...

la bottega delle parole

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

la bottega delle parole
Scuola dell’infanzia
PETER PAN/QUATTROPONTI
Progetto di Plesso
La bottega delle parole
a.s. 2012-2013
Premessa
… Per ogni bambino il linguaggio è un gioco e, come ogni gioco più lo si
pratica più diventa familiare. Se nella pratica del gioco interagiscono coetanei
e adulti, arricchendolo, giorno dopo giorno, con particolari nuovi, si può
ritenere che esso diventi parte centrale della quotidianità di ognuno.
È importante indurre nei bambini la curiosità verso i meccanismi che regolano
la lingua orale, attraverso atteggiamenti di riflessione nei confronti del
linguaggio e del suo utilizzo perché solo così essi apprendono a comunicare
verbalmente, a descrivere le proprie esperienze e il mondo, a conversare e
dialogare, a riflettere sulla lingua e in questo modo si avvicinano anche alla
lingua scritta.
La didattica laboratoriale, che intendiamo adottare mira a coinvolgere tutti i
docenti del plesso in un processo di costruzione dei percorsi, delle
conoscenze e delle abilità che difficilmente i bambini potrebbero acquisire
attraverso modalità didattiche rigide e non calibrate sui loro stili di
apprendimento.
A tal fine tutte le insegnanti della scuola dell’infanzia Peter Pan hanno scelto
anche per il corrente a.s. di rinforzare la loro programmazione curricolare con
un percorso condiviso attuato a livello di plesso per valorizzare al meglio le
“esperienze di intersezione” già avviate da alcuni anni.
FINALITÀ
Sviluppare e consolidare competenze linguistiche e comunicative
Potenziare la conoscenza della lingua nelle sue varie forme al fine di agevolare
gli apprendimenti nei diversi campi d’esperienza
OBIETTIVI
Comprendere messaggi verbali
Acquisire fiducia nelle proprie capacità comunicative e di apprendimento
Ampliare le competenze lessicali
Utilizzare la voce in modo da articolare i suoni in maniera consapevole
Rappresentare a livello corporeo segni, ritmi,…
Giocare con le parole per imparare a usare la lingua e a riflettere su di essa
Percepire parole in rima, assonanze,….
Ascoltare, comprendere e ripetere filastrocche, scioglilingua, conte….
Stabilire associazione immagine-parola
Costruire famiglie di parole con supporto di immagini
Percepire la lunghezza delle parole
LABORATORIO LINGUISTICO
Il laboratorio “La bottega delle parole” è uno spazio costruito insieme ai
bambini dove questi possono utilizzare giochi appositamente strutturati e
realizzati dagli stessi nei vari momenti di attività.
Modalità
Due insegnanti di sezioni diverse condurranno a turno le attività di laboratorio
con gruppi di 12 bambini eterogenei per età.
Le insegnanti definiscono in incontri mensili di intersezione tempi e modi delle
varie proposte didattiche da attivare.
Bambini coinvolti: a turno tutti gli iscritti della scuola
Tempi di realizzazione: novembre ‘12 – maggio ‘13
Indicazioni di percorso
Novembre – Gennaio - Febbraio: laboratorio pittorico-manipolativo /intersezione
Allestimento del contesto
La bottega – gli scaffali con scatole di cartone a tempera
Contenitori per i giochi di parole- cassette di cartone tempera e assemblaggio
Lettere dell’alfabeto per comporre le parole individuate – tempera
Costruzione delle famiglie di parole- tempera e pennarelli
Individuazione Personaggio stimolo: LA STREGA PAROLINA
