...

Semplicemente con un movimento circolare!

by user

on
Category: Documents
126

views

Report

Comments

Transcript

Semplicemente con un movimento circolare!
Una rivista per i clienti ifm electronic
Innovazioni per una collaborazione di successo
EDITORIALE
Settembre 2009 · Numero 3
PRODOTTI
Care lettrici e
cari lettori,
"riduzione dei
costi" è al momento la parola
magica praticamente in quasi
tutti i settori industriali. Dove viene a mancare il fatturato devono essere ridotti i costi e
questo possibilmente nel campo delle
spese per materiali. Il nostro modo per
darvi appoggio: lavoro intenso nella
ricerca e nello sviluppo e successivo
ampliamento della gamma di prodotti
al fine di ottimizzare la tecnologia di
processo e il rendimento dei vostri
processi e delle vostre applicazioni con
i nostri prodotti.
L'attuale edizione dell'i-STEP newsletter presenta alcuni prodotti e stimoli
in merito. Il tutto diventa particolarmente interessante qualora un prodotto comune come un manometro
viene da noi rielaborato in modo tale
da farvi risparmiare, con un solo dispositivo, due strumenti. Il nostro articolo relativo alle fotocellule integrate
in una pista elettrica delle macchinine
mostra come anche la tecnica possa
essere interessante e divertente.
Buona lettura!
Dr. Thomas May
Dirigente
I TEMI
Semplicemente con
un movimento
circolare!
Il primo manometro a contatto
completamente elettronico
Sono già passati oltre 150 anni da quando
il francese Eugène Bourdon costruì per la
prima volta uno strumento a lancetta per
la misurazione della pressione. Il principio
applicato ad allora viene utilizzato ancora
oggi in numerosi manometri: un tubo di
Bourdon in metallo tende ad aumentare
il proprio raggio di curvatura all'aumentare della pressione interna al tubo. Pochi
millimetri di deflessione bastano per muovere il leverismo, tramite ingranaggio, e
amplificare lo spostamento nel movimento circolare della lancetta. Il risultato:
l'utente può leggere il valore della pressione su una scala graduata.
Oggi, 150 anni dopo, il primo manometro
a contatto completamente elettronico
Semplicemente con
1 / 3 della ifm electronic è uno strumento davun movimento circolare!
vero rivoluzionario. La lancetta per l'indicazione del valore di misura è rimasta. La
Passo da gigante
2
tecnologia è invece del tutto nuova. Il manel settore dei sensori ottici 3D
nometro funziona completamente senza
Ben studiato e flessibile
2
componenti meccanici. Esso offre inoltre
come nessun altro
una serie di pratiche funzioni aggiuntive
come vengono richieste oggi nell'industria
Smascherare con affidabilità
3
di processo.
i prodotti pirata
Il manometro unisce le caratteristiche di
Con semplicità, rapidità e precisione 3
un trasmettitore di pressione di alta qualità con una precisione dello 0,2%, un
Quando un sogno diventa realtà... 4
segnale di uscita analogico (4...20 mA) e
Accesso directo scheda tecnica ifm 4
un'uscita di commutazione alla buona leg-
Quadrante con lancetta ben
leggibile, combinato con
uscita di commutazione e
analogica.
gibilità di un'indicazione analogica. Il manometro ha una struttura completamente
elettronica. Di base viene utilizzata una
membrana di misura in ceramica ad alta purezza, affermatasi già più volte nei sensori di
pressione. Un microcontroller, che genera
anche il comando del motore passo-passo
utilizzato per la lancetta, analizza il segnale
di misura. I motori passo-passo vengono
oggi utilizzati milioni di volte in automobili
e, in merito alla loro predisposizione agli
urti, sono al di sopra di ogni sospetto. Perciò per migliorare il comportamento con vibrazioni ed urti è possibile rinunciare ad un
riempimento come succede di solito nel
caso di manometri a contatto meccanici.
