
p r o n t a me n t e ,
32
r i s p o s i : < < B e n e , p r o v e r ò a s t u p ir t i c o n e f f e t t i s p e c ia l i! > > ,
i n f a t t i , q u a n d o s i è r e s o c o n t o c h e g l i e s p e r i me n t i p o r t a t i
a v a n t i l o r e n d e v a n o p r o t a g o n i s t a si è q u a s i p e n t i t o d i a v e r l e
pronunciate.
D a l p u n t o d i v i s t a me t o d o l o g i c o , g l i e s p e r i me n t i s o n o s t a t i
m o l t o “ a r t i g i a n a l i ” c o s ì c o me g l i s t r u me n t i e i l ma t e r i a l e
u s a t o , t u t t a v i a i b a mb i n i e r a n o co n s a p e v o l i c h e s i s t a v a
facendo una “cosa seria”. Erano l oro i protagonisti, erano
l o r o c h e , c o n l a mi a g u i d a , f a c e v a n o e i mp a r a v a n o ( l e a r n in g
b y d o in g ) .
Tutto i l percorso ha ruotato i n torno ad al cuni punti -chi ave,
quali:
- p a r t ir e
b a m b in o :
dal
accertato
le
n e l l ‟ i mp o s t a r e
preconoscenze
il
me diante
percorso
ho
un‟attività
di
b r a i n s t o r mi n g , s c o p r e n d o , c o n p i a c e r e , c h e mo l t i b a mb i n i
c o n o s c e v a n o e r i c o r d a v a n o mo l t i d e i c o n c e t t i r i g u a r d a n t i
le piante.
Partire dalle conoscenze pregresse è stato un grande
vantaggio
perché
nel
processo
di
i n s e g n a me n t o -
apprendimento per proporre e sviluppare abilità e nuovi
s t r u me n t i
raccordo
è
e
opportuno
di
L ‟ a p p r e n d i me n t o
avvalersi
rassicurazione
risulta
dei
facilitato
della
funzione
concetti
qualora
di
“vecchi”.
all‟allievo
v e n g a c o n s e n t i t o d i c o r r e l a r e l e n u o v e i n f o r ma z i o n i c o n
l e p r e c o n o s c e n z e , i n t e s e s i a c o me p r e r e q u i s i t i s i a c o m e
conoscenze spontanee.
I l b a mb i n o è p o r t a t o a d i f e n d e r e c i ò c h e s a , m a , d i f r o n t e
ad
una
situazione
s t i mo l a n t e ,
si
porrà
delle
nuove
d o ma n d e e c e r c h e r à l e r i s p o s t e n e i f a t t i , “ r i a g g i u s t a n d o ”
le precedenti convinzioni.
- G r a d u a l e p a s s a g g io d a c o n o s c e n z a d i s e n s o c o m u n e a
c o n o s c e n za
s c i e n t if i c a :
l e n t a me n t e ,
la
conoscenza
di
senso co mune è s tata mes sa da p arte perché le nuov e
i n f o r ma z i o n i e i n u o v i s t i mo l i c h e s u b e n t r a v a n o a d o g n i
33
incontro
hanno
condotto
il
b a mb i n o
alla
conoscenza
s c i e n t i f i c a d e l f e n o me n o . I l p e r c o r s o è s t a t o g r a d u a l e
p e r c h é n o n e r o i o a d o v e r f o r n i r e c o n c e t t i ma e r a n o i
b a mb i n i c h e d a s o l i , r i s p e t t a n d o i p r o p r i t e mp i , d o v e v a n o
a r r i v a r e a l c a mb i a m e n t o d e l l o r o p u n t o d i v i s t a .
- L in g u a g g io :
spesso,
i
b a mb i n i
d i mo s t r a v a n o
di
aver
c a p i t o , ma d i n o n r i u s c i r e a s p i e g a r l o a p a r o l e . M o l t e
vol te sono ri suonate espressi oni del ti po “non so come
s p i e g a r mi ! ” .
S p i e g a r e d e i f e n o me n i s c i e n t i f i c i s e n z a p o s s e d e r e u n
l i nguaggi o appropri ato è abbastan za di ffi ci l e. Pertanto,
h o p u n t a t o m o l t o s u l l ‟ u s o d e i t e r mi n i c o r r e t t i : p o c h e f r a s i
ma chiare e con cise .
- D is c u s s io n e c o m e p u n t o d i f o r za : a c o n c l u s i o n e d i o g n i
esperi enza è stata svol ta una di scussi one per favori re l a
concettualizzazione. Attraver so una sintesi di quello che
si è osservato e co mpreso, non solo si è consolidata
l ‟ a c q u i s i z i o n e d e l l i n g u a g g i o s p e c i f i c o , ma s i è l a v o r a t o
sul l a cap aci tà di arti col are ragi onamenti di causa -effett o
e di connessione.
