...

Alessio Pagan - Home Page Azienda ULSS 21

by user

on
Category: Documents
61

views

Report

Comments

Transcript

Alessio Pagan - Home Page Azienda ULSS 21
REGIONE VENETO
AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE N.9 – OSPEDALE DI TREVISO
DIPARTIMENTO MATERNO – INFANTILE
STRUTTURA COMPLESSA DI GINECOLOGIA ED OSTETRICIA
Direttore: Dr. Giuseppe Dal Pozzo
SCREENING DI II° LIVELLO
DEL CERVICOCARCINOMA
e patologie del Tratto Basso Genitale
Legnago 31/3/2012
REGIONE VENETO
AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE N.9 – OSPEDALE DI TREVISO
DIPARTIMENTO MATERNO – INFANTILE
STRUTTURA COMPLESSA DI GINECOLOGIA ED OSTETRICIA
Direttore: Dr. Giuseppe Dal Pozzo
I QUADRI COLPOSCOPICI
NORMALI
Dr Alessio Pagan
Unità Operativa Semplice di Patologia cervico-vaginale
Ospedale regionale di TREVISO
Classificazione colposcopica internazionale
BARCELLONA 2002
QUADRI COLPOSCOPICI NORMALI
A. EPITELIO SQUAMOSO ORIGINARIO
B. EPITELIO COLONNARE (CILINDRICO)
C. ZONA DI TRASFORMAZIONE NORMALE
Classificazione colposcopica IFCPC
RIO 2011
EMBRIOLOGIA
GONADE INDIFFERENZIATA (40° giorno)
Geneticamente XY
Geneticamente XX
Presenza fattore inibente
mulleriano (VI sett)
Assenza fattore inibente
mulleriano (VI sett)
Regressione dotti mulleriani
(paramesonefrici)
Sviluppo dotti mulleriani
(paramesonefrici)
Presenza del testosterone
Assenza del testosterone
Sviluppo dotti di Wolf
(Mesonefrici)
Regressione dotti di Wolf
(Mesonefrici)
Immagine tratta da: Patologia della vagina (Costa, Preti, Mariani, Terzano, Rivasi)
EMBRIOLOGIA
• VIII sett fusione dei dotti di muller nel tratto distale e raggiungimento
del seno uro-genitale
• X-XII a settimana si forma la placca vaginale che inizia a cavitarsi
• XIII a settimana si forma il canale vaginale completo.
• La vagina perciò fino al 3° mese è costituita da un epitelio di origine
mulleriana che è un epitelio GHIANDOLARE.
• Dal 4° mese in poi l’epitelio ghiandolare della vagina viene sostituito da
un epitelio cubiodale (che sarà poi l’epitelio pluristratificatp) che origina
dal seno urogenitale che quindi risale a ricoprire tutta la vagina fino al
collo uterino
• Tale processo si conclude intorno all’8° mese di vita intrauterina quando
in pratica i due epiteli (ghiandolare di origine mulleriana e cubiodale di
origine uro-genitale) raggiungeranno circa l’OUE.
Immagine tratta da: Patologia della vagina (Costa, Preti, Mariani, Terzano, Rivasi)
PORTIO NORMALE
Definiamo portio normale quella cervice in cui
colposcopicamente ritroviamo
- l’epitelio squamoso originario
- l’epitelio ghiandolare endocervicale
- la giunzione squamo-colonnare a livello
dell’OUE
Epitelio squamoso originario
• Epitelio roseo che riveste
l’esocervice fino all’OUE
• Impallidisce all’acido acetico
• Riscontro di vasi regolari.
• Iodiopositivo
Epitelio squamoso originario
Epitelio squamoso originario
Epitelio ghiandolare (cilindrico)
• Mucosa di colore rosso non sempre
regolare
• Test all’acido acetico assume tipica
struttura ad acini d’uva
• Talvolta rivestita da muco
• Iodionegativo
Epitelio cilindrico (acido acetico)
Giunzione squamo-colonnare
• E’ la linea di passaggio fra l’epitelio
squamoso e quello ghiandolare ed è
di facile identificazione se non c’è
l’epitelio metaplasico.
• Non sempre si trova a livello
dell’OUE
ECTOPIA
• DEFINIZIONE: Presenza di epitelio ghiandolare
sull’esocervice oltre i suoi normali limiti cioè
l’OUE.
• Epitelio fragile e sanguinante al tocco
• Presenza di muco
• Riscontro di papille ghiandolari
• Iodio – negatività
• E’ molto frequente ma raramente è il solo
riscontro colposcopico
ECTOPIA
detersione fisiologica
ECTOPIA
acido acetico
ECTOPIA
Lugol
Ectopia o Ectropion?
