...

Aree sensibili

by user

on
Category: Documents
9

views

Report

Comments

Transcript

Aree sensibili
European Commission, DG Environment
Aree sensibili
Punto 7.1 del programma
Dr. Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
Direttiva sul Trattamento delle Acque Reflue Urbane
Direttiva del Consiglio 91
91/271/C
/271/CEE
EE del 21
21--05
05--1991, modificata dalla Direttiva della
Commissione 98
98/15/EC
/15/EC del 27
27--02
02--1998
http://europa.eu.int/comm/environment/water
Rome, 0909-10 June 2005
European Commission, DG Environment
Struttura della presentazione
1.
Requisiti dell’Art. 5 e designazione di aree sensibili (AS)
2.
Comunicazione in base all’ Art. 5 da parte dell’Italia
3.
Comunicare efficacemente e in linea con la richiesta della
Commissione
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 2
European Commission, DG Environment
Aree sensibili (AS): requisiti
?
AS
?
Designate entro il 31/12/1993 + mappe delle AS
? La lista e le coordinate degli agglomerati (>10,000 a.e.) nelle AS
? Trattamento più spinto entro il 31/12/1998
Bacini di Raccolta delle AS (BRAS)
?
Per delineare i bacini di raccolta delle aree sensibili + mappe dei bacini di
raccolta
? La lista e le coordinate degli agglomerati (>10.000 a.e.) nei bacini di raccolta
delle AS
? Trattamento più spinto entro il 31/12/1998
Revisione delle AS
?
?
?
?
?
?
Ogni 4 anni
Agglomerati nelle nuove AS – trattamento più spinto in 7 anni.
Bacini di raccolta delle AS da definirsi per le nuove AS
Agglomerati nei bacini di raccolta delle AS – trattamento più spinto in 7 anni
Art.5
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 3
European Commission, DG Environment
Aree sensibili: criteri
Il corpo idrico deve essere
identificato come area sensibile
se ricade in uno dei seguenti
gruppi:
?
?
?
Corpi idrici di acqua dolce, estuari,
acque costiere che sono eutrofici
o che nel prossimo futuro
potrebbero divenire eutrofici se
non venisse intrapresa una azione
protettiva
Acque superficiale per iol prelievo
di acqua potabile (75/440/CEE)
Aree necessarie ad ottemperare
altre Direttive UE
Art.5
Allegato II
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 4
European Commission, DG Environment
Requisiti per il trattamento nelle AS
e nei BRAS
Dimensione
dell’agglomerato!
Aree riceventi: AS, BRAS
Art. 4,5,7
Punto di
Allegato I.B
Tabelle 1&2
Agglomerato
Sistema di raccolta, Art. 3
scarico
Dir.
91/271/CEE
Requisiti di
altre Direttive
EU
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
Usare un approccio integrato!
Collegamento tra approccio emissioni
e approccio qualità dell’acqua!
slide 5
European Commission, DG Environment
Illustrazione:
Delta o area sensibile costiera (AS) (corpo idrico) e bacino di
raccolta (BRAS) che include I corpi idrici siti in questo bacino
di raccolta
Legenda:
Impianto 1 – scarichi nell’
nell’AS
Impianto 2 – scarichi nel BRAS
Imp. 2
CAofSA
Imp. 2
Imp. 2
Imp. 2
Imp. 2
Ogni area sensibile
designata (=corpo idrico
sensibile) ha il proprio
bacino di raccolta dell’AS
Spiegazione:
Aggl. ? impianto 1 ? AS ? Art. 5(2)
Aggl. ? impianto 2 ? BRAS? Art. 5(5)
Imp
.1
Imp. 1
Rome 0909-10 June 2005
AS
Acque
costiere
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 6
European Commission, DG Environment
AS e BRAS:
caso C-396/00, Milano
Giudizio della Corte - C-396/00 Milano, 25 aprile 2002
?
(parag. 20) “Tutte le acqua reflue dagli agglomerati di più di 10,000 a.e.
che raggiungono aree sensibili, sia direttamente o attraverso bacini di
raccolta, devono essere trattati utilizzando il metodo di trattamento più
spinto al più tardi entro il 31/12/1998”
?
(parag. 31) “Questa interpretazione è supportata dall’obiettivo della
