...

1) GIZZI 2) AGRELLA Carmelinda Assessore 4) FIGLIOLA Mario

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

1) GIZZI 2) AGRELLA Carmelinda Assessore 4) FIGLIOLA Mario
GOMUNE DI MONTEFALCONE DI VAL FORTORE
Provincia di Benevento
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE
N' 25 del
1,1104t2013
OGGETTO: Piano provvisorio di prevenzione della corruzione. Legqe n" 190/2012,
art. 1, comma 8. Adozione. (Approvazione proposta prot. 1870/2013 a
firma del Seqretario Comunale, responsabile.)
L'anno duemilatredici il giorno undici del mese di aprite alle ore 18.00
nella Casa Comunale. Convocata con apposito awiso a domicilio si e riunita
Giunta Comunale con la partecipazione dei signori:
Presenti
X
1) GIZZI
Assunta Carmela Sindaco
2) AGRELLA Carmelinda Assessore
3) BOSCAINO Vincenzo Assessore
4) FIGLIOLA Mario
Assessore
5) LUCARELLI Donato
Assessore
la
Assenti
x
X
x
x
TOTALE
4
1
Presiede la dr.ssa Assunta Carmela Gizzi - Sindaco.
Assiste il Segretario Comunale Dr.ssa Alessia Mari.
ll Presidente, constatata la validità dell'adunanza, dichiara aperta la seduta.
PARERI ESPRESSI SULLA PRESENTE DELIBERAZIONE
Ai sensi dell'aÉ.49 Decreto legislativo lB agosto 2000, n"Z6l
Regolarità contabile
Parere : FAVOREVOLE/CONTRARIO.
UFFICIO DI RAGIONERIA
ll Responsabile dell'Area
Rag. Maria D'Angelone
Lì
,:,1
REGOLARITA' TEGNICA
Pa rere : FAVOREVO LE/CrgffiH€
UFFICIO TECNICO
:. ll Responsabile
Alch,:Luigi"Esposito
UFFICIO AMMINISTRATIVO
ll Responsabile
Dr. ssa Filomepa D'lmperio
ò, ln^_tt^.*:
,{,t-0u-zdl3
Trasmessa a Uflici
munita dei datitutori il
.
'"\
'Ì,
.;:;
:f
À'
,t'.
,::'
,.'ì
' :i
:
,
ll Responsabile
LA GIUNTA COMUNALE
Richiarnata la propria precedente deliberazione n. 24 del 26 marzo 2013, ad oggetto ,,Legge
6
novembre 2012, n. 190 - Individuazione Responsabile della preúenzione drllo rorri)ionn ,;
Visto il decreto sindacale n. I del 30.03.2013, con il quale il Sindaco ha provveduto a nominare
il
Responsabile della prevenzione della comrzione;
Esaminata la proposta
di deliberazione, prot. n. 1g7012013, a firma del Responsabile della
prevenzione della comrzione, formulata ai sensi dell'articolo l, comma 8 della legge
6 novembre
2012, n. 190, ad oggetto "Proposta dÌ deliberazione piano prowisorio di prevenzione della
corruzione (articolo I, comma 8, Iegge n. 190/2012),,;
Lette attentamente le motivazioni di cui alla appena citata proposta;
Visto il D.lgs. n.267/2000;
Vista la legge 6 novembre 20I2,n. 190;
Visto il comma 4 dell'artic olo 34-bisdel d.l. 18 ottobre 2012, n. lTg,convertito, con modifi caziom,
in legge 17 dicembre2012,n.22l;
Vista la Circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione
Pubblica - n. I del 25 gennaio 2013,
Vista la delibera della CIVIT n. l5/20t3 clel 13.03 .2013;
Viste le linee di indirizzo del 14.03 .2013 del Comitato Interministeriale (istituito con d.p.c.m. 16
gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della Funzione pubblica,
del
P.N.A.;
Vista la nota ANCI de|2l.03.2013,"Disposizioni in materia di anticorruzione,,;
Ritenuta la'proposta di cui-sopra meritevole di integrale accoglimento;
Acquisito sulla proposta di deliberazione citata il parere favorevole di regolarità, espresso dal
Segretario Comunale ai sensi dell'articolo 49, comma2 delD.lgs. n.267/2000, da intendersi qui
integralmente riportato;
Dato atto che non occorre il parere di regolarità contabile;
Udito I'intervento del Sindaco e il successivo dibattito;
Tutto quanto sopra premesso e considerato
Con votazione unanime favorevole, resa in forma palese
DELIBERA
Per la premessa che costifuisce parte formale e sostanziale della presente deliberazione e che è da
intendersi qui integralmente riportata e trascritta;
AMZONÉ PhNO PRCWSORIO ANTICORRUZIONE.RTf
l) Di approvare integralmente, così come approva, la proposta del Responsabile
della prevenzione
della corruziane di cui in premessa, che viene allegata alla presente deliberazione per costituime
parte formale e sostanziale;
LA GIUNTA COMUNAIJE
Con successiva votazione favorevole unanime, resa in forma palese
DELIBERA
Di
la
presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'articolo 134
comma 4 del d.lgs. n.267/2000, stante l'vrgenza di prowedere in merito.
dichiarare
,.:.1
COMTJNE Di ÍVIONTEFALCONE DI VAL FORTORE
.. ,
.,' ,,f..J,{.'