Per l o stesso moti vo, nel l a fase i nizi al e di ogni atti vi tà si
è
proceduto,
t r a mi t e
l‟utilizzo
di
d o ma n d e - g u i d a ,
con
l ‟esposi zi one oral e di quanto gi à affrontato nel l e l ezi oni
precedenti; discutere, attraverso la costruzione di catene
d i p e r c h é , h a s i g n i f i c a t o , a l t r e s ì , f a v o r i r e l ‟ i n t e r a zi o n e t r a
pari.
La collaborazione e il confronto del proprio punto di vista
c o n q u e l l o a l t r u i , a mi o p a r e r e , s o n o d a s t i mo l o a c o l ma r e
l a di stanza fra i l propri o l i vel l o di svi l uppo e quell o
p o t e n z i a l e ( z o n a d i s vi l u p p o p r o s si m a l e ) . S i i mp a r a , p i a n
piano,
ad
ascoltare,
a
riconoscere
i n f o r ma z i o n i e f e n o me n i , p e r
per
poi
correlare
i n t r e c c i a r e c o l l e g a me n t i ,
34
nodi
e
reti
causali,
si a
di
natura
disciplinare
sia
trasversale.
- M a t e r ia l e : i l ma t e r i a l e p r e d i s p o s t o è s t a t o i l p i ù s e mp l i c e
e i l pi ù i mmedi ato possi bi l e.
Ai fi ni dell a veri fi ca/val utazi one, si è tenuto conto :
-
dell‟uso
appropriato
del
li nguaggi o
speci fi co
della
disciplina;
-
del l a gradual e acqui si zi one del m et odo di studi o ;
-
del l a capaci tà d i cogl i ere i nessi fra i vari contenut i , di
f o r mu l a r e i p o t e s i e v e r i f i c a r n e l a v a l i d i t à , d i g i u n g e r e
al l e concl usi oni ;
-
d e l l e c o mp e t e n z e a c q u i s i t e ;
-
d e i c a mb i a m e n t i n e g l i a t t e g g i a me n t i p e r s o n a l i a t t i v a t i
dagl i al unni .
35
3.2 La semi na
“Da se mi dive rsi nascono piante diverse?”
L a ma g g i o r p a r t e e r a d ' a c c o r d o n e l d i r e c h e o g n i s e me
genera una pianta diversa.
“Pensate che le piante che nascono da semi diversi
all'inizio siano uguali e poi diventino diverse?”
È seguita una discussione: quasi tutti sostenevano che le
pi ante sono di verse fi n dal l 'i ni zi o.
“Se
piantiamo
innaffiamo
i
se mi
insieme,
nella
cosa
stessa
acca drà?
giornata
Nasce ranno
e
li
delle
piantine nello stesso giorno e cre sceranno insieme? ”
Qui gli alunni hanno espresso pareri discordi.
M E T T I AM O C I A L AV O R O !
Occorre nte:
-
terriccio;
-
vaschetta per la se mina;
-
paletta da giardino;
-
s e mi d i s p e c i e d i v e r s e ( f a g i o l i , l e n t i c c h i e , n a s t u r z i o
nano,
girasole,
soia);
poiché
i
protagoni sti
sono
i
b a mb i n i h o f a t t o s c e g l i e r e l o r o i s e mi d a p o r t a r e a
scuola per realizzare l‟esperienza;
-
acqua.
Quando
i
b a mb i n i
hanno
avuto
a
disposizione
tutto
il
n e c e s s a r i o , è s t a t a a v v i a t a u n a d i s c u s s i o n e c i r c a i l n u me r o
d i s e mi d a p i a n t a r e e i l mo d o i n c u i o r g a n i z z a r e l o s p a z i o
v i s t o c h e l a v a s c h e t t a p r e s e n t a v a d e g l i s c o mp a r t i . A l c u n i
p r o p o n e v a n o d i p i a n t a r e u n s e me p e r o g n i s p e c i e , a l t r i d i
usare,
per
all‟eventuale
q u e s t ‟ u l t i ma
ciascuna
mo r t e
soluzione,
specie,
di
più
s e mi
qual che
presentai
per
far
e s e mp l a r e .
un
p r o b l e ma :
fronte
Scelta
“come
distinguere i semi una volta coperti dal terriccio?”
36
“Semplice,
Federico:
mae stra,
possiamo
usare
delle
etichette con il loro nome” . In u na batter d‟occhio ecco
pronte anche l e stri sci ol i ne di carta.
O r a n o n r e s t a v a c h e s p o r c a r s i l e m a n i e i b a mb i n i , a t u r n o ,
hanno
dato
il
loro
contributo
nel
me t t e r e
la
terra,
nel
s i s t e ma r e i s e mi , n e l l ‟ i n s e r i r e l e e t i c h e t t e , n e l l ‟ i n n a f f i a r e .