Zona di Trasformazione normale
Rappresenta il tentativo dell’epitelio
pluristratificato di ricoprire l’epitelio
colonnare presente sull’esocervice
oltre quelli che sarebbero i confini
corretti (cioè l’OUE).
Zona di Trasformazione normale
2 teorie principali
1)SOSITUZIONE DIRETTA (Meyer): L’ectopia
guarisce per proliferazione dell’epitelio
pavimentoso dalla periferia al centro: lingue
epiteliali che partendo dalla giunzione squamocolonnare progrediscono verso l’OUE.
2)PER TRASFORMAZIONE: La sostituzione
dell’epitelio cilindrico si realizza per la presenza
delle cellule subcilindriche di riserva, perciò una
sorta di guarigione della ectopia dal sotto al sopra.
Zona di Trasformazione normale
dal punto di vista colposcopico
Si riconoscono almeno 3 fasi della zona di trasformazione
normale
1) NTZ INIZIALE: Comparsa dai bordi dalla giunzione
squamocilindrica verso l’OUE di lingue di epitelio
pavimentoso sottile e trasparente.
2) NTZ AVANZATA:Comparsa di isole centrali metaplastiche e
graduale maturazione e differenziazione dell’epitelio
neoformato. Presenza di isole di Ectopia e Cisti da
ritenzione.
3) NTZ TERMINALE: L’epitelio cilindrico è completamente
sostituito da quello metaplasico. L’aspetto è uguale al
nativo ma un po’ più pallido, talora con piccoli orifizi
ghiandolari.
Zona di Trasformazione dal punto di
vista Topografico
• Tipo
1 Zona di trasformazione totalmente
esocervicale e visibile di varia estensione
• Tipo 2 Zona di trasformazione in parte
esocervicale ed in parte endocervicale con GSC
visibile endocervicale.
• Tipo 3 Zona di trasformazione prevalentemente
endocervicale con eventualmente minima parte
sull’esocervice. GSC NON visibile.
NTZ - Iniziale
NTZ Iniziale
NTZ - Avanzata
NTZ - Avanzata
NTZ - Avanzata
NTZ - Terminale
NTZ - Terminale
Epitelio
squamoso
originale
Esocervice
Zona di Trasformazione
Epitelio
Ghiandolare
Metaplasia Squamosa
Giunzione
Squamocolonnare originale
Nuova giunzione
squamocolonnare
Endocervice
Diagramma
Zona di Trasformazione
Sbocco ghiandolare
più distante
Zona di Trasformazione
GSC
{
Epitelio
ghiandolare
Zona di Trasformazione Normale
Conseguenza della metaplasia
•
•
•
•
•
Isole di Ectopia
Sbocchi ghiandolari
Cisti di Naboth
Ectasie
Grovigli Vascolari
ISOLE di Ectopia
Sbocchi ghiandolari
Cisti di Naboth
Ectasie e grovigli vascolari
Modificazioni fisiologiche della portio
MENOPAUSA
• La giunzione squamo-cilindrica NON è più visibile
perche è risalita all’interno del canale cervicale.
• La mucosa dell’esocervice non è più così rosea
come in età fertile ma risulta pallida anche se
generalmente uniforme e liscia.
• I vasi talvolta sono più riconoscibili appena al di
sotto dell’epitelio.
• La mucosa dell’esocervice è più fragile tanto che
all’applicazione della soluzione fisiologica o
dell’acido acetico si possono spesso riscontrare
petecchie da atrofia.
• Ovviamente all’applicazione del Lugol risulta
iodio negativa o iodio debole.
Menopausa
Menopausa
Gravidanza
• L’edema e la congestione conferisce alla portio un aspetto
livido
• Marcata ritenzione di liquidi conferisce una consistenza
succulenta e soffice
• Aumentata fragilità e tendenza al sanguinamento con
riscontro di zone erose e aumento della rete vascolare
• Ectopia o meglio eversione della mucosa endocervicale
• Decidualizzazione che è un fenomeno legato all’aumento
del progesterone per cui le cellule istologicamente
diventano più grandi e chiare e che colposcopicamente
corrisponde ad isole di tessuto biancastro.
• L’effetto dell’acido acetico è più pronunciato perciò si
tende a sovrastimare le lesioni colposcopiche o peggio a
considerare patologici quadri benigni.
Gravidanza
Gravidanza
GRAZIE PER
L’ATTENZIONE
Fly UP