',l
.,...
*r,
PROVINCIA DI BENEVENTO
.';n'
.1.
t ,.. rq', ,1
'r
:.!', i
'' 1' 1.
;.T :
Tel 0824969003
ri,. i: rl i c i i: i c
&
nr
<; :":
t*
fa ic
*
it l. rl i r' ;;
ii
q ; :.,;
;
r. i: a1111e1i
;1i
Fax 0824969426
Prot. n. 1870 dell'8.04.2013
AIla GiLrnta C-onrunale
Secle
Oggetto: Proposttr rti rlelibernz.itttrc - Piurto 1tt'ot,t,isrtri9 rli prevetrT.ione della corruziotte
(articolo l, commn 8, legge n. t90/20t2)
I
I Segretar-io (iumunalc
in quttlitir tli Re.s:lton,tttltÌle riellu prevt:nzione rlalltr c'rtrr.trzir)nc
e,r tlec'relo ,s'intlttt'ult n. I tlal 3l) trttrr:o 20 Ì J
Premesso che
'
il 28 tlovetrrbre 2012 è entt-ata irr visore la legge (r ntrr,cnrblc l0l2- n. 190. rccallte
''Di.\prt's'izittni pet'ltt prct'an:irtnt: a ltr rcltr"c.s.siottt,dclltt t'rtrrtt:ipttc a c/ell,illagtilitir
nella puhbliccr cunntinislrnzionc " (in G.U. I 3 novertrbre 201 2. s. 265).
o tale legge
o
'
'
.
introduce numerosi strumenti per la plevenzione e la repressione clel
fenomeno corrttttivo all'interno cicllc pp.ae. c-cl indivicir,ra i soggctti prcposti acli,rclottai.e
ilrizirrtive irr rrrittcr-ia.
cletta legge clispclne che la (l.l.V.t.T'. ((-'onrn-rissione per l;r valutazione. liì trasparer'ìzLì e
I'integrità cielle amrlinistlazioni pr-rtrbliche di cLri all'articolo l3 clel D. L,gs. 27 ottobre
2009, n. 150), in qllalità cli Aurtorità Narzionale AnticorrLrziorre. approva il piancr
Nazionale Anticorrttzione (P.N.A.). predisposto ciel l)iplltinrcntu clclla FLrrrzibrrc
Pubblica atrclre sltlla scot'ta clelle Iinee cli inclrnz.'to clel Cornitato Interrlinisteriale.
istituito con cl.p.c.nr..ló scnnaio 201j;
il P.N.A. cotrterrà ancl-ie le inclicazioni per la elaborazione clei piani triennali di
prevenzioue della corrltzione da par"te clelle pLrbbticlrc anrministrazioni, ler cui aclozicine
è plevista dall'articolo l. corrla 8 clelia legge n. lg0l20l2 cit.,
lar le-gge lr- l()0 2012 (che tt'ova applicazione irr ttrtte le pLrtrtrlichc anrrrinistr.azioni cli
cui all'art. l. co. ? clel D.lgs. n. l65l?001; v. il colìln.ì.r -59 clell.articolo I clella legge r.r.
19012012, iI qLrale precisa c-lre le disposizioni c1i plevenz,ione clella corruzigne st.rpcr
attuazione diretta clel principio di in'rparzialità di cui all'altìcolo 97 della Costituziple).
tt'a I'altt'c'r, istitLrisce la figLrra del''r',:.t1t,,rrtttl'tilt'tlalltr
ltrct,enzione rlelltt c.orrrtzigna" (v.
art. I ' co. 7- legge n. l()0 cit.) ccl irnporrc la aclozìorrc clcl "7;ir rno triannulc cli
prcvanziotta r.l<:llu c'ot.r.ttziona" (rr. ar.t. l- co.8- leg-uc rr. l1)0 cit.);
il l4 ntarzo c.a. il C,ouritato intcnnir-ristcrialc .r.rry;r.c cit. ha pr.eclispostcl le Iinee cli
indirizzo per la predisposizione, da palte clel Dipartìrrento clella Funzione Pubblica.
del P.N.A.;
Visti i corlnli 6. 7 c 8 dell'at'licolo I rlella legqe n, lq()/1012 cit.. che tcstuulrrertc
cl
ispon goncl
c1
Lrtrr.rtcl se
glte
:
"C'otntllzr 6.
