...

Diapositiva 1 - Life HelpSoil

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Diapositiva 1 - Life HelpSoil
Agricoltura conservativa e PSR 2014-2020.
Le proposte di alcune Regioni
Chiara Carasi – Regione Lombardia
Base normativa
•
Accordo di parternariato Italia – Unione Europea
•
Regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento Europea e del Consiglio
del 17 Dicembre 2013 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo
europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento
(CE) n. 1698/2005 del Consiglio.
•
Regolamenti attuativi ed atti delegati in via di approvazione.
•
Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 di ogni Regione
Le misure PSR agro-climatico-ambientali contribuiscono al
raggiungimento delle priorità UE
PRIORITA’ 4:
Focus Area
PRIORITA’ 5:
Focus Area
preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi
4.a – Preservare e ripristinare la biodiversità
4.b – Migliorare la gestione delle acque (compresa gestione fertilizzanti,
pesticidi)
4.c – Migliorare la gestione del suolo e prevenzione erosione del suolo
uso efficiente delle risorse
5.a – Rendere più efficiente l’uso dell’acqua nell’agricoltura
5.b – rendere più efficiente l’uso dell’energia nell’agricoltura e nell’industria
alimentare
5.d – Riduzione gas effetto serra e ammoniaca
5.e – Promuovere il sequestro di carbonio (C sink)
OBIETTIVI TRASVERSALI:
l’adattamento ad essi
Innovazione,
ambiente, mitigazione dei cambiamenti climatici e
Agricoltura conservativa e PSR 2007-2013
Azione a sostegno dell’introduzione delle tecniche di agricoltura conservativa
presente nei PSR di:
•
Regione del Veneto (partecipante ad HelpSoil)
•
Regione Lombardia (partecipante ad HelpSoil)
•
Regione Sardegna
Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020.
Cosa propongono per l’agricoltura conservativa le Regioni coinvolte in HelpSoil?
Regione Piemonte
Operazione 10.1.3.3 – Minima lavorazione Semina su sodo
Semina su sodo:
la semina diretta su sodo (sod seeding), che consiste nel lavorare il terreno soltanto
• effettuare
per fasce corrispondenti alle file di semina, di larghezza massima di 10 cm e profondità
massima di 8 cm;
•
mantenere sulla superficie del terreno i residui colturali e/o le stoppie delle colture principali, in
modo da formare uno strato protettivo di materiale vegetale (mulching).
Minima lavorazione:
• divieto di lavorazione a profondità superiori a 15 cm;
•
mantenere sulla superficie del terreno i residui colturali e/o le stoppie delle colture principali, in
modo da formare uno strato protettivo di materiale vegetale (mulching).
Regione Emilia Romagna
10.1.D Agricoltura conservativa e incremento sostanza organica
Livello base di attuazione dell'operazione:
• introduzione
della non lavorazione (no till e strip till) per la coltivazione di cereali,
colture erbacee industriali e foraggere a ciclo annuale;
• lasciare i residui colturali in campo senza interramento e asportazione;
di ristoppio,
• divieto
consecutivi;
ossia il divieto di effettuare la medesima coltura per due anni
operazioni colturali devono essere registrate su schede di campo, da conservare in
• le
azienda per eventuali verifiche.
Ok uso decompattatori e/o ripuntatori ma solo in casi particolarmente sfavorevoli (ristagno
idrico, compattamento del terreno, ecc.) e previa autorizzazione;
Regione Emilia Romagna
Azioni aggiuntive volontarie:
1. Copertura vegetale per la protezione del suolo.
L'azione si attua mediante semina di specie vegetali a rapido sviluppo della vegetazione, particolarmente
in precessione alle colture primaverili estive.
delle colture di copertura deve essere effettuata su sodo;
• semina
coltura di copertura a fine ciclo non deve essere interrata;
• la
• devitalizzata della coltura di copertura da effettuare in prossimità della semina della coltura principale
successiva, mediante disseccamento o altre tecniche che non prevedano la lavorazione del terreno.
2. Distribuzione a ridotta emissione di ammoniaca di effluenti zootecnici/digestati.
distribuzione dei concimi organici fluidi, come liquami zootecnici o digestati, mediante attrezzature con
modalità a raso ovvero per iniezione nei centimetri superficiali del terreno ovvero con impianti microirrigui
a bassa pressione interrati o meno.
3. Incremento sostanza organica del suolo con distribuzione di ammendanti.
L'azione consiste nella distribuzione di sostanza organica (minimo 12,5 t/Ha ss) sotto forma di
ammendante (letame, compost, digestato compostato) antecedentemente all'applicazione delle tecniche
di agricoltura conservativa.
L'intervento di fertilizzazione deve effettuarsi prima della semina della coltura principale prevista in avvio
della conversione all'agricoltura conservativa.
PREMIO: MAX 280 Euro/ha/anno (impegni base + aggiuntivi).
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Operazione 10.1.a . Gestione conservativa dei seminativi
Impegno base:
•
Divieto di inversione degli strati del terreno con le lavorazioni. Uso di decompattatori o ripuntatori
solo se motivato da condizioni pedoclimatiche avverse; intervento e motivazioni vanno registrate e
segnalate all’autorità competente;
•
Obbligo di mantenimento sul terreno di una copertura di residui colturali superiore al 30% in
corrispondenza della semina delle colture principali e di copertura (possibili deroghe);
•
Obbligo di mantenimento di una copertura continua del terreno mediante la successione di colture
autunno-invernali, primaverili-estive ed erbai, indifferentemente se con funzioni produttive o di
copertura;
•
Obbligo dell’alternanza delle famiglie botaniche delle specie coltivate sulle superfici impegnate con
le modalità riportate nella scheda;
•
Obbligo di redazione di un piano colturale per le superfici sottoposte ad impegno che descriva le
caratteristiche pedologiche, le tecniche agronomiche e colturali adottate e la stima preventiva dei
residui; il piano colturale sarà redatto e seguito da un professionista;
•
Obbligo di registrazione delle rese e delle operazioni colturali effettuate su ogni appezzamento;
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Operazione 10.1.a . Gestione conservativa dei seminativi
Impegni aggiuntivi annuali volontari:
non lavorazioni: mantenimento sul terreno di una copertura di residui colturali superiore al 70% in
corrispondenza della semina delle colture principali e di copertura.
distribuzione di liquami: la distribuzione deve avvenire garantendo la non inversione degli strati ( es.
mediante interratori superficiali o raso terra), un ridotto calpestamento ed il rispetto dei vincoli imposti dal
DPReg n. 3/2013; sono ammessi i liquami come definiti dall’articolo 2 del medesimo decreto;
distribuzione di letami e ammendanti organici: deve avvenire garantendo la non inversione degli strati,
un ridotto calpestamento ed il rispetto del DPReg n. 3/2013; sono ammessi i letami come definiti
dall’articolo 2 del medesimo decreto e gli ammendanti organici come definiti dal D.Lgs n. 75/2010,
allegato 2.
PREMI:
Impegno base: Lavorazioni conservative Euro/ettaro/anno 290
Premi aggiuntivi:
1. Non lavorazioni Euro/ettaro/anno 40
2. Distribuzione di liquami Euro/ettaro/anno 90
3. Distribuzione di letami e ammendanti organici Euro/ettaro/anno 100
Regione Lombardia
Operazione 10.1.d Agricoltura conservativa
Impegni principali:
Intervento 1 - Introduzione di tecniche di semina diretta su sodo da agricoltura convenzionale;
Introduzione di tecniche di semina diretta su sodo da tecniche di minima lavorazione.
•
semina diretta su sodo (sod seeding), che consiste nella deposizione del seme nel terreno senza
alterarne la struttura preesistente, eccetto che per una fascia ristretta di larghezza massima di 8-10
cm in corrispondenza di ogni fila di semina. In alternativa alla semina diretta su sodo si può utilizzare
la tecnica dello “strip till”, con lavorazione del terreno per la preparazione alla semina, eseguita in
bande di dimensioni non superiori a 20 cm di larghezza, per colture con interfila superiore a 40 cm;
•
divieto di rimescolamento degli strati del profilo attivo del terreno;
•
successione colturale sulle particelle oggetto di impegno;
•
mantenimento in loco dei residui colturali e/o delle stoppie delle colture principali praticate per
avere uno strato di materiale vegetale a scopo protettivo (mulching);
•
divieto di utilizzo dei fanghi di depurazione;
•
obbligo di utilizzo del GPS per la guida satellitare di precisione, in caso di adozione della tecnica
dello “strip till”.
Regione Lombardia
Operazione 10.1.d Agricoltura conservativa
Impegni principali:
Intervento 2 - introduzione di tecniche di minima lavorazione.
•
divieto di lavorazione a profondità superiori ai 20 cm (minima lavorazione), garantendo nel
contempo almeno il 30% della superficie coperta da residui colturali;
•
divieto di rimescolamento degli strati del profilo attivo del terreno;
•
successione colturale sulle particelle oggetto di impegno, ad eccezione delle superfici investite a
risaia permanente;
•
mantenimento in loco dei residui colturali e/o delle stoppie delle colture principali praticate per
avere uno strato di materiale vegetale a scopo protettivo (mulching);
•
divieto di utilizzo dei fanghi di depurazione.
Regione Lombardia
Operazione 10.1.d Agricoltura conservativa
Impegni accessori:
realizzazione di una cover crop autunno vernina. L’impegno è così articolato:
•
seminare almeno 2 anni nell’arco del periodo di impegno, entro trenta giorni dalla raccolta della
coltura principale, una cover crop e mantenerla almeno fino a trenta giorni prima della semina della
successiva coltura;
•
non effettuare trattamenti fitosanitari e diserbanti; è consentito l’uso di disseccanti, esclusivamente
prima della semina della coltura principale successiva, per la devitalizzazione in loco a fine ciclo della
cover crop
Intervento
1 a – da convenzionale a
sodo
1 b – da minima a sodo
Impegni principali
(€/ha)
230
40
Premi attuali
Sodo 208,00 €
Sodo + cover 290,00 € (+ 82€)
Minima 190,00 €
Minima + cover 272,00 €
Iniezione diretta + 70 €
2 – da convenzionale a
minima
190
Tabella di confronto
Reg.
Tipo agricoltura
Profondità max
lavorazione (cm)
Residui
Sodo
Sodo
Si/no
Min.
PIEM
Si
Si
8
RER
Si *
No
FVG
Si
Si *
LOMB
Min.
Cover
Inter.
E.a.
Inter.
Amme
ndante
Si/no
Si/no
Si/no
Si/no
Si
nd
nd
Si
nd
Si
Si (agg)
Inv+est
Si
Si
No
nd
Si
30
Si
Si (princ)
inv
Si
Si
Si
nd
si
30
si
Si (agg)
inv
no
no
* Strip tilll assimilato a sodo
15
%
Succ.
colture
20
Tabella di confronto
Reg.
Colture ammesse
PIEM
RER
Nd
•
•
•
Cereali
Erbacee industriali
Foraggere annuali
Superficie minima di
adesione
Nd
Min. = 4 Ha
Max = 20 Ha
FVG
seminativi
25 % SAU seminativo
LOMB
seminativi
10 % SAU seminativo
Minimo 1 Ha
www.lifehelpsoil.eu
LIFE12 ENV/IT/000578
Fly UP