...

Come realizzare una mind map

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Come realizzare una mind map
Ambi e nt e di appr e ndi m en t o « C api r e i tr ap i an ti »
Documenti didattici
1/3
Come realizzare una mind map
Nome:
Aspetti psicologici della donazione da vivente
Il presente documento didattico può rivelarsi utile soprattutto per chi
non ha ancora familiarità con il metodo del mind mapping.
Questa breve introduzione vi spiega come si disegna una mind map –
o mappa mentale – per l’esercizio «Aspetti psicologici della donazione
da vivente».
Se disponete di un software per la produzione di mind map, potete anche
realizzare la vostra mappa con il computer.
Premessa
La vostra mind map non deve soddisfare pretese artistiche né essere
disegnata in modo particolarmente accurato. Se le vostre aspettative
saranno esagerate, finirete col complicarvi inutilmente il lavoro. Non
dimenticate che la vostra mind map non serve a nessun altro se non a voi. È
uno strumento personale che deve aiutare chi la realizza a ordinare le idee.
Come realizzare una mind map in quattro fasi
1ª fase: annotare il tema centrale
Cominciate sempre con lo scrivere il tema fondamentale al centro di un
foglio bianco.
2ª fase: raccogliere le parole chiave
Raccogliete quante più parole vi vengono in mente sull’argomento e
iniziate a costruire la vostra mappa.
3ª fase: suddividere le parole chiave in concetti principali
Per ordinare le idee, individuate i concetti principali e collocate le parole
chiave sotto il concetto principale corrispondente.
4ª fase: rifinire la mind map
Per concludere, perfezionate la vostra mind map in modo tale da poterla
capire anche a distanza di tempo.
Con il passare del tempo svilupperete un vostro stile.
Per prima cosa, prendete un foglio bianco formato A4 o A3 e mettetelo
davanti a voi orizzontalmente (!).
1 ª fase:
Scrivete al centro del foglio il tema fondamentale
Per cominciare, scrivete esattamente al centro del foglio il tema
fondamentale. Usate caratteri abbastanza grandi e disegnategli attorno un
cerchio o un fumetto in modo tale che si capisca subito qual è il tema
centrale.
Disegnate delle linee – i cosiddetti rami principali – che convergono
verso il tema centrale
Ora disegnate delle linee che si dipartono dal cerchio o dal fumetto posto al
centro del foglio. Queste linee si chiamano rami principali.
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération Suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Dipartimento federale dell’interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
APPUNTI
www.bag.admin.ch/transplantation
Ambi e nt e di appr e ndi m en t o « C api r e i tr ap i an ti »
Documenti didattici
2/3
Come si realizza una mind map
Nome:
Aspetti psicologici della donazione da vivente
2 ª fase:
Pensate alle parole chiave e scrivetele sul foglio
Sulle linee che avete appena tracciato, scrivete le parole chiave che vi
vengono in mente in merito al tema centrale. Quando non ci saranno più
linee su cui scrivere, disegnatene delle altre. Potete anche tracciare delle
linee secondarie che si dipartono da quelle principali qualora i concetti
principali vi suggeriscano a loro volta dei concetti secondari.
Non frasi intere ma parole chiave
Nel realizzare una mind map dovete limitarvi a scrivere delle parole chiave e
non frasi intere e nemmeno frammenti di frasi. Le parole chiave possono
essere sostantivi, aggettivi e verbi. In questo modo, risparmierete tempo e le
vostre idee si concentreranno sull’essenziale.
RIPETERE
PARLARE
DOCUMENTARE
MIND MAP
SEGRETARIA
DITTAFONO
NUMERAZIONE
STUDIARE
NUMERO DI PAROLE
CHIAREZZA
APPUNTI
VERBALE
COLLOQUI
UNIVERSITÀ
ANNOTARE
PENNA
COMPUTER
CARTA
BLOCCO APPUNTI
IMPARARE
LENTAMENTE SCRIVERE
RICOSTRUIBILITÀ
L’importante è scrivere molte parole
All’inizio, si tratta soprattutto di scrivere parecchi concetti sulle linee della
vostra mind map. Tutto quello che scriverete in questa fase è giusto e
importante, quindi date libero sfogo ai pensieri.
Disegnate piccole figure e simboli accanto alle linee
Potete anche completare la vostra mind map con dei disegnini. Questo è
utile soprattutto quando avete esaurito le idee. Basta che facciate qualche
scarabocchio sulla carta o che disegniate una piccola figura in relazione a
una delle parole chiave. La qualità del disegno non è importante. In tal modo
coinvolgerete
maggiormente
l’emisfero
cerebrale
destro
e
contemporaneamente vi rilasserete, stimolando la creatività dei vostri
ragionamenti.
