...

Vengo anch`io? Si può… per una città senza barriere

by user

on
Category: Documents
13

views

Report

Comments

Transcript

Vengo anch`io? Si può… per una città senza barriere
20
DI FEDERICO CARLE
FOSSANO. Un tavolo rettangolare ma rotondo, una tovaglia
verde di fiducia e di speranza.
“È piacevole quando non ci si
mette da parti opposte, ma tutti
dalla stessa. Quando oltre alla
lamentela c’è la proposta. Questo
è il vero senso di una comunità”.
Sono le parole del sindaco Sordella a conclusione della “tre
giorni” voluta dalle famiglie
dell’associazione “Camminare
insieme” per parlare di disabilità, integrazione e inclusione
nella nostra città.
“Vengo anch’io”, il nome dell’iniziativa, che ha visto il suo
momento clou nel convegno di
domenica in cascina Sacerdote.
Una tavola rotonda, moderata
dalla giornalista Fiorenza Barbero, per affrontare i problemi,
per risolverli, come già il titolo
voleva suggerire, aggiungendo
al “Vengo anch’io”, l’interrogativo “Ma si può?”. Una maratona di eventi, anche, per affrontare le necessità economiche di assistenza ai ragazzi disabili fuori dall’orario scolastico.
Come il problema, venuto fuori
l’anno scorso, dei costi dell’Estate ragazzi. Esigenze che potranno essere affrontate grazie
alla raccolta fondi venuta dall’iniziativa. Grazie allo spettacolo “Per monti e per valli”
dell’associazione “Masca teatrale”, scritto e diretto da Antonio Martorello andato in scena venerdì. Grazie all’esposizione, sabato, dei lavori degli
studenti della scuola media
“Sacco Boetto Paglieri” presentati nella palestra di via
Picco uniti all’animazione di
“Radio number one”.
Il sabato ha visto anche l’appuntamento speciale dei “Pomeriggi favolosi” in Biblioteca:
Elisa Dani ha animato e letto
“Diversamente favolosi” ovvero
un immaginario viaggio fra
“strani” animali a quattro zampe, con le ali. Stigma, diversità
e tentativo di superarla anche
nello spettacolo teatrale dal
titolo “La strana coppia”, messo
in scena nella serata, dall’associazione “Piccolo teatro” di
Bra. Anche una piccola grande
festa per dire che qualcosa è
stato fatto, che l’aquilone della
locandina sta prendendo il volo
per davvero.
Presso il centro diurno Santa
Chiara, infine, il “Pranzo in giallo” domenicale con delitto, che
non solo ha fatto scoprire l’assassino, ma anche che Fossano
sa rispondere agli appelli. Che
può essere la città degli arcobaleni che nascono nei prati.
Domenica mattina
“Vorrei sottolineare che non
è così scontato che di domenica
mattina insegnanti, educatori,
dirigenti, Istituzioni, famiglie
e cittadinanza si ritrovino a
parlare di queste cose. Segno
che il problema sta veramente
a cuore. Che per loro è molto
più che un lavoro”, ha sottolineato Igor Calcagno dell’Oba.
Sono intervenuti gli insegnanti
di sostegno Francesca Agnese
(scuola primaria 1° Circolo) e
Marco Pirra (scuola d’infanzia
2° Circolo) per raccontare la
“sfida che la diversità pone.
Una ricchezza per tutta la classe, una comunità di apprendimento senza barriere che si realizza col gioco. Un modo per
esplorare il mondo e le relazioni,
per sperimentare ruoli e per
agire la creatività di ciascuno”.
Maria Paola Longo (dirigente
della scuola media “Sacco Boetto
Paglieri”) ha declinato la diversità in quattro parole: spazi,
FOSSANO
25 marzo 2015
Via libera di Sordella: Sì, nel 2015 un parco giochi «inclusivo» È il nuovo presidente delle Associazioni familiari piemontesi
Vengo anch’io? Si può… per Fabio Gallo alla guida
del Forum delle famiglie
una città senza barriere
tempi, linguaggi e attenzione
che sono anche i limiti degli
operatori che sono chiamati
quotidianamente ad insegnare
e allo stesso tempo imparare