La scala ben leggibile è ampliata da una corona a
diodi con un LED per ogni tacca della scala graduata. Questa indica il punto di commutazione e
di disattivazione impostato. In alternativa può essere regolata come indicazione della tendenza.
Continua a pagina 3
PRODOTTI
2
Passo da gigante nei sensori ottici 3D
Rilevamento tridimensionale di oggetti
Alla fiera di Hannover, la ifm ha presentato un sensore che rileva oggetti
e scene in modo tridimensionale: il
sensore di visione pmd 3D e, come
variante, la telecamera pmd 3D. Entrambi hanno un involucro adatto
all'industria, funzionano secondo il
principio di misurazione del tempo di
propagazione della luce e hanno
un'illuminazione integrata.
Funzioni e differenze
Il sensore di visione 3D ha tre possibilità
di applicazione preimpostate: rilevamento della distanza, del livello e del volume. La parametrizzazione si esegue traL'efector pmd 3D rileva il volume di scatoloni.
mite un software facile da utilizzare. Per il
collegamento all'applicazione si può scegliere tra un'uscita analogica o due uscite
di commutazione.
A differenza, la telecamera pmd 3D offre
soluzioni per applicazioni che vanno oltre
il rilevamento dei valori di distanza, livello
o volume. L'utente ha a disposizione
3.072 valori della distanza e dei grigi. La
telecamera viene integrata in un software
di programmazione qualsiasi grazie ad un
moderno Software Development Kit. Così
la ifm electronic offre ad ogni utente la soluzione giusta per il passaggio nella terza
dimensione. (ro)
Per ulteriori informazioni sulla
telecamera 3D vedere:
www.ifm.com/it/news090902
APPLICAZIONE
Ben studiato e flessibile come nessun altro
Il lettore multicodice della ifm electronic nella tecnologia solare
In caso di luce diretta, il sole irradia
con una potenza di 1.000 watt per
metro quadrato. Ogni anno, la terra
riceve l'inimmaginabile quantità di
energia solare pari a 1,5 trilioni di
kWh – un’energia circa 15.000 volte
superiore a quella che l'umanità consuma. I pannelli fotovoltaici, venduti
dalla ditta Conergy AG, rendono utilizzabile questa energia. Una produzione sicura e ripercorribile viene
garantita dai lettori multicodice della
ifm electronic.
A Francoforte sull'Oder (Germania)
l'azienda Conergy SolarModule AG ha
costruito uno degli stabilimenti più moderni per la produzione di moduli fotovoltaici. Su una superficie totale di
35.000 m2 vengono prodotti giornalmente moduli ad alta prestazione, "Made
in Germany", controllati da 35 lettori
multicodice della ifm electronic. E questi
ultimi hanno un bel da fare: con piena
capacità produttiva, l'azienda è in grado
di produrre giornalmente circa 3.000
moduli fotovoltaici cristallini.
Prova e dimostrazione del rendimento
Sulle linee di produzione il lettore multicodice si occupa del monitoraggio della
produzione. Adattabile, rapido e affidabile, legge i codici DataMatrix sui pannelli fotovoltaici ed invia i dati alla rete
locale. Il codice, applicato all'elemento
base (vetro solare) del pannello fotovoltaico durante la prima fase del processo,
serve per la rintracciabilità di ogni singolo pannello. Così, ad esempio, è possibile rilevare o evitare errori anche a
posteriori.
Sulla pista giusta: il lettore multicodice rileva il
codice DataMatrix.
Caratteristiche di un vincitore
Coperto da nastri di produzione e superfici in vetro, il piccolo gigante è individuabile solo se si guarda bene. Nessun
problema: gli algoritmi ad alta prestazione decodificano automaticamente
codici 1D o 2D, indipendentemente
dall'orientamento e dalla quantità dei
codici. Una modalità di ottimizzazione
permette ulteriori regolazioni per poter
identificare ogni codice. Altre possibilità
di parametrizzazione garantiscono la
massima sicurezza di lettura. Il lettore
multicodice permette inoltre una trasmissione molto flessibile dei dati. L'utente
può scegliere tra l'interfaccia seriale RS232 o una Ethernet TCP/IP.