Direttiva (Art.1) e dall’Art.174(2) CE, laddove la protezione
dell’ambiente in linea con la politica comunitaria sull’ambiente deve
tendere ad un livello elevato di protezione ambientale”
Art.5
Allegato II
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 7
European Commission, DG Environment
Parte 2 – comunicazione da
parte dell’Italia
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 8
European Commission, DG Environment
I rapporto della Commissione (1999):
lacune dell’Italia
?
Designazione di AS: scadenza 31/12/1993
– non identificate formalmente dall’Italia
?
Grandi agglomerati nei BRAS – Il problema di Milano
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 9
European Commission, DG Environment
II rapporto della Commissione:
lacune dell’Italia
?
Identificazione di AS:
?
?
?
13 AS identificate nel maggio 1999 (invece del 31/12/1993)
11 nuove AS devono essere identificate
Trattamento nelle AS e nei BRAS:
?
?
35 agglomerati or 59% del carico (1,9 mln. a.e.) non conformi
Assenza di trattamento più spinto negli agglomerati dei BRAS
(giudizio CGE - Milano)
?
Trattamento nelle grandi città in AS e nei BRAS:
?
?
?
Da 72 città – solo 30 disponevano di trattamento terziario
Per alcune grandi città il trattamento terziario non è previsto
Assenza di impianti di trattamento in 7 città al 31/12/1998
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 10
European Commission, DG Environment
III rapporto della Commissione:
lacune dell’Italia
?
Revisione delle AS
?
?
Mappe nel 2003 invece che del 2001
Regione dell’Adriatico settentrionale – non inclusa
?
Risultati del monitoraggio per gli agglomerati in AS – solo per il 1999
?
Sistemi di raccolta
?
Trattamento acque reflue (totale 49 agglomerati)
agglomerati in AS
?
Risultati del monitoraggio (totale 39 agglomerati)
agglomerati – 57% del carico non
conformi
Giudizio della Corte su Milano (BRAS) – procedura di infrazione ancora
in corso
?
?
Grandi città - 55 città in AS e ASP ? solo 12 hanno trattamento terziario
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 11
European Commission, DG Environment
III rapporto della Commissione:
sistemi di raccolta nelle AS
Italia
01/01/2002
Agglomerati > 10,000 a.e. in aree sensibili
Articolo 3
Numero
%
Carico
nominale
[a.e.]
%
Totale
49
100.0
3 024 094
100.0
Non conformi
33
67.3
1 593 903
52.7
Conformi
16
32.7
1 430 191
47.3
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 12
European Commission, DG Environment
III rapporto della Commissione
livello di trattamento in AS
Italia
Livello di trattamento in agglomerati > 10,000 a.e.
01/01/2002
Numero
%
Carico nominale
[a.e.]
%
Total
49
100.0
3 024 094
100.0
Trattamento più spinto
46
93.9
2 981 667
98.6
Ma in assenza di alcuni passaggi del
trattamento
11
22.4
490 073
16.2
Ma insufficiente capacità di
trattamento
6
12.2
220 925
7.3
5
10.2
196 853
6.5
Non conformi*
16
32.7
661 748
21.9
Conformi
28
57.1
2 165 493
71.6
Informazioni non disponibili (totale)
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 13
European Commission, DG Environment
III rapporto della Commissione:
Efficienza del trattamento in AS
Italia
Efficienza del trattamento in agglomerati > 10,000 a.e.
31/12/1999
Numero
%
Carico nominale
[a.e.]
%
Totale
39
100.0
2 863 257
100.0
Trattamento più spinto
39
100.0
2 863 257
100.0
6
15.4
220 925
7.7
32
82.1
2 459 313
85.9
5
12.8
193 539
6.8
18
46.2
1 218 280
42.5
4
10.3
144 289
5.0
Non conformi
21
53.8
1 644 977
57.5
Conformi
18
46.2
1 218 280
42.5
Ma capacità di tratt. insufficiente
Monitoring in compliance (IT)*
Ma capacità di tratt. insufficiente
Monitoring in compliance (EC)*
Ma capacità di tratt. insufficiente
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 14