'4i.1ìni dellu prctli.slto.si.iona tlal piutttt tli 1tt't,t,t'n:iopt,tlt'lltt trtr.rtt:ispt,. il pt.a.li,rt,.
ttt
l
l'
i tt
nt
t nt t: i ont t l t'
Conlnra 7.
u f tl )r'(
)r'( t l (, t lt
t
llt
t ('
(
tn t n Ì i \.\ i t ) n('.
A tttl lina, l'orstrno tli inclirr::o poli/ico
intlit.it.ltrt.r, t.li not.ntt.t
tttr i
tlit.i,4t,ttti
cli nornur, nel .;egrelttrio,.t'ult'u clit,,ct'.su e ntolit:u/u tlelet'ntintt:irttta.
il 3l
tlel contntct T, entro
gennttirt tli ogni ttuntt, utlollu il piuno lriennulc cli prettenzittne tlallcr
trclozione tleÌle protec/ttre
ele
ntcnl
i tli
vul
u t u z i on
Visto il comula
e
cl e l l
per lu ,s'clc:ionc e lu f orntuzktne tlci tÌipentlenÍi
u
r e,tp o n,s. ub i l
it
it
tl i r i ge nz iu l e"
c'tt.slittti.tc'sptt
.
c)
dell'articolo I clella le-rge rr. 190/2012. chc clcnca lc fìnalitiì clcl piano c1i
prevenzione ciella corrltzioire. cl ispouenclrr tcstualnrcnte che "//
ltiut.to tli c:tri ul c'rtntnu 5
t' i p, n t I c' (r I I (, .\ c I t c t t i a.: i e rt : t,
s;
t
t
elevato
t
c,
.
il ri,schio tli corruzirtne, unc'hc t'ut'coglientlo lc proposlc t.lei clirigcnti, cluborute
lc'gislttliro 30 nttu':o l()()
I
.
tt. I
(t5;
crÍtttctzione e c'ctnlrollo tlelle tleci,s'ioni iclone(tt prevenit'e
il
ri.schìo cli t:rtrr.t.tzirtne;
pretteclerc, con pctrlicoltrre rigtrcrrtlo trllc trll.it,itir irtcliritlrrtrtt,tr i .:t,tt.si tlallcr lcllcru ct),
obb/ighi cli infòrmtrzirtna nii c'onfittnli tlel re,s:port.subilc, intlit,itltruto ui .sut,si clcl ctttnntrr 7,
chicrtttcttrt rt tti.gil.61ro .sul..fi.tnzirtnultenlo e .s'4ll'6,s.set"t,1t1z(t rlc/ pitttr<t,
c:)
i
I i c' t I i
a) tnttnilot'trrc i rttltltrtrli lt'(r l'(tntntirri.slrrt:iont: t: i .soggclli t'ltt: t'on Ir.t .r/c,r.ya ,s.liltttluno
conlrulli o chc.s'ttno inlcre.s,tttli rt 1tt'ttt'crlirrtt'ttli Lli tntlttt.i:-tr-i()t.tc, (.on('a,s.,t.ionc o et.ogttziona tli
tlt'
1tt't
tt'a
ttt
t
.'
I i r i,qc n I i a i cl i 1tc nt IL' n I i dc I l' tr tt t trt i i s t rtr: i r nt,
l) inclitticluurespcc:i.fic'i obblighi rli tt'(r.\:p(trenztr trltcriori t'i,s:pelto u tltrclli 1tret,i.s,ti rlu
cl ptt.s' i z ittni cl i lc ggc" ;
u
i.s:
t
;
ViSto il
CLìt'1ll-ìa 10
:;cn^,;i LlcI Lot,1'tu'tLt
del pte..lesirtro 31-figpl,'
I
'ri cerrqì ,1,'l ,,,l3lc'.1/ t.r-,;,:it(,t1;;Lr11ilt,intlj,,'!tlttr.tlg tti
7 1lrort,ctlc un{'h(.;
u) ullu rarifit'tr tlell'clficut'a ulltt{t'i()na tlcl l)iutlo c tl<:lltt .stru itlont'ilt'r. nont'hé u pt'o1.torrc ltr
nall'uttit'ìlit dall'untmit'ti,\'trLt:i()tt(;
tlit'ii4cnla ctntlpa,lcnl,a. clall'cl/tttit,tr rolu:ionc clagli inc'urit'hi
tltLrtttckt intert:eng0tlt) ilt.rtltttttrJnti ttL'll'()t',q(tniz:(t.ion( rt
b) alla vcrifico, d'inla.scr con
si.(tt'to cotiltl'tc,ts'i
rcnl i
il
ll
Visto
lc
cor-ìlnra
il
di corrttzionc;
dello stesso articolo
l. ai sensi del c1r-rale "Itt
,\cuoltt .s'ultarirrc clellu
c.fìrunziuric clisprtrrihili tr lcgi.sluzione visenlc. precli.s:ponc
percor,s'i, unche specific:i e ,satloriuÌi, cli fòrntcrzirtrte ,lci tliltt'ntlcttli ,lclle pttltblit'he
ctrnntinislrctzioni .\'tol(.11 i .ttLi lenti tlell'clic'tr e tlr'llrr lt;4ulittt ()on coclcnzu periotlico c cl'it1ta.su
ris'or.se untun.c, sÍr'untcnluli
ri.ycJ'tio che .siunt) conttne.\.s'i
reuIì cli crtrrtr:irtnc".
