...

150 giugno 2015 - Parrocchia San Leonardo Murialdo – Pinerolo

by user

on
Category: Documents
12

views

Report

Comments

Transcript

150 giugno 2015 - Parrocchia San Leonardo Murialdo – Pinerolo
Pagina 1
n. 150
giugno 2015
N. 150 GIUGNO 2015
Abbiamo festeggiato come comunità parrocchiale
domenica 17 maggio san Leonardo Murialdo, il
santo al quale è dedicata la nostra parrocchia.
Cosa possiamo imparare da lui? Tra i tanti aspetti
della sua vita e della sua spiritualità che si potrebbero elencare ne vorrei sottolineare tre:
•
La crisi giovanile che ha affrontato e superato a Savona da ragazzo
•
La convinzione che Dio ci ama
•
L’attenzione ai giovani e soprattutto ai giovani “poveri ed abbandonati”
La crisi giovanile che il Murialdo ha superato da ragazzo ce lo rende tanto vicino alle nostre debolezze
ed alle nostre difficoltà. Scrive un suo biografo: “Tra i 14 e i 15 anni Leonardo Murialdo attraversa un
periodo di crisi difficile e dolorosa. Un gruppo di compagni lo prende in giro per il suo comportamento
e per i suoi successi scolastici. È combattuto tra il desiderio di stare con i compagni, di essere accettato
da loro, e quello di mantenersi "buono". Dopo una lunga lotta decide di fare come gli altri, anche a
costo di rinunciare al bene e a Dio. Ma non può vivere a lungo così. Nel settembre del 1843 ritorna a
Torino. Nell'affetto familiare, nel fervore dei nuovi studi (si era iscritto al biennio di filosofia) e nella gioia
delle nuove amicizie la sua vita ricomincia dopo essersi accostato al Sacramento della penitenza.
La convinzione che Dio ci ama. Ecco come si esprime
il Murialdo: “Oh, mistero altissimo! Dio ama l’uomo!
Questo Dio di somma grandezza e di maestà infinita,
questo Dio onnipotente, immenso, eterno ama l’uomo,
vile e assai meschina creatura e peccatore. Quale meraviglia! Una Maestà così alta, così augusta si abbassa tanto fino ad amare un essere così vile e misero,
indegno di ogni amore”
La scelta preferenziale del Murialdo per i giovani è
fuori dubbio. Se tra questi poi vuole avere una predilezione questa va per i giovani poveri ed abbandonati.
Ascoltiamo le sue parole: “Poveri e abbandonati: ecco
i due requisiti che costituiscono un giovane come uno
dei nostri, e quanto più è povero ed abbandonato, tanto più è dei nostri. Poveri ed abbandonati! Quanto è
bella la missione di attendere all’educazione dei poveri! Ed è ancora più bella quella di cercare, di aiutare,
di educare, di salvare per la vita presente e per l’eternità i poveri abbandonati! Abbandonati dal lato morale se non da quello materiale.
Don Franco Pairona
Una delle vetrate della nostra chiesa. Essa
vuole dare un’immagine plastica della convinzione del Murialdo che “Dio ci ama”.
Pagina 2
Il consiglio pastorale parrocchiale è formato da
una quindicina di persone della parrocchia. Il
parroco lo presiede.
Lo statuto che lo descrive al secondo numero ne
indica le finalità: “Il Consiglio Pastorale Parrocchiale promuove, sostiene, coordina e verifica tutta l’attività pastorale della parrocchia, al
fine di suscitare la partecipazione attiva delle
varie componenti di essa nell’unica missione
della Chiesa: evangelizzare, santificare e servire l’uomo nella carità.”
Si è insediato circa 5 anni fa ed in questi anni ha
portato avanti con impegno e con generosità da
parte di tutti il suo compito. Negli anni ci sono
stati anche alcuni avvicendamenti per vari motivi tra le persone che lo compongono.
Adesso è giunto il momento di rinnovarlo nella
sua interezza. Nella riunione del 19 maggio si è
deciso di programmare per novembre prossimo
le procedure per il suo rinnovamento.
A novembre verranno fatte le elezioni scegliendo le persone tra una rosa di candidati. Sarebbe
bello che di qui a novembre molti parrocchiani
esprimessero la loro candidatura come segno di
vicinanza alla parrocchia e come disponibilità
concreta di mettersi a servizio di essa anche attraverso questo importante organi di partecipazione, di confronto e di impegno.
n. 150
giugno 2015
A livello cittadino in questi mesi è partita una
interessante iniziativa di collaborazione tra le
varie realtà ecclesiali della città: parrocchie cittadine, chiesa valdese, chiesa ortodossa, comunità del pp Oblati e comunità delle Suore Giuseppine.
Si tratta di un tirocinio lavorativo della durata di