European Commission, DG Environment
IV rapporto della Commissione (al 01/01/2002):
lacune dell’Italia
Stato: Numero totale – 207 AS:
?
AS designate (11.05.1999) – 13 AS
?
AS designate (2001) – 194 AS
Lacune
?
?
BRAS:
?
Non indicati (mappe) per le AS designate nel 2001
?
Lista degli agglomerati e coordinate
Designazione di 9 AS - mancante
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 15
European Commission, DG Environment
IV rapporto della Commissione:
Livello di trattamento nelle AS
Livello di trattamento in agglomerati > 10,000 a.e.
che scaricano in aree sensibili
Italia
Data di riferimento: 01/01/2002
Numero
[%]
Carico nominale
[a.e.]
[%]
Totale
39
100.0
2 863 257
100.0
Trattamento più spinto
39
100.0
2 863 257
100.0
ma tipo esatto di trattamento
non noto
2
5.1
154 426
5.4
ma mancano stadi di
trattamento
11
28.2
490 073
17.1
ma capacità di trattamento
insufficiente
6
15.4
220 925
7.7
0
0.0
0
0.0
Non conformi
16
41.0
661 748
23.1
Conformi
21
53.8
2 047 083
71.5
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
Informazione non disponibile
slide 16
European Commission, DG Environment
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 17
European Commission, DG Environment
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 18
European Commission, DG Environment
AS: Conclusioni sulla comunicazione
da parte dell’Italia
?
Processo di comunicazione:
?
?
?
?
Molto tardivo (un anno di ritardo) & non rispetta le
scadenze
La comunicazione non viene fornita secondo il formato
tecnico richiesto
Dati incompleti – in ogni comunicazione
- coordinate & lista di agglomerati e impianti di trattamento
che scaricano in AS e BRAS, and
- tutti i dati (livcello di trattamento, efficacia)
Difficoltà di applicazione
?
Sistemi di raccolta, impianti di trattamento– livello e
efficienza
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 19
European Commission, DG Environment
Parte 3 – Comunicare
efficacemente
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 20
European Commission, DG Environment
Schema
Aree riceventi:
AN, AS, BRAS, AMS
Agglomerato
Bacino di
DP1 raccolta di area
sensibile
1:n
1:n
1:n
1:n
Impianto
Impianto
Corpo idrico area sensibile
1:n
1:n
DP3
DP4
Rome 0909-10 June 2005
DP2
Corpo idrico
idrico,, ad es. Acque
marine –area normale
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
Corpo idrico
idrico,, ad
es. Estuario –
Area normale
slide 21
European Commission, DG Environment
Requisiti
Carico nominale
Sistema di raccolta
1. Agglomerato
1:n
1:n
2. Impianto
di trattamento
1:n
3. DP
Rome 0909-10 June 2005
4. Area ricevente,
Ad es. Area sensibile,
o bacino di raccolta di area
sensibile
Capacità
Tipo di trattamento
Risultati
monitoraggio
...
2. Impianto
di trattamento
Localizzazione
Relazione con il corpo
idrico
...
Corpo idrico, ad es. Acque marine –
area normale
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
1:n
3. DP
1:n
3. DP
Corpo idrico, ad es.
Estuario –
Area normale
Tipo di area ricevente
(corpo idrico)
Legame con DQsA...
slide 22
European Commission, DG Environment
Comunicazione secondo l’Art. 15
IDENTIFICATORI (IDs)
?
IDs sono richiesti per
?
?
?
Ragioni degli IDs
?
?
?
Agglomerati
Impianti di trattamento delle acque reflue urbane
Chiara identificazione nel database & collegamento a tutti I livelli
Serie temporali (dati storici)
Requisiti
?
?
Per usare un codice paese a due cifre
Esempio: Impianto di trattamento italiano BF768 ? ITBF768
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 23
European Commission, DG Environment
Livelli di informazione per la
comunicazione su AS e BRAS•
?
?
Livelli di comunicazione e parametri
?
Agglomerato: Art.3, Art. 4, Art. 5, Art. 15