Conclusioni
Uso semplice, alta funzionalità in esercizio e in più estremamente affidabile e rapido. Con il lettore multicodice, la
produzione di Conergy viene controllata
e garantita in modo ottimale in pochi
passi. Questo è molto importante
poiché, sebbene il fotovoltaico sia in
crescita, è necessario ridurne ulteriormente i costi e aumentarne il rendimento. "Qualcuno ha avuto veramente
una buona idea durante la progettazione", dichiara soddisfatto Thomas
Schreiber, responsabile della progettazione di sistemi presso Conergy. (mf)
Per ulteriori informazioni vedere:
www.ifm.com/it/news090903
Continuazione di pagina 1
Il display a LED indica il valore di misura attuale. L'utente può scegliere tra diverse unità di
misura. Utilizzando due pulsanti ottici è possibile parametrizzare il manometro anche tramite il display alfanumerico con guida menu.
Una corona di LED nella scala visualizza
il punto di attivazione e quello di disattivazione dell'uscita del semiconduttore.
Questa può essere regolata, a scelta,
come indicazione della tendenza. I segnali di uscita e il comportamento del
sensore possono essere parametrizzati
tramite pulsanti ottici e l'indicazione LED
ulteriormente disponibile.
Il manometro è disponibile con campi di
pressione da 100 mbar a 25 bar ed è
adatto anche per applicazioni in depressione. Grazie ai materiali di qualità utilizzati, il design asettico e il grado di
protezione IP 69K, il manometro è particolarmente adatto alle applicazioni dell'industria alimentare e di processo. Provatelo
semplicemente. Dopo 150 anni è tempo
di cambiare! (abi)
Per altre informazioni vedere:
www.ifm.com/it/news090901
NOVITÀ DALLA SCIENZA E DALLA TECNICA
Smascherare i prodotti pirata
Rintracciabilità protetta da contraffazioni
L'economia e l'industria sono sempre più colpite da pirateria e contraffazioni dei prodotti originali e
marchi. Per la prima volta,
un'azienda tedesca è riuscita ad integrare la protezione da contraffazioni e la rintracciabilità di prodotti
in un unico sistema, grazie ad una
combinazione costituita da particelle piccolissime di codici-colore e
codici DataMatrix.
L'azienda 3S Simons Security Systems
GmbH ha progettato per questo SECUTAG®, un prodotto costituito da codicicolore microscopici con dimensioni di
0,008...0,09 mm i quali vengono applicati sul prodotto del cliente.
Protezione da contraffazioni con etichette
combinate per scatole pieghevoli
dall'industria farmaceutica.
Pezzo di ricambio protetto con il mini
sistema di codici-colore.
Questi codici-colore sono costituiti dai
colori base e possono essere combinati
con elementi fluorescenti, infrarossi e
magnetici. Ne derivano oltre quattro miliardi di possibilità di codifica, invisibili
all'occhio umano.
Per la rintracciabilità di prodotti si sono
affermati sistemi di codici quali codici a
barre, codici DataMatrix o RFID (cosiddetti traceability codes). Se questi codici
vengono in più combinati con SECUTAG®, i prodotti sono doppiamente protetti da un lato per i vantaggi logistici dei
diversi codici commerciali dei prodotti,
dall'altro per la protezione da contraffazioni del mini sistema di codici-colore.