Visto altresì il comnra 4 dell'alticolt'i 34-hi,; clel cl.l. lll ottobre 2()12. n. 1J9 (coni'crtito. ctrr.r
nroclifìcazioni, in le-ege 17 clicer-nbre 2012. n.221). recante "LJlrerirri nti.\'ure urgenli per lu
cre^ycifadclpaese ".ilqualeliadiffelitoil terminedi c,ui all'articolo 1,comma8dclliilegge6
novembre 201). n. 190 (e" clunc;ue. il terr-r-rine per l'zrplrrovazione clel piar-io triennale cli
prevenzior-re della con'r-rzione) al 3
I
urarzo 2013:
llalu :rilrt rire coii <-icclrttr sirrrilrll,.: ir. 1 iit:ì -ìi;.i;.ì.,rlj I ' ,,.1 :rrLii.rì,,.. r si;rili rroririitirlit
Iìesponsabilc rlclla prclicnziouc rlc!lil coi'r'irzir.rric sìrrl ll -i I lL.l(] li.
prcvenzirtna
e la
rilìrintcutr-r all;t
fig.LrnL
rcln'e.,s',s'iona
clcllcr c'orrtrzionc c ,lcll'illc,qttlitìr ncl.ltt
llcl rcsFrlns:Ll,ìil rJcllir pli:r'cnz,ìl;rr: Llr'ìil
1ttùhlic'ct
{.:i.illlrziiin,.':
Vist:r ia riclibcra ilcllir ( l\,'1'l lt" l5'.,1{)i.,ì ilL:i 1.1 .l)l lílj I " ir; lt'titti t!í i)i',r,:tit/{) t-'{)iti l}L'l\:t:it'
ttontintu'a il t't,t:1tttr't.;tthìlt tit:lltt l)ì {:\'tttt:it)i?<: Lli.:!itt r.'t)r't'1(::i(ti/(.'
u
'-
\/isfe Ic lirrcc cìi inclirirzr, r.lcl ('i,i'iiilllr l;rtclitt jrtislct'i;,rlc rl':i
\,'ista la rrrrlu.\NL'l dcl
.1
1
1
,J
{jì l{t i --i i:!t
{i"j.l{il i. "llr\i,, tri-i,ttìi itì tÌtr.ti,, ii iii ltiii,t.iti.i,ti i0n,'
Rilevato che, ad oggi. il P.N.A. non è stato zu"rcora applovato (esscndo state solo ellìanatc
colne sopra rristo le linee cli indirizzo del Comitato Interministeriale al Dipartinretrto clella
litttt.tirtltr' I'Lrl l.lit':r) ,-'. ,,!trttllt'. lrcl
r-.ìr-È\ Èrì 7ir
i.-
".'-'
lrì"', l.l lr,
',
l .ltrìir lù lrrt.;.' l-ui.l;i iì-i' ir'.lis.i'. ìl 1ii.iir,, l,itnrr.,l.