Ogni gruppo sezione prepara un gioco per gli amici da utilizzare insieme
nella BOTTEGA DELLE PAROLE
3 anni: MEMORY
4 anni: IL DADO DELLE PAROLE IN MOVIMENTO
5 anni: LE LETTERE GIGANTI
Febbraio: Festa di carnevale a tema/intersezione
SCHEMA DEL PROGETTO
PERCORSO
“LA BOTTEGA DELLE
PAROLE”
AREA TEMATICA
“Il peso delle parole”
Personaggio stimolo
LA STREGA PAROLINA
CONTESTO
La bottega della strega
Laboratorio
pittorico/manipolativo
(intersezione)
Allestimento del contesto
La bottega – gli scaffali
I contenitori per i giochi
Lettere dell’alfabeto
Famiglie di parole
Gruppi di parole
Associazione immagine-lettera
GIOCHI DI PAROLE
(intersezione)
- IL DADO DELLE PAROLE
IN MOVIMENTO
- MEMORY
- LE LETTERE GIGANTI
- LA CASA SELLE PAROLE
- UN MONDO DI PAROLE
Le famiglie
Frutta
Verdura
I gruppi
Mezzi di trasporto
terra
aria
acqua
di servizio
-
Ogni gruppo sezione
prepara un gioco da
utilizzare insieme nella
“BOTTEGA DELLE
PAROLE”
- 3 anni:memory
- 4 anni:il dado
- 5 anni:lettere giganti
ATTIVITÀ DI
LABORATORIO
Gli scatoloni vengono collocati come se fosse una scaffalatura per dare forma
alla: BOTTEGA DELLE PAROLE gestita dalla
STREGA PAROLINA
Allestimento del contesto
La scopa
Il pentolone
delle magie
I bambini e le loro magliette
I bambini delle tre sezioni vengono suddivisi in cinque gruppi ai
quali vengono assegnate delle magliette di colore arancione, rosso,
giallo, blu, verde con delle lettere attaccate sopra
In previsione della festa di carnevale La strega Parolina si presenta
per la prima volta ai bambini
La strega tra formule
magiche e indovinelli
invita i bambini a comporre parole
utilizzando le lettere che hanno sulle
magliette.
Le lettere richiamano con il colore l’oggetto da individuare:
•Giallo – POMPELMO
•Verde- COCCODRILLO
•Blu – PUFFETTA
•Rosso –Pomodoro
•Arancione - Mandarino
Rosso - Pomodoro
Arancione - Mandarino
Blu - Puffetta
Verde - Coccodarillo
Giochi di parole:
LE LETTERE GIGANTI
Gioco di associazione
realizzato nella sezione dei 5
anni: su queste lettere
giganti i bambini andavano
a collocare le tessere con
immagini corrispondenti alle
lettere
IL DADO GIGANTE:
La sez. 4 anni costruisce un dado gigante sulle cui facce sono
rappresentati dei movimenti da imitare: correre, saltare,gattonare,
nuotare, sciare e strisciare
Durante i laboratori di intersezione i bambini lanciavano il dado e
in base all’immagine uscita ne imitavano il movimento
strisciare
saltare
Gioco del memory
La sezione dei tre anni ha preparato delle tessere giganti e durante gli
incontri gioco/laboratorio i bambini delle tre sezioni provavano a indovinare
dove erano collocatele immagini uguali
Considerazioni finali:
La scelta di attuare un percorso di attività calato per tutto l’anno scolastico
a livello di plesso/intersezione, ha favorito l’arricchimento professionale
delle insegnanti grazie al confronto tra le varie metodologie di lavoro, alla
disponibilità a confrontarsi e alla condivisione di intenti.
L’affiatamento ottenuto ha permesso inoltre un’ottima ricaduta sui bambini
che hanno potuto sperimentare in modo sereno e tranquillo i differenti
approcci educativi dei docenti consentendo inoltre una migliore
conoscenza tra i bambini di tutte le sezioni
Il presente progetto è stato realizzato con la collaborazione di tutti i
bambini del plesso e delle insegnanti: Cassiani Tamara - Calabrese
Giuliana - Costi Tiziana - Nicolini Giovanna - Bolzoni Laura –Romoli
Nadia
Fly UP