O g n i g i o r n o , i l b a mb i n o c o n f u n z i o n e d i a i u t a n t e a v e v a i l
c o mp i t o d i i n n a f f i a r e l e p i a n t i n e , p e r c h é , o l t r e a l l ‟ o c c o r r e n t e
suindicato,
serviva
una
buone
dose
di
pazienza
e
di
c o s t a n z a . I b a m b i n i , i n t a l mo d o , h a n n o s v i l u p p a t o i l s e n s o
della responsabilità e devo ammett ere che, in questo, sono
stati davvero bravi .
Q u o t i d i a n a me n t e ,
si
osservava
cosa
accadeva
e,
dopo
q u a l c h e s e t t i ma n a a b b i a m o c o n c l u s o c h e :
-
d a s e mi d i v e r s i n a s c o n o p i a n t e d i v e r s e ;
-
o g n i p i a n t a h a u n p e r i o d o d i g e r mi n a z i o n e d i v e r s o
d a l l e a l t r e ( a d e s e mp i o , n a s c o n o p r i ma i f a g i o l i e l e
l e n t i c c h i e , p o i l e a l t r e s p e c i e s e mi n a t e ) ;
-
piante dello stesso tipo sono un po' divers e tra loro
( a d e s e mp i o a l c u n e p i a n t e d i f a g i o l o s o n o p i ù a l t e ,
a l t r e s o n o p i ù b a s s e ) , ma h a n n o c o mu n q u e l o s t e s s o
tipo di stelo, di foglie, ...
Quando
le
piantine
hanno
iniziato
a
crescere,
alcuni
b a mb i n i , v e d e n d o l ‟ e s i l e s t e l o , h a n n o p o r t a t o d e i b a s t o n c i n i
di legno per sostenerle.
“Ma il terreno è davve ro necessario per germina re? ”
Bilel: “Che domande! Certo che è necessario sennò come
fa a spuntare la piantina?”
Giada: “No, maestra, io e la nonna abbiamo messo dei
semi di fagiolo nel cotone umido e la piantina è
cresciuta lo stesso. Inolt re, la nonna ha messo i l
37
vasetto
al
buio
e
la
piantina
è
c resciuta
lo
stesso”.
Nidal: “Maestra non ci credo” .
M E T T I AM O C I A L AV O R O !
Occorre nte:
-
bi cchi ere di pl asti ca trasparente;
-
s e mi d i f a g i o l o ( o d i a l t r e s p e c i e ) ;
-
c o t o n e u mi d o .
C o n g r a n d e s t u p o r e , a l c u n i b a mb i n i , d o p o u n a s e t t i ma n a
c i r c a , h a n n o n o t a t o c h e i s e mi g e r mo g l i a v a n o a n c h e n e l
c o t o n e , p u r c h é m a n t e n u t o s e m p r e u mi d o , r e n d e n d o s i c o n t o
che l 'aria, l'acqua e la giusta temperatura per mett ono ai
s e mi d i g e r mi n a r e .
I l t e r r e n o d i v e n t a i mp o r t a n t e d o p o l a g e r mi n a z i o n e , q u a n d o
i l g e r mo g l i o i n i zi a a s u c c h i a r e n u t r i m e n t o c o n l e r a d i c i .
Lo
stesso
vale
per
la
luce ,
ch e
non
i nfl ui sce
sulla
g e r mi n a z i o n e , ma è n e c e s s a r i a q u a n d o l a p i a n t a , d o p o a v e r
c o n s u m a t o i l n u t r i me n t o c o n t e n u t o n e l s e me , a v e n d o f o g l i e
e r a d i c i c o mi n c i a l a f o t o s i n t e s i c l o r o f i l l i a n a . E c c o p e r c h é ,
adesso,
diventava
i mp o r t a n t e
tenere
le
piantine
sul
davanzale, alla luce.
Aicha: “Co me fa la piantina a c res cere senza la terra? ”
Ho
spiegato
che
in
questa
pri ma
f ase
il
n u t r i me n t o
è
contenuto nei cotiledoni.
A b b i a mo i mp a r a t o c h e i c o t i l e d o n i n e l l a p r i ma f a s e d i v i t a
del l a pi anta del fagi ol o sono co me dei serbatoi : contengon o
le sostanze nutritive necessarie alla pianta per crescere.
A
causa
delle
d i me n t i c a t o
di
distrazione
bagnare
la
di
qualche
bambagia,
b a mb i n o
a b b i a mo
che
ha
potuto
v e r i f i c a r e c h e a n c h e l ‟ a c q u a è u n e l e me n t o f o n d a m e n t a l e
per la vita delle piantine.
38
A l l o s p u n t a r e d e l l e p r i me f o g l i o l i n e , i b a mb i n i p i ù a t t e n t i s i
sono accorti che man mano che le fog lie diventavano più
grandi
e
ri gogli ose
i
cotiledoni si
rinsecchivano
fino
a
staccarsi dal fusto.
“Pe rché a un certo punto i cotiledoni del fagiolo si
avvizziscono e cadono?”