..ii
r'r ìr'r'r r /rr ìrr,J-
Visto altresì il comnra 60 delf articolo I clella legge n. 190/2012. r'ivolto specifìcatan-rente agli
enti ltlcali, a mettte tlcl c; Luric '-l:.ttlttt LL'nl()t)(.tlli ,qiorni tlttlltt tlLtltt tli cnlrulu in t'igot'c dt:lltt
prcscnla /c.qgc, ttllrtn'ct'.s'o inlt,:c in.sctlc di ('onfr:t'tu:tt ttttifictt/u tl i tLri trll'ttrlic'ol,t,\. t't)nu)ttt
l, clel clat:ralo lcgislulit,rt 2,\ trgo,slo 1997, n. 2,\ l, .si clcfìni.rc'rtno gli utlentpimenli, L'on
l'inclicctzione cíci rclulit,i larn'tini, tlalla rc,qioni a clalla 1tt'ot,ittt'c (ttrlon()ntc tli 'l"r'tnlo t' cli
Bolzuno e clegli cnli loculi, nonc'hé tlcgli cnli puhltlir,i a tiai .\'oggetli tli clirillo prirtrlo
prasenle leggc. con purlicolut't' rictr(trtltt. tt) ulltr r.lefìni:irtna, tlu ptrt'tt: tli t'itt,st'utttt
ummini,s'Ít'ctzione, clel piuno lficnnula cli ;tt'evcttzittnc tlalltr (()n'u:i(nrL', (t l)Lu'Íira clu qttello
ralativo úgli onni 201 3-2015, a ullu ,\'ttu lt'ct,smi,r'.siont, ulltt rcgiona inlet'e,\',\'Ltlo c ul
Dipartimenlo dellu fùt'tzion( ptrbltlit'u [ ]":
D:tto:rtto che, acl clggi. ntin lisLrltltrro
trrssere
intelcolse le iritese cii cLri all'appenir citato
comma 60;
Ritenuto comuncÌLre opyrortur-ro, al f-rne c1ì cl:rre una pienir e sollecita rttLrazione al complesso
delle clisposizior.ri recate dalla legge n. 1q012012 cit. ecl irr cc'rr.rsiclerazione ciel lilevartte
apparato sarnz.ionatorio che cr)nllurqLle licacle in cirpo al lìesponsabile clell:r prer,'enz.ittrrc (r,;.. iir
particolare, art. l. conturi l2 e ss. clella rncclesinra lcgsc rr. 1cX)). anchc sr"rlla scorta clellc
inclicazior-ri lòrnite c'lall'ANCI nella nota ,ttrpL'(t cit.. avviale il lavolo per la clefrnizione c1elle
prime misule in urateria di prevenziorìe alla comuzionc:
Ritenuto clunciue cloveroso. in ossecluio al clisposto cli c:ui all'articolo l. c:ou-tnra 8 clella legge
n. 190/2012. seppLrr iu assenztr clclle linc'e giridl e clcllc ìntesc'rli cLri al citato coutnta (r0.
proporre l'aclozione c-lelle prime misure in nratelia di prevenz,ioue clelliÌ corrLlzione (e. clLrncpLe.
l'approvazione di un "Piano provvisorio di prevenzione clella corluzione", che l'iene arlle$ato
allii presente proposta pe'r' ctrstittrilne parte fìrrmale e sost:rnziirle) .
Ritenuta la conrpeterrza clella
CiiLrnta ai sensi
ciell'articolo 48 clel D.lgs. n.26712000,
f):rto atto che con la sottoscriziorre della plesente proposta cli deliberazione la scrivente
esprime parere fàvorevoìc cli lcgolalità tecnic:a ai sensi clell'articolo 49. conrura 2 clel D.lgs. n.
2611200().
TuIIo
c1 t t
u
nt ( ),\' o pr (t pr
c
ttl 0,\.\ ( ) a
c o n.s i tl a r u I t
t
proponc
Per la preulessa clte costituisce parte
lbrrlalc
e sostitnz,iitle clclla llrescntc proltostzt
2)
Di dzrre:itto sin ci'orii chc clettt,r Piano c. cry.u'c.r.r'i.l yat'bi.s. clLralifìc:ato conlc "provvisorie" e.
dunque, è sr-rscettibile.'li rnodilichc e/o iutegrerz.iorri e. ove ()ccolla. cli intela riscliltura. p6p
appena veffallllo fbrnite le lincc gr-rida ncl P.N.,A. c/o fìr-io all'aclozione clellc ".s:1tt:c.ifìt:hc
inle^:'e in secle r.li t:onlerc.rtzu unifit'ttlu" previsle clal conrrla 60 clell'articolo I clella legge n.
I
3)
90/10
I
lt
Di trasmettere copi:r deI Piano:
- ai Responsabili. incaricati di p.o.;
- al lìevisole unico c'lei conti:
4)
Dì purbblicare copi:t dell'allegato Piiuro sul sito istitr-rzionale clcll'b.ute. ai fLni clcÌla m:rssima
tlersparenza e accessi bil ità:
5)
Di clichiarare la delibera cli approvazit-rne clelt:r presentc proposta irrnrecliertzrnrente esegLribile
cx arlicolo 134, cotrtura 4 del D.lgs. n.267l2000.stante l"ulser-iza cli ;rrovvedele.
Dalla residenza municipale. lì 8 aplile 2013
II
'
:
.
Ry.r1ttmsttbi I a dcI I a 1trcvcn:irtne dc
'.-',
I
Iu c'ttt't'Lr:ittt1c'
ll ,\cg'attrritt ('rtmtrnult
Drttl.l.tn illcssia lllart
.'$Qes-* r3'"*^
:iliji
, ' IJ{ .:
' t/- ,.'
:''1\i';+'v
'''.lir I
COMUNE Dl MONTEFALCONE DI VAL FORTORE
PROVINCIA Dl BENEVENTO
Tel
0824969003
Ifq]][email protected]|tll1lC&j-co_$_qdivellortg-|9,cqrîpí1!l]4,i!