?
Impianto di trattamento: Art.3, Art. 4, Art. 5, Art. 15
?
Punto di scarico: Art. 4, Art. 5, Art. 15
?
Aree riceventi: Art. 4, Art. 5, Art. 15
Molto importante
?
Mappe/confini della AS e BRAS
?
Lista e coordinate di agglomerati e impianti in AS & BRAS
?
Agglomerati ? Impianto? Punto di scarico? Area ricevente
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 24
European Commission, DG Environment
ESEMPIO: Comunicazione secondo l’Art. 15
requisiti dei dati
?
Informazione sull’AGGLOMERATO
?
?
?
?
ID dell’agglomerato
Nome dell’agglomerato
Carico dell’agglomerato
Raccolta delle acqe reflue urbane:
?
?
?
?
?
?
Carico raccolto dell’agglomerato da parte di un sistema di
raccolta
Sistemi individuali o di altro tipo utilizzati per la raccolta d i
acque reflue (carico)
Carico non raccolto di un agglomerato
Data di completamento del sistema di raccolta
Data prevista di completamento del sistema di raccolta
Informazione sulle perdite e le piene eccezionali
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 25
European Commission, DG Environment
ESEMPIO: Comunicazione in base all’ Art. 15:
requisiti dei dati
?
Informazione sull’ IMPIANTO DI TRATTAMENTO
?
?
?
?
?
?
?
?
?
ID dell’impianto
Nome dell’impianto
Coordinate dell’impianto
ID dell’agglomerato al quale l’impianto è collegato
Date di completamento: trattamento primario, trattamento secondario,
rimozione di N e P, altri trattamento
Emissioni standard (SS, BOD5, COD, N, P)
Carichi in entrata (Volume, SS, BOD5, COD, N, P)
Carichi scaricati (Volume, SS, BOD5, COD, N, P)
Informazione sul monitoraggio dei parametri richiesti (SS, BOD5, COD, N, P)
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 26
European Commission, DG Environment
ID-Area
ID-Receiving area-
1:n
1.1.Agglo1. Agglomerations
merato
1.‘Big
cities’
(mandatory
if relevant)
1:n
1:m
1.2. Agglomerations
1:k
1:k
1.2.1.
2. 1.
UWWTP
(mandatory)
2.
Agglomerato
Impianto
1.2.2.
UWWTP
(mandatory)
2.2.
…
Impianto
…
1.n. Agglomerations
n. Agglomerato
UWWTD
DP
1.2.n.
UWWTP
…
(dati da raccogliere per la
k:1
k:1 Receiving
comunicazione secondo la
area - UWWTD
91/271
DP
1.2.2.DP1
2.2.DP1
…
ricevente Dir.
ID-Corpo
idrico
ID-Water
body-WFD
DQsA
…
1.2.2.DPk
2.m.
Impianto
2.2.DPk
DQsA)
NA: inland /freshwaters
area -waters
NA:Receiving
estuaries & coastal
UWWTD
SA: freshwaters
(Art.5(2,3)
WFD
SA: estuaries & coastal waters
AS:
DQsA
Art.5(2,3)
- dolci (Art.5(2,3)
SA: freshwaters Art.5(4)
Re- estuari & acque costiere
SA: estuaries & coastal waters Corpi
Art.5(2,3)
ceivin
Art.5(4)
idrici
- dolci
Art.5(4)
g
LSA:
estuaries
riceventi
- estuari
& acque
LSA:
coastal
waterscostiere
waterCAofSA: inland/freshwaters
Art.5(4)
bodies
Art.5(4) area
BRAS:
-interne/dolci
Livello nazionale
Art.5(5) area
Informazione generale importante a livello di Stato Membro
National level
Art.16 Rapporti sullo stato
Art.16
Art.17 ProgrammiArt.17
di applicazione
Art.13
Situation reports
Implement.
Progr. del cibo
Agro-food industries
Art.13
Industrie di
lavorazione
Art.7
Other Articles: 12, 11, etc
Appropriate treatm.
(mandatory - upon COMM
request)
(mandatory)
(mandatory
-– first time,
(mandatory)
(mandatory Art.7
Trattamento
appropriato
optional
aggregated
Altri articoli – Art.12,
11,- updates)
14 etc. secondo le necessità della
CE level)
Fig. 4. Schematic structure of the conceptual model and its relation to the DB tables on reporting system
Struttura
schematica
del modello concettuale e sue relazioni con le tabelle del Database sul sistema di comunicazione
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 27
European Commission, DG Environment
Grazie dell’attenzione
Rome 0909-10 June 2005
Violeta Vinceviciene, DG ENV D.2
slide 28
Fly UP