...

Effetti del Fallimento sui contratti in corso L`art. 78 l.f. disciplina le

by user

on
Category: Documents
26

views

Report

Comments

Transcript

Effetti del Fallimento sui contratti in corso L`art. 78 l.f. disciplina le
Effetti del Fallimento sui contratti in corso
L’art. 78 l.f. disciplina le “sorti” dei contratti di conto corrente, mandato e commissione in caso di
fallimento di una delle parti.
In ordine al contratto di conto corrente il legislatore non lascia adito a dubbi, posto che leggiamo che “i
contratti di conto corrente, anche bancario, e di commissione si sciolgono per il fallimento di una delle
parti” e ciò sulla base di una valutazione ex lege di incompatibilità con la struttura e le finalità della
procedura concorsuale.
La funzione civilistica del conto corrente, ossia la compensazione dei rapporti di debito e credito tra le
parti, è incompatibile con il fallimento, in quanto si determinerebbe la violazione dell’art. 56 l.f. che
ammette la compensazione unicamente per i crediti contrapposti preesistenti il fallimento. Per di più,
nell’impossibilità di disporre del proprio patrimonio, al fallito è preclusa la facoltà di effettuare una
rimessa in conto corrente, né tantomeno tale facoltà è riconducibile in capo al contraente in bonis, in
quanto si determinerebbe in capo al fallito un indebito finanziamento (D’Aquino, Commentario, 2007).
In conseguenza dello scioglimento del contratto, la banca deve provvedere al saldo del conto alla data
della sentenza di fallimento, procedendo, poi, a versare al curatore le somme giacenti alla data della
pubblicazione della sentenza stessa.
Le operazioni disposte dal fallito successivamente alla dichiarazione di fallimento sono inefficaci e tali
sono anche quelle pervenute alla banca e da questa annotate nell’inconsapevolezza del sopravvenuto
fallimento del correntista.
Allo stesso modo non possono essere eseguiti accrediti di bonifici da parte di terzi a favore del
correntista fallito che vanno trasferiti al curatore (Arato, Dir. Fall., 2006; cfr. Cass. Civ. n. 3519/2000).
In ordine al contratto di mandato l’art. 78 l.f. prosegue prevedendo la facoltà di prosecuzione del
contratto di mandato in caso di fallimento del mandante, di conseguenza l’applicazione della disciplina
generale prevista dall’art. 72 l.f., dunque il contratto resterà sospeso fin quando il curatore non opererà
la scelta tra il subentro o lo scioglimento.
Allo scopo di porre fine a tali stati di incertezza, l’art. 72 l.f. dà la possibilità al contraente di mettere in
mora il curatore facendogli assegnare dal Giudice Delegato un termine non superiore a sessanta giorni,
decorso il quale il contratto si intende sciolto.
Fly UP