Fax 0824969426
PIA]VO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELI,A CORRLIZTONE
(Articoto
l,
cotttttti
I
e 9 detlo tegge 6 noventhre 2012,
n. 190)
INDI(]O
I
2
J
4
5
6
Individuaz.ione delle uttivifà
ct
più elevutrt rischio di corruT.ione
Meccnnisnri rli.fornurz.iotte, otÍuuzione e conlrolltt ilelle rlecisioni irlonei u
prevenire il rischio rli corruz,ione
Obbliglti cli trasparenza ulteriori 'rispetto u tluelli previsÍi du disposiz.ion i
t!i-!'sse
Obhtigtri
rli it4lbrrtttrz.iorta rtai t'tttlfrottfi tlcl rasltttrtstthila cltinnmto u
vigilure sul .funziottuntento e .sull'osservunz.e del piono.
Monitoraggío del rispefÍo dei Íarmini, previsÍi rlallu legge
o
doi
regoIamenti, pe7 Io concIusione dei procerlimenti
Monitornggio rlei ropporti trt l'umnùnisfruz.irtne e isoggetti che con lu
slas.so.sfiltulono conlrrtÍli o clta.sorto intcressuti o procetlintenfi di
uuÍori14.a1ione, cottcessione o eroguz.ione rli vnntrtggi economicí di
clutrlunque genere, onclte veriJîcnndo evenfuuli reloz.iotri rli parenlelu o
affinitri sussistetrti trn í litolori, gli nmm.inisîratori, i soci e i dipendenti
degli stessi soggettí e i dirigenti e i dipendcnti dell'amministror.ione.
l. Inrlivitluttrione rlelle nttit'ilù
u più elewrlo rischio r!ì cttrrttiit'rt,.,
[{elativamente a tLrtti isettori ot'uiìnizzalivi clell'l:nte st'rrro lilcnute attivit:ì a più alto rischio
di corruzione tutte qLrelle che af fer:iscono ai procec'linrenti di:
:r) autorizzazior-ri. concessiclni. trrerntessi. lic,enze e tutti
gli altri atti a contenuto autolizzatrlrio:
b) concessione ed erogzrzione di sovvenzioni, conttibLrti,
attribr,rzione di vantaggi ecorromici
c1i qr-ralr-rnqr-le
sussicli. aLrsili f-rnanziali. nonché
genere a persone
ec1
enti pLrbhlici c privati:
c) scelta del contraente per I'alfidilnrento cii lavoli. servizi. fbrniture anche con lil'elimento
alla modalità di selezione prescelta zri sensi c1e[ D.lgs. n. 163/2006. ccl. Ciociice clei contr:atti
pubbìici = locazioni zrttive e passive. concessione cli beni e servizi.
d) concorsi e prove selettive per l'erssnnziorre di persclnaile. plogressioni cli carrierar. scelta di
collaboratori e/o cor-isurlenti :
Altre nttivit:ì a rischio di corruzione per singoli servizi,
r,Lvr,rto
rigr-rardo alla concreta
organrzzazione e attività del Con-rlrne, sono così cli segLrito irrcliviclr-rate:
Fr-nzioni all'erenti all'Ulf-icio tecnico e tecnico-rlanirtcrrtivo: scelta c]el contlzrente per
1'affidaner-rto di lavori. servizi. fbrnitr-rre. con particolare attenzione alle plocccllLre "in
economia", approvazic'rne di vari:rnti ir-r colso c['opera; contabilità frrralitattivjt:ì cìi rilascio dei
titoli abilitativi all'edificazione (pemressi. DlA, SCItA); verifìche ecl ispezioni di cantiere,
urbar-ristica negoziata (piani attuativi e piar-ri integrati di intelvento): pianifìcazione urrbanìstic:r
generale ed attuativa, altìdamento di incarichi e/o consulenze.
Fr:nzioni allèrenti all'Ul-ficio Ecor-ronrico-Finanziario: scelta clel contraente per I'af tic{amento
di servizi e fblnitr";re; concessione ecl elclgazione di sovvenzior-ri. coutribr-rti- sr"rssicli. aursili
fìnanziari, nonche attribr-rzior-re di rrzurtaggi econon-rici cii qLralr-rnque genere a persorle ed enti
pubblici e privati; aff-rclamer"rto di incarichi e/o consulcnze;
Funzioni afferenti all'Uffìcio Aurnlinistrativo: scelta dcl corrtr-aeììte peì' l'affrclantento cli
servizi e forniture; concessione ed elogazione di sovverrzioni. contribtrti. strssidi. aLrsili
finanziari, tronche attlibuzione di vantaggi econourici cli qirallulque gelìere a persolle ecl enti
pLrbblici e privati; affìdan-rer-rto di incariclii e/o consulenze;
Fr,rnzioni di polizia locale:
Polizia mr-nicipale - compiti cli vigilanza e verifìca di pubblica sicirrezza.