sei mesi sostenuto economicamente dalle varie
realtà ecclesiali. Il tirocinio è iniziato il 1 aprile
2015 e si concluderà con la fine di settembre. Il
tirocinio si sta svolgendo presso la Casa dell’Anziano Madonna della Misericordia, detta comunemente Attilio Fer. Ci sono buone speranze
che al termine il tirocinio possa trasformarsi in
lavoro stabile.
Si sta valutando inoltre la possibilità di attivare
altri tirocini lavorativi al termine del presente
per dare una certa continuità all’iniziativa.
La nostra parrocchia ha partecipato all’iniziativa
impegnandosi per una cifra di 600 euro. Tale
cifra è stata ricavata prelevandola dall’ammontare di quanto si è raccolto in questi mesi dalle
buste-lavoro che si trovano sempre in fondo alla
chiesa. Penso che come parrocchia siamo certamente disponibili a dare continuità all’iniziativa
e quindi a sostenere economicamente eventuali
altri tirocini lavorativi che verranno attivati.
Certamente nasce la domanda: ma che cos’è
questo nel mare di bisogni che ci sono intorno a
noi?
Magari è poca cosa ma sicuramente è un bel segno di collaborazione tra i cristiani (anche di
chiese diverse) che vivono a Pinerolo. Certamente ogni parrocchia ed ogni comunità cristiana già porta avanti delle iniziative di carità. Ma
questo vuol essere un qualcosa che si fa assieme
ed assume quindi un valore più alto ed importante.
Giunga da queste righe un ringraziamento a tutti
i parrocchiani che con fedeltà esprimono la loro
generosità attraverso la busta che trovano in
fondo alla chiesa. Grazie anche a quelli che portano i generi di lunga conservazione e li depongono negli scatoloni sempre collocati in chiesa.
La generosità passa anche attraverso questi piccoli e grandi gesti.
Don Franco Pairona
Pagina 3
n. 150
Il 10 maggio scorso un primo gruppo della parrocchia che ha intrapreso il percorso catechistico
“nuova formula” che si sta portando avanti in
diocesi è arrivato alla tappa importante dei sacramenti della Cresima e dell’Eucarestia. Certo
ora il cammino non è terminato ma continua
nella “mistagogia” ovvero nel tempo di assaporare la bellezza dei sacramenti ricevuti.
Ascoltiamo l’esperienza di una mamma nell’accompagnare la propria figlia nel percorso catechistico:
Mi è stato chiesto com' è stata la mia esperienza
nell'accompagnare mia figlia, in questi cinque
anni di catechismo "nuova formula", fino ai Sacramenti della Cresima e della Comunione. La
risposta? Direi sicuramente un'esperienza bella,
positiva e stimolante!
Le perplessità ed i timori iniziali di non essere
preparati e capaci di seguire questo cammino,
con l'impegno di tutta la famiglia, sono stati superati grazie all'aiuto di tutte le persone con le
quali abbiamo vissuto questo percorso. In primis un grazie va a Maria Luisa che, insieme alle
sue aiuto-catechiste, ha "guidato" i nostri ragazzi con tanta pazienza ed attenzione quasi
fosse la mamma di tutti; poi sicuramente un
grazie a Don Franco che ha seguito noi genitori
con approfondimenti dei temi liturgici trattati
dai nostri figli e che ci ha incoraggiato ad avvicinarci al Signore; infine grazie agli altri genitori con i quali ci siamo davvero sentiti
"gruppo", abbiamo espresso le nostre perplessità e ci siamo confrontati per riuscire ad affrontare le difficoltà di ognuno di noi nell'inserire il "catechismo" nella vita quotidiana.
Concludendo se, come ci ha ricordato il nostro
Vescovo, "Dio è Amore e di conseguenza la nostra vita non può essere che Amore" a noi non
resta che perseverare e rafforzare i valori che
questa bella esperienza ci ha trasmesso!
Clara Rivoiro.
giugno 2015
Da domenica 5 a domenica 12 luglio 2015
Casa alpina “San Francesco”, 1800 metri di altitudine, Pian della Mussa, Balme, alta Val di
Lanzo
Chi può venire? La settimana è rivolta ai ragazzi che hanno frequentato le classi dalla terza elementare alla terza media.
Il campo in montagna è totalmente svincolato
dalle tre settimane di estate ragazzi che lo precedono: si può pertanto prendere parte indipendentemente all’una come all’altra iniziativa.
Quanto costa? 160 euro (150 per i fratelli).
Come iscriversi? Le iscrizioni si apriranno lunedì 15 giugno in occasione dell’inizio dell’estate ragazzi e proseguiranno fino a martedì 30
giugno negli orari di apertura della segreteria.