Essi sono ammessi legalmente come
mezzi di prova a livello internazionale e,
a causa delle immense difficoltà tecniche
per la produzione, quasi inimitabili. (ro)
Per ulteriori informazioni su questo concetto di sicurezza vedere:
www.ifm.com/it/news090904
PRODOTTI
Con semplicità, rapidità e
precisione fin nell'ultimo angolo
Robuste fotocellule a forcella e fotocellule a barriera
angolari per varie applicazioni
Sia che si tratti di monitoraggio dei
bordi di lastre di metallo o teli di
stoffa, controllo di oggetti trasparenti sovrapposti o monitoraggio di
pezzi nella tecnica di alimentazione
e su manipolatori, le nuove barriere
fotoelettriche di ifm del tipo OPU e
OPL sono strumenti affidabili per applicazioni che richiedono un'elevata
precisione. Anche i controlli del disequilibrio su alberi vengono eseguiti con sicurezza attraverso il
sottile e costante raggio luminoso.
all'uso. Una lunga regolazione reciproca di
emettitore e ricevitore non è necessaria.
Anche la regolazione della sensibilità tramite potenziometro nonché la commutazione impulso luce/buio tramite interruttore
rotante sono semplici e non richiedono
troppo tempo. L'involucro robusto in metallo è resistente a torsioni e il sottile e preciso raggio luminoso rosso è costante per
tutta l'apertura della fotocellula a forcella.
Un altro vantaggio è dato dall'alta frequenza di commutazione. Conclusioni: un
risultato perfetto fin nell'ultimo angolo. (jl)
La barriera fotoelettrica è subito pronta
www.ifm.com/it/news090905
Robuste grazie all'involucro in zinco
pressofuso e tuttavia affidabili e precise.
3
APPLICAZIONE
4
Quando un sogno diventa realtà...
... e l'hobby diventa un esame
Su una superficie di 3,64 m2 c'è spazio per molto entusiasmo. Il ragazzi della V di
una scuola professionale tedesca scambiano 82 ore scolastiche con 11,42 m di divertimento, alternativa ed esperienza pratica. Come ai tempi dell'asilo, anche
qui le parole d'ordine sono "Divertimento a più non posso" e il principio "sperimentare - imparare - migliorare". ifm e altri promotori sostengono il progetto
della scuola Werner-von-Siemens-Schule a Wetzlar (Germania) con sensori ed accessori che risvegliano il lato bambino anche in uomini adulti. La nota corsia nera
di una pista elettrica delle macchinine viene dotata di sensori e sistema di controllo. Il difficile: le macchinine devono andare da sole, alla velocità più alta possibile, senza perdere aderenza e uscire, in curva, dalla pista.
Sul banco di prova: un modo moderno
di imparare
Riuscita o no, la giornata a porte aperte
si è trasformata nella prova cruciale con
la presentazione del risultato del progetto. Qui è stato possibile schierarsi
contro la macchinina da corsa automatizzata e "posso confermare che è davvero veloce. Nonostante i vari tentativi ho
perso tutte le gare contro di lei...", confessa Jochen Frey, Manager Chip Design
Group presso la PMDTechnologies
GmbH di Siegen (Germania) e promotore
del progetto. E per dirla alla Goethe: "La
scienza riesce a fare tanto ma la motivazione è tutto". (mf)
www.ifm.com/it/news090906
ANNOTAZIONE DI PUBBLICAZIONE
Come raggiungerci:
Lun. - Ven. ore 7.00 - 18.00
Telefono:
039/6899982
Fax:
039/6899995
E-Mail:
[email protected]
Internet:
Dirección:
www.ifm.com/it
ifm electronic srl
Centro Direzionale Colleoni
Palazzo Andromeda 2
Via Paracelso 18
20041 Agrate-Brianza (MI)
CEO:
Martin Buck, Michael Marhofer
Direzione: Bernd Busch, Horst Jeruschke,
Dr. Thomas May
Ufficio di registro: Amtsgericht Essen
Numero di registro: HR B 1887
Partita IVA: DE 119 651 782
Responsabile contenuto: Dr. Thomas May
L'esperienza è la madre della scienza
Per tutta l'aula di fisica serpeggia una pista
elettrica delle macchinine; piccoli bolidi elettrici sono sparsi sul pavimento. Solo alimentatori e schemi elettrici come indizio per
capire che non si tratta solo di un gioco. Filosofia del lasciar fare unita a progettazione,
esecuzione e analisi accurate e già la presunta manifestazione spassosa assume un
carattere pedagogico.