Polizia commelciale c- arnministlativa : verif-rci-re ed ispeziorri presso gli esercenti.
2. Mecccrnismi rli forntuz.iotte, ulluuz.ione e conlrollo tlelle rlacisittrti itltttrai n ltret,enire
rist'h io
li c'orrttziott
a
il
i
pt'ovve'."!ir-nenti cL.rìclLlsivi cler'{llro ripoltrilu in itrii'litivii la clcscliziiinc .'lcl
lì!'occrlitttrrlrlr sr.,rll1r. r'ic!rilr:tltrr,.ltr ltrll! gli litli i'l','..li'lti- liri.'llii iiilel'tii. lii tlil iììrrtlt,.liiriii.lii.'
r,'ia abbia iuteresse put) r'icostlLrire l'iutcro ploccclinrcnt() r,uììrììilìis1r'ativo. anche avvalcnclosi
Formir:zion€:
clell'istitrrto tlcl rlilitttr cli uccesst'.
I provveclimerrti conclusjivi clcvontl senìprc t: ssclt nrotivlrti corì precisiorrc. c[rialez-z-ir e
completezza. La motirrazionc deve indicalc ì prp^sr"rpposti cli Lrtto c le ragior-ii giuriclichc che
hanno determinato la clecisione clell'amlnirristrazione. in relazione alle risultanze
clell'istruttoria. Lo stile deve csscrc it piu possibilc senrplice e clirctto. E prefòribilc nor-r
utilizzare acronimi. abbreviazioni e sigle (se rron clLrelle c1i uso piir comune). E opportLrno
esprimere la motivazione con fiasi brevi intervallarte c1a pLrnteggiatr-rla. Cio per conselìtile er
chiunclr:e. anche a coloro che siano estranei alla pLrbblica amministrazione ed ai coclici di
cluestar, di comprenclere appieno [a portata c'li tLrtti i plovveclinrcnti.
Attuazione: si ribadisce. anche pcr i prof rli di lcsponsabilita cliscipliniile. che iI criterio cii
trattazione dei procedimenti a istanza di parte e cluello clonologictl, fatte salve le eccezioni
starbilite da leggi e regolamenti.
Controllo: ai frni ciella ni:rssinra trirsparenza clell'az-ione nnrrrinislrirtiva e clell'accessibilita
totale agli atti clell'artrnrinistr"az-iorre. per le atti\itiì a piùr elcvato lischio, iprovvectin-renti
conclusivi il procedir-nento amministrativo clevor-ro essere erssunti di non-ì'ìa in f-onr-ra cli
determin:rzione amministrativir o. nei casi plevisti cliill'orclinamento, tli deliberazione od
ordin:rnza.
Dcterminazioni, ordinanze c delibernzioni: conre cli corrsueto. clebbono esscrc pubblicatc
all'Albo pretorio on lína clell'llnte, qLrincli raccoltt: nelle specifìche sezioni del sitii web
dell'Ente, ove aliestite. La pLrbblicerzionc cieve essele et-lèttLr:rta nel rispetto clelle clisposizìorri
di legge e di regolamento vigenti in rrateria. llor.ìché rrel rispetto clelle Iinee guiclii clel Garante
della privacy quanto alla ttrtela clei dati pelsor-rali. Deve inoltre clerr-si attuazione a cluanto
disposto dall'articcilo l8 ciel d.l. n. 531201?. coni,ertito in legge n. 13412012 sLrlla'ccl.
" A mtn.i n
i.s Lr" tr z
ion e u pe
r
I
d'
.
Qualora il provvedimento ccrnclr.rsivo sia un:rtto irmntinistr:rtivo diverso, si cleve pt'ovveclet'e
colÌlunque alla pubblicaziolìe sr-rl sito web dell'ente, adott:u"rdo le cventuali caLttele necessarie
per la tutela dei dati pelsonali e gartrntire ilc.cl. cliri.llo ull'oblio.
Pel econonria cli procedimento, gli aspetti potenzi:rlmente collegati :rl rischio corruzione
verranno controllati nelle periocliche verilìche sull'attivit:ì amministr:rtiv:r previste cl:rl
Regolamento per i controlli interni.
3. Obblighi tli trusporenzct ulteriori rispeffo rt rruelli previsli tlrt lisut,tsiz.iunirli legge
Corle già precisato nel prcceclentc paragralo 2. qualora
il
provvedintetrto cortclttsivo clel
proceclimento siir un atto anrnrinistlativtt cliverso clallrt clelibelazione. clalla deternrinazione cr
dallaolclinirnz-a, si clcve ltrovveclerc c()nrunclr.rc alla pubblicaz-iot.tc strl srto rvcb clcll'f.nte.