Ri cordando l a funzi one dei cotil edoni (nutrire l a pi anta nel l e
p r i me f a s i d e l l a s u a vi t a ) , s i a mo a r r i v a t i a c o n c l u d e r e c h e
ci ò accade perché i coti l edoni hanno fi ni to l e ri serve di ci bo
e per questo si seccano e poi cadono.
A questo punto è e mersa un‟altra interessante do manda:
“Quando cadono i cotiledoni di cosa si nutre la piant a?”
I b a mb i n i p i ù a r g u t i h a n n o o s s e r v a t o c h e , d a q u e l mo m e n t o
i n p o i , s a r e b b e r o s t a t e l e f o g l i e a p r o d u r r e i l n u t r i me n t o
necessario alla pianta per crescere.
L‟ipotesi era corretta: le foglie, attraverso la fotosintesi
clorofilliana, fabbricano il cibo c he serve a tutta la pianta
per crescere.
39
3.3 Estra zione della clo rofilla e cromatografia su ca rt a
dei pigmenti fotosintetici
Le foglie sono colorate da sostanze naturali prodotte dalle
l o r o c e l l u l e e c h i a ma t e p i g me n t i . L a c o l o r a z i o n e v e r d e è
data
dalla
cl o r o f i l l a ;
la
col orazi one
gialla,
arancione
o
marrone dai carotenoidi, quella rossa dalle antocianine.
L a c l o r o f i l l a è i l p i g me n t o c a p a c e d i c a t t u r a r e l a l u c e s o l a r e
per atti vare l a fotosi ntesi cl orofil li ana.
“Si può togliere il colore ve rde da lla foglia?”
Alice: “Secondo me no, è impossibile” .
Ilaria: “Si, se prendiamo una siringa, come quando ti
tolgono il sangue”.
Bader: “Si, se taglia mo la foglia c on un coltello”.
M E T T I AM O C I A L AV O R O !
Occorre nte:
I
-
fogl i e di bi etol e o di spi naci ;
-
acetone;
-
acqua;
-
contenitori trasparenti;
-
carta da filtro;
-
pipetta (o cucchiaino).
ba mbini
hanno
s mi n u z z a t o
le
foglie,
riducendole
in
pezzetti.
Una
certa
quantità
aggiungendovi
contenitore
con
è
stata
dell‟acqua;
l‟aggiunta
me ssa
un‟altra
di
un
in
un
contenitore,
s i s t e ma t a
piccolo
in
quanti tati vo
un
di
acetone.
“Cosa possiamo osse rva re? ”
40
D o p o a l c u n i mi n u t i , n e l b a r a t t o l o “ f o g l i e + a c q u a ” , l ‟ a c q u a è
r i ma s t a p u l i t a me n t r e n e l b a r a t t o l o “ f o g l i e + a c e t o n e ” , s i è
prodotto un l i qui do di col ore verde.
A b b i a mo c o n c l u s o c h e l a c o l o r a z i o n e d e l l i q u i d o è d o v u t a
al l a presenza dell a cl orofill a, che si sci ogli e i n al cool e non
i n acqua (è al cool -sol ubi l e), passando dal l e fogli e al l i qui do.
Trascorsa più di un‟ora dall‟estrazione, con il liquido verde
o t t e n u t o a b b i a mo p r o c e d u t o c o n l a c r o ma t o g r a f i a s u c a r t a ,
la “scrittura col colore”.
Con
una
pipetta
a b b i a mo
prelevato
qualche
goccia
di
l i qui do, versandol a su una stri sci a di carta da fil tro che è
stata fi ssata, con una graffetta, al bordo di un bi cchi ere di
p l a s t i c a , s u l c u i f o n d o a v e v a mo v e r s a t o q u a l c h e g o c c i a d i
acetone.
Dopo
aver
aspettato
una
ventina
di
mi n u t i ,
abbi amo prel evato l a stri sci a, l asci andol a asci ugare.
Nidal, incuriosito, si è avvicinato alla carta, e, notando dei
r i f l e s s i c o l o r a t i , h a i n i zi a t o a d u r l a r e : “ l a m a e s t r a h a f a t t o
una magia!
I n r e a l t à , n o n c ‟ è n u l l a d i ma g i c o …
L ‟ a l c o o l è r i s a l i t o l u n g o l a s t r i s ci a d i c a r t a , p o r t a n d o c o n s é
i l p i g me n t o c o l o r a t o c h e r i s u l t a s e p a r a t o i n c o l o r i d i v e r s i ,
che, a partire dal fondo, sono: mar rone (clorofilla A), ve rd e
( c l o r o f i l l a B ) e g i a l l o ( xa n t o f i l l a ) .