a superare. Maria Teresa Gaveglio, educatrice della Neuropsichiatria Asl Cn1, ha raccontato il delicato lavoro che il
suo servizio è chiamato a svolgere sui giovani fino alla maggiore età. Punto di svolta, dopo
il quale sembra esserci un vuoto.
Inclusione
e integrazione
Per questo è nata l’associazione “Camminare insieme”,
come ha detto il presidente Andrea Cravero: “Siamo un’associazione di promozione sociale. Ci avvaliamo di figure
professionali che paghiamo di
tasca nostra, in grado di garantire continuità di assistenza
ai ragazzi”. L’associazione,
forte dell’esperienza con gli
adulti, pone il suo focus sui
bambini, sui giovani, grazie
alle famiglie con figli disabili
che stanno entrando attivamente a farvi parte. Come Silvia Fenoglio che ha auspicato
ad una città che sappia “includere” i disabili, non solo “integrarli”. Inclusione significa abbattere tutte le barriere, rendere chi è diverso uguale a tutti
gli altri, con le stesse possibilità.
Sì ad un parco giochi
inclusivo
Proposte, non solo lamentele.
È stato sollevato da un genitore,
Amedeo Raschieri, il problema
dei parchi giochi di Fossano
non adatti ai ragazzi disabili.
Un rovello che lui stesso ha
cercato di risolvere sul modello
dei parchi giochi “inclusivi” di
Savona. In cui i bambini “normali” giocano insieme, fianco
a fianco, a quelli disabili. Una
proposta che ha colpito Sordella,
che ha applaudito all’idea:
“Stravolgo il piano di quest’anno. Nel Consiglio comunale del
31 marzo voglio mettere questa
cosa. Ci sono priorità e questa
lo è, un messaggio per la città”.
Daniela Calandri (dirigente
del 1° Circolo) commenta: “Sa-
Il convegno di domenica mattina in Cascina Sacerdote
Grazie!
L’associazione “Camminare insieme” intende ringraziare
tutti coloro i quali, con la loro disponibilità e collaborazione,
hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione
“Vengo anch’io”.
Gli ottimi risultati raggiunti li dobbiamo soprattutto a
chi fin dall’inizio ci ha accompagnato in questo progetto.
Ringraziamo perciò il Comune che ha patrocinato l’iniziativa,
le scuole del primo e secondo Circolo didattico, con le dirigenti
e le insegnanti che hanno lavorato per il progetto sulla
diversità presentato sabato mattina e animato da radio
Number one, la biblioteca civica e la lettrice d’eccezione Elisa
Dani per il pomeriggio “Diversamente favoloso”.
Un ringraziamento particolare a chi ha dato disponibilità
degli spazi per i nostri spettacoli: don Marco e la parrocchia
dello Spirito Santo per gli spettacoli teatrali e il Centro
diurno Santa Chiara per il pranzo in giallo.
Il Piccolo Teatro di Bra e Masca Teatrale per gli spettacoli,
la Pro loco della frazione Loreto che ha preparato il pranzo
e l’associazione “Segnal’etica” per la stampa dei volantini.
Vorremmo ringraziare inoltre chi ha partecipato al dibattito
e da anni lavora per l’abbattimento delle barriere architettoniche
sociali e comunicative presenti sul territorio ovvero: la neuropsichiatria infantile di Fossano, l’Oba (Osservatorio barriere
architettoniche), le scuole e in particolare le insegnanti di
sostegno.
Infine il ringraziamento più importante va a tutti coloro
i quali hanno partecipato agli eventi proposti con affetto e
generosità.
A tutti diciamo grazie di cuore e arrivederci al prossimo
progetto!
L’associazione Camminare insieme
rebbe un messaggio non verbale forte per la comunità, per
dire che i bambini disabili e
le loro difficoltà non sono solo
delle famiglie, della scuola,
dell’Asl ma sono della cittadinanza”. Simbolo di una città
davvero senza barriere. Architettoniche, comunicative
ma anche sociali.
Benefici per non autosufficienti
