...

Ragazze in guardia - Comune di Vigevano

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Ragazze in guardia - Comune di Vigevano
Ragazze in guardia
Corso di difesa personale e prevenzione al bullismo
Le aggressioni di cui sono vittime le donne affollano tristemente, con sempre maggiore intensità, le
cronache italiane, rendendo la difesa personale femminile non solo un tema di dibattito sociale, ma
anche e soprattutto una necessità vera e quanto mai attuale. E' di primaria importanza, quindi,
fornire a ogni donna la possibilità di difendere concretamente la propria incolumità, imparando
quando e come reagire, con tecniche efficaci e immediate.
Il progetto "Ragazze in guardia" è stato concepito per fornire gli strumenti necessari alla difesa
personale femminile, per contrastare molestie, aggressioni e atti di bullismo.
Per quanto riguarda la manifestazione degli atti di bullismo, si può affermare che la scuola è senza
dubbio il luogo in cui questi si manifestano con maggiore frequenza, soprattutto durante l'intervallo
e nel tragitto casa-scuola. Le vittime sono solitamente soggetti più ansiosi e insicuri, spesso cauti,
sensibili e calmi; se attaccati, reagiscono chiudendosi in se stessi; molto spesso soffrono di scarsa
autostima e hanno un'opinione negativa di sé. Tali conseguenze sono sempre a svantaggio della
vittima perché non possiede le abilità per affrontare la situazione o, se le possiede, le padroneggia in
maniera inefficace.
Il progetto "Ragazze in guardia" tende, quindi, a valorizzare, potenziare e promuovere conoscenze,
competenze e abilità personali delle ragazze frequentanti gli istituti secondari di secondo grado.
In questa prospettiva gli interventi di prevenzione del bullismo implicano la promozione di life
skills, ovvero di capacità adattive e positive e il potenziamento di fattori di protezione con
riferimento alle competenze individuali quali, appunto, lo sviluppo di un buon livello di autostima,
la riduzione dell’ansia e della rabbia, un maggior controllo e la capacità di assumere uno stile
comunicativo e comportamentale assertivi.
Il percorso di miglioramento che conduce al comportamento assertivo è costituito da varie fasi di
acquisizione, che riguardano:
•
migliore conoscenza di sè e osservazione dei propri comportamenti manifesti e nascosti;
•
costruzione di una buona immagine di sé, superando paure e inibizioni sociali;
•
apprendimento di una comunicazione sicura ed efficace, potenziando le proprie capacità
interpersonali;
•
realizzazione di un comportamento equilibrato e costruttivo, che non sia connotato da
passività o aggressività e che sia frutto di scelte responsabili.
Tramite 8 lezioni teorico-pratiche le allieve impareranno, quindi, a rendere più funzionale la
relazione tra il piano delle emozioni, quello dei pensieri e quello delle azioni, per prevenire e
fronteggiare un aggressore nel modo più utile.
Le tecniche di difesa impiegate nel corso sono estrapolate dal Jeet Kune Do e dal Krav Maga, due
sistemi di combattimento utilizzati a livello internazionale da molti anni, conosciuti e stimati per la
loro indiscussa efficacia e praticità in ambito sia civile sia militare.
Il percorso didattico prevede:
•
l'apprendimento della posizione di guardia più efficace;
•
gli spostamenti e il mantenimento della distanza di sicurezza;
•
parate e schivate;
•
tecniche di liberazione da prese ai polsi e al tronco;
•
tecniche antistrangolamento contro attacchi frontali, laterali e posteriori;
•
difesa da aggressioni al suolo;
•
colpi di mano, colpi di gomito, ginocchio e calci.
I professionisti coinvolti nel Progetto saranno il Maestro Andrea Cataudo, creatore e fondatore
dell'arte Jeet Sayzen; insegnante qualificato in molteplici arti marziali e sport da combattimento;
responsabile regionale della Lombardia per la formazione difesa Krav Maga e la Dott.ssa Katia
Cividini, Psicologa, iscritta all'Ordine degli Psicologi della Lombardia n° 03/14550.
Fly UP