I l c o l o r e v e r d e d e l l e f o g l i e è i l r i s u l t a t o d e l me s c o l a me n t o d i
c o l o r i d i v e r si , c h e c o r r i s p o n d o n o a s o s t a n z e d i v e r s e : a l c u n e
a ma n o s t a r e a g g r a p p a t e a l l a c a r t a e n o n s o n o p e r n u l l a
a t t r a t t e d a l l ‟ a l c o o l ( r i ma n g o n o i n b a s s o ) , a l t r e p r e f e r i s c o n o
f a r s i s c i o g l i e r e e t r a s p o r t a r e p i ù o me n o f a c i l me n t e ( v a n n o
verso l‟alto).
I b a mb i n i h a n n o c o n s t a t a t o c h e a l l ‟ i n t e r n o d e l l e f o g l i e n o n è
p r e s e n t e s o l t a n t o l a c l o r o f i l l a , ma c i s o n o a l t r e s o s t a n z e
( p i g me n t i ) d i d i v e r s o c o l o r e ( m a r r o n e , g i a l l o , a r a n c i o n e ,
rosso, verde), tutta vi a è i l col ore verde a preval ere sugl i
41
altri
perché
la
cl orofil l a,
la
sostanza
più
abbondante
p r e s e n t e n e l l e f o g l i e , è p r o p r i o d i co l o r e v e r d e .
Al contrari o, d urante l a stagi one i nvernal e, quando l e pi ante
s me t t o n o d i p r o d u r r e cl o r o f i l l a , l e a l t r e s o s t a n z e c o l o r a t e
r i e s c o n o a mo s t r a r e i l l o r o c o l o r e .
42
3.4 Costruia mo l’e rbario
L‟erbari o è una coll ezi one di pi ante secche, cl assi fi cate e
fissate su fogli di carta.
Si tratta di un‟atti vità scientifica vera e propria che apre le
p o r t e a l l a c l a s si f i c a z i o n e s i s t e ma t i c a , a l l a c o n o s c e n z a d e i
di versi ti pi di pi ante, all a conseguente acqui si zi one dell a
t e r mi n o l o g i a s p e c i f i c a p e r o g n i e l e me n t o o s s e r v a t o .
“Ricordate quando la maestra G ianna att accò le foglie
sul cartellone? Che fine fece ro? Come diventarono?”
Alessandro: “Si sono accartocciate tutte e le abbiamo
buttate”.
“Bene, impare re mo a conserva re le foglie.”
M E T T I AM O C I A L AV O R O !
Occorre nte:
-
foglie;
-
giornali vecchi o carta assorbente;
-
cartoncini bianchi;
-
nastro adesi vo oppure stri sci oli ne di carta bi anca e
colla;
-
una buona dose di pazienza!
1° FASE: LA RACCOLTA
Al cune fogl i e sono state prel evate dagl i al beri presenti nel
c o r t i l e d e l l a s c u o l a , me n t r e a l t r i c a m p i o n i s o n o s t a t i r a c c o l t i
a l t r o v e d a i b a mb i n i , d i e t r o mi o s u g g e r i me n t o .
H o r a c c o m a n d a t o l o r o d i n o n d a n n e g g i a r e a i u o l e o r a mi ,
spi egando che, dal l a pi anta, occorre prel evare con cura
f o g l i e mu n i t e d i p i c c i o l o ; p o s s o n o e s s e r e a n c h e r a c c o l t e d a
terra delle foglie staccate, a patto che siano ancora verdi e
p e r f e t t a me n t e s a n e .
43
2° FASE: LA CONSERVAZIONE
I c a mp i o n i s o n o s t a t i s t e s i s u f o g l i d i
c a r t a d a r i c i cl o o s u c a r t a a s s o r b e n t e
per essere essiccati.
I f o g l i s o n o s t a t i s o v r a p p o s t i i n mo d o
d a f o r ma r e u n a p i l a , i n t e r v a l l a n d o l i p e r a s s o r b i r e l ‟ a c q u a
r i l a s c i a t a d a i c a mp i o n i ; l a p i l a è t e r mi n a t a c o n d e i l i b r i
grandi e pesanti: la nostra pressa!
D u r a n t e i p r i mi g i o r n i , a t u r n o , g l i a l u n n i a v e v a n o i l c o mp i t o
di
sostituire,
con
frequenza,
la
carta,
fin o
a
completo
e s s i c c a me n t o d e i c a m p i o n i .
3° FASE: L‟ALLESTIMENTO
I c a mp i o n i e s s i c c a t i s o n o s t a t i si s t e ma t i
s u d e i f o g l i b i a n c h i , f o r ma t o A 4 , u s a n d o
del nastro adesivo trasparente oppure
del l e stri sci ol i ne di carta fatte pa ssare
su
due
o
tre
punti
dei
ca mpioni
e
i n c o l l a t e a l l e e s t r e mi t à , s u l l a c a r t a , i n
m o d o d a n o n r o v i n a r e i c a mp i o n i s t e s s i .
Il tutto è stato co mpletato con delle etichette, scritte con
l ‟ a u s i l i o d e l c o mp u t e r , c o n t e n e n t i a l c u n e i n f o r ma z i o n i ( n o m e
c o mu n e d e l l a p i a n t a , f o r ma d e l l e f o g l i e , l u o g o e d a t a d i
raccolta, …).