Ulteriori informazioni e dettagli verranno opportunamente comunicati durante lo svolgimento dell’estate ragazzi
Una indimenticabile esperienza ti aspetta… Non
puoi mancare!!!
Per qualsiasi dubbio o necessità: Simone Cogno,
340 6242487; don Franco Pairona 340 3861265
Preghiera (per quando si è in difficoltà)
Se la tua fede vacilla, calmati: Dio ti guarda.
Se tutto sembra finire, calmati: Dio rimane.
Se sei nella tristezza, calmati: Dio è la consolazione.
Se il peccato ti opprime, calmati: Dio perdona.
Se hai i nervi tesi, calmati: Dio è pazienza.
Se nessuno ti comprende, calmati: Dio ti conosce.
Se urgono scelte importanti, calmati: Dio ti guida.
Se sei smarrito, calmati: Dio ti vede.
Se sei in difficoltà, calmati: Dio è provvidente.
Se la malattia ti logora, calmati: Dio guarisce.
Se la croce è pesante, calmati: Dio ti sostiene.
Se la morte ti spaventa, calmati: Dio è risurrezione.
Dio è sempre con noi, ci ama e ci ascolta.
Orario festivo delle sante Messe: Sabato ore 18.00 Domenica ore 9.30 e 11.00
(nei mesi di luglio ed agosto è sospesa la messa festiva delle ore 11.00)
Orario feriale della Messa: dal lunedì al venerdì ore 18.00
Pagina 4
n. 150
Il volto della misericordia. Con questo titolo il
papa Francesco ha indetto il giubileo straordinario della misericordia da dicembre 2015 a novembre 2016.
Papa Francesco ci ricorda che “Cristo è il volto
della misericordia del Padre”.
Il Padre “ricco di misericordia” (Ef 2,4) dopo
aver rivelato a Mosè il suo nome come “Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di
amore e di fedeltà” (Es 34,6) non ha cessato di
farsi conoscere in diversi modi ed in tanti momenti della storia. Nella “pienezza dei tempi” (Gal 4,4) Gesù di Nazareth con la sua parola, con i suoi gesti e con tutta la sua persona ci
rivelò la “misericordia del Padre”.
Nella sinagoga di Nazareth Gesù, leggendo il
profeta Isaia, dice: “Lo Spirito del Signore è su
di me. Per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto
annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione ed ai ciechi la vista, a rimettere in libertà
gli oppressi, a proclamare l’anno di misericordia
del Signore” (Lc 4, 18-20).
Accogliere la misericordia del Signore e farci
portatori di questa misericordia presso gli altri è
una bella opportunità ed una bella sfida per tutti
noi cristiani.
Terenzio Rasetto
Angolo del Grazie
A tutti coloro che con costanza riempiono gli
scatoloni in fondo alla chiesa con generi alimentari a lunga conservazione. Mensilmente li
portiamo al Centro Ecumenico di Ascolto.
A tutti coloro che mettono il loro contributo
nelle buste che si trovano in fondo alla chiesa e
denominate “offerta borsa lavoro”.
Servono per aiutare persone in necessità e per
partecipare al progetto cittadino.
Grazie
La Campana - Parrocchia San Leonardo Murialdo
Via De Bernard, 40 PINEROLO
Tel. 0121 39.69.52 - www.murialdopinerolo.it
giugno 2015
Sabato 06-06: ore 18.00: festeggiamo don Giovanni Oberto nel 50° di sacerdozio
Lunedì 15-06: Inizia il Giugno al Murialdo (in programma fino a sabato 4 luglio)
Venerdì 19-06: ore 20.30: messa alla Madonnina di via
Saluzzo per la festa della Consolata
Domenica 05-07: Inizia la settimana in montagna (a Casa
alpina san Francedsco - Pian della Mussa - Balme e fino a domenica 12 luglio)
Campo scout e vacanze di branco del Pinerolo 2 - fine
luglio ed inizio di agosto
Domenica 27-09: ore 11.00 Festa del mandato
Festeggiamo don Oberto
Don Giovanni Oberto è stato parroco nella nostra comunità per dieci anni dal 1985 al 1995.
Festeggia i suoi 50 anni dall’ordinazione sacerdotale.
Sarà presente con noi
Sabato 6 giugno
• Ore 18.00 Santa Messa
• A seguire momento conviviale nei locali
della parrocchia.
Grazie a tutti coloro che vorranno farsi presenti.
Giugno al Murialdo
Dal 15 giugno al 4 luglio 2015
• Domenica 14 giugno, ore 20.30: grande serata di apertura con i genitori
• Lunedì 15 giugno: inizio attività alle ore
13.30 e messa alle ore 18.00
• E poi: sfida serale a pallavolo, sfida a calcio,
serata a sorpresa
• Gite varie durante le tre settimane
• Venerdì 3 luglio caccia al tesoro per la città
• Sabato 4 luglio santa messa alle ore 18.00,
cena e serata conclusiva
Attenzione
Nei mesi di luglio ed agosto è sospesa la messa
festiva delle ore 11.00
Riprende regolarmente con la prima domenica
di settembre 6 settembre
Fly UP