Regole del mind mapping
Nel realizzare una mind map, basta seguire poche importanti regole:
• Su ogni linea scrivete una sola parola chiave.
• Scrivete in stampatello.
• Le linee devono essere tutte collegate fra loro. Ogni concetto deve
essere connesso ad un altro.
• Se alcuni dei concetti non dovessero essere connessi tra loro, create
una seconda mind map perché magari avete sconfinato in un altro
tema.
• Usate esclusivamente sostantivi, aggettivi e verbi. Tutte le altre parole
sono superflue.
A questo punto, avete raccolto parecchie parole chiave, scritte in modo
ancora disordinato su diverse linee della vostra mind map.
3 ª fase:
Ordinate le parole chiave
Che cosa dovete fare ora? Semplice: dovete fare ordine. Prendete un nuovo
foglio di carta e riscrivete al centro il tema fondamentale. Poi, disegnate
nuovamente alcune linee principali.
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération Suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Dipartimento federale dell’interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
www.bag.admin.ch/transplantation
Ambi e nt e di appr e ndi m en t o « C api r e i tr ap i an ti »
Documenti didattici
3/3
Come si realizza una mappa mentale
Nome:
Aspetti psicologici della donazione da vivente
Trovate i concetti principali per le vostre parole chiave
Scrivete i concetti principali sulle linee che si dipartono dal tema principale.
Grazie alla prima mind map, avrete le idee più chiare e sarà relativamente
semplice trovare i concetti principali.
A questo punto, potete aggiungere alle linee principali delle diramazioni e
annotare su ogni ramo una parola connessa con il concetto principale.
Otterrete così una specie di struttura ad albero sistematica dove le idee
sono suddivise per temi o concetti principali.
SCOPO
PROBLEMI
APPUNTI
GENERE
Strutturare le mind map fin dall’inizio
I passi 2 e 3 sono utili soprattutto ai principianti. I più esperti possono anche
cominciare a strutturare seguendo concetti principali. Se scrivete subito i
termini generici sulle linee principali, non dimenticate di creare un ramo per
le parole chiave che non rientrano in nessuno dei termini generici
(chiamandolo ad esempio «Varie»). Se non lo fate, rischiate di perdere idee
e associazioni preziose.
Una parola sulle parole chiave
Ogni termine chiave ha un significato particolare per ciascuno di noi. Può
accadere che a ogni parola ciascuno di noi associ un concetto
completamente diverso. È proprio per questo che le mind map realizzate da
altre persone possono non significare assolutamente nulla per noi. La 4ª
fase serve soprattutto a far sì che chi ha realizzato la mind map possa
orientarvisi anche in futuro.
SCOPO
PROBLEMI
APPUNTI
GENERE
4 ª fase:
Controllate i concetti chiave
Se volete orientarvi nella vostra mind map anche a distanza di tempo,
dovete scegliere con cura le parole chiave da usare. Tanto per cominciare,
dovete assolutamente usare parole che anche in futuro avranno per voi lo
stesso significato di oggi. Ma nello stesso tempo, non diventateci matti:
normalmente, infatti, con il passare del tempo, l’uso della lingua non cambia
tanto da impedirvi di comprendere le vostre mind map anche in futuro.
Tenete anche conto del fatto che non è necessario capire anche in futuro
tutti i minimi dettagli, perché magari si tratta di appunti non definitivi o di
abbozzi di idee.
Estendere la mind map
Se vi pare che la vostra mind map non sia ancora completa, in un secondo
momento potete aggiungervi simboli grafici e icone. Così, il vostro lavoro
risulterà ancora più chiaro e magari alla fine sembrerà una piccola opera
d’arte. Godetevi il lato divertente del mind mapping: è un po’ come giocare
con i colori come si faceva da bambini e alla fine vi compiacerete del
risultato ottenuto.
Usate frecce e altri simboli
In un secondo momento, potete anche tracciare delle frecce di collegamento
tra le linee per mettere ancor più in risalto eventuali nessi. Accanto alle
parole particolarmente importanti potete tracciare un punto esclamativo,
mentre i concetti ancora aperti possono essere contrassegnati da un punto
interrogativo.
(Versione breve delle istruzioni redatte da Ralf Senftleben, richiamabili online al
seguente indirizzo:
http://www.zeitzuleben.de/inhalte/ge/mindmapping/mmerstellen_1.html)
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération Suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Dipartimento federale dell’interno DFI
Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
www.bag.admin.ch/transplantation
Fly UP