Per rendere un erbario davvero sci entifico, ho spiegato che
g l i e s e mp l a r i d o v r e b b e r o e s s e r e c o p e r t i c o n d e l l a c a r t a
vel i na oppure i nseri ti i n busti ne di pl asti ca trasparenti da
conservare in un quaderno ad anelli.
44
3.5 I lic he ni
Recarsi in cortile per proce dere alla raccolta delle foglie ha
forni to i l pretesto per vedere da vi c i no dei vegetal i al quanto
strani…
Sa mah: “Maest ra, cosa sono queste macchie colorat e
sull’albero?”
Alessia: “Sono dei muschi”.
Lorenzo: “No,maest ra, sono dei lic heni”.
“Brav issimo Lo renzo, sono proprio dei licheni ”.
Cosa sono i licheni?
U n l i c h e n e è u n o r g a n i s mo f o r m a t o d a l l a s i mb i o s i t r a u n
fungo e un‟alga.
Alessia: “Cosa vuol dire simbiosi? ”
S i mb i o s i v u o l d i r e c h e d u e o r g a n i s mi
v i v o n o i n s i e me , l ‟ u n o n o n p u ò v i v e r e
senza l ‟al tro: nel caso dei l i cheni , il
f u n g o ( o r g a n i s mo e t e r o t r o f o ) u t i l i z za i l n u t r i me n t o p r o d o t t o ,
attraverso
la
fotosintesi,
dall ‟al ga
( o r g a n i s mo
autotrofo)
che, a sua volta, riceve dal fungo protezione, acqua e sali
mi n e r a l i .
S i mo n e : “ V u o i d i r e c h e i n q u e l l a m a c c h i a c i s o n o u n
fungo
ed
un’alga?
Ma
dove
sono?
Non
si
vedono?”
N o n s i v e d o n o p e r c h é s i t r a t t a d i o r g a n i s mi mi c r o s c o p i c i ,
p i c c o l i s s i mi .
Jacopo: “Maest ra, ora ho capito! Ci sono licheni anche
rossi, a rancioni”.
45
I l i cheni possono essere di di versi co l ori (rosso, aranci one,
n e r o , g i a l l o , b i a n c o , v e r d e , g r i g i o ) e a v e r e d i v e r s e f o r me
( a l c u n i a d e r i s c o n o a l l a s u p e r f i c i e i n mo d o s i mi l e a l l e c r o s t e ,
a l t r i s e mb r a n o f o g l i e a p p i a t t i t e , a l t r i a n c o r a f o r m a n o d e i
cespuglietti).
I
licheni
longevi.
si
accrescono
Possono
vivere
molto
nella
l e n t a me n t e
terra,
sulle
e
sono
molto
rocce,
sulle
c o r t e c c e d e g l i a l b e r i , s u l l e f o g l i e , s u i m u r i , s u l c e me n t o , s u l
vetro.
Bambi ni lo sapete c he…?
I l i c h e n i v e n g o n o u s a t i p e r i n d i c a r e l o s t a t o d i i n q u i n a me n t o
d i u n a mb i e n t e : s o n o d e i b i o i n d i c a t o r i . E s s i a s s o r b o n o ,
c o me d e l l e s p u g n e , l e s o s t a n z e i n q u i n a n t i , s e n z a p o s s i b i l i t à
d i e l i mi n a r l e : t a l i s o s t a n z e f i n i s c o n o p e r u c c i d e r l i . Q u i n d i ,
l a d d o v e n o n t r o v i a mo l i c h e n i l ‟ a r i a è mo l t o i n q u i n a t a .
Bilel: “Maestra, allora qui siamo fortunati , perché su
questi alberi ne vedo tanti”.
E sapete c he… ?
G l i a n t i c h i E g i zi u s a v a n o i l i c h e n i p e r l a p r e p a r a z i o n e d e l l e
m u m mi e , m a a n c h e p e r s c o p i me d i c i e c o s m e t i c i .
P r i ma d e l l ' i n v e n z i o n e d e i c o l o r a n t i s i n t e t i c i , i l i c h e n i s o n o
stati
usati
per
la
colorazione
della
lana
e,
per
alcuni
a n i ma l i , c o m e l a r e n n a , r a p p r e s e n t a n o u n a l i me n t o .
46
3.6
Pe rcorso
didattico:
punti
di
forza
e
punti
di
debolezza
L‟esperi enza ha forni to l a possi bi li tà di real i zzare atti vi tà
p r a t i c h e , v o l t e a s o l l e c i t a r e l a ca p a c i t à d i o s s e r v a r e , d i
r i f l e t t e r e , d i f o r mu l a r e i p o t e s i e d i a r r i v a r e a l l e c o n c l u si o n i ,
a p a r t i r e d a l l e c o s e e d a i f e n o m e n i c h e i b a mb i n i h a n n o
sotto gl i occhi e dal l e atti vi tà che possono svol gere con l e
mani.