famigliari di dipendenti pubblici
Adozione: la priorità va
alla famiglia affidataria
■ SAVIGLIANO. C’è tempo fino a martedì 31 marzo per
presentare domanda per il progetto “Home care premium”,
rivolto a persone non autosufficienti che siano dipendenti
o pensionati pubblici o loro parenti di primo grado, che
consente di ottenere benefici economici a rimborso di spese
sostenute per badanti, per rette in casa di riposo (per ospiti
non autosufficienti), oltre a prestazioni domiciliari gratuite
da parte di oss, educatori e assistenti familiari (per l’elenco
di tutte le prestazioni attivabili e le modalità per fare
domanda, consultate il nostro sito www.monviso.it alla voce
Home Care Premium).
Sul territorio consortile sarà possibile attivare fino a 120
nuovi progetti in favore dei cittadini. I benefici sono concessi
dall’Inps.
■ ROMA. Il Senato ha approvato il disegno di legge sull’adozione
dei minori da parte delle famiglie affidatarie. Si prevede che, qualora,
a seguito di un prolungato periodo di affidamento, il minore sia dichiarato adottabile e la famiglia affidataria, in possesso dei requisiti
di legge, ne chieda l’adozione, il Tribunale dei minori tenga conto
del legame affettivo consolidatosi tra loro. Nel caso in cui il minore
faccia ritorno nella famiglia di origine, o sia dichiarato adottabile
o sia adottato da altra famiglia, è comunque tutelata la continuità
delle positive relazioni socio-affettive con la famiglia affidataria.
“Non si tratta di una scorciatoia per evitare le regole per l’adozione
- commenta la senatrice Pd Patrizia Manassero, favorevole al provvedimento - ma la presa d’atto che, in certi casi, il minore non può
tornare alla propria famiglia naturale e, quantomeno, può avere
una continuità affettiva con la famiglia affidataria”.
FOSSANO. Il fossanese Fabio
Gallo dell’associazione Papa
Giovanni XXIII è il nuovo presidente del Forum delle Associazioni familiari del Piemonte.
L’elezione è avvenuta sabato a
Torino nel corso dell’assemblea
annuale ordinaria, nella quale
il presidente uscente, Paolo
Frand Pol, aveva rassegnato le
dimissioni per ragioni di salute
tramite una lettera. Vicepresidente è stato eletto Valter Boero
(Movimento per la vita), tesoriere
Franco Rosada (associazione
Formazione e famiglia), consiglieri Adriano Frascaroli (Movimento famiglie nuove) e Francesco Loffredo, già presidente
del Forum delle Associazioni
familiari della Provincia di Cuneo di cui aveva fatto già parte
come vice-presidente lo stesso
Fabio Gallo.
“Vogliamo dare il nostro contributo per favorire una cultura
dell’impegno - ha detto Fabio
Gallo presentando il suo programma - rafforzando i legami
e le responsabilità verso i più
deboli, soprattutto i bambini e
gli anziani che nella famiglia
trovano sempre un riparo sicuro
su cui fare affidamento. Lavoreremo per arginare la cultura
del disimpegno che si sta insinuando nelle nostre comunità
locali anche con scelte politicoamministrative che spingono
sempre di più le persone verso
una deresponsabilizzazione
nelle relazioni interpersonali,
contribuendo non poco a favorire
la fragilità della famiglia a cui
stiamo assistendo in questo tempo. Non vogliamo arrenderci ad
una società che fonda le sue basi
fragili sulla sabbia, in cui tutto
è precario: la casa, il lavoro e il
matrimonio e di conseguenza
la famiglia stessa”.
“Il nostro lavoro - continua cercherà di portare all’attenzione
della classe politica locale le numerose proposte e attività che
il Forum ha elaborato per aiutare
la famiglia a rafforzarsi, sia in
senso valoriale, alimentando
una cultura della responsabilità,
sia facendo da stimolo con proposte concrete in materia di fiscalità favorevole per chi ha dei