I lr ;.11lrlrliel.r.i<'rrc t!e! prrrr i edirrr,:rrtl llnlrlc- e tl i t,,lli lrlti.r: lllttrîll:t t'rrtttnt'ettsintt*
......'-.,,1
lriie lic i;llui.iii;. ,1i.. :;ili ritili
rl.'l rrrn,'.-,'lirrr,.!r!!ì r' rr,1,r l>,1,' ;l ,li'.ì,r,' ,,11,, ,.;..,,,.r,,r ,., ,., .1.,,,ti i,,r .......,..,:
dei contl'ointeressiìti. deve essele pubblicato sul sito vt,rb dell'enlc nelle sezi'rri
colnpeterìza
dell'ufficio chc
l. Obblighi ({i
ha ltrodotto
cli
iI procccliurcnto.
conft'onti da! Ilesponsubilc chinnnto
rt ,-icilure
sul
funzionunrcnto e suIl'osscrvrrnz.u ileI Diutro
Le disposizioni di cui al presente Pizrno debbono raccorclarsi cor-ì clLìelle ct-rntenute
nel
Regolatttento comLtnale sr,rl sistenla dei controlli ìnterni. A terl fìne ci:rscun Respons:rbile
deve mettereÎlisposizione clel Respons:rbile dell:r prevenzione clell:r corruzione tutte le
inf-ormazioni da quresto r:ichieste anche nello svolgimento clelle attivitiì volte a verif-rcare
I'efficace attuazione del piano.
5. Moni
io
tÍo dei termini
co nc I us ione de i p rocedi me n ti
del
revisti rlullu I
odoit
ltmenf
i
rlu
Il
monitoraggio del rispetto dei termini di conclusione dei proceclimenti e, dunqtre, la
verifica clel rispetto clei termini di conclusione clei proceclinrerrti sarà oggetto cii ver-ifìca anche
in sede di esercizio clei controlli lrleventivi e sr:ccessivi di regol:ilita arnrmiuistrativa" nonche
in sede cii controllo cii gestione. previsti cial Regolarrento comLu'ìAle sul sistema ciei contrglli
iutcrn i.
6. Monítoraggio dei rapporti tru l'amministrnzione e i soggefti che con ln stesso stipulano
controtti o clt.e sono inÍeressnfi a procerlimentí di utrloriz.z.uzione, concessione o crogtz.iortc
di vQntoggi econonùci rli quulunque genere, unche veril'icunrlo eventuuli reluzjoni rli
Parentelo o affínifit srtssisÍenti tru ititolari, gli umntinistrutori,
stessi soggetti e i dirigenti e i dipendenti dell'amnùnistrazione
isoci e i dipendenti degli
Le verifiche saranuo svolte in sede cl'esercizio clei coutrolli preventivi e
sr-rccessivi cli
regolarità atlttrinistrativa plevisti clal lìegolaurento conrunalc sul sisterla clei coutrolli intemi.
ln qr-rella sede, a campione. si veritìcherà la sr-rssistenza cli evcntuali vincoli cli parentela o
affìnità. in base ai dati aneglzrfici clisponibili.
Si richian-ra il dovere cli segn:rl:rzione erl astensione in caso cli conflitto di interessi cli cLri al
nuovo art. 6-ór"s rlella legge 241190 (ai ser-rsi del qLrale "ll re.s:7tott,s'crbilc tlcl proceclìntenb c i
lilolqri clegli tt//ìci crlttTtclenli ucl utlttltttrt'i1ttu't,t'i, le tttrlutuzioni lacniche, gli
e il
rtlli
provt,atlintenlo.finttlc clet,ono ct.s'lencr.s'i in r:u,s'o tli conflitto cli
inleres,s'i. segnuluncÌo ogrii .:'ittrrt:ionc tli conf/itto, unc,hc polenzittle"). e la tempestiva richiesta
di intervento c'lel soggetto che, in base ai regolanrenti clell'Ente, cleve sostituire il soggetto
encloprctcerlimentnli
potenzial urente i nteressato.
Approvato e sottoscritto
ll Segreta*o Comunale
Dr.ssa Alessia Mari
ll sottoscritto Responsabile, visti gli atti di Ufficio
ATTESTA
Che la presente deliberazione
l
ll sottoscritto Messo Comunale attesta che
copia della presente deliberazione è stata
pubblicata dal )6- Oís- Wl3
at
0"{- 0 5- 2nl3
ll Messo Comunale
comunícata con lettera n" &O116 in data
XF'tt{?
$-Al.t-htlai
' (art.125.D. Lgs. N" 26712000)
* che la
presente
deliberazione è divenuta
esecutiva il giorno:
capigruppo consiliari
(art.134,
I
decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (art.134, comma 3,
L.vo no 26712000)
D.
Fly UP