L e s c i e n z e , a mi o a v v i s o , v a n n o “ f a t t e ” e n o n r a c c o n t a t e ,
m e t t e n d o g l i a l u n n i “ i n si t u a z i o n e ” . I n t a l mo d o , p o s s o n o
e s s e r e c o i n v o l t i t u t t i me m b r i d e l l a c l a s s e , a n c h e q u e l l i c o n
di ffi col tà di attenzi one e di concentrazi one o con di ffi col tà
n e l l a c o mp r e n s i o n e d e l l a l i n g u a d i s t u d i o . L a d i d a t t i c a d e l
fare
è
una
didattica
i n cl u s i v a
esperienze pratiche co mportano,
senso
di
responsabilità,
per
a n t o n o ma s i a .
Le
altresì, lo sviluppo del
attraverso
la
condivisione
di
c o mp i t i e d i r u o l i .
I n o c c a s i o n e d e g l i i n c o n t r i p e r i o d i c i c o n i g e n i t o r i , mo l t i
hanno
riferito
che
i
b a mb i n i
non
solo
raccontavano
e n t u s i a s t i “ l ‟ o r a d i s c i e n z e ” , ma i n v i t a v a n o i g e n i t o r i s t e s s i a
r i p e t e r e l e a t t i vi t à a c a s a .
Da non sottovalutare, infine, l‟approccio, se mplice, degli
al unni al l a natura e all a sensi bil i tà ecol ogi ca.
P u r t r o p p o , i l t e mp o a d i s p o s i z i o n e n o n mi h a c o n s e n t i t o d i
r e a l i z z a r e t u t t e l e a t t i vi t à p r o p o n i b i l i p e r l a n e c e s s i t à d i
dare
spazio
anche
agli
altri
a r g o me n t i
previsti
dalla
progra mmazione didattica annuale.
47
3.7 E i nfi ne…
Tutto i l l avoro svol to, di cui questa rel azi one è una si ntesi ,
è s t a t o i l t e r r e n o s u c u i h o c o s t r u i t o i l mi o mo d o d ‟ i n s e g n a r e
e
su
cui
i
b a mb i n i
hanno
rafforzato
il
loro
mo d o
di
a p p r e n d e r e . S o n o e n t r a t a i n c l a s s e c o n i l mi o b a g a g l i o d i
esperienze e ne sono uscita con uno ancora più ricco.
O r a c h e l ‟ a n n o d i f o r ma z i o n e s t a p e r c o n c l u d e r s i , g u a r d a n d o
i
b a mb i n i ,
così
diversi
da
c o me
lo
si a mo
stati
noi,
è
i r r i n u n ci a b i l e u n a r i f l e s si o n e s u l l a r e a l t à a t t u a l e i n c u i s o n o
immersi:
loro
hanno
a
disposizione
una
quantità
di
i n f o r ma z i o n i e d i c o n o s c e n z e p r e s s o c h é i l l i mi t a t a , g r a z i e o a
c a u s a d e l l a p e r v a s i vi t à d e i ma s s m e d i a e d e l l e t e c n o l o g i e
d e l l ‟ i n f o r ma z i o n e . I n m o l t i c a s i , c o m e s i l e g g e t r a l e r i g h e
delle
I n d i c a zi o n i
nazi onal i
del
l’apprendimento
2012,
s c o l a s t i c o è s o l o u n a d e l l e t a n t e e s p e r ie n ze d i f o r m a zi o n e
che
i b a m b in i v i v o n o
e,
spesso,
non
vi è
bisogno
de i
c o n t e s t i s c o l a t i c i p e r a c q u i s ir e c o m p e t e n ze s p e c i f ic h e . I l p i ù
delle
volte,
però,
fra mmentarie,
si
tratta
di
veloce mente
conoscenze
c o n s u ma t e
episodiche
e
e
altrettanto
v e l o c e me n t e d i me n t i c a t e . P e r t a n t o , r i t e n g o c h e l a s c u o l a
abbi a il dovere di dotare l e nuove generazi oni di “anti doti ”
c h i a ma t i r i f l e s s i v i t à , a p p r o f o n d i me n t o , m a a n c h e s e l e z i o n e e
organizzazione,
corretta
ed
in
efficace
mo d o
che
i
collocazione
fra mmenti
trovino
una
in
me n t a l i
che
si gni fi ca,
per
ma p p e
rendano significativo quanto si apprende.
Lavorare
in
classe
in
l‟insegnante,
fornire
agli
questa
direzione
al unni gl i
s t r u me n t i
c r i t i ci
per
l e g g e r e e i n t e r p r e t a r e l a r e a l t à , p e r l ‟ a l u n n o “ i mp a r a r e a d
i mp a r a r e ” .
48
“Dite: È faticoso f requenta re i ba mbini.
Avete ragio ne.