carichi familiari, sia in termini
di sostegno alla natalità e alle
fasce più deboli e ai giovani che
vogliono mettere su casa ed investire in un progetto familiare,
così come fissato nella nostra
Costituzione. La famiglia deve
essere messa in condizione di
essere generatore di bene comune
e sostenuta con adeguati mezzi
e strumenti”.
“Infine, vogliamo rafforzare
i nostri sforzi su un tema, che a
nostro avviso in questi anni forse
è stato lasciato un po’ a se stesso
nella nostra società - conclude
-, vale a dire la promozione ed
il sostegno alla genitorialità,
dove l’assenza di figure materne
e paterne chiare, riconoscibili e
presenti nella vita dei nostri
figli ha creato quel disagio sociale
da cui nascono molti dei problemi e fragilità delle nuove generazioni. C’è bisogno di un contesto che metta in esplicito collegamento i diritti degli individui
con i doveri dei padri e delle madri e dell’essere cittadini, dove
si generano buone relazioni tra
le generazioni che sono la base
essenziale su cui costruire una
società forte”.
IN BREVE • IN BREVE
Giornata di studio a Cuneo
sui disturbi comportamentali
■ CUNEO. Giornata di studio giovedì 26 marzo a Cuneo sui
“Disturbi comportamentali nell’adulto e nell’anziano”. Se ne
parlerà al Seminario vescovile di via Amedeo Rossi 28. L’incontro
è promosso dall’Associazione di categoria per operatori socio
sanitari oss Acli Piemonte in collaborazione con il neo Circolo
Acli “Sguardi d’insieme” di Cuneo e in collaborazione con le Acli
provinciali. La giornata inizierà con la registrazione dei partecipanti
alle 9,30. Le iscrizioni si ricevono contattando telefonicamente
il direttivo dell’Associazione ai numeri: 331.4000774 - 366.3262439
- 338.5224855. Le quote di partecipazione sono di 10 euro per gli
associati e di 15 euro per i non associati.
Maria Elena Boschi a Cuneo
■ CUNEO. Venerdì 27 marzo, il ministro delle Riforme Maria
Elena Boschi sarà a Cuneo per l’iniziativa “Il coraggio di oggi. Il
Paese di domani” organizzata dall’associazione Rifare l’Italia.
Alle 21 in sala San Giovanni, il ministro sarà intervistato dai
direttori de La Stampa di Cuneo e La Guida, Gianni Martini e
Ezio Bernardi. Introdurrà la deputata Pd Chiara Gribaudo.
L’Asl si racconta attraverso
la Conferenza dei servizi
■ CUNEO. Mercoledì 25 marzo, alle 14, nei locali dell’Università
ex Mater Amabilis (via Ferraris di Celle), si tiene la Conferenza
dei servizi dell’Asl Cn1. Verranno presentati il Piano di
trasparenza e il bilancio sociale dell’Azienda. Verso le 15 interverranno gli amministratori locali sui risultati dell’Asl;
successivamente è in programma una tavola rotonda sul tema
delle possibili sinergie nel campo dei servizi sanitari. Intervengono
Giuseppe Tardivo, del corso di laurea in Economia e direzione
delle Imprese, Delia Revelli, presidente di Coldiretti, Ambrogio
Invernizzi, amministratore delegato Inalpi, Federico Borgna,
presidente Provincia di Cuneo, Gianni Bonelli, direttore Asl.
Un corso su Celiachia
e cucina senza glutine
■ SAVIGLIANO. Il Servizio igiene degli alimenti e della
nutrizione (Sian) dell’Asl Cn1, aderendo al progetto della
Regione Piemonte “Cucina senza glutine”, ha promosso un
corso che si terrà a Savigliano (piazza Schiaparelli 13) composto
da una parte teorica (11 maggio) e pratica (18 maggio) rivolto
ai ristoratori e agli albergatori. Gli albergatori o ristoratori
interessati al corso sono pregati di rivolgersi alla dietista
Deborah Taddio del Sian alla mail: [email protected]
L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con la Confcommercio di Savigliano e “Savigliano Formazione”.
Fly UP