Voglia di giocare su piste sicure
I 16 studenti dimostrano già la loro capacità
di distinguere tra lavoro e tempo libero applicando, in questo giorno, grande professionalità, responsabilità e spirito di squadra.
SUGGERIMENTO
Accesso diretto
scheda tecnica ifm
Conoscete il numero d'ordine ifm e
volete visualizzare la scheda tecnica? Con il nostro nuovo plugin utilizzate semplicemente il campo di
ricerca del vostro browser. In modo
semplice, rapido e senza vie traverse, visualizzerete direttamente la
scheda tecnica ifm desiderata. (ag)
www.ifm.com/it/news090907
Concentrazione estrema per un risultato perfetto:
gli studenti trafficano intorno alla pista elettrica.
Per questo i futuri elettricisti non hanno
nulla da invidiare ai "grandi". All'inizio del
progetto si elabora una mind map (mappa
mentale) con idee che culminano, a loro
volta, in una dettagliata tabella di marcia.
Suddivisi in dieci gruppi, i giovani imparano inoltre l'effettiva programmazione
delle risorse umane poiché, in vista della
breve fase prima della fine della scuola, il
tempo non è denaro ma semplicemente
poco. Dalla documentazione, pianificazione e presentazione all'elaborazione di
un sistema di controllo da programma e al
montaggio di armadi elettrici fino ad arrivare al conteggio dei giri, ognuno ha
svolto un compito - con successo - in base
alle proprie capacità e ai desideri personali.
Ogni passo viene anche programmato ed
eseguito autonomamente: alimentatori,
schemi elettrici e di montaggio ma anche
circuiti stampati sono progettati dagli studenti in persona.
Nella pista in plastica sono integrate in totale 14 fotocellule ifm per il conteggio dei
giri e la rintracciabilità. A loro non sfugge
nessuna macchinina per quanto veloce.
Team i-STEP newsletter:
Andreas Biniasch (abi), Isabelle Fink (mf),
Andreas Gundelach (ag), Willi Hoffmann (hn),
Jürgen Lukas (jl), Ralf Nischkowski (ni),
Hannes Rohleder (ro), Sabrina Schuster (sr),
Thomas Strankowski (tst)
Contatto stampa Italia:
Stefano Spreafico ([email protected]),
Alessandra Mariani ([email protected])
Immagini e fonte:
ifm electronic gmbh, Essen (D) ; Conergy AG, Hamburg (D) ;
ARIADNE MedienAgentur, Karlsruhe (D)
Nononstante la verifica attenta da parte della redazione
dell’editore non ci possiamo assumere la responsabilità per
la correttezza delle pubblicazioni. È necessario osservare le
norme e disposizioni legali in vigore per l’acquisto, l’installazione e la messa in funzione di unità elettriche.
Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta in qualunque forma o elaborata, riprodotta o divulgata utilizzando sistemi elettronici senza esplicita
autorizzazione scritta dell’editore. Dalla pubblicazione non
si può dedurre se le soluzioni descritte o le denominazioni
utilizzate siano prive di diritti commerciali di marchio. Link
esterni portano a contenuti di altri fornitori. Responsabile
per questi contenuti è il rispettivo fornitore. Qualora siano
note infrazioni giuridche, questi link vengono immediatamente eliminati.
Modifiche, login e logout
Potete ricevere l’i-STEP newsletter in formato pdf o cartaceo.
Collegatevi all’indirizzo internet:
http://www.ifm.com/it/newsletter
Fly UP