Poi aggiungete: perc hé bisog na mettersi al lo ro li vello,
abbassarsi, i ncli na rsi, c urva rsi, f arsi piccoli.
Ora a vete to rto.
Non è q uesto c he più stanc a.
È piuttosto il fatto di esse re obbli gati a innalza rsi fi no
all’altezza dei loro se nti menti .
T irarsi, all ungarsi , alza rsi s ulla punta dei piedi.
Per no n fe rirli”.
(Janusz Korczak, Quando ridiventerò bambino, Luni Editrice, Milano, 1995)
49
Bibliografia
B a rsa n t in i L . , Fio re n t in i C. , L ’in se g n a me n t o d e lle scie n ze ve rso
il curricolo verticale. I fenomeni chimico -fisici, IRRSAE Abruzzo,
L‟Aquila 2001.
Collacchioni
insegnando:
L.,
il
Insegnare
ruolo
delle
emozionando,
emozioni
nella
emozionare
dimensione
conoscitiva , Genova, ECIG, 2009.
Fiorentini
C.,
Verso
una
nuova
d id a t t ica
delle
scienze ,
in
“L‟Educatore”, Annata 2007/2008, n. 8.
Gordon T., Insegnanti efficaci, Firen ze, Giunti Lisciani Editori,
1991.
Ho f f ma n C. G . , Fa re sc ie n ze n e lla s cu o la d i b a se , Mi la n o , L a
Nuova Italia Editore, 2000.
Ma rch i Tre vi s i C. , S c ie n ze n e l la scu o la p rima ria . L in e e -g u id a
p e r la f o rma zio n e d e l d o ce n t e , B o lo gn a , Nico la Mi la n o E d it o re ,
1993.
Ministero
del l‟ Ist ruzione,
dell‟Università
e
della
Rice rca,
Indicazioni na zionali per il cu rr icolo della scuola dell ’infanzia e
d e l p rimo cic lo d ’ist ru zio n e , Ro ma , 2 0 1 2 .
Mo rin E . , L a t e st a b e n f a t t a . Rif o rm a d e ll ’in se g n a me n t o e d e l
pensiero, Milano, R. Cortina, 2000.
Nucleo provinciale di coordinamento per le “Indicazioni per i l
curricolo” (decreto AOODRAB 3048 del Direttore Generale US R
Abruzzo).
Torosantucci
G.,
Vicentini
Misso n i
M. ,
L ’insegnamento
delle
scienze nella scuola elementare , Fi renze, La Nuova Italia, 1987.
Za n o li S . , S cie n ze d e lla n a t u ra , Fire n z e , L e Mo n n ie r, 2 0 0 5 .
Sitografia
http://www.vignolaweb.it
http://www.direzionedidattica-vignola/piano_dell_offerta_formativa_pof
http://www.maestromassimo.altervista.org
50
ALLEGATI
51
LA SEMINA
52
53
LA SE MIN A NEL B ICC H IE RE
54
55
56
L’ERB AR IO
raccolta
conservazione
la nostra pressa!
57
allestimento
58
OSS ER V IAMO I L ICH EN I N EL COR T ILE DELL A SC UOL A
59
L ’ E S T R AZ I O N E D E L L A C L O R O F I L L A
L A C R O M AT O G R AF I A
giallo
verde
marrone
60
AL C U N I
ESEMPI
DI
SCHEDE
U T I L I Z Z AT E
PER
IL
CONSOLIDAMENT O DEI CONT ENUT I PROPOST I DURANT E
L E AT T I V I T Á S P E R I M E N T AL I .
61
I M P AR O A S T U D I A R E …
Prova a rispondere alle seguenti domande (domande guida per lo studio):

Perché le foglie sono considerate il laboratorio chimico delle piante?

Cos‟è la clorofilla? Qual è la sua funzione?

Cosa significa fotosintesi clorofilliana?

Spiega come avviene la fotosintesi clorofilliana.

Dove viene trasportata la linfa elaborata?

La fotosintesi può avvenire di notte? Spiega il perché.
_____________________________________________________________
RIPASSIAMO… DI VERT ENDOCI!
62
L A P I A N T A E L E S U E P AR T I
OGGETTO
DEFINIZIONE
(cos’è)
FUNZIONI
(serve a)
COMPOSIZIONE
(è composto/a
da)
CARATTERISTICHE
(può essere)
RADICI
FUSTO
FOGLIA
FIORE
SEME
FRUTTO
Testo descrittivo per facilitare l‟esposizione orale.
Le radici sono ………… servono a …………… possono essere ……………
Il fusto è ………… serve a ……… si compone di ……… può essere …………
La foglia è ……… serve a ……… si compone di ………… può essere ………
Il fiore è ………… serve a ………… si compone di ………… può essere ………
Il seme è ……… serve a ………… si compone di ………… può essere ………
Il frutto è ……… serve a ……… si compone di ………… può essere …